Puoi usare un media converter FS per sostituire il modem dal provider Internet?

Di recente ho testato una coppia di mini media converter di FS e questi dispositivi si sono dimostrati ottimi per espandere una rete e interconnettere più dispositivi di rete su grandi distanze usando cavi in fibra ottica. Il modo in cui lo fa è convertendo il corrente dal cablaggio in rame (Ethernet RJ45) in onde luminose per i cavi in fibra ottica. E poiché un concetto simile si applica a Internet in fibra, le persone si sono immediatamente chiesti se sia possibile sostituire le apparecchiature che provengono dall’ISP e utilizzare i propri dispositivi (di solito migliori) per connettersi a Internet.

fs-mini-media-converter-isp

Poiché i mini media converter FS di base potrebbero non essere sufficienti per realizzare effettivamente una connessione di successo, FS ha reso disponibili altri media converter che potrebbero essere in grado di aiutarci meglio nel nostro sforzo, ma come vedrai più avanti, le cose sono molto più complicate di previsto anche con la giusta attrezzatura.

Posso sostituire il modem dell’ISP con un convertitore multimediale?

Questa domanda, sebbene posta spesso sul web, non ha molto senso. Il motivo per cui dico questo è perché Internet “in fibra” non richiede l’uso di un modem e, invece, utilizza quello che viene chiamato un ONT (Optical Network Terminal). Questo dispositivo è l’endpoint in una PON (rete ottica passiva – quella più usata) e ha il ruolo di convertire i segnali ottici dalla fibra in segnali elettrici utilizzati dal cablaggio in rame (RJ45 Ethernet). Se non hai familiarità con le reti in fibra, presumo che tu possa aver sentito termini come FTTH (fibra a casa) o FTTC (fibra al marciapiede) e l’implementazione di tali reti (PON) richiede un OLT, forse alcuni splitter, l’ODN e gli ONT (o ONU).

fs-mini-media-converter-isp

L’OLT (terminale di linea ottica) è il punto di partenza di una rete in fibra (quindi è un’apparecchiatura ISP) e il suo ruolo è convertire i segnali standard nell’inquadratura e nella frequenza richieste dal PON e quindi coordinare il multiplexing ONT (combinazione di segnali) sul terminale della linea ottica.
Molto probabilmente l’ISP ti fornirà un dispositivo ONT per convertire il segnale del cablaggio in fibra ottica in segnali adatti al cavo Ethernet RJ45, in modo da poter collegare il router wireless ed espandere la rete (oltre a connettere i dispositivi cliente). Detto questo, potresti soddisfare tutti i requisiti dell’ISP e inserire il tuo convertitore multimediale (ONT), ma il problema è che molto probabilmente l’ISP vorrà che tu utilizzi la propria attrezzatura, che potrebbe anche includere il router stesso.

E questo sarà ancora più necessario se l’ISP fornisce anche una TV o un servizio telefonico. Ad esempio, ho ricevuto un ricetrasmettitore SFP GPON e un convertitore multimediale dal mio ISP e un tecnico li ha collegati tutti a un router “proprietario” che supportava anche i servizi telefonici (completamente non necessari, ma è stato forzato dal provider) . E, se dovessi cambiare il ricetrasmettitore e il convertitore multimediale con i miei dispositivi, non avrei accesso a Internet, a meno che l’ISP non lo permetta – e loro non lo fanno.

Posso abbinare i requisiti dell’ISP con la mia attrezzatura?

Tecnicamente sì, ma, messo in pratica, non ne vale proprio la pena. Questo perché mentre il convertitore multimediale normale e i ricetrasmettitori sono dispositivi di livello 1, i ricetrasmettitori GPON SFP sono di livello 2 (e talvolta anche di livello 3), quindi è necessario mettere in atto una configurazione specifica affinché tutto possa comunicare.

sf-porte

Ad esempio, molto probabilmente l’ISP utilizzerà l’indirizzo MAC dell’ONT, l’autenticazione del livello logico (LOID) e altre informazioni a cui non hai realmente accesso e l’ISP non le condividerà con te. Quindi, per rispondere alla domanda se è possibile utilizzare il proprio convertitore multimediale per bypassare l’apparecchiatura fornita dall’ISP (non il modem), la risposta è sì, è possibile farlo. Ma, considerando che non avrai le informazioni necessarie sul tipo specifico di dispositivi che devi utilizzare o sulla configurazione che dovrebbe essere condivisa dall’ISP, allora no, devi comunque utilizzare l’ONT e il ricetrasmettitore forniti da l’ISP. La buona notizia è che il router fornito dall’ISP può essere molto probabilmente sostituito con la tua attrezzatura e, nel peggiore dei casi, potresti collegarlo al tuo router migliore.

Leave a Reply

Your email address will not be published.