Recensione Linksys Velop Dual-Band Sistema Intelligente Mesh WiFi AC3900

Il Linksys Velop dual-band è il secondo sistema WiFi mesh dal produttore Californiano e, anche se è più piccolo e meno potente del suo fratello maggiore tri-band, questo sistema è stato creato per soddisfare le esigenze di quegli utenti con le case piccole e medie che hanno trovato un sistema WiFi tri-band troppo potente e troppo costoso.
Ovviamente, non è il primo sistema a ottenere un downgrade o un aggiornamento, dal momento che Eero ha rilasciato il suo dispositivo di seconda generazione tri-band non molto tempo fa e l’Orbi tri-band ha ora un fratello dual-band (l’Orbi Mini), quindi, è chiaro che per rimanere in gioco è necessario sia un sistema a tre bande che un sistema a doppia banda.

Allo stesso tempo non posso fare a meno di pensare che Google stia andando bene con il suo Google WiFi dual-band, quindi forse ha trovato il punto giusto, dove le persone ottengono prestazioni wireless decenti e una rete stabile senza dover pagare un mucchio di soldi.
È chiaro che il dual-band Linksys Velop punta allo stesso pubblico e, considerando la popolarità del tri-band Velop, non avrà difficoltà a superare i suoi concorrenti. Detto questo, diamo uno sguardo più da vicino a ciò che è nuovo e migliorato sul sistema Velop di seconda generazione.

linksys-velop-dual-band

Il Design

I nuovi sistemi WiFi sono senza dubbio i dispositivi più belli dal mondo delle reti domestiche poiché i produttori hanno eliminato l’aspetto industriale del router tradizionale e hanno optato per il design minimalista e neutro (ispirato dall’Apple) che rende questi dispositivi più adatti per il soggiorno. Dai primi Eero fino all’ultimo Linksys Velop, nessun sistema WiFi ha deviato da questo percorso, quindi ci sono tre unità identiche coperte da una finitura opaca bianca (che non conservare le impronte digitali) e nessuna antenna esterna per rovinare l’aspetto dei dispositivi. Inoltre, il dual-band Linksys Velop ha mantenuto un design del case simile al suo fratello maggiore, con il corpo rettangolare che è leggermente gonfiato verso il basso, ma, mentre il tri-band Velop misurava 7.87 x 7.87 x 18.5 centimetri, il sistema dual-band è più corto, ma ha mantenuto lo stesso ingombro: misura 7.87 x 7.87 x 13.97 centimetri (è anche più leggero – ogni unità misura solo 322 grammi).

La riduzione delle dimensioni implica che ogni unità sia più robusta e non si muoverà anche se usi entrambe le porte grazie alla banda in silicone che circonda il lato inferiore e poiché il Linksys Velop ha il baricentro basso. Il primo Linksys Velop e il Netgear Orbi sono più grandi del sistema WiFi generico e sembra che sia Eero che Lyra abbiano trovato il modo di mettere tutto l’hardware potente in un corpo più piccolo, ma e venuto ad un prezzo alto, perché la gestione del calore non è buona. Fortunatamente, il dual-band Velop ha preso sul serio la gestione del calore, quindi, come il suo fratello maggiore, ha molti fori perforati sul lato superiore e, tra il lato inferiore e il corpo principale del router, c’è un piccolo spazio per mantenere il flusso d’aria.

linksys-velop-dual-band

Così, anche quando è stato sotto carico, nessuna delle tre unità Linksys Velop si è surriscaldata (a differenza di Google WiFi o Eero che non hanno fori di ventilazione, quindi devono essere monitorati costantemente e mantenuti all’aperto).

Ho notato che Linksys ha deciso di mantenere la luce a LED nella parte superiore del dispositivo e ha lo stesso ruolo di mostrare lo stato del dispositivo: se il LED lampeggia in blu, allora il nodo si accende e, se in seguito, diventa viola solido, quindi è possibile iniziare il processo di installazione; se il LED è blu solido, il nodo ha una connessione a Internet e tutto funziona correttamente, altrimenti, se il LED è rosso solido, il nodo Velop non ha una connessione Internet funzionante; se il LED è giallo, allora il nodo ha una connessione Internet debole e se lampeggia in rosso, il nodo è troppo lontano dal router principale: in entrambi i casi, è necessario spostare il nodo più vicino all’unità Velop principale.

linksys-velop-dual-band

Quindi, il rosso è negativo e il blu è positivo, ma oltre a questo, dubito che molte persone capiranno cosa succede con il loro dispositivo senza consultare il manuale utente. Certo, il sistema tradizionale di LED è meno elegante, ma è molto più intuitivo e, mentre so che i sistemi WiFi non torneranno allo stato precedente “non minimalista”, forse il supporto per i comandi vocali potrebbe rendere questi sistemi più semplici da utilizzare? (Il dual-band Velop funziona con Amazon Alexa.)

Il tri-band Linksys Velop aveva tutte le porte e i pulsanti posizionati sul fondo del dispositivo, ma, nel caso del Velop dual-band, il produttore ha deciso di rompere la continuità del design su uno dei quattro lati e ha incluso le due porte LAN Ethernet e il connettore di alimentazione in una piccola area (qualsiasi delle due porte Gigabit LAN può diventare la porta WAN, quindi, l’unità principale che viene collegata al modem, avrà una porta LAN, mentre gli altri nodi Velop avranno due porte LAN disponibili). Sulla parte inferiore di ogni router Velop, all’interno della cornice in silicone, c’è un’etichetta con informazioni sul dispositivo (nome dell’SSID, la password e la chiave di ripristino, nonché il numero di serie e l’indirizzo MAC), insieme a un pulsante rosso Reset e un interruttore di accensione / spegnimento.

linksys-velop-dual-band

L’Hardware

All’interno, Linksys ha equipaggiato il sistema WiFi Velop dual-band con un chipset quad-core Qualcomm IPQ4018 (con il clock a 710 MHz), lo stesso chip switch Atheros QCA8072 (come il Velop tri-band), ma solo 256 MB di RAM (Winbond W632GU6MB-12) e 256 MB di memoria flash NAND (Winbond W25M02GV), quindi si tratta di uno downgrade notevole dal Velop tri-band (ed è anche meno potente di Google WiFi).

Inoltre, il sistema utilizza il chip Qualcomm IPQ4018 insieme al modulo front-end Skyworks SKY85330-11 per la banda radio da 2.4 GHz e utilizza il chip IPQ4018 insieme al modulo front-end SKY7482I001 per la banda radio da 5 GHz. Inoltre, il dual-band Velop è dotato di un SoC CSR8811 Bluetooth 4.1.
Info: il Linksys Velop dual-band è commercializzato come un sistema AC3900 (AC1300 per unità).
La massima velocità teorica di trasferimento di dati (per una singola unità) è di 867 Mbps per la banda radio a 5 Ghz e la velocità massima teorica di trasferimento dati di 400 Mbps per la radio a 2.4 GHz.

La Prestazione

linksys-velop-dual-band

Non ci sono differenze significative in termini di caratteristiche o tecnologie utilizzate tra il tri-band e il dual-band Linksys Velop (fatta eccezione per la tecnologia tri-band), quindi è ancora possibile creare una rete grande usando i tre router identici per coprire un’intera casa e non lasciare nessuna zona senza WiFi. Per fare ciò, Linksys Velop utilizza la tecnologia mesh (una forma proprietaria chiamata Mesh Intelligente – non segue nessuno standard, proprio come ogni altro sistema WiFi domestico) che ha tre proprietà principali per assicurare la funzionalità corretta della rete. Quella più importante è la proprietà auto-ottimizzante, che ha il ruolo di analizzare la potenza del segnale di ogni nodo, i canali utilizzati, il numero di client wireless connessi alla rete, la distanza tra i nodi e i client (e altro) per ottenere una visione completa della rete mesh e generare i percorsi ottimizzati ottimali per i dati.

Inoltre, c’è la proprietà auto-formante che garantisce che nel caso in cui decidi di aggiungere un nuovo nodo alla rete, questo nuovo dispositivo venga immediatamente rilevato e assegnato automaticamente all’interno della rete per formare nuovi percorsi per i dati. Infine, un’altra proprietà molto importante è la capacità di auto-guarigione che, nel caso in cui un nodo è offline, trova il router più vicino e più adatto per garantire che i dati raggiungano alla destinazione in modo sicuro. Ma, come con il router tradizionale + extender, il sistema mesh deve ancora risolvere il problema del traffico di backhaul.

linksys-velop-dual-band

Il tri-band Linksys Velop ha avuto il lusso di nominare dinamicamente una banda radio per il backhaul, mentre le bande rimanenti per la connessione dei clienti, ma, poiché il nuovo Linksys Velop manca della terza banda radio, le due bande radio dovranno gestire entrambi il traffico backhaul e la connessione dei clienti (se non ti dispiace avere dei fili intorno alla casa, puoi provare la funzionalità di backhaul Ethernet per ottenere più larghezza di banda).
Inoltre, il dual-band Linksys Velop ha mantenuto la tecnologia MU-MIMO, quindi, più clienti possono essere serviti allo stesso tempo (e non sono obbligati a competere per la larghezza di banda), e c’è anche la tecnologia BeamForming, che focalizza la segnale verso i clienti connessi in modalità wireless.

Per testare le prestazioni wireless del nuovo Linksys Velop, ho preso due computer, uno è un laptop di fascia alta che sarà collegato al router via cavo (con una connessione Gigabit) e l’altro sarà un computer dotato di uno dei migliori adattatori WiFi disponibili sul mercato (l’Asus PCE-AC88). In questo modo, posso collegare il cliente alla rete di una unità e dopo alla rete a due e tre unità e misurare la velocità in vari punti all’interno della casa. Per scegliere la distanza migliore tra i nodi, Linksys fornisce un ottimo strumento chiamato Spot Finder che analizza la potenza del segnale, la latenza e il throughput per determinare il posizionamento ottimale per ciascun nodo Velop.

linksys-velop-dual-band

Quindi, prima di tutto, ho preso un nodo Velop, creato una nuova rete e aggiunto il cliente wireless (alla rete a 5 GHz): a 1.5 metri dal router, ho misurato una media di 486 Mbps ed a 5 metri, la velocità è leggermente diminuita a 448 Mbps; è stato interessante vedere che a 10 metri, le prestazioni di velocità sono rimaste abbastanza costanti e sono riuscito a misurare una media di 356 Mbps. Al passo successivo, ho preso il secondo nodo Velop (utilizzando lo Spot Finder, ho messo circa 11 metri tra i nodi), l’ho aggiunto alla rete e, utilizzando lo stesso cliente wireless, sono stato in grado di misurare una media di 169 Mbps (a 1.5 metri). A 5 metri, la velocità è scesa a 133 Mbps e, a 10 metri, ho misurato 62.4 Mbps. In seguito, ho preso l’ultimo nodo Velop e l’ho collegato alla rete (posizionato a circa 11 metri di distanza dall’unità principale, ma, con un paio di muri tra di loro).

Utilizzando lo stesso cliente wireless, sono stato in grado di misurare una media di 116 Mbps nelle vicinanze (non più di 1.5 metri), mentre a 5 metri, ho misurato 87 Mbps ed a 10 metri, ho visto una diminuzione piuttosto drammatica a 35 Mbps. È chiaro che il problema è la gestione del traffico di backhaul, che può essere risolto con futuri aggiornamenti del firmware (e come ho detto prima, il backhaul Ethernet può garantire prestazioni wireless migliori).
Nell’ultimo passaggio, ho deciso di utilizzare la banda radio da 2.4 GHz e, a 1.5 metri di distanza dal router principale, ho misurato una media di 169 Mbps, mentre a 5 metri la velocità è scesa a 133 Mbps ed a 10 metri, ho misurato intorno a 62 Mbps.
Info: Se hai già qualche unità Velop tri-band, funzioneranno insieme ai nodi Velop dual-band.

linksys-velop-dual-band

La Configurazione

L’utente può configurare il sistema WiFi Linksys Velop utilizzando l’app proprietaria che deve essere installata su un dispositivo mobile (è compatibile sia con iOS che con il sistema operativo Android). Dopo aver lanciato l’app, tocca “Avvia configurazione”, attiva il Bluetooth sul tuo dispositivo mobile (necessario per la connessione iniziale al nodo Velop), scegli di configurare il sistema Velop e segui le istruzioni per connettere correttamente l’attrezzatura.

Dopo aver collegato il primo nodo Velop al modem, devi attendere fino a quando il LED diventa viola solido e quindi devi permettere all’app di rilevare il nodo. Al passo successivo, devi connettere al SSID predefinito del router, inserire le impostazioni dell’ISP (nel mio caso, dovevo farlo manualmente), attendere fino a quando il dispositivo Velop verifica la presenza di Internet, creare un nuovo account e attendere fino a quando l’app configura la tua rete Velop (questo di solito richiede alcuni minuti). Dopo aver scelto la posizione dell’unità Velop principale, puoi aggiungere ulteriori nodi mesh che richiedono alcuni passaggi facili e intuitivi (ti consiglio di mantenere tutti i nodi aggiuntivi vicino al router principale quando li aggiungi alla rete).

linksys-velop-dual-band

La pagina principale dell’app (il Dashboard) mostra lo stato del sistema Velop, il numero dei clienti connessi e ha collegamenti per il Controllo Genitori e la Priorità dei Dispositivi, consentendo anche di abilitare l’Accesso Ospite. Premi le tre linee orizzontali per accedere al menù, dove puoi accedere al Dashboard, ai Dispositivi (un elenco di tutti i dispositivi collegati, nonché il nodo a cui sono collegati, la potenza del segnale e la banda radio utilizzata – tocca qualsiasi cliente per invocare le impostazioni aggiuntive, ad esempio la possibilità di assegnare priorità ai dispositivi, creare pianificazioni Internet o bloccare siti web specifici per quel dispositivo; puoi anche riservare DHCP), le Impostazioni WiFi (modificare lo SSID e password o modificare le impostazioni avanzate: il tipo di sicurezza, la modalità WiFi o utilizzare l’opzione Ricerca Canali per selezionare il canale migliore e meno affollato nel proprio ambiente) e l’Accesso Ospite.

Inoltre, c’è il Controllo della Velocità, il Controllo Genitori, la Priorità dei Dispositivi (puoi selezionare fino a tre dispositivi che avranno una priorità più alta per accedere alla connessione del Internet), l’Amministrazione Velop (qui, è possibile visualizzare i dettagli di ogni nodo dalla rete, abilitare l’aggiornamento automatico del firmware, abilitare l’invio di informazioni diagnostiche o riavviare il Velop).

linksys-velop-dual-band

Il menù include anche le Impostazioni Avanzate (che includono le Impostazioni Internet, le Impostazioni della Porta (Port Forwarding, Port Range Forwarding e Port Range Triggering), i Filtri WiFi MAC e le Impostazioni della Rete Locale), la sezione Feedback, Aiuto, Logout e l’opzione ‘Imposta un nuovo prodotto’.
Sorprendentemente, il Linksys Velop dual-band è forse l’unico router che offre più funzionalità sull’app mobile rispetto all’interfaccia basata sul Web, che manca lo strumento Ricerca Canali, l’opzione Controllo Velocità e le Notifiche Offline. Detto questo, l’interfaccia del browser è facile da navigare e molto intuitiva (in realtà mi ricorda l’interfaccia dei router Synology), quindi, se non si desidera utilizzare l’app per dispositivi mobili, questa è una buona alternativa.

La Conclusione

Il tri-band Linksys Velop è uno dei migliori sistemi di rete WiFi disponibili sul mercato, facilmente rivaleggiando con quelli del tipo Orbi o Eero (la seconda generazione) e la variante dual-band è stata creata nel tentativo di dominare anche il settore dual-band. Certo, trovo che la custodia più piccola sia più accattivante (la migliore gestione del calore è un bel bonus) e l’interfaccia mobile offre tutto ciò che l’utente può aspettarsi (il processo di installazione è più veloce di come è stato sulla Velop tri-band – apprezzo anche l’interfaccia basata su browser), ma, mentre le prestazioni del singolo nodo sono fantastiche, il Velop deve ancora lavorare un po’ sulla gestione del traffico backhaul wireless poiché le prestazioni sembrano soffrire dopo il primo hop. Nel frattempo, il dual-band Linksys Velop è ancora in grado di coprire una casa piccola-media e, considerando il prezzo, è un’opzione interessante.

Articoli Simili

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *