Recensione Securifi Almond+ Router

amazon

Sono sicuro che ai molti di voi vi piacerebbe l’idea di vivere in una casa intelligente (o anche in una città intelligente), dove c’è un modo di interagire con tutti i dispositivi all’interno della vostra casa (e dall’esterno) e con tutti i dispositivi collegati tra loro in modalità wireless. Immaginate di poter dire il termostato di riscaldare la vostra casa ad una certa temperatura prima di arrivare dopo il lavoro, mentre allo stesso tempo, monitorare le telecamere di sicurezza, accendere le luci del garage, preriscaldare il forno, cambiare il colore delle luci e anche dire la casa di effettuare una chiamata quando c’è qualcuno alla vostra porta. Tutto questo è già possibile (e anche di più), ed è meglio spiegato dal concetto di Internet of Things (IoT).

securifi

Se siete curiosi di capire il concetto di Internet of Things (l’Internet delle Cose), sappiate che si tratta di una rete di dispositivi, veicoli e anche edifici (in futuro, ci potrebbero essere le città?) Che presentano l’hardware necessario (che include i sensori) e software per consentire la comunicazione tra loro (raccogliere e scambiare i dati).

Ciò significa una migliore integrazione tra il mondo fisico e quello virtuale, rendendo possibilità quasi infinite. Alcuni esempi ho già dato prima: i modi per accedere a parti della vostra casa a distanza o creare una rete più grande e più complessa di città intelligenti, con una infrastruttura basato su Internet (dal momento che abbiamo già il veicolo autonomo, penso che siamo pronti – ma questa è una discussione per un’altra volta).

securifi

Ma il problema è che questa tecnologia è nella sua infanzia. E vero che sono apparsi un sacco di dispositivi intelligenti sul mercato, ma non sono facili da configurare e non offrono sufficiente sicurezza. E in questo momento c’è un problema con l’IOT e la sicurezza, perché né alcuni produttori, né i clienti non sanno come si può creare correttamente e mantenere una rete così complessa. Ora, è possibile che avete sentito del nuovo ZigBee o la tecnologia Z-Wave e della loro implementazione nei alcuni dispositivi elettronici più recenti. Beh, se non, darò una breve descrizione. ZigBee è un protocollo di comunicazione di alto livello (specifica a base di IEEE 802.15.4) utilizzato per creare le reti che richiedono una velocità più bassa di trasferimento dei dati. In altre parole, è un linguaggio wireless molto più semplice e meno costoso (rispetto a Bluetooth o Wi-Fi) che i dispositivi utilizzeranno per collegare l’uno all’altro.

I dispositivi che utilizzano la tecnologia ZigBee potranno trasmettere dati su lunghe distanze e funzionano benissimo con trasmissioni di dati intermittenti dai sensori o altri dispositivi di input.
La tecnologia Z-Wave, invece, funziona meglio con dispositivi alimentati a batteria, così può fornire una trasmissione di piccoli pacchetti di dati senza avere una latenza grande, evitando interferenze con altre trasmissioni dalla banda radio di 2,4 GHz (WiFi, Bluetooth). Questa tecnologia è in corso di attuazione in sensori di sicurezza, telecomandi ed i rivelatori di fumo (finora).

securifi

È abbastanza chiaro che avrete bisogno di una rete in cui si connette tutti questi dispositivi, forniti da un router. Il problema è che il router al solito non funzionerà sia con ZigBee o Z-Wave, quindi sarà necessario un hub separato per pienamente tenere il controllo della vostra casa intelligente.
Fortunatamente, ci sono già alcuni dispositivi presenti sul mercato che tentano di unificare il router generico (che si utilizza per il vostro PC e smartphone o tablet) e l’hub per altri dispositivi intelligenti. Uno di questi è il GOOGLE OnHub, nato dalla collaborazione di Google e TP-Link e un altro piccolo dispositivo promettente è il Securifi Almond+.

Securifi è noto per un bel po’ di tempo per la sua intenzione di creare il miglior router per una casa intelligente e ha creato una campagna di successo su Kickstarter da cui è risultato il primo router Securifi Almond nel 2013. Ma purtroppo è stato un dispositivi non veramente finito e ha ricevuto un sacco di critiche negative. Per fortuna, hanno mantenuto in corso e quasi due anni fa hanno pubblicato due nuovi dispositivi, il Securifi Almond + e una variante più economica, il Securifi Almond 2015 (che manca alcune delle caratteristiche dell’Almond+) e entrambi i dispositivi promettono di essere il router che stavate cercando per tutto questo tempo. Vediamo se si alzano fino alle aspettative.

Il Design

securifi

Il Securifi Almond Plus ha un esteriore ben costruito, una forma rettangolare, coperto da una finitura opaca, che non trattiene le impronte digitali (il Almond originale aveva una copertura lucida, perciò era un magnete di impronte digitali). Simile al Google OnHub, il Almond + non ha antenne esterne.
Inoltre, il router è molto più piccolo rispetto alle altre router usuale (basta dare uno sguardo alle dimensione di NETGEAR Nighthawk R7000) e Almond+ misura 18.5 x 13.7 x 3.3 centimetri e ha un peso di 0.63 kg. Questo rende il Securifi Almond + più leggero del Google OnHub e, mentre Google afferma che l’OnHub appartiene al centro della stanza, il Securifi Almond+ merita davvero di essere al centro dell’attenzione, specialmente poiché è dotato di un display touchscreen davvero interessante.

Il piccolo schermo non è qualcosa che è stato implementato troppo spesso nelle dispositivi della rete (è stato fatto prima con l’Amped Wireless TAP-EX), ma dà il router un aspetto più attraente. Inoltre, Securifi ha aggiunto un cavalletto che può essere collegato con due schede, che permette di posizionare l’Almond+ inclinato a diversi angoli per avere un accesso migliore e più confortevole al display touchscreen.

securifi

Il display LCD è di 3,5 pollici, ha una risoluzione di 320 x 240 pixel ed è di una qualità ragionevole, con colori chiari e luminosi. Inoltre, il touchscreen è sorprendentemente facile da usare e anche se ha una certa somiglianza con il design del Windows Metro, non dovete preoccuparvi, perché Securifi ha creato un software molto più intuitivo.

Mentre la maggior parte dei router hanno una serie di luci LED che mostrano lo stato del sistema, Securifi ha buttato fuori questa idea e invece è andato per le icone di stato sul display (4 x 2). Vedendo che Google ha deciso di abbandonare un sacco di porte che si trovano comunemente dal suo OnHub, ero un po’ scettico se Securifi non adotterà la stessa posizione. Fortunatamente, non ha fatto. Ci sono i soliti quattro porte Gigabit LAN e una porta WAN sul retro del router e non dimentichiamo le due porte USB 3.0.

securifi

Sulla parte superiore del router c’è un pulsante che vi permette di ritornare alle configurazioni di fabbrica. Una omissione piuttosto strana è il pulsante ON / OFF, perciò dovrete utilizzare il touchscreen per accendere o spegnere il router. Inoltre, al fine di collegare o rimuovere i cavi è necessario rimuovere il cavalletto. Ma queste sono tutte piccole lamentele.
Info: Se non avete abbastanza spazio, è possibile montare il router alla parete, essendo compatibile VESA.

L’Hardware

Securifi ha dotato l’Almond+ con un chipset dual-core Cortina Systems CS7542 ARM Cortex (750 MHz), il switch chipset QCA8337, 512 MB di memoria RAM DDR3 e 512MB di memoria flash.
Poiché non ci sono antenne esterne, l’Almond+ dispone di tre antenne interne WiFi e due antenne distinte per i sistemi dell’automazione della casa, Z-Wave e ZigBee. Il Securifi Almond+ è un router 3 x 3, con un chip QCA9880-BR4A 3 x 3 per la frequenza radio di 5 GHz (con l’amplificatore di potenza RFAxis) e un chip Atheros AR9580 per la banda radio di 2.4 GHz.

securifi

La radio ZigBee utilizza il Silicon Labs EM357 e la radio Z-Wave utilizza il Sigma Designs modulo 3-serie. I limiti di velocità teoriche del router sono 1,300 Mbps se si utilizza la frequenza di 5 GHz e 450 Mbps se si utilizza la frequenza radio di 2,4 GHz.
Purtroppo, il router non ha le capacità di MU-MIMO che ho visto sulle più recenti router (ASUS RT-AC87U, NETGEAR Nighthawk X4 o LINKSYS EA8500).

La Prestazione

Durante il test del Securifi Almond+, ho ottenuto alcuni risultati abbastanza decenti. Ho collegato il router a un dispositivo compatibile 3 x 3 (un MacBook) e, utilizzando la banda radio di 5 GHz, ho ottenuto 337 Mbps nelle immediate vicinanze (1.5 metri). Un po’ più lontano, a circa 10 metri, ho misurato non più di 119 Mbps ed a 30 metri ho ottenuto 41 Mbps.
Poi, sono passato alla banda radio di 2,4 GHz ed a 1.5 metri, ho misurato 77 Mbps. Alla una distanza più grande (10 metri) ho misurato 58 Mbps ed a 30 metri, la velocità è scesa a circa 20 Mbps.

securifi

Se non avete molte interferenze, il router ha una piuttosto grande copertura, riuscendo a raggiungere a quasi 80 metri.
Inoltre, ho collegato una maggiore quantità di dispositivi e dopo circa 2 giorni di uso continuo, la connessione è rimasta stabile e senza un dispositivo scollegato, quindi ha superato il test senza problemi. Perché ha due porte USB 3.0, ho testato le sue prestazioni NAS e la velocità di scrittura è stata 26.5MBps e la velocità di lettura è stata di circa 15.4MBps. Purtroppo, non può competere con i dispositivi del calibro di LINKSYS EA8500 in termini di prestazioni NAS, ma il router è sicuramente affidabile.

È ovvio che non si tratta di un router molto potente e per il suo prezzo corrente, sono sicuramente opzioni migliori (l’ASUS RT-AC87U AC2400), ma questo non è tutto che il router può fare. Il Securifi Almond Più è stato creato per essere anche uno Smart Home Hub, un mezzo per interagire con tutti i dispositivi domestici compatibili.

Lo Smart Hub

securifi

Abbiamo visto che l’Almond+ funziona bene come un router, ma non dimentichiamo che questo dispositivo non è solo un router, è anche un hub per le case intelligente, compatibile con i clienti che hanno implementato le tecnologie ZigBee e Z-Wave.
E allora ho testato il router con molti di questi dispositivi e funziona benissimo.
Ad esempio, ho usato il Peanut Plug che e incluso nel pacco, che un dispositivo che consente di controllare a distanza una presa di corrente (accendere e spegnere una lampada), la lampadina del SmartSense Motion Sensor, il termostato PEQ ed il Philips Hue LED.

Per aggiungere un nuovo sensore nel sistema, tutto ciò che dovete fare è selezionare Aggiungi sensore e seguire le istruzioni. Immediatamente, l’Almond+ rileva il sensore e si può iniziare a creare le regole IFTTT (IF THIS THEN THAT).
Così, ad esempio, è possibile creare una regola per cui un sensore rileva il movimento, può oscurare o schiarire la luce o se è troppo caldo fuori, può chiudere le sfumature e avviare il condizionatore d’aria.
La bellezza di questo sistema è che funziona a livello locale, quindi, anche se si perde la connessione Internet, tutto funziona ancora come previsto. Anche può essere configurato da fuori casa, utilizzando l’iOS o Android.

securifi

La Configurazione

Securifi sostiene che chiunque può fare la configurazione del router in non più di tre minuti, utilizzando il touchscreen. In realtà è possibile aggiungere uno o due minuti in più, ma è ancora accettabile, perché anche altri router moderni si possono configurare in meno di 5 minuti.
Non riceverai alcun CD, quindi dovrete fare affidamento sul touchscreen o è possibile digitare 10.10.10.254 sul tuo browser per accedere all’interfaccia del router (per poter fare una configurazione più approfondita). Sul touchscreen si passa attraverso la Procedura Guidata di Configurazione, dove si può impostare la modalità d’uso dell’Almond+: come un router o come un extender wireless.

Scegliendo l’opzione router, l’Almond+ creerà una rete WiFi protetta, ma se lo utilizzi come ripetitore, il router estenderà la propria rete Wi-Fi corrente. In modalità router, è possibile configurare il router: impostare il nome SSID e creare un account Almond, che vi permetterà di accedere al vostro router da remoto.
L’interfaccia è semplice e facile da usare, ha il layout simile al Metro di Windows. Così, c’è la scheda Internet (che vi permetterà di configurare le connessioni PPTP, L2TP o PPPoE e utilizzare i server DNS), la scheda di Rete (in cui è possibile configurare il DHCP) e la scheda di Gestione (qui è possibile modificare la password di amministratore, impostare il Timeout dello Schermo o il Pin per Bloccare lo Schermo).

securifi

Più a destra ci sono due schede per le bande Wireless, uno per la banda radio di 2,4 GHz e l’altra per la banda di 5 GHz. Qui è possibile configurare la Rete Ospite, il Filtraggio MAC, la modalità Channel, ecc. C’è anche una scheda per lo Stato, una scheda Software (in cui è possibile aggiornare il firmware) e una scheda Logout.
Oltre della modalità router, il menu di sopra è anche il luogo per i sensori (tutti i sensori installati), le regole (in cui si creano le regole per i dispositivi collegati) e la sezione Avanzata.

La sezione Avanzate è dove si trova il server DLNA, FTP / SAMBA, il server VPN, la Diagnostica, il DMZ, il Forwarding (non trovato sul touchscreen), i Punti di Montaggio, il Routing, il OpenWRT (dà accesso a una nuova interfaccia utente e consente di accedere alle opzioni aggiuntive non presenti nell’originale UI), il Registro di Sistema (non trovato sul touchscreen), il Log Kernel e il Supporto Tecnico.
Purtroppo, non ci sono QoS e non c’è un modo di interagire con i dispositivi USB collegati dal touchscreen. Ma, alla fine, l’interfaccia funziona come previsto, è facile da usare e intuitiva.

amazon

Articoli Simili

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *