I migliori monitor da gaming da 24 pollici 2017

La scelta del miglior monitor da gaming da 24 pollici è sempre più difficile ogni anno, dal momento che i produttori stanno migrando lentamente verso la produzione di schermi più grandi con risoluzioni più elevate, significando che le persone che preferiscono un monitor da 24 pollici possono sentirsi lasciati fuori. Nonostante questo, finora, ci sono ancora molti monitor da 24 pollici con tutte delle più recenti tecnologie disponibili per un’esperienza di gioco straordinaria, in grado di soddisfare anche gli utenti più esigenti.

Alcune funzionalità da tenere d’occhio sono la frequenza di aggiornamento (da 75 Hz a 240 Hz), il tipo di pannello (può essere TN, IPS, VA, PLS o AHVA – idealmente un pannello TN è la scelta perfetta per il gioco), l’implementazione della tecnologia G-Sync o della tecnologia FreeSync (che sono interconnessi con una frequenza alta di aggiornamento), un tempo di risposta basso, l’input lag ridotto (quanto tempo richiede il monitor di visualizzare i fotogrammi/frame rate inviati dalla scheda grafica) e la risoluzione (ovviamente, una risoluzione più alta è sempre migliore, ma se volete approfittare di alcuni delle caratteristiche di cui sopra, potrebbe essere necessario acquistare più di una scheda grafica di fascia alta per essere in grado di mantenere tutte le impostazioni in alto o ultra alla risoluzione 2k o 4k e anche in alcuni casi potrebbe non essere sufficiente.
 

Acer Predator XB241H

ASUS ROG Swift PG248Q

Samsung C24FG70

I migliori monitor da gaming utilizzano indubbiamente un pannello TN (Twisted Nematic), che fornirà la maggior parte delle funzionalità specifiche al gioco a un prezzo ragionevole, ma ci sono alcuni difetti che possono influenzare l’esperienza di visualizzazione: i colori non sono precisi, gli angoli di visualizzazione non sono buoni (per avere un’esperienza di visualizzazione coerente, è necessario mantenere il monitor al livello degli occhi, altrimenti l’immagine scurirà o alleggerirà), l’illuminazione di retro può essere irregolare e si può notare qualche sfocatura del movimento (motion blur).

Naturalmente, un pannello IPS risolve la precisione del colore e l’angolo di visualizzazione, ma il compromesso è che otterrete un tempo di risposta e l’input lag più elevati (che è indesiderato con i giochi FPS), nonché una frequenza di aggiornamento inferiore (ci sono monitor IPS con la frequenza di aggiornamento alta che potrebbero fornire un’esperienza di gioco fluida, ma sono molto costosi).

Una risoluzione alta può migliorare l’esperienza utente, ma dovrebbe un monitor da 24 pollici superare il 1080p? In un certo senso, sì, poiché le immagini diventano più nitide grazie alla densità di pixel più elevata ed i pochi problemi che possono sorgere sono il prezzo aumentato dell’hardware necessario per eseguire un gioco a 1440p o 4k e sarà più difficile mantenere 100+ frame rate (fotogrammi) ad una frequenza di aggiornamento elevata anche con una GPU potente (se pensate di usare la risoluzione da 1080p su un monitor 1440p, il monitor soffrirà di artefatti grafici poiché 1440 non è un multiplo di 1080). Quindi, mi concentrerò verso i migliori monitor da 24 pollici presenti sul mercato (inclusi alcuni modelli a prezzi accessibili), soprattutto con una risoluzione di 1080p e che includono il maggior numero di funzionalità per il gaming possibile.

 

 

1. Acer Predator XB241H

acer

amazon

L’Acer XB241H è uno dei migliori monitor da gaming da 24 pollici presenti sul mercato per più di un paio di motivi: innanzitutto, il monitor dispone di tecnologia G-Sync, che aiuta molto con lo screen tearing (strappo dello schermo), soprattutto quando giocate ad una frequenza di aggiornamento più alta, che ci porta al secondo punto: l’XB241H ha una frequenza di aggiornamento di 180Hz. Il monitor ha un pannello TN e anche se è uno dei migliori sul mercato, è ancora dietro uno schermo IPS ben costruito.

Detto questo, la linea Predator di Acer è l’equivalente alla serie popolare ROG (Republic of Gamers) di Asus e, allo stesso modo, non si riferisce solo ai monitor, ma include tutto ciò che riguarda il gaming (computer portatili, desktop, proiettori, auricolari e mouse). Tenendo conto del fatto che il pubblico mirato sono gli appassionati di gioco, Acer non ha fatto alcun compromesso quando ha costruito l’Acer Predator XB241H, quindi vediamo ciò che la riserva un punto di primo piano in questa lista.

acer

Allo stesso modo di altri monitor da gaming, il design di Acer Predator XB241H è destinato ad ispirare aggressività utilizzando linee tagliente ed una combinazione tra rosso e nero (che è diventata una sorta di firma per il hardware correlato al gioco). Quindi, il corpo principale dell’XB241H ha una forma rettangolare, coperta da una finitura opaca nera e con un piccolo logo Predator posto sulla parte inferiore del monitor. Mentre i monitor più moderni hanno ridotto notevolmente le dimensioni delle cornici, l’Acer XB241H è andato per un aspetto più conservatore e robusto, per cui le cornici sono un po’ più spesse del monitor usuale della stessa fascia di prezzo.
Info: Il monitor dispone di altoparlanti integrati da 2 x 2W che possono offrire un’esperienza audio decente.

La parte posteriore dell’XB241H è coperta da canali longitudinali stretti e, al centro, c’è una grande sezione sporgente in plastica (per accogliere l’hardware interno) che aiuta a mantenere l’aspetto robusto del monitor. Uno degli elementi più importanti dell’XB241H è il supporto solidamente costruito, che viene fissato sulla parte posteriore del monitor e offre una grande varietà di regolazioni: è regolabile in altezza fino a 15 centimetri, ha un angolo di rotazione di 30 gradi, angolo di inclinazione tra -5 e 35 gradi e ruota fino a 90 gradi. La base dello stand ha un design a forma di v, con due estremità di punta coperte da accenti rossi (in verità, lo stand è la parte del monitor che effettivamente dà l’aspetto aggressivo) e si rende conto che tutti i pezzi del piedistallo si può semplicemente cliccare sul posteriore del monitor e lo stand si può rimuovere facilmente (la parte inferiore deve essere fissata con la vite non rimovibile). Poiché il corpo principale dello stand è molto spesso, la parte superiore può essere usata per mettere le cuffie.

acer

La cornice inferiore presenta sei pulsanti posizionati sul lato destro, che vengono utilizzati per accedere all’OSD (menu): dalla destra si trova il pulsante di accensione con il LED (l’indicatore ambra indica la modalità Stand-By / Power Saving, mentre blu indica che il monitor è acceso), il primo tasto Funzione (fate clic una volta per visualizzare la pagina principale e fate nuovamente clic per entrare nel Menu Funzioni), il secondo tasto Funzione / Ingresso (premete una volta per visualizzare la pagina principale e premete due volte per selezionare l’ingresso), il tasto Volume / Invio (premete due volte per regolare il Volume e, se premuto quando il Menu Funzioni è attivo, immetterà una selezione dall’OSD), il tasto Overdrive / Uscita (utilizzato per impostare l’Overdrive in modalità Normale o Estrema e, quando il menu OSD è attivo, si esce da qualsiasi selezione) e il tasto per la modalità Gioco / Scenario. Ritornando sul lato posteriore, sotto la piccola sezione rettangolare e a sinistra, è possibile trovare un interruttore di accensione / spegnimento, insieme alla porta per l’alimentazione e, a destra, c’è una porta HDMI, una porta DisplayPort (v1.2) e una presa per le cuffie da 2,5 mm (non sto mentendo che mi aspettavo più porte da un monitor premium).

acer

La parte centrale di ogni monitor è ovviamente lo schermo e l’Acer Predator XB241H è dotato di un display a LED TN (Twisted Nematic Film) senza flicker da 24 pollici, con una risoluzione di 1920 x 1080 pixel, il rapporto d’aspetto di 16:9, 16,7 milioni di colori e la densità di pixel di 92 ppi. Sebbene non sia un pannello IPS, l’XB241H utilizza un pannello TN a 8 bit che può fornire accuratezza del colore da vicino a un IPS medio e un contrasto eccellente (anche se una profondità di colore a 10 bit che può produrre una circa 1,07 miliardi di colori potrebbe essere la scelta più audace).

Allo stesso tempo, il display soffre a causa degli angoli di visualizzazione deboli, che non sono vicini a ciò che un buon IPS può offrire (e, per evitare l’inevitabile spostamento del colore, è necessario mantenere il monitor a livello degli occhi). Se avete posizionato la scrivania in modo che la luce del sole va direttamente sul monitor, Acer ha aggiunto un rivestimento opaco antiriflesso sul display, e così l’immagine rimane visibile (la luminosità massima è di 350 nit). Ma anche se l’Acer Predator XB241H è in grado di produrre immagini eccellenti, in realtà è stato costruito per soddisfare le esigenze dei giocatori e meno per essere uno strumento adeguato per le persone che vogliono fare la modifica delle foto.

acer

Quindi una delle caratteristiche fondamentali del XB241H è la frequenza di aggiornamento elevata, che può salire fino a 144 Hz (standard) o 180 Hz, sovrascrivendo le impostazioni del monitor. Ciò da sola migliorerà lo screen tearing (la strappatura dello schermo) che avviene comunemente con una frequenza di aggiornamento bassa, come il 60 Hz (in questo caso, la scheda grafica spingerà i frame immediatamente dopo essere state rese senza tenere conto se il monitor è pronto per il nuovo frame e se ha finito il suo aggiornamento). Quindi, con una frequenza di aggiornamento maggiore, il momento di notare lo screen tearing è meno. Ci sono alcune tecnologie “più fondamentali” per aiutare con lo screen tearing, come il VSYNC, ma questo influirà l’input lag.

Per risolvere entrambi questi problemi, Acer ha incluso la tecnologia G-Sync, che ha il ruolo di sincronizzare la frequenza di frame del gioco alla frequenza di aggiornamento del monitor, eliminando così ogni eventuale screen tearing e mantenendo l’input lag al livello più basso possibile (è per questo i frame più alti provocheranno un’esperienza di gioco migliore). Come sapete, G-Sync può essere utilizzato solo con le schede video nVidia e, se il monitor utilizza la tecnologia FreeSync (un’alternativa alla tecnologia G-Sync), è necessario utilizzare una GPU AMD per sfruttare tutti i suoi vantaggi. Oltre alla G-Sync, l’XB241H utilizza anche la tecnologia ULMB (Ultra Low Motion Blur) per ridurre l’effetto della sfocatura del movimento (motion blur), ma purtroppo non può essere attivato contemporaneamente a G-Sync. Inoltre, il monitor è anche pronto per il 3D, significando che se acquistate il kit nVidia 3D Vision 2 (utilizza la tecnologia nVidia 3D Lightboost) è possibile giocare in 3D.
In termini di consumo energetico, l’XB241H consuma circa 28 W in modalità di funzionamento normale, mentre se in stand-by non consumerà più di 500 mW.

 

 

2. ASUS ROG Swift PG248Q

asus

amazon

Similmente al Predator XB241H di Acer, l’Asus PG248Q è anche uno dei migliori monitor da gaming da 24 pollici disponibili sul mercato, con la tecnologia altamente apprezzata G-Sync (che aiuta molto con il screen tearing e rappresenta un’aggiunta degna di nota a tutti i proprietari di una GPU nVidia), una frequenza di aggiornamento fino a 180Hz (come impostazione predefinita, è pari a 144Hz) e tempi di risposta di 1 ms, che lo rende ideale per il gioco competitivo, dove un monitor veloce e sensibile può fare una grande differenza.

Anche dopo il suo straordinario successo con il VG248QE (diventato un classico e ancora venduto in tutto il mondo), Asus rimane uno dei leader mondiali dei monitor, dei computer portatili e dei router, e la sua serie ROG Swift ha guadagnato molta popolarità negli anni. Ci sono sempre aspettative elevate con qualsiasi dispositivo rilasciato dalla serie ROG, quindi vediamo cosa rende l’ASUS PG248Q uno dei migliori monitor da gaming in questa lista.

asus

L’ASUS ROG Swift PG248Q condivide lo stesso aspetto del suo fratello MG248Q (che utilizza la tecnologia FreeSync Adattiva) e il più grande PG27AQ, che ha un design sorprendentemente pulito e quasi minimalista, se visto dal davanti ma ancora mantiene alcuni elementi caratteristici di un monitor da gaming: come gli accenti rossi e gli angoli taglienti. Ritengo che alcuni produttori esagerano un po’ quando progettano i dispositivi correlati ai giochi e talvolta finiscono con qualcosa che solo gli appassionati lo possono compre, mentre spaventando alcuni altri potenziali clienti (Asus è anche colpevole di questo con il PG258Q).

Sembra che questa volta, Asus è riuscito a costruire un dispositivo ragionevolmente bilanciato, avendo il display circondato da una cornice di piccole dimensioni (i produttori si stanno muovendo verso i bordi più sottili), mentre solo il supporto assume il ruolo di ricordare che state davanti ad un monitor da gaming, accendendo un cerchio rosso sulla base (LED), quando il dispositivo è acceso.

asus

Il corpo del monitor è completamente rivestito da una finitura opaca nera (non mantiene le impronte digitali), mentre la parte posteriore ha alcuni angoli acuti e un design complessivamente più aggressivo. La grande maggioranza dei monitor (da gaming o normali) dispongono di due sezioni principali: una parte sottile che tiene lo schermo e un pezzo più grosso che contiene un po’ di hardware interno, le porte e le connessioni. La zona posteriore del PG248Q integra armoniosamente entrambi questi lati (che rende il dispositivo un po’ più ampio rispetto ai suoi concorrenti).
Info: Il PG248Q non dispone di altoparlanti incorporati (una grave omissione, considerando il prezzo del monitor).

Il PG248Q è dotato di un piedistallo robusto, dotato di una zona ritagliata per la gestione dei cavi e consente una vasta gamma di regolazioni: è regolabile in altezza fino a 12 centimetri, consente di inclinare il monitor tra -5 e 20 gradi, un perno tra -60 e 60 gradi e consente una rotazione tra 0 e 90 gradi. Il monitor verrà con lo stand già apposto nella scatola, ma il meccanismo è abbastanza simile a quello di Acer XB241H (basta cliccare sul posto). Inoltre, poiché il braccio dello stand è molto spesso, può essere usato per mettere un paio di cuffie.

asus

Sulla cornice sinistra, ci sono 5 luci a LED che hanno i propri pulsanti posizionati sul lato posteriore per un accesso facile al menu OSD (per fortuna, non ha replicato i pulsanti capacitivi del Dell U2515H): dall’alto, il primo pulsante apre il menu OSD, indica l’oggetto di menu e diminuisce o aumenta i valori o sposta la selezione da sinistra a destra o da alto a basso; il secondo pulsante (X) esce dal menu OSD; il pulsante GamePlus (consente di scegliere tra quattro sovrapposizioni di crosshair differenti, visualizza un timer sullo schermo, il contatore live per i FPS e vi permette di allineare perfettamente monitor multipli); il tasto GameVisual (dove potete scegliere tra la modalità Scenario, Corse, Cinema, RTS / RPG, FPS o sRGB); il pulsante di Accensione / Spegnimento (il LED Power può essere bianco quando l’unità è accesa, ambra lampeggiante quando si passa in modalità stand-by, rossa quando G-Sync è attivo, verde, per il 3D e giallo quando l’ULMB è abilitato). Sul retro c’è a una porta DC-IN, una presa per le cuffie da 3,5 mm, una porta DisplayPort, una porta HDMI, una porta USB 3.0 upstream, due porte USB 3.0 downstream e uno slot di blocco Kensington.

La parte più importante di ogni monitor è ovviamente lo schermo e Asus ha dotato il PG248Q con un display TN (Twisted Nematic Film) a 24 pollici Senza Flicker e Antiriflesso, che presenta un rapporto di formato 16:9, una risoluzione di 1920×1080 pixel, 16,7 milioni di colori, il rapporto di contrasto da 1000:1 e la densità di pixel di 91 ppi. Anche se non utilizza la tecnologia IPS, il monitor ha un pannello TN a 8 bit che ha il vantaggio di visualizzare più colori con livelli alti di contrasto (in particolare dopo la calibrazione).

asus

Anche così, un monitor IPS sarà sempre meglio per riprodurre i colori accurati e, anche se il PG248Q è pubblicizzato ad avere buone angolazioni di visualizzazione (170 ° (A) / 160 ° (V)), continuerà a subire lo stesso spostamento di colore se viene visualizzato dal lato (inoltre, è consigliabile utilizzare un profilo ICC poiché i colori del PG248Q non sono accurrati usando il profilo predefinito). Se il monitor è posizionato direttamente sotto la luce del sole, lo schermo rimane visibile grazie al suo rivestimento antiriflesso e per i suoi livelli di luminosità fino a 350 nit. Così, il display dell’ASUS ROG Swift PG248Q è ragionevolmente buono, ma non a livello di IPS. La vera forza di questo monitor è nella sua capacità di offrire un’esperienza ottima per i giocatori competitivi e professionali sfruttando alcuni delle ultime tecnologie disponibile.

Una delle sue caratteristiche più importanti è l’alta frequenza di aggiornamento che può raggiungere fino a 144 Hz (l’impostazione predefinita), ma, se sovrascriverete le impostazioni, andrà fino a 188 Hz. Ciò garantirà un’esperienza di gaming molto veloce e anche se utilizzato senza alcuna tecnologia di sincronizzazione adattativa (come FreeSync o G-Sync), potete notare una riduzione dello screen tearing. Ciononostante, alcuni giocatori competitivi potrebbero ancora lamentarsi di questo fenomeno e quando il VSync non è sufficiente (l’Adaptive VSync ha la cattiva abitudine di aumentare l’input lag), il PG248Q salverà la giornata usando la tecnologia G-Sync, che funzionerà solo con le schede video nVidia). Fortunatamente, la tecnologia G-Sync rimuove lo screen tearing e manterrà l’input lag al livello più basso possibile sincronizzando perfettamente la frequenza di aggiornamento del display alla frequenza di frame della GPU (questo assicura una delle migliori esperienze di gioco che si potrebbe sperare).

rog

Oltre alla G-Sync, l’Asus PG248Q sfrutta anche l’Ultra Low Motion Blur (ULMB), associato al tempo di risposta ridotto (1ms GtG), riduce notevolmente l’effetto di ghosting (funzionerà con una frequenza di aggiornamento fino a 120Hz e non funziona allo stesso tempo con G-Sync). Inoltre, il PG248Q è compatibile con il kit NVIDIA 3D Vision 2, che, insieme alla tecnologia NVIDIA® 3D LightBoost, permetterà ai suoi utenti di sperimentare il gioco 3D senza aumentare il consumo energetico. In termini di consumo di energia, il PG248Q avrà bisogno di quasi 30 W in modalità di funzionamento normale e 0.5 W in stand-by (il consumo massimo di potenza può arrivare fino a 65 W).

 

 

3. Samsung C24FG70

samsung

amazon

Samsung ha cercato per un bel po’ di tempo di sviluppare un migliore pannello per i suoi monitor (superiore al pannello TN tradizionale, ma adatto per lo gaming), pur mantenendo alcuni degli elementi che rendono un pannello IPS il migliore della sua categoria per la riproduzione del colore e sembra che il C24FG70 sia quello che Samsung stava puntando, tutto questo tempo. Così, il C24FG70 ha una frequenza di aggiornamento di 144 Hz, un tempo di risposta di 1 ms, un sorprendente rapporto di contrasto di 3000: 1, sfrutta la tecnologia FreeSync di AMD, ha uno schermo curvo e un’eccellente riproduzione del colore.

Per realizzare tutto questo, Samsung ha portato la tecnologia Quantum Dot per migliorare la visualizzazione del monitor da gaming (questa tecnologia è già implementata ampiamente in nuovi televisori per una migliore qualità dell’immagine). In questo modo, Samsung è riuscito a creare un ponte tra i pannelli veloci TN che mancano in termini di precisione di colore (l’opzione preferita dai giocatori) ed il pannello più lento IPS, ma con colori accurati (che è l’opzione preferita per gli editori di video e foto). Naturalmente, il Samsung C24FG70 non è un monitor perfetto, ma contiene alcune tecnologie interessanti, rendendolo una grande scelta per le persone che preferiscono i giochi competitivi e non vogliono compromettere la qualità dell’immagine del display.

samsung

Dal punto di vista del design, quasi ogni elemento del C24FG70 sfida il modello tradizionale adottato da quasi tutti i monitor da gaming dal mercato. Innanzitutto, lo schermo è curvo (1800R, che si traduce in una curvatura di 1.800 mm o 70 pollici) che, su un monitor da 24 pollici non è davvero così ripido e potrebbe portare un livello più elevato di immersione con alcuni giochi, anche se con la navigazione usuale non avrete alcun beneficio (vorrei sostenere che uno schermo curvo ha più senso per un monitor da 32 pollici in su). Se ci piace o no, i monitor curvi possono eventualmente sostituire gli schermi piatti, ma, da un punto di vista del giocatore, non vedo alcun inconveniente, finora.

Il corpo del C24FG70è coperto da una finitura opaca nera (non conserva impronte digitali), le cornici sono nella medie e in generale, non si può immaginare che questo sia un monitor di gioco in quanto manca gli angoli taglienti e gli accenti di colore rosso. Il profilo del C24FG70 è sicuramente più grande del monitor tradizionale (dal momento che è curvato), il lato posteriore è sorprendentemente pulito e ha solo un anello d’argento dove lo stand si attacca al monitor, come elemento decorativo. Il braccio dello stand è già fissato sul retro del monitor e deve essere collegato alla base di piedistallo (non dimenticate di inserire la vite necessaria per mantenerla stabile).

samsung

La forma dello stand è estremamente insolito (sembra un braccio di lampade), ma riesce a dare un’atmosfera futuristica. Il braccio è suddiviso in due parti e consente una vasta gamma di movimenti: è possibile inclinare il monitor a 2 gradi in avanti e 17 gradi indietro, girare 15 gradi a destra e 15 gradi a sinistra, regolare la sua altezza fino a 14 centimetri e ruotarlo fino a 90 gradi in senso orario, in modalità ritratto. Tenete presente che lo stand è abbastanza grande e può essere un inconveniente se disponete di una scrivania più piccola.
Info: Purtroppo, l’XG2401 non è dotato degli altoparlanti incorporati (che sono comunemente presenti in questa fascia di prezzo).

Sulla cornice inferiore del C24FG70, verso il lato destro, c’è una singola luce LED per l’Accensione che, per impostazione predefinita, sarà attiva quando il dispositivo è acceso e lampeggerà quando il monitor entra in modalità di risparmio energetico (la funzione di indicatore del LED può essere cambiato nel menu). Sotto la luce del LED, sul bordo inferiore, ci sono tre tasti per la Impostazione del Gioco (scorciatoie per tutte le modalità di gioco personalizzate salvate prima) e, anche in basso, questa volta al centro, Samsung ha aggiunto alcune luci a LED che reagiscono all’uscita audio (ma può essere facilmente disattivata). Sul lato posteriore del monitor, in basso a sinistra, c’è un piccolo joystick (non dispone di tasti dedicati per l’OSD, che ancora una volta sfida il tradizionale concetto di un monitor di gioco).

samsung

Il joystick si chiama JOG ed ha le seguenti funzioni: premete giù per disattivare il monitor, premete su per visualizzare il menu OSD e premete nuovamente per andare su; premete a sinistra per modificare il segnale di ingresso, uscire dalla sotto-lista o diminuire il valore su uno slider; premete a destra per selezionare la modalità Eye Saver, aumentare il valore di uno slider o passare alla profondità successiva e premete in centro per eseguire la funzione Enter (il joystick è sorprendentemente intuitivo, quindi la sua funzionalità avrà senso immediatamente per ogni utente).
Accanto al joystick, al centro del pannello posteriore, esiste una zona che ospita le porte e le connessioni: il connettore di alimentazione DC-IN 19V (l’alimentatore è esterno), due porte HDMI IN, un DisplayPort, un connettore di servizio (che può essere utilizzato dai tecnici di servizio) e una presa per le cuffie da 3,5 mm.

L’attrazione principale del C24FG70 è, naturalmente, lo schermo curvo e non utilizza un pannello TN tradizionale, ma un pannello VA a 8 bit da 24 pollici, con una risoluzione di 1920 x 1080 pixel, 16,7 milioni colori, un incredibile rapporto di contrasto di 3.000: 1 (statico), una densità di pixel di 94 ppi e un rapporto di formato 16:9. La prima cosa che ha colto la mia attenzione è stata la qualità del display che supera di molto il pannello TN tradizionale e si avvicina molto alla riproduzione accurata del colore di un pannello IPS (il C24FG70 effettivamente ha livelli più profondi di nero). Per far ciò, Samsung ha utilizzato la tecnologia Quantum Dot.

samsung

Questa tecnologia è stata implementata in vari modi, ma in questo caso viene utilizzata per migliorare l’illuminazione a LED, per cui il pannello sarà in grado di visualizzare i colori rosso e verde più accurati (nel caso del C24FG70, il colore blu è un po’ smorzato). Ciò si traduce anche in livelli del bianco più puri, del nero più profondi e aggiungiamo all’equazione il rapporto di contrasto 3.000: 1, la copertura 99.5% dello spazio colore sRGB (non calibrato) e la temperatura colore più vicina all’ideale (6570K) per ottenere uno dei migliori display su un monitor nella sua fascia di prezzo. Inoltre, il pannello è dotato di una superficie antiabbagliante opaca e può raggiungere livelli di luminosità superiori di 350 cd/m2, per non aver difficoltà a giocare o visualizzare filmati o video anche se la luce del sole splende direttamente sul display.

Gli angoli di visualizzazione del monitor sono pubblicizzati a 178 gradi (A) e 178 gradi (V) e, in generale, sono davvero migliori di quelli di un pannello TN ma ancora un po’ sotto l’IPS. Oltre ai colori accurati dello schermo, Samsung C24FG70 ha una frequenza di aggiornamento di 144 Hz, che è una fortuna per i giocatori competitivi, ma farà anche la differenza per i giocatori casuali e si può vedere i suoi effetti pur semplicemente navigando sul web. Inoltre, grazie alla frequenza di aggiornamento elevata, qualsiasi strappo di schermo (screen tearing) che è stato facilmente rilevabile a 60 Hz, diventerà quasi indistinguibile a 144 Hz.

samsung

Per migliorare l’esperienza di gioco, il C24FG70 è dotato anche della tecnologia FreeSync Adaptive di AMD, che ha il ruolo di sincronizzare i frame della GPU con la frequenza di aggiornamento del monitor, che implica la riduzione dell’input lag e la miglioramento dello screen tearing (per essere in grado di sfruttare questa tecnologia, è necessario utilizzare una scheda grafica AMD). L’intervallo di FreeSync è compreso tra 70 e 144 hz utilizzando DisplayPort ed è compreso tra 62 e 119 hz utilizzando una porta HDMI.
Allo stesso modo ad altri monitor che sfruttano il backlight strobe per ridurre il motion blur (come ULMB o MotionFlow Impulse), Samsung utilizza la tecnologia Impulsive Scanning per mantenere il motion blur ad un livello più basso e per avere un tempo di risposta ridotto. Il consumo energetico del Samsung C24FG70 è di 36 W in media.

Articoli Simili

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *