Recensione Ubiquiti Edgerouter X

Ubiquiti EdgeRouter X è una delle soluzioni più economiche dall’azienda americana di tecnologia e, similmente al suo fratello EdgeRouter Lite, ha attirato molta attenzione con la sua combinazione strana tra un prezzo basso e qualche funzionalità che si trovano, tipicamente, sui dispositivi di tipo enterprise più costosi (ad esempio le funzionalità avanzate dell’interfaccia utente EdgeOS).

ubiquiti

Come di solito, Ubiquiti ha l’abitudine di interrompere il flusso di mercato e di sfidare non solo i produttori di networking consolidati (come Cisco), ma, allo stesso tempo, anche il mercato dei consumatori. Quindi, da una parte, offre un dispositivo economico per le persone esperte in tecnologia, mentre, dall’altra parte, sfida i router di tipo consumer a prezzi elevati, incoraggiando un modello alternativo costituito dall’unità di router, uno switch Ethernet (se avete bisogno di più porte per connettere i client) e un punto di accesso (EdgeRouter non dispone della funzionalità WiFi incorporata).

VEDI ANCHE I MIGLIORI ACCESS POINT WIRELESS

amazon

Il Design

Ubiquiti EdgeRouter X è diverso dai router generici sia nella funzionalità che nel design, adottando un approccio più tradizionale dal punto di vista dell’aspetto. Quindi, Ubiquiti si allontanò dal design simile alle nave spaziale o teste di alieni che i moderni router preferiscono e, invece, ha un esteriore rettangolare semplice e compatto, di proporzioni sorprendentemente piccole, che può essere facilmente sbagliato per uno switch non gestito.

ubiquiti

Quello che è interessante è che l’esteriore è metallico e questo è un aggiornamento significativo verso l’esterno in plastica del EdgeRouter Lite. ER-X è coperto interamente da una finitura opaca nera (che non conserva gli impronte digitali) e presenta i accenti bianchi intorno alle sue porte (anche il logo e le icone dei LED a cima del dispositivo sono bianche).

Poiché è un dispositivo di piccole proporzioni (110 x 75 x 22 mm), EdgeRouter X può essere posizionato praticamente ovunque nella stanza senza occupare troppo spazio della scrivania o mensola, ma, se vuoi montarlo a parete, puoi utilizzare le due staffe di montaggio dalla parte posteriore del router. Se decidete di tenere il dispositivo sulla scrivania, dovreste sapere che è abbastanza leggero (175 g), quindi, è meglio tenerlo lontano dai bordi soprattutto se utilizzate tutte le porte (anche se i quattro piedi in gomma aiutano in una certa misura).

Come ho già detto, nell’introduzione, Ubiquiti incoraggia una topologia diversa: invece di utilizzare un singolo router con funzionalità WiFi incorporata, è possibile utilizzare un EdgeRouter (come ER-X o ER-Lite per gli utenti domestici o per i piccoli uffici) e uno o più punti di accesso per fornire il WiFi.

ubiquiti

Questa soluzione offre una flessibilità maggiore poiché il router di tipo consumer è generalmente posizionato accanto ad un parete, mentre un punto di accesso può essere montato sul soffitto, al centro della stanza, quindi, garantendo una migliore copertura WiFi. Inoltre, è possibile aggiungere più punti di accesso per coprire un’area più ampia, ma, ovviamente, è necessario installare cavi in tutta la casa (alcuni adattatori di rete powerline possono essere utili in questo scenario). Questo tipo di installazione è anche ideale per l’aggiornamento dei dispositivi (è possibile sostituire il router senza sostituire il punto di accesso e viceversa), mantenendo così il costo più basso possibile.

ubiquiti

Ogni produttore di dispositivi di rete deve prendere sul serio la gestione del calore e alcuni dispositivi da Ubiquiti sono noti di avere una temperatura un po’ elevata (soprattutto la linea di punti di accesso). Fortunatamente, il piccolo ER-X è rimasto ad una temperatura ragionevole anche dopo mettere un po’ di stress sul dispositivo e sospetto che i fori di ventilazione su entrambi i lati hanno un ruolo importante nel mantenimento del flusso d’aria giusto.

Ubiquiti ha deciso di mettere le luci LED sopra il dispositivo e questi indicatori mostrano se il dispositivo è acceso o spento, lo stato del eth0, eth1, eth2, eth3 e eth4 (disponibile per tutte le 5 porte : se il LED è verde allora c’è un collegamento a 10/100/1000 Mbps, mentre se il LED lampeggia, indica che c’è attività). Sul pannello posteriore, potete trovare un piccolo pulsante di ripristino (restituisce il dispositivo alle impostazioni predefinite di fabbrica – dopo l’avvio, dovete tenere premuto il pulsante per 10 secondi finché il LED eth4 lampeggia e diventa solido oppure scollegate il cavo di alimentazione e quindi dovete tenere premuto il pulsante Reset e allo stesso tempo, dovete ricollegare l’adattatore di alimentazione; dovete tenere premuto il tasto fino a quando il LED eth4 si avvia e smette di lampeggiare), un messa a terra ESD (la dimensione delle vite devono essere M3 – 0,5 x 4 mm) e la porta di alimentazione.

ubiquiti

Sulla parte anteriore del dispositivo è possibile trovare le cinque porte Ethernet 10/100/1000: eth0 / PoE IN (PoE passivo a 24V ed è un metodo alternativo per l’alimentazione del dispositivo, invece di utilizzare l’adattatore), eth1, eth2, eth3 e eth4 / PoE OUT (PoE passivo). Le porte di EdgeRouter X sono in realtà interfacce e, all’inizio, si ottiene questa impostazione: eth0 è WAN, mentre eth1 a eth4 agiscono come LAN e switched. Ma la bellezza di questo dispositivo è che è possibile configurare qualsiasi porta per agire come WAN, mentre qualsiasi altra porta può agire come LAN oppure potete creare un sistema dual-wan per il bilanciamento del carico (ad esempio 2 WAN + 1 LAN). Il router può anche essere configurato per funzionare esclusivamente come uno switch gestito.

L’Hardware

All’interno, Ubiquiti EdgeRouter X è dotato di una CPU dual-core MediaTek MT7621AT (con il clock a 880 MHz), 256 MB di RAM DDR3 (Nanya NT5CB128M16FP-DI), 256 MB / 2 MB di memoria flash (Spansion S34ML02G200TFI00 / Eon EN25QH16-104GIP) e con un chip switch MediaTek MT7621AT.

ubiquiti

Ora, diventa evidente il motivo per cui EdgeRouter X non è stato progettato per sostituire l’ER-Lite: mentre l’ER-X ha un processore migliore (800 MHz vs 500 MHz Cavium CN5020), ER-Lite detiene il proprio terreno con più RAM (512 MB Winbond W971GG8JB-25) e più memoria flash (4 GiB Kingston USB stick).
Inoltre, sembra che EdgeRouter X sia in grado di trasferire 130k pacchetti al secondo per i pacchetti di 64 byte, mentre EdgeRouter Lite sale fino a 1 milione di pacchetti al secondo per i pacchetti di 64 byte. Questo è un po’ sottovalutante, ma in realtà rivela la vera natura di ER-X: uno switch con una CPU integrata.

VEDI ANCHE I MIGLIORI SWITCH DI RETE

La Prestazione

Ubiquiti EdgeRouter X non è realmente un router di tipo consumer e richiede un po’ di abilità tecnica prima di poter realmente usare il suo vero potenziale. Detto questo, non troverete le solite caratteristiche accattivanti e i numeri gonfiati sulla scatola, soprattutto perché il router non dispone di alcuna funzionalità wireless e occorre aggiungere un punto di accesso wireless alla rete per approfittare di tutte le funzionalità wireless avanzate (la serie UniFi offre WiFi a dual-band simultanei, la scalabilità, la tecnologia wireless mesh e MU-MIMO).

ubiquiti

Ma EdgeRouter X è costruito con la flessibilità in mente e dà la possibilità di configurare la sua funzionalità in numerosi modi (ovviamente la magia è fatta dall’EdgeOS). Diciamo che avete una piccola impresa e non potete permettervi qualsiasi tipo di inattività di Internet, pertanto avete bisogno di un router dual-WAN per bilanciare il carico o semplicemente per agire come fail-safe nel caso in cui una connessione si interrompe.

EdgeRouter X vi permette di fare esattamente questo, dandovi la possibilità di scegliere quali due porte saranno WAN, mettere un thread watchdog per eseguire il Ping alle porte per far conoscere lo stato delle connessioni e creare regole per l’esclusione LAN-verso-LAN (se volete che le porte LAN comunicano tra di loro) e regole per l’esclusione del traffico port-forward (se non si disponete di precedenti esperienze con il CLI – l’interfaccia a riga di comando – ci sono molte configurazioni sul sito ufficiale per guidarvi passo dopo passo).

ubiquiti

Un’altra interessante applicazione è utilizzare EdgeRouter X come un server OpenVPN – che fa parte dal EdgeOS, ma dovrete configurarlo tramite il CLI. Quindi, come si può vedere, ER-X è più flessibile se l’utente prende il tempo di comprendere e configurare correttamente tutti i suoi parametri, ma il software richiede qualche tempo per imparare come funziona soprattutto per i principianti.

Finora, ER-X sembra impressionante, ma ci sono alcune imperfezioni. Mentre ER-Lite è stato costruito come un router dal punto di vista di hardware, ER-X ha il suo routing fatto in software e utilizza un chip switch che aumenta le prestazioni quando si utilizzano più porte per lo stesso subnet. Ciò significa che, anche se può passare traffico fino a 1GBps tra le porte (traffico da WAN a LAN è stato in media 950 Mbps), la velocità scende con una connessione simultanea a una media di 720 Mbps per il download e in media 810 Mbps per il upload. Dopo aver abilitato l’hardware offload (disponibile con le versioni software più recenti) la velocità è salita fino a 930 Mbps in entrambi i casi. Il problema è che non sarà possibile utilizzare le funzionalità correlate al traffico (ad esempio QoS o Netflow) dopo aver abilitato l’hardware offload.

La Configurazione

L’installazione del router è abbastanza semplice: basta collegare l’alimentatore ad una presa di corrente e collegare il computer alla porta eth0 / PoE In tramite un cavo Ethernet (o utilizzare un cavo PoE per collegare uno switch PoE alla porta Eth0 / PoE In). Successivamente, è possibile accedere all’interfaccia utente passando a https://192.168.1.1, utilizzando un browser web. In questo modo verrà avviata la schermata di accesso che richiederà il nome utente e la password (inserite ubnt in entrambi casi) e vi chiederà di accettare l’accordo di licenza. Ora avete accesso al EdgeOS.
Info: Insieme a VyOS, EdgeOS è un fork di Vyatta.

ubiquiti

EdgeOS dispone di 10 opzioni principali posizionate orizzontalmente: il Dashboard, le Analisi del Traffico, il Routing, il Firewall / NAT, i Servizi, il VPN, il QoS, gli Utenti, la Struttura di Configurazione e le Procedure Guidate di Configurazione – indipendentemente dalla sezione che si sceglie di aprire, è sempre possibile accedere a CLI, la Cassetta degli Attrezzi, gli Avvisi e il Sistema (accedendo alla Sistema, è possibile configurare alcune impostazioni di Base (ad esempio il Nome dell’Host, il Fuso Orario, il Gateway, il Nome del Server, il Nome del Dominio o il NTP), le Impostazioni di Gestione (ad esempio, il Server SSH, il Server Telnet, il Registro di Sistema, Scoperta UBNT o l’Agente SNMP) o la Gestione della Configurazione & Manutenzione dei Dispositivi e la Riavviare e Arrestare del Router).

Nella parte superiore c’è un piccolo rettangolo nero che mostra le connessioni attive (una rappresentazione grafica delle porte con colori distinti per visualizzare lo stato della connessione: viola indica una connessione a 10 Mbps, ambra indica 100 Mbps e verde indica 1,000 Mbps), la percentuale della CPU utilizzata, la RAM utilizzata e l’Uptime.

ubiquiti

La prima cosa da fare è accedere alla sezione delle Procedure Guidate di Configurazione per scegliere la configurazione appropriata per il dispositivo: il Load Balancing, il Load Balancing2 (la differenza tra questi due è che il primo utilizza due connessioni Internet differenti per il bilanciamento del carico e il fail-over, mentre il secondo utilizza due diversi collegamenti wireless), WAN + 2LAN e WAN + 2LAN2 (questa configurazione consente di collegare l’interfaccia LAN e di modificare i subnet) e ci sono anche le Procedure Guidate della Funzionalità che includono il bloccaggio TCP MSS e UPnP. È inoltre possibile aggiungere nuovi procedure guidate caricando un file di archivio con la nuova configurazione.

Il DashBoard consente di accedere a varie informazioni sui Servizi (i Percorsi e lo stato dell’OSPF, del NAT, del Firewall e del DSHCP) e sulla distribuzione degli Interfaccia (Tutti, Ethernet, VLAN e PPPoE) e consente di aggiungere nuove Interfacce o configurare quelli esistenti. La sezione per le Analisi del Traffico mostra informazioni sul traffico che passano attraverso il router, includendo gli Host principali, i tipi di traffico di rete e consente di configurare la categoria di applicazione.

ubiquiti

La sezione per il Routing mostra lo stato dei percorsi Statici, Connessi, RIP e OSPF e, accedendo alla sottosezione OSPF, si accede al Router (ID del Router) e alla Ridistribuzione (collegata, statica e predefinita) che consente la comunicazione tra i router quando c’è un cambiamento di stato di un router o di un collegamento. Inoltre, la rete OSPF è suddivisa in piccole sezioni chiamate aree, che sono molto utili per la scalabilità e danno accesso alle interfacce (OSPF).
La sezione Firewall / NAT apre una nuova finestra con quattro sottosezioni: il Port Forwarding (include l’interfaccia WAN, il NAT Harpin, l’interfaccia LAN e le regole del Port Forwarding), le Norme Firewall (creare regole applicabili prima di SNAT o dopo DNAT), il NAT e i gruppi Firewall / NAT (creare gruppi basati sull’indirizzo IP, sul numero di porta o sull’indirizzo di rete). La sezione per i Servizi apre una nuova finestra con tre sotto-opzioni: il Server DHCP (assegna indirizzo IP ai client DHCP), il DNS (configurare il DNS Forwarding e il DNS Dinamico) e PPPoE (configurare il Server PPPoE).

ubiquiti

La sezione VPN dispone di due sottosezioni: l’Accesso Remoto PPTP (configurare l’intervallo del IP client start e stop, l’Indirizzo del Server Esterno, l’indirizzo IP del Server RADIUS e la chiave, l’MTU, il DNS1 e il DNS2) e l’IPsec Sito al Sito (aggiungere le interfacce IPsec e impostare i peers Sito al Sito – dovete sapere che qualsiasi modifica dell’interfaccia utente supererà qualsiasi modifica che è stata fatto utilizzando il CLI). La sezione per il QoS apre una nuova finestra con tre sottosezioni: lo Smart Queue (fornisce funzionalità FQ-CODEL + HTB e supporta le interfacce dinamiche), il Queue di Base e il Queue Avanzati (aggiunge più funzionalità e flessibilità agli Queue di Base).

La sezione per gli Utenti è suddivisa in due sotto-sezioni: Locale (qui, potete configurare gli utenti di account locali) e Remoto (qualsiasi accesso remoto del router viene registrato qui). La Struttura di Configurazione è una delle funzioni più interessanti di EdgeRouter X poiché consente di visualizzare e modificare la configurazione nella GUI invece di digitare i comandi nell’interfaccia CLI (Command Line Interface).

amazon

Articoli Simili

  • 7.5/10
    Il Design - 7.5/10
  • 9.6/10
    L'Accessibilità - 9.6/10
  • 9.6/10
    La Configurabilità - 9.6/10
  • 9.5/10
    Le Caratteristiche - 9.5/10
  • 7/10
    La Facilità d'uso - 7.0/10
8.6/10

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *