Recensione Cuffie ANC Wireless SuperEQ S1

Il SuperEQ S1 è un paio di cuffie ANC economiche sviluppate da un marchio secondario di OneOdio e sì, ci sono alcune somiglianze con il marchio principale, ma ci sono anche alcune differenze. E questo è più ovvio quando osserviamo il design delle cuffie SuperEQ poiché sono chiaramente rivolte maggiormente al pubblico più giovane (principalmente adolescenti), sfoggiando un aspetto molto più allegro rispetto alle cuffie OneOdio. Ero preoccupato di vedere l’ANC su un paio di cuffie economiche quando ho testato l’A30 e le stesse preoccupazioni si applicano anche al SuperEQ S1, poiché si tratta di una tecnologia complicata e costosa da implementare. Essere sotto la guida di OneOdio potrebbe rivelarsi una buona cosa dal momento che hanno funzionato bene con l’A30 e, perché no, il SuperEQ S1 potrebbe rivelarsi ancora migliore (diventando un formidabile concorrente dell’Anker Soundcore Life Q30).

supereq-s1

amazon

VEDI PRODOTTO SU:supereq

Detto questo, il SuperEQ S1 ha anche una modalità audio ambientale disponibile per permetterti di ascoltare cosa sta succedendo intorno a te senza mettere in pausa la musica, c’è anche il supporto Bluetooth e un piccolo cavo all’interno della confezione per permetterti di collegare le cuffie usando il jack da 3,5 mm. Certo, la maggior parte degli smartphone si è già allontanata dal jack per le cuffie, ma rimane un’ottima aggiunta per la maggior parte di noi a cui piace ancora ascoltare la musica utilizzando la connessione cablata. Infine, il SuperEQ S1 è orgoglioso di una lunga durata della batteria (tutti ci sono), quindi diamo un’occhiata e vediamo se queste cuffie sono comodi e in grado di creare una buona esperienza musicale.

La Qualità di Costruzione e Il Design

Mi è piaciuta molto la scatola che sembra avere il ruolo di prepararmi per un paio di cuffie allegre. Ho preso la versione nera e rossa, quindi sono abbastanza colorati, mentre i padiglioni più piccoli sono un’altra indicazione che il pubblico target sono i più giovani (o gli utenti che avranno orecchie più piccole). Le mie orecchie non sono piccole e nemmeno la mia testa, quindi potrei essere un po’ in contrasto con la forma e le dimensioni dei padiglioni. Mettendo le cuffie sulle orecchie ho notato alcune cose. I padiglioni sono davvero un po’ piccoli, ma riescono a coprire le mie orecchie, quindi c’è un discreto isolamento acustico passivo.

supereq-s1

I cuscinetti sui padiglioni sono apparentemente in memory foam, il che significa che se la caveranno bene a lungo termine, ma, rispetto a OneOdio A30 e A70, non sono così morbidi. Anche l’archetto non è molto spesso, quindi si, ho trovato “>le cuffie SuperEQ S1 comode da indossare, ma tutti questi punti di pressione si accumulano e ho dovuto fare una pausa dall’usarli dopo meno di due ore. Ma ancora una volta, le persone con la testa e le orecchie più piccole potrebbero trovare le cuffie più comode per un periodo di tempo più lungo. Inoltre, il cuscinetto morbido dell’archetto doveva essere almeno il doppio delle dimensioni. Quello che mi è piaciuto è che i padiglioni sono liberi di muoversi di qualche centimetro in ogni direzione dal braccio del cursore, in modo da poter posizionarli facilmente sulle orecchie.

È qualcosa che non ho visto sulle cuffie OneOdio e penso che sia un’aggiunta interessante. Le cerniere stesse sono metalliche e scorrono molto facilmente, ci sono alcune finiture lucide e, oltre alle sezioni morbide, il resto delle cuffie è ricoperto da parti in plastica nera (con finitura opaca). La plastica avrebbe potuto essere un po’ migliore, ma per il prezzo, potrebbe essere abbastanza buona da resistere a qualche anno di utilizzo. La cosa un po’ preoccupante è che la plastica sembra molto simile a quella che ho visto sulla Sony WH-1000XM3 che è sopravvissuta solo due anni prima di rompersi (il che è triste per un paio di cuffie molto costose). Quello che manca è il movimento girevole per i padiglioni, il che è un peccato, ma c’è la possibilità di piegare correttamente le cuffie. Il lato esterno dei padiglioni sembra metallico e mostrano semplicemente il logo.

supereq-s1

Non ci sono controlli sensibili al tocco, quindi sarai in grado di trovare alcuni pulsanti e porte sul bordo del padiglione destro – sì, il padiglione sinistro non ha pulsanti (solo il microfono per la cancellazione di rumore). Quindi, sul padiglione destro, c’è un altro microfono a cancellazione di rumore, un microfono per le chiamate, una porta di ricarica che purtroppo è microUSB e un jack da 3,5 mm.
Più in basso, c’è il pulsante ANC che è adeguatamente differenziato dal resto dei pulsanti e ti permetterà di scorrere tra il suono ambientale e la modalità ANC. Accanto c’è il singolo LED e tre pulsanti, uno accanto all’altro. Quello centrale ha una sporgenza circolare in modo da poterlo identificare con il dito e viene utilizzato per accendere le cuffie, nonché per riprodurre o mettere in pausa una traccia.

Gli altri due pulsanti sono usati per alzare o abbassare il volume (se li premi due volte, il volume aumenterà o diminuirà con incrementi maggiori), così come per passare alla traccia successiva o tornare a quella precedente (premere a lungo il pulsante per circa due secondi). Analogamente all’A30, il SuperEQ S1 ha alcune porte esterne per la ventilazione che dovrebbero funzionare abbastanza bene se sei fermo (alla scrivania o a letto), ma le tue orecchie si suderanno se ti alleni.

L’Hardware Interno e la Connettività

Proprio come OneOdio A30, A70 e persino Sony WH-1000XM3, il SuperEQ S1 è dotato di driver da 40 mm, il che potrebbe significare che potremmo ottenere un volume più alto e un suono più pieno, ma non avrà davvero voce in capitolo sul suono qualità stessa. Inoltre, le cuffie utilizzano il Bluetooth 5.0 per la connessione wireless, che dovrebbe garantire di poter raggiungere una distanza di circa 10 metri dal dispositivo sorgente musicale prima di subire eventuali disconnessioni.

supereq-s1

L’S1 in realtà utilizza alcune delle funzionalità “più esotiche” attualmente supportate dal Bluetooth 5.0, che include il multipoint, quindi è possibile collegare contemporaneamente le cuffie a due dispositivi, ma è possibile riprodurre musica in streaming solo da una fonte. In termini di codec, sono solo quelli di base, quindi niente che possa entusiasmare un audiofilo (nemmeno aptX è supportato). Il massimo che otterrai è AAC (come rivelato da uno smartphone Pixel) ed è in linea con altri dispositivi nella stessa fascia di prezzo.

La Qualità del Suono e l’ANC

Di recente ho testato OneOdio A30 che si è anche avventurato nel meraviglioso mondo della cancellazione attiva del rumore ed è stato come previsto per un paio di cuffie economiche – molto meglio del Bluedio T7 Plus, ma molto al di sotto delle eccellenti prestazioni del Sony WH-1000XM3. Considerando che sia le cuffie SuperEQ che OneOdio sono sviluppate sotto lo stesso tetto, mi aspettavo prestazioni molto simili e chiaramente ci sono alcune somiglianze, ma ho notato anche alcune differenze fondamentali. La qualità del suono era ancora migliore con l’ANC disattivato (questa volta con il suono ambientale attivato), ma, se attivavo l’ANC, non c’era un calo di qualità così grande come ho visto sull’A30 e, a seconda del tipo della canzone, potrebbe esserci poca o nessuna differenza percettibile.

supereq-s1

Ho notato che i livelli di volume non raggiungono un livello così alto ed è successo più di un paio di volte quando volevo alzarlo di più (quando in una zona molto trafficata), aveva già raggiunto il suo massimo. Va bene nella maggior parte degli scenari, ma in un bar (con persone rumorose nelle vicinanze), può diventare leggermente fastidioso.
L’ANC elimina alcuni ronzii e ha fatto un ottimo lavoro nell’annullare i tocchi del mio mouse e i suoni della mia tastiera meccanica (che è rumorosa) – potevo ancora sentirli, ma erano 20+ dB in meno. Quindi, come gestirebbe i rumori forti del motore, di solito dagli aerei?

Questo è stato il motivo per cui ANC è diventato una cosa sulle cuffie in primo luogo e marchi come Sony e Bose fanno un lavoro fantastico, ma anche le cuffie economiche possono offrire un po’ di sollievo. Ho trovato le prestazioni molto simili all’A30, anche se con meno sibili (rumore bianco) e sono abbastanza sicuro che il SuperEQ S1 abbia cancellato un po’ di più il ronzio rispetto all’A30, il che è fantastico. I suoni del motore saranno ancora lì, ma nel complesso, il viaggio in aereo dovrebbe essere un po’ più piacevole quando si indossano le cuffie S1. Per verificare la qualità del suono, ho eseguito i consueti test che verificano alcuni aspetti più tecnici delle cuffie. Il primo test controlla la qualità del driver, il che significa che un tono di basso ampio si muoverà attraverso varie frequenze e non dovrebbero esserci ronzii.

supereq-s1

Potrei sicuramente sentire un ronzio usando sia l’ANC che la modalità Ambient Sound. Successivamente, ho eseguito un test di corrispondenza dei driver e sì, il suono era nel mezzo della mia testa, quindi va tutto bene. Di solito mi piace anche verificare quanto bene un paio di cuffie sia in grado di creare un sound stage 3D e quanto bene sia differenziato e posizionato tutto, e lo faccio ascoltando alcune registrazioni binaurali. Il suono del SuperEQ S1 è molto colorato, ma le sibilanti sono più contenute rispetto all’A30 quando si utilizza l’ANC, e mentre ascoltavo una registrazione binaurale, potevo dire dove si trovava ogni cantante, quali strumenti stavano suonando, ma ho notato che con ANC attivo, il suono era più chiaro. Anche la differenziazione dello strumento era buona e questo era ancora più chiaro con una canzone normale (non binaurale). La Bowls from Caribou è stata la canzone perfetta per verificare quanto sono buone le cuffie con canzoni complicate e suonava bene, con una corretta differenziazione tra suoni e strumenti.

La Connessione Wireless

Passando ad altri tipi di brani, ho deciso di verificarne prima alcuni incentrati sui bassi utilizzando la connessione wireless e con l’Ambient Sound attivo. Il suono è decisamente pieno e il basso è un po’ profondo, ma non è incredibilmente basso e vibrante. La rappresentazione del suono dei bassi è chiara, ma non aspettarti troppo. I medi andavano bene, ma sembrava che le voci suonassero un po’ basse, mentre le canzoni degli alti suonavano davvero bene.

supereq-s1

La differenziazione degli strumenti era buona, le voci erano chiare, quindi sì, il rock (e alcune canzoni di basso) suonerà bene sul SuperEQ S1. Vale la pena ricordare che l’Ambient Sound amplificherà leggermente i suoni intorno a te, quindi questi test sono stati effettuati in una stanza abbastanza tranquilla. L’attivazione dell’ANC aiuterà a tenere fuori alcuni dei suoni fastidiosi, ma avrà anche un impatto sulla qualità del suono. Non è allo stesso livello dell’A30, ma i bassi sono un po’ smorzati. Anche le canzoni degli acuti suonavano un po’ più distanti, ma Lateralus di Tool manteneva ancora la stessa tonalità vibrante come con l’Ambient Sound attivato. Ho anche ascoltato Empire of the Sun – Alive per verificare se il sibilo diventa troppo aggressivo per le mie orecchie e fortunatamente non è così male e il SuperEQ è riuscito a mantenere i suoni abbastanza bilanciati a tutte le frequenze.

La Connessione Cablata

Passando alla connessione cablata e, con mia sorpresa, ecco dove le cose sono diventate un po’ strane. Oltre al fatto che non puoi spostarti senza problemi tra cablato e wireless (le cuffie si spengono), c’è una differenza di livello del volume tra la modalità Ambient Sound e la modalità ANC on. Ed è fastidioso doverlo regolare costantemente. La modalità Ambient Sound sarà essenzialmente la stessa della connessione wireless, il che è una buona notizia. Inoltre, di solito c’è una qualità del suono meno impressionante con il Bluetooth, ma non è lo stesso con l’ANC. No, la modalità ‘ANC on’ cablata non è buona poiché ha gli stessi alti aggressivi e bassi smorzati che ho visto sull’A30 (con la connessione wireless e l’ANC attivo), e anche la differenza di volume non aiuta. Quindi, è meglio usare il SuperEQ S1 in modalità wireless, nel modo in cui il produttore molto probabilmente intendeva dal inizio.

supereq-s1

La Qualità delle Chiamate

Mi piace molto quello che OneOdio ha fatto con le sue cuffie in termini di qualità delle chiamate poiché sia l’A70 che l’A30 hanno microfoni dedicati davvero buoni che hanno reso le voci bene come sullo smartphone stesso (usando la modalità altoparlante). Questo sembra essere anche il caso del SuperEQ S1 poiché potevo sentire chiaramente la voce della persona dall’altra parte e, soprattutto, l’altra persona poteva sentire correttamente la mia voce anche se mi trovavo in un’area più affollata. Non è perfetto, ma è di gran lunga migliore rispetto ad altre cuffie nella stessa fascia di prezzo e leggermente superiore.

La Durata della Batteria

Le cuffie SuperEQ S1 hanno una batteria da 380 mAh che non è molto di cui vantarsi, dal momento che OneOdio A70 ha una batteria da 950 mAh e l’A30 è dotato di una batteria da 500 mAh. Anche così, il produttore afferma che l’utente dovrebbe ottenere 40 ore sia con ANC che con Bluetooth, mentre la modalità Bluetooth + Ambientale è impostata per durare fino a 45 ore; infine, il tempo pubblicizzato solo per ANC (su connessione cablata) è di 50 ore. Ho testato principalmente le cuffie con ANC e Bluetooth e no, non ho ottenuto 40 ore, ma circa la metà di quel numero. Con ANC disattivato, potrei spremere 4-5 ore in più. La ricarica dell’S1 da 0 a 100% non richiede più di un paio d’ore.

La Conclusione

Mi aspettavo che le cuffie SuperEQ S1 non fossero molto diverse da OneOdio A30, ma, sebbene condividano chiaramente alcuni elementi comuni, si tratta di due paia di cuffie completamente diverse. Il design è diverso e più focalizzato sulle persone più giovani (soprattutto adolescenti), quindi non ho trovato l’S1 molto comodo, ma potrebbe non essere il caso delle persone con la testa e le orecchie più piccole. La qualità del suono era davvero bilanciata e potevo ascoltare tutti i tipi di musica senza notare alcuni grossi punti deboli. Abbastanza sicuro, l’ANC ha un certo impatto sulla qualità del suono, ma è molto più mite di quello che ho visto su altre cuffie nella stessa fascia di prezzo. E, ad essere onesti, ho trovato che l’ANC sull’S1 funzionava leggermente meglio rispetto all’A30, il che è sicuramente un vantaggio. Detto questo, considerando il loro prezzo, il SuperEQ S1 riesce ad offrire un buon rapporto qualità-prezzo, quindi, se preferisci principalmente usare le tue cuffie in modalità wireless e con ANC attivo (come fa la maggior parte delle persone), allora dovresti assolutamente dare queste cuffie una possibilità.

SuperEQ S1 -
  • 8/10
    Il Design - 8/10
  • 8/10
    La Facilità d'Uso - 8/10
  • 8.3/10
    Qualità del Suono - 8.3/10
  • 6.8/10
    Durata della Batteria - 6.8/10
  • 7/10
    L'Accessibilità - 7/10
7.6/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.