Recensione Choetech HUB-M20 USB-C Adattatore 11 in 1

Il Choetech HUB-M20 è uno dei più interessanti hub USB-C sul mercato e questo perché il produttore non sembra essersi preoccupato molto del fattore di compattezza, quindi ha progettato un dispositivo metallico abbastanza grande con undici tipi di connettori che saranno sicuramente sufficienti per la maggior parte delle situazioni (l’hub può anche essere abbastanza affidabile come strumento di autodifesa). Il motivo per cui il Choetech HUB-M20 è più grande di altri hub, ma comunque abbastanza stretto è perché tutte le porte e i connettori sono su un lato. E in questo modo, ottieni una scrivania molto più pulita, senza quei fastidiosi cavi che spuntano da tutte le parti della solita docking station o hub USB.

choetech-hub-m20

VEDI PRODOTTO SU:

choetech

amazon

Detto questo, considerando che i cuscinetti in gomma aiutano il dispositivo a stare in posizione, sono rimasto sorpreso di vedere che ho usato l’HUB-M20 molto più di altri hub che ho in giro. Potresti aver già intuito che questo non è un hub Thunderbolt 3, ma funzionerà comunque perfettamente con un MacBook, che è il peggior trasgressore quando si tratta del numero di porte, ma non aspettarti di vedere il trasferimento dei dati al di sopra del (massimo teorico) 5 Gbps a causa della limitazione USB-C. Tuttavia, si ottengono alcune porte che ora mancano sulla maggior parte degli hub USB a causa della evoluzione tecnologica, ma le aziende di livello enterprise potrebbero ancora utilizzarle.

Naturalmente, sto parlando della porta VGA che si trova sul lato destro della barra metallica e può aiutare molto con i vecchi proiettori (che sono purtroppo abbastanza comuni nel mondo aziendale). La qualità costruttiva del Choetech HUB-M20 è eccellente, sfoggia un guscio in alluminio spesso ricoperto da una finitura opaca grigia, quindi no, non si sente vuoto e non è leggero (non stavo scherzando sul fatto che sia utile per l’autodifesa). Vale la pena ricordare che sul lato sinistro e destro dell’hub USB-C ci sono pezzi di plastica dura, qualcosa che ho visto con altri hub Choetech (come l’hub ultraportatile HUB-M08) e non influisce sul valore estetico in ogni modo. Le dimensioni dell’HUB-M20 sono 27,0 x 4,5 x 1,7 cm, quindi è molto simile alla larghezza di un laptop, dove molto probabilmente finirà per essere posizionato.

choetech-hub-m20

Il cavo collegato (che è anche abbastanza lungo – 40,5 centimetri) può essere inserito in un canale appositamente progettato nella custodia metallica, quindi non sarà un inconveniente mentre porti l’hub con te (nonostante le sue dimensioni, può facilmente metterlo in uno zaino). Oltre al suddetto connettore VGA, c’è un jack da 3,5 mm che incorpora anche il microfono che va bene per la maggior parte delle cuffie, ma sta lentamente diventando inutile a causa di tutti questi auricolari wireless che sono diventati così economici (ci sono alcune docking station che hanno una porta per il microfono, come Kensington SD5300T). Accanto al jack per le cuffie, c’è una porta Ethernet che supporta una connessione fino a 1 Gbps e, come previsto, l’ho messa alla prova.

Ho preso un computer e l’ho collegato al router tramite un cavo Ethernet e poi ho preso un MacBook Pro a cui ho attaccato l’HUB-M20 e poi ho collegato l’hub al router utilizzando un altro cavo Ethernet. In questo modo, ho verificato le prestazioni da LAN a LAN e, upstream, il throughput medio era di 922 Mbps, mentre downstream, il throughput medio era di 923 Mbps. Il Choetech HUB-M20 ha anche due slot per schede SD di cui uno è direttamente compatibile con le schede microSD, quindi non è necessario l’adattatore. Ho collegato una scheda microSD SanDisk Ultra (128 GB) e, come puoi vedere dai benchmark ATTO e CrystalDiskMark, le prestazioni sono accettabili. Accanto agli slot microSD, Choetech ha aggiunto una semplice porta USB-C che supporta un massimo di 5 Gbps: per testarlo, ho collegato un SSD portatile SanDisk Extreme (256 GB) e ho eseguito nuovamente i due benchmark.

choetech-hub-m20

CrystalDiskMark 6 mostra una differenza di prestazioni tra la connessione diretta al computer, ma, poiché è inferiore al 5 percento, è trascurabile; lo stesso vale per il benchmark ATTO. La porta USB-C ha funzionato bene anche per la ricarica rapida del mio Pixel 2 XL, anche se non sono del tutto sicuro di quanto velocemente andrebbe a una media di 4,47 V e 1,237 A, come mostrato da un multimetro USB-C.

choetech
Porta USB-C – A Sinistra: Connessione Diretta. A Destra: Choetech Hub-M20
choetech-hub-m20
Porta USB-C – A Sinistra: Connessione Diretta. A Destra: Choetech Hub-M20

Oltre all’USB-C, Choetech ha aggiunto altre quattro porte USB-A 3.0 che funzioneranno benissimo per aggiungere le periferiche tanto necessarie, ma funzioneranno anche bene per l’utilizzo di dispositivi di archiviazione esterni. Quindi, ho collegato l’SSD SanDisk Extreme a una delle porte USB-A e ho eseguito i due benchmark. I valori che ho ottenuto con CrystalDiskMark non differiscono molto dalle prestazioni della porta USB-C, ma ATTO sembra essere stato un po’ più sensibile e ha mostrato una differenza più evidente.

choetech-hub-m20
Porta USB 3.0 – A Sinistra: Connessione Diretta. A Destra: Choetech Hub-M20
choetech-hub-m20
Porta USB 3.0 – A Sinistra: Connessione Diretta. A Destra: Choetech Hub-M20

Il Choetech HUB-M20 supporta un sistema a doppio monitor che utilizza la porta VGA e HDMI, ma tieni presente che entrambi saranno limitati a 1080p 60Hz. Ma è possibile collegare un singolo monitor 4K che avrà una frequenza di aggiornamento di 30Hz utilizzando la porta HDMI – ho ancora solo un monitor 1440p (il Dell U2515H che funziona alla grande), quindi non ho avuto problemi a collegare un MacBook e ottenere la piena risoluzione alla massima frequenza di aggiornamento disponibile. Infine, c’è un LED che si accende quando si l’hub viene alimentato e c’è anche una seconda porta USB-C, questa contrassegnata solo come PD, quindi non può leggere o scrivere dati, ma sembra essere in grado di caricare dispositivi (supporta fino a 100 W). Questa è un’ottima aggiunta se funziona, ma sfortunatamente ho riscontrato alcuni problemi. In particolare, non funziona con la maggior parte dei miei dispositivi. Ho provato a ricaricare un telefono cellulare e l’icona di ricarica è apparsa per un secondo e poi non c’era più alimentazione.

Ho anche provato con un MacBook Pro e un altro smartphone, il tutto senza fortuna. Quindi ho deciso di controllare la potenza in uscita utilizzando un multimetro e gli Ampere erano sempre 0, mentre la tensione sarebbe salita solo a 5V. So cosa stai pensando, forse era un cavo difettoso, ma ho provato tre cavi diversi, due USB-C (perfettamente funzionanti con altri dispositivi) e persino un cavo Thunderbolt 3, e comunque non funzionava. Inoltre, potrei riprodurre il problema anche se collegassi l’hub Choetech direttamente a una presa di corrente. La cosa interessante è che la porta funzionerebbe con una custodia di ricarica (per auricolari TWS) e il multimetro mostrava 5,03 V, 0,242 A. Forse ho una unità difettosa, quindi aspetterò la risposta del produttore e aggiornerò l’articolo nel caso in cui qualcosa cambi.

Choetech HUB-M20 -
  • 8/10
    Il Design - 8/10
  • 9/10
    La Facilità d'Uso - 9/10
  • 8.5/10
    Le Caratteristiche - 8.5/10
  • 8/10
    L'Accessibilità - 8/10
  • 6/10
    Le Prestazioni - 6/10
7.9/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.