Recensione TP-Link Archer D7 AC1750: Un Modem Router Affidabile

amazon

È passato un po’ di tempo da quando il produttore cinese TP-Link ha rilasciato il router Archer C7, un dispositivo AC1750 che ha dimostrato la sua capacità di essere un concorrente degno per gli altri router dalla sua classe.
Dopo il successo del C7, era naturale che TP-Link ha voluto rilasciare una versione con il modem integrato, chiamato il Archer D7. Adesso, dal momento che stiamo parlando di un prodotto di networking, è chiaro che, al fine di ottenere una connessione al Internet per tutti i dispositivi (cablati o wireless), è innanzitutto necessario disporre di un modem affidabile insieme ad un router wireless capace.

archer

Di solito, è considerato meglio avere il modem e il router separato, ma, per le persone che non vogliono passare attraverso il fastidio di ottenere un modem separato (e l’enigma eterna se si deve affittare uno o comprarlo), passare attraverso il processo di configurazione e collegare il modem a un router (e anche configurarlo), allora, una combinazione router/modem potrebbe salvare la vostra vita.

Il Design

Il TP-Link Archer D7 è dotato di un design elegante, l’esterno è costituito da due pezzi messi insieme con alcune prese d’aria tra la parte superiore e la parte inferiore. La parte superiore è ciò che rende l’aspetto premio e dà una impressione esteticamente gradevole grazie alla sua finitura nera lucida (che sicuramente attirerà le impronte digitali) e grazie alla curvatura leggera verso i bordi.

tp-link

Ma, come con molti altri router da TP-Link, c’è sempre un aspetto del design un po stravagante (ad esempio, il P5 si presenta come un vaso ed il Archer C2600 ha l’aspetto di un computer portatile). Il Archer D7, invece, ha questo piccolo pezzo di plastica d’argento che non è adatto con il resto del disegno, ma migliora la stabilità del router. Purtroppo, questa aggiunta colpisce ancora l’aspetto del router, perché è simile a quelli stand per i tablet o per i telefoni che si troverebbero in un negozio e la prima tentazione sarebbe quella di rimuoverlo (ovviamente si non può).

Il lato inferiore è solido e riempito con un modello di piccoli rettangoli, da cui quattro sporgono per diventare i piedi e, insieme con la plastica d’argento dalla parte anteriore, impediscono lo spostamento del D7 e garantiscono una stabilità adeguata. Le sue dimensioni e il suo peso danno una mano d’aiuto in quanto misura 22,8 x 15,7 x 3,5 centimetri e pesa 1043.262 grammi. Adesso, a causa della sua impronta piuttosto grande, alcune persone che apprezzano ogni centimetro del loro spazio, potrebbero voler posizionare il router verticalmente o montato a parete. Purtroppo, non possono.
L’unica posizione disponibile è quella orizzontale. Ma, il lato positivo è che il D7 è adatto per il soggiorno a causa del suo corpo sottile e l’aspetto elegante.

archer

Sulla parte superiore del router, ci sono sette luci LED di stato, disposti verticalmente (come una continuazione della parte d’argento di plastica) e sono responsabili per l’Ascensione, l’ADSL (se è acceso, significa che la linea ADSL è sincronizzata e pronta; se è lampeggiante, significa che la negoziazione ADSL è in corso), l’Internet (se il LED è spento, non c’è alcuna connessione a Internet o il D7 sta funzionando in modalità bridge), il Wireless, il LAN, l’USB e il WPS (se è acceso, significa che la sincronizzazione è stabilito, se è lampeggiante, significa che un dispositivo wireless si connette alla rete tramite WPS – può richiedere fino a 3 minuti; se è spento, significa che la sincronizzazione WPS è stato stabilito per più di 5 minuti, o che non è riuscita).

Il lato posteriore del router è il luogo dove si trovano i tre connettori dorati per le antenne (a sinistra, a destra e al centro), una porta ADSL (è possibile collegarla allo splitter o direttamente alla presa telefonica tramite un cavo telefonico), due porte USB 2.0, un tasto WPS, un tasto WiFi Accesso/Spento, un pulsante di Reset incassato (si può utilizzare una graffetta per premere il tasto per 8 secondi per ripristinare il modem router alle impostazioni predefinite), quattro Ethernet porte LAN (la quarta porta LAN è anche una porta WAN), un pulsante per accendere o spegnere e una porta di alimentazione.
È un peccato che non c’è una porta USB 3.0, ma, dal momento che anche il C7 mancava questa funzione e questo è un dispositivo dal 2014 dopo tutto, quindi ci si aspettava questa omissione.

tp-link

L’Hardware

Il TP-Link Archer D7 è dotato di un chipset BCM6318 di Broadcom con il clock a 333MHz (adatto per le capacità DSL), sostenuto da 64 MB di RAM e 8 MB di memoria flash. Inoltre, c’è un chipset Qualcomm Atheros QCA9558, con il clock a 720MHz (utilizzato per il lato router wireless del TP-Link Archer D7), sostenuto da 128 MB di RAM e 16 MB di memoria flash.

Oppure, c’è un chipset Qualcomm Atheros QCA9558 responsabile per la funzionalità wireless a 2,4 GHz del router e un chipset QCA9880-BR4A Qualcomm Atheros che offre le funzionalità wireless a banda 5GHz. La velocità massima teorica del Archer D7 è 1,300Mbps utilizzando lo standard 802.11ac WiFi e 450 Mbps utilizzando lo standard 802.11n. Per il lato del modem del D7, TP-Link ha optato per la tecnologia ADSL2 + (invece di almeno VDSL), quindi la velocità è limitata a solo 24 Mbps.

archer

La Prestazione

Allo stesso modo al TP-Link Archer C7, il D7 ha funzionato bene su distanza ravvicinata, ma aveva una performance WiFi povera a una distanza maggiore (su entrambe le bande 2,4 e 5GHz). Inoltre, è dotata con la tecnologia SU-MIMO che si trovano comunemente (la tecnologia MU-MIMO viene fornito con i router che hanno un prezzo più elevato), ma non è sorprendente dal momento che questo non è un prodotto recente (si potrebbe verificare il TP-Link Archer D9, che ha qualche nuova tecnologia implementata).

Ora, al fine di testare le prestazioni wireless del Archer D7, ho collegato un cliente wireless 2×2 (un computer portatile con un card 2×2) e ho ottenuto i seguenti risultati: utilizzando la banda di frequenza a 5 GHz (e lo standard 802.11ac), a distanza ravvicinata (non più di 2 metri), ho ricevuto una velocità massima di 398Mbps. Dopo aver messo un po’ di spazio di circa 10 metri tra il D7 e il cliente, ho misurato fino a 311Mbps e dopo sono andato più lontano, a circa 30 metri, la velocità è scesa a 94Mbps.

archer

In seguito, sono rimasto all’interno della frequenza di 5 GHz, ma ho usato lo standard 802.11n ed a distanza ravvicinata, ho misurato fino a 262Mbps. Dopo aver messo un po’ di spazio tra il router e il cliente di circa 10 metri, la velocità è scesa a 195Mbps e ha preso una caduta più ripida a 64Mbps quando la distanza era di circa 30 metri.

In seguito, ho cambiato alla banda radio a 2,4 GHz e, a 2 metri, ho misurato 117 Mbps. La velocità è lentamente diminuita a 82 Mbps a 10 metri ed è scesa a 40 Mbps, quando erano 30 metri tra il D7 ed il cliente. Infine, per testare le prestazioni di stoccaggio del Archer D7 ho preso una cartella di 1GB di musica, video, libri e altri tipi di file e ho testato la velocità di lettura e scrittura. Così, durante la lettura della cartella di 1GB, ho misurato 14.5MBps e mentre la scrittura, ho misurato 13.6MBps. Certo, la prestazione dello stoccaggio non e degna di lode, ma considerando che il D7 non dispone di una porta USB 3.0, ha fatto abbastanza bene.

La Configurazione

La prima cosa che dovete fare è collegare la linea ADSL alla presa telefonica e l’adattatore di alimentazione al D7. In seguito, è possibile impostare e configurare il modem router utilizzando un’utilità basata sul Web. Per accedere all’interfaccia, è necessario aprire una finestra del browser e andare a http://192.168.1.1. Qui, è necessario selezionare una password e fare clic su Login (Accesso).

archer

Successivamente, vi consiglio di selezionare l’opzione di installazione rapida – Quick Setup (questo metodo funziona solo se il dispositivo funziona in modalità DSL Router Modem – è anche possibile selezionare la modalità Router Wireless se si va sulle impostazioni Avanzate> Modalità operativa), allora dovrai selezionare il tuo fornitore di servizi Internet (l’ISP) dalla lista, dopo, si può configurare la connessione a Internet e modificare le impostazioni wireless (è possibile modificare i SSID – che significa il nome del rete – ed il password per la rete wireless).

Curiosità: TP-Link dispone di un applicazione per smartphone, chiamato TP-Link Tether che consente l’accesso alla rete da remoto e gestire il modem router.
Dopo aver finito con la configurazione iniziale, si può andare avanti con una configurazione più approfondita. L’interfaccia è composta da tre schede principali (posizionati orizzontalmente) per l’Installazione Rapida (Quick Setup), le Opzioni di Base (Basic) e le Opzioni Avanzate (Advanced), insieme a due altri schede più piccole per Disconnetto (Logout) e Ricominciare (Reboot).

tp-link

La sezione di base ha sei schede secondarie per la Mappa di Rete (lo stato della connessione tra l’Internet ed il D7, il numero dei clienti collegati wireless e cablati, le Stampanti ed i Dischi USB – è possibile fare clic su ognuno di essi per visualizzare ulteriori informazioni; ci sono anche informazioni per la connessione a Internet – come l’indirizzo IP, il server DNS, il Gateway ed il tipo di connessione), l’Internet (qui, si può selezionare il tipo di connessione, che può essere PPPoE, IP dinamico o statico, PPTP o L2TP), il Wireless (abilitare la rete wireless sulla banda di 2.4 e/o 5GHz, e impostare l’SSID e la password per ogni banda), la Rete Ospite, l’Impostazione USB ed il Controllo dei Genitori (mostra tutti i dispositivi sotto controllo genitori e permette di creare una lista nera e una lista bianca).

tp-link

La sezione per le Opzioni avanzate ha i seguente schede secondarie: lo Stato (lo stato di Internet IPv4/IPv6, 2.4GHz/5GHz, il LAN ed la Rete Ospite), la Modalità di Funzionamento (Operation Mode), la Rete (l’Internet – l’interfaccia WAN ed il MAC Clone; le Impostazioni LAN – il Server DHCP, la Lista dei Clienti, l’Indirizzo di Prenotazione; il Raggruppamento di Interfaccia, il DNS dinamico, il Routing Avanzato, il VPN IPSec, il tunnel IPv6), il Wireless (l’Impostazioni, il WPS, il Filtraggio MAC, il Programma Wireless, le Statistiche ed l’Impostazioni Avanzate – il WDS), la Rete Ospite, il NAT Forwarding, l’Impostazioni USB, il Controllo dei Genitori, i Controlli della Larghezza di Banda (è possibile attivarlo, impostare il tipo di linea, inserire la larghezza di banda e impostare le regole di controllo utilizzando le priorità), la Sicurezza (il Controllo degli Accessi ed la vincolante del’IP e MAC) e Strumenti di Sistema (l’Impostazioni di Tempo, la Diagnosi, l’Aggiornamento Firmware, il Backup e Ripristino, l’Amministrazione, il Registro di Sistema, l’Impostazioni CWMP, l’Impostazioni SNMP e le Statistiche).

archer

Nel complesso, il TP-Link Archer D7 è un modem router ragionevole, ha un’interfaccia pulita (intuitiva e facile da usare), il design è elegante e le prestazioni wireless sono nella media (sufficiente per una casa di medie dimensioni). L’unico problema potrebbe essere la parte modem (ADSL2 +). Se non avete bisogno di più di questo (come il VDSL2), poi il TP-Link Archer D7 non vi deluderà.

amazon

Articoli Simili

  • 8/10
    Il Design - 8.0/10
  • 7.8/10
    Il Segnale WiFi - 7.8/10
  • 8/10
    L'Accessibilità - 8.0/10
  • 9/10
    La Configurabilità - 9.0/10
  • 8.5/10
    Le Caratteristiche - 8.5/10
8.3/10

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *