Recensione Ambi Climate 2 Controllo Intelligente Aria Condizionata

Ambi Climate 2 è il successore del piccolo dispositivo che è stato rilasciato circa tre anni fa, dopo una campagna KickStarter come reazione al telecomando tradizionale del condizionatore d’aria, offrendo un modo meno restrittivo di controllare il comfort termico della casa e facendo affidamento sul motore A.I. per annullare la necessità di regolare i parametri. Il nuovo Ambi Climate 2 conserva tutto ciò che ha reso il suo predecessore un dispositivo affidabile, ma ha adottato un aspetto più premium, è meglio integrato in una rete dei dispositivi intelligenti (inclusi alcuni dei più popolari assistenti intelligenti: Amazon Alexa e Google Home) e l’applicazione è più matura.

ambi-climate-2

amazon

Questa non è la prima volta che ho incontrato un dispositivo che impara dalle abitudini degli utenti per offrire un’esperienza migliore dal momento che Nest Learning Thermostat funziona sulla stessa premessa (e sì, si collegherà anche al tuo condizionatore), ma, invece di semplicemente accendere e spegnere il condizionatore, l’Ambi Climate 2 tiene conto di più cose (la temperatura interna, quella esterna, l’umidità e la luce solare) per regolare i parametri corretti. Detto questo, diamo uno sguardo più da vicino a Ambi Climate 2 e vediamo se vale la pena eliminare il telecomando tradizionale a favore di una soluzione più intelligente.

Il Design

Il primo Ambi Climate era un piccolo dispositivo in plastica, con tre indicatori LED sulla parte anteriore della custodia e con un sensore di movimento accanto al logo Ambi. Ambi Climate 2 ha mantenuto la stessa forma (mezzo ottagono con angoli arrotondati), ma il dispositivo ora è più piccolo (misura circa 10.7 x 4.2 x 8.0 centimetri), quindi non coprirà molto spazio dalla scrivania e il dispositivo è anche più leggero del suo predecessore, avendo il peso di 110 grammi (anziché 150 g).

ambi-climate-2

La riduzione delle dimensioni e del peso vanno di pari passo, quindi Ambi Climate 2 rimane abbastanza stabile e rimarrà sul suo posto grazie alla fascia in silicone attaccata sul fondo (ho anche notato che nonostante sia più leggero, la custodia è meno fragile (rispetto alla prima gen) e si sente più solido in mano).
Per dare al dispositivo un aspetto più premium, il produttore ha aggiunto una base in legno e ha rimosso i tre LED anteriori a favore di un singolo indicatore LED che cambia il colore a seconda dello stato del dispositivo: quando il dispositivo è pronto per essere installato, il LED lampeggerà lentamente di colore ambra e, dopo aver impostato il dispositivo e tutto funziona correttamente, il LED diventerà verde.

Alcuni cambiamenti addizionali dalla generazione precedente possono anche essere visti nell’area superiore che, prima, era completamente coperta da una superficie nera lucida con diversi ritagli (al di sotto, c’erano cinque trasmettitori a infrarossi) e ora, la superficie è divisa in due parti con alcuni canali stretti che espongono l’hardware interno e consentono una certa quantità di ventilazione. Ciò ha un impatto positivo perché il dispositivo rimane a una temperatura adeguata in qualsiasi momento.

ambi-climate-2

Un elemento che manca del tutto è il sensore di movimento che non sono del tutto sicuro che fosse funzionale al primo gen Ambi Climate, ma sarebbe stata una bella aggiunta se implementata nel nuovo dispositivo (quindi, nel caso in cui non fossi nella stanza per un certo periodo di tempo, il condizionatore si poteva spegnerebbe completamente per evitare un inutile consumo di energia). Sul lato posteriore del dispositivo, sarà possibile trovare una porta micro-USB per accendere il dispositivo, mentre accanto ad essa c’è una porta USB (può essere utilizzata solo a scopi di diagnostica) e un piccolo pulsante di reset incassato (per ritornare alle impostazioni predefinite).

L’Installazione e le Funzionalità

Ciò che distingue un dispositivo intelligente da quello mediocre è in genere il modo in cui l’applicazione è integrata con l’hardware e, finora, sembra che Ambi Climate sia riuscito a creare un processo di installazione semplice e intuitivo nonostante alcuni passaggi apparentemente complessi. La prima cosa che devi fare è scaricare e installare l’applicazione Ambi Climate (disponibile sia per la piattaforma Android OS che iOS) e, dopo aver lanciato l’app, ti verrà chiesto di accedere a un account esistente o creare uno nuovo (c’è anche la possibilità di eseguire un’istanza Demo).

ambi-climate-2

Se ti manca un account, creane uno nuovo e, dopo aver effettuato l’accesso, verrai accolto da una nuova finestra in cui potrai aggiungere un dispositivo dall’invito (in questo modo, puoi invitare altre persone a controllare il tuo dispositivo), Aggiungi Ambi Climate 2, Aggiungi Ambi Clima originale o Acquista un nuovo dispositivo. Qui, devi scegliere la seconda opzione e, questa volta, verrai accolto da una nuova finestra che ha tre passaggi disponibili per installare correttamente l’Ambi Climate.

Il primo passo richiede la divulgazione della posizione del dispositivo (so che le persone che si preoccupano della sicurezza della loro rete non vedono bene questa cosa, ma una parte delle funzionalità di Ambi Climate 2 richiede la conoscenza del clima esterno); in seguito, devi configurare le impostazioni WiFi. Prima di subire questo passaggio, è consigliabile posizionare l’Ambi Climate 2 su una superficie piana abbastanza vicina al condizionatore (in modo che possa “vederlo” tramite infrarossi), lo devi collegere a una presa di corrente e attendere fino a quando l’indicatore LED lampeggia lentamente. In seguito, devi premere Avanti, collegare il dispositivo mobile alla rete AmbiClimate e, ancora una volta, premere Avanti.

ambi-climate-2

Successivamente, ti verrà chiesto di scegliere tra le reti esistenti all’interno della tua casa, ma tieni presente che il dispositivo non supporta i router solo a 5 GHz (né gli SSID nascosti) – ora, aspetta semplicemente che Ambi Climate 2 si connetta al Cloud e fino a quando non ricevi il messaggio di conferma che è stato collegato al tuo WiFi. L’ultimo passaggio è un po ‘più complicato perché dovrai sostituire il telecomando esistente con Ambi Climate.

Prima di questo,  devi assicurarti che il tuo condizionatore d’aria abbia un telecomando con display, altrimenti non sarai in grado di associare il dispositivo al condizionatore. L’applicazione richiede all’utente di scegliere il nome del condizionatore d’aria e il tipo di telecomando (si tratta di un codice che può essere trovato sul retro del telecomando o all’interno del vano batteria). Il processo di accoppiamento ha avuto successo dopo aver sentito un suono o il condizionatore ha provocato qualsiasi tipo di reazione al segnale inviato da Ambi Climate. Infine, l’app mostrerà il profilo AC che dovrebbe corrispondere alle funzioni del telecomando.

ambi-climate

È importante sapere che Ambi Climate 2 non sostituisce completamente i telecomandi e che sarà comunque possibile utilizzarli insieme. Inoltre, nel mio caso, ho due unità interne collegate a una singola unità esterna e ognuna di esse ha un telecomando separato (che sono intercambiabili). Quello che ho notato è che un singolo dispositivo Ambi Climate funziona per entrambe le unità interne, ma non le vede come entità separate.

La finestra principale dell’app mostra una foto di paesaggio con alcune informazioni sull’area superiore (la posizione di Ambi Climate, la modalità corrente, la temperatura interna, l’umidità e un rapido feedback per il comfort termico), mentre al di sotto, l’app mostra un grafico con la temperatura e l’umidità all’interno della casa per un periodo di tempo più lungo. Nel mezzo della finestra, a seconda della modalità scelta, riceverai una piccola icona di feedback circolare (toccala per vedere tutti i possibili tipi di feedback) e, in fondo alla pagina, ci sono quattro scorciatoie per sezioni principali. Il primo mostra le Analisi, che include gli Insight (il tempo avviamento condizionatore nelle ultime 4 settimane – mostra il tuo modello di utilizzo nell’ultima settimana rispetto a quello delle precedenti 3 settimane), la Cronologia (una panoramica completa sulla umidità e la temperatura interna / esterna per il giorno, la settimana o il mese corrente) e gli Utilizzi (mostra un registro con tutte le azioni effettuate dall’utente o dall’intelligenza artificiale).

ambi-climate-2

La seconda sezione mostra le Impostazioni del condizionatore e ha due opzioni principali: una è il Controllo del condizionatore (offre lo stesso tipo di flessibilità del telecomando) e l’altra mostra le Impostazioni IA che consentono di scegliere tra le modalità che possono essere utilizzate dall’intelligenza artificiale (come freddo, asciutto, caldo o auto). La terza sezione è il Dispositivo, che è suddiviso in Timer (qui, puoi aggiungere programmi per come e quando l’Ambi Climate è operativo) e le Impostazioni del dispositivo: consente di modificare la posizione, l’associazione con il condizionatore e le impostazioni WiFi, nonché di invitare nuovi utenti, cambiare lo sfondo, calibrare il sensore, impostare la luminosità del LED e il volume del segnale.

L’ultima sezione è la Modalità che offre cinque opzioni principali: Comfort, Temperatura, Fuori Casa, Manuale e Off. La modalità Comfort necessita di regolazioni costanti dall’utente (non ti preoccupare, è solo per far sapere all’app se sei a tuo agio o meno) e, dopo un certo periodo di tempo, Ambi Climate saprà esattamente ciò che ritieni più comodo e regola i parametri corretti senza bisogno di alcun tipo di feedback da parte tua. La modalità Temperatura richiede di selezionare la temperatura desiderata e il dispositivo funzionerà per raggiungere il suo obiettivo. La modalità Fuori Casa è stata appositamente progettata per garantire che il dispositivo non consuma troppa energia mentre sei lontano da casa e che manterrà comunque un determinato livello di temperatura / umidità (quindi, ad esempio, durante l’inverno, la tua casa non sarà influenzata dalle temperature basse). La modalità Manuale disabilita qualsiasi funzione I.A. e ti permette di controllare l’Ambi Clima come faresti con il telecomando. Infine, la modalità Off spegne semplicemente il dispositivo.

ambi-climate

E questo è praticamente ciò che il dispositivo può fare e come funziona per mantenere un livello di comfort adeguato all’interno della tua casa, ma, considerando che è ancora un dispositivo intelligente, può essere accoppiato ad alcuni assistenti intelligenti, come Amazon Alexa o Google Home (sfortunatamente, non supporta Apple Homekit). Dato che possiedo un Google Home Mini, ho deciso di abbinarlo al Ambi Climate e vedere quanto è fluido il processo. L’abbinamento del dispositivo a Google Home Mini è generalmente facile (devi andare su Impostazioni > Assistente e, al Controllo Home, premere ‘più’ per aggiungere l’app Ambi Climate) e, successivamente, puoi usare vari comandi vocali per impostare la temperatura o l’umidità nella stanza, per accendere o spegnere il dispositivo o per cambiare modalità.

La Conclusione

È vero che i termostati intelligenti come ecobee4 e Nest Learning hanno dominato a lungo il mercato del condizionamento ambientale intelligente, ma il piccolo Ambi Climate 2 si concentra solo su un tipo di prodotto e offre molto più della semplice capacità di accendere o spegnere il condizionatore. L’applicazione ha le opzioni chiaramente disposte, in modo che gli utenti con qualsiasi tipo di conoscenza tecnica possano navigare facilmente e modificare le opzioni necessarie, mentre l’integrazione con Amazon Alexa e Google Home sono un’aggiunta gradita a chiunque voglia veramente sperimentare il sogno di casa intelligente.

Inoltre, l’inclusione dell’intelligenza artificiale è un’altra grande aggiunta e, anche se uso l’Ambi Climate 2 solo da circa tre giorni (tornerò in estate per testare il dispositivo di nuovo), per ora tutto sembra funzionare correttamente .
Info: Come con tutti i dispositivi IoT, assicurati di mantenere aggiornati sia loro che il tuo router, assicurati di limitare le autorizzazioni dell’app al minimo e, se possibile, di mettere tutti i dispositivi smart nella loro VLAN separata.

Ambi Climate 2
  • 8/10
    Il Design - 8/10
  • 9.3/10
    La Facilità d'Uso - 9.3/10
  • 9/10
    Le Caratteristiche - 9/10
  • 8/10
    L'Accessibilità - 8/10
  • 8.5/10
    La Configurabilità - 8.5/10
8.6/10

Leave a Reply

Your email address will not be published.