Recensione Cuffie Professionali OneOdio Monitor 60

Le OneOdio Monitor 60 sono alcune delle migliori cuffie che il produttore ha sviluppato finora e cerca di attrarre sia i DJ che gli audiofili (come pubblicizzato sulla confezione). Ciò significa principalmente che sta cercando quel suono neutro, quindi i professionisti possono utilizzare il Monitor 60 in uno studio. Resta da vedere se ce l’ha fata o meno e, anche se non ci sono molti marchi che fanno affermazioni del genere nella fascia di prezzo “sotto i 100 euro”, hai l’AKG Pro Audio K240, il Sony MDR7506 o l’Audio-Technica ATH-M40X per sfidare ogni nuovo arrivato. Detto questo, OneOdio Monitor 60 ha driver da 50 mm che è decisamente promettente, l’impedenza del driver è di 38 Ohm e c’è supporto per cavi da 3,5 mm e 6,35 mm.

oneodio-monitor-60

amazon

VEDI PRODOTTO SU:oneodio

Infatti, un padiglione ha una porta da 3,5 mm, mentre l’altro può connettersi al cavo da 6,35 mm fornito nella confezione e sì, abbiamo a che fare con un paio di cuffie solo cablate, quindi non è disponibile alcuna connessione wireless (Bluetooth). Inoltre, non sono aperti sul retro, a differenza del Monitor 80 che sembra essere attualmente il meglio che OneOdio ha da offrire per i professionisti. Detto questo, diamo un’occhiata a OneOdio Monitor 60 ed eseguiamo alcuni test per vedere se sono davvero adatti sia per i DJ che per il pubblico audiofilo.

La Qualità di Costruzione e Il Design

La prima cosa che ho notato dopo aver preso gli OneOdio Monitor 60 dalla confezione è stata la grandezza di queste cuffie. Soprattutto i cuscini che sono spessi (3 cm), ma sono molto morbidi e sì, c’è l’ecopelle – mi ricordano dei cuscinetti da Sony WH-1000XM3 che sono ancora buoni dopo più di due anni di uso quotidiano (sì, avevo bisogno di quell’ANC). Ciò che mi ha confuso e sembra che abbia dato fastidio anche ad altri è il modo in cui i padiglioni si muovono. Non c’è resistenza e più di una volta ho messo i padiglioni nel modo sbagliato sulla mia testa.

oneodio-monitor-60

Apparentemente il motivo è che i DJ e i mixer potevano facilmente utilizzare un singolo padiglione auricolare, ma OneOdio avrebbe potuto farli muovere un po’ meno liberamente. Il lato posteriore di ciascun padiglione ha un paio di anelli di plastica simili all’acciaio e nel mezzo c’è un’apertura coperta da una griglia e per un momento ho pensato che forse il Monitor 60 fosse effettivamente aperto sul retro. Ma no, è solo un effetto visivo con il logo OneOdio visibile da sotto la griglia. La staffa del paraorecchie è in plastica ed è collegata al cursore con un giunto metallico. La plastica non è davvero eccezionale e non sono del tutto sicuro che sopravviverà per molto tempo.

Anche la Sony ha usato plastica economica sulle sue cuffie ANC di punta e si rompe anche se stai molto attento con loro. Quindi sì, OneOdio avrebbe potuto scegliere qualcosa di più robusto. Il cursore è metallico e abbastanza spesso da sopravvivere a un uso prolungato e l’archetto è rivestito in ecopelle che è molto morbida al tatto e ha un buon spessore per garantire che le cuffie non esercitino troppa pressione sulla testa. Immagino che la plastica sia abbastanza leggera perché OneOdio Monitor 60 pesa solo circa 326 grammi e, mentre li indossavo, li ho trovati abbastanza comodi. C’è un po’ di pressione sulla mascella e, mentre i cuscinetti morbidi attenuano l’impatto, avrai bisogno di una pausa dopo un po’ (2 ore di uso costante era il mio massimo).

oneodio-monitor-60

Gli OneOdio Monitor 60 non ha una batteria interna, quindi non c’è connessione WiFi e quindi non è possibile trovare controlli su nessuno dei due padiglioni. Ma troverai i due jack, il 2,5 mm e il 6,35 mm, uno a sinistra e uno sul padiglione destro. Naturalmente, troverai i due cavi all’interno della confezione: il cavo da 6,35 mm è lungo 3 metri, quindi puoi usarlo facilmente con gli amplificatori. Ma c’è un cavo aggiuntivo che aggiunge alcuni controlli alle cuffie nel caso in cui decidi di utilizzare il Monitor 60 con un laptop, una console o uno smartphone (se ha ancora un jack): puoi principalmente riprodurre o mettere in pausa una traccia. Il cavo ha anche un microfono integrato, quindi puoi rispondere o rifiutare le chiamate, il che è un’aggiunta molto bella.

L’Hardware Interno

Le cuffie OneOdio Monitor 60 sono dotate di driver al neodimio da 50 mm che sono diventati più comuni nel corso degli anni e di solito suonano molto bene. L’impedenza è di 38 Ohm e la sensibilità è valutata a 110+3dB/mW, il che significa che un computer dovrebbe essere sufficiente per pilotare questo paio di cuffie.

oneodio-monitor-60

Ho aperto uno dei due padiglioni per vedere se riesco a identificare quale marca di driver hanno usato, ma, sfortunatamente, non c’erano loghi o nomi di marchi esposti. Come nota a margine, mi è piaciuto che sia molto facile rimuovere e inserire il cuscino, devi solo farlo scorrere nello spazio dedicato e quindi ruotarlo semplicemente – dovresti essere in grado di vedere un piccolo ritaglio dove puoi inserire una porzione del cuscino.

La Qualità del Suono

Come faccio con ogni paio di cuffie o auricolari, ho prima eseguito alcuni test per verificare la qualità dei driver e questo dovrebbe darci un’idea del controllo di qualità del OneOdio Monitor 60. Emettendo un tono ampio, ho notato che c’era un po’ di ronzio, ma niente di troppo drammatico e dopo, ho deciso di controllare se i driver corrispondono (il suono dovrebbe essere percepibile come se fosse nel mezzo della mia testa). La cosa interessante è che ho sentito una leggera deviazione alla frequenza più alta. Successivamente, ho ascoltato una canzone binaurale per avere un’idea del palcoscenico sonoro e dell’immagine. Fin dall’inizio, devo dire che il palcoscenico sonoro è decisamente più ampio rispetto a qualsiasi altra cuffia OneOdio (sì, incluso l’economico A70), quindi sono stato in grado di ascoltare varie cose che non potevo sentire con altre cuffie, come uno scricchiolio del pavimento, la regolazione di una chitarra, colpi di tosse silenziosi.

oneodio-monitor-60

Rispetto alle cuffie della stessa fascia di prezzo, come l’AKG K240, il palcoscenico non è ancora così ampio, quindi non sembra mai davvero di essere lì, accanto al cantante. L’immagine era molto decente dato che potevo dire la posizione di ogni cantante e degli strumenti, ma ho anche notato che la canzone suonava molto brillante, specialmente gli alti, ma controlliamo con altre canzoni per avere un’idea completa di cosa abbiamo a che fare.

Cominciamo con alcune canzoni incentrate sui bassi, come Faded di Zhu che ha molti bassi ed è abbastanza neutro, non potenziato e forse un po’ in sordina, ma dopo aver ascoltato la canzone To the Hills di Laurel, ho notato che il basso a volte diventa molto debole, quasi impercettibile, quindi è sicuramente un po’ attenuato con alcune canzoni. La canzone Morph The Cat di Donald Fagan ha più medio-bassi e suonano bene e incisivi. La canzone Mr Jack dei SOAD ha il basso decentemente definito, ma le voci sembrano avanzare, lasciando gli strumenti molto indietro e a volumi più alti, gli alti diventano fastidiosamente brillanti e la canzone diventa molto impegnata.

oneodio-monitor-60
A sinistra: OneOdio Monitor 60. A destra: AKG K240.

Ho ascoltato la stessa canzone con l’AKG K420 e le voci (i medi) trovano il loro giusto posto e gli strumenti diventano più autorevoli, senza che tutto diventi troppo impegnato (il suono è decisamente più pulito, soprattutto a volumi più alti). La canzone Deja Vu Affair di Sofi Tukker ha mostrato un palcoscenico più stretto (l’AKG K420 sembrava solo un po’ più largo, quindi sembra essere nella natura della canzone – non ho controllato con cuffie che vanno oltre un prezzo accettabile). Il basso suona bene, non troppo amplificato, le voci vengono nuovamente spinte in avanti sui bassi e sugli alti, il che non sarà eccezionale per il missaggio.

Altre canzoni che ho controllato sono state “When The Levee Breaks” dei Led Zeppelin e ho notato che c’era una migliore immagine e sound stage con l’AKG K420. “She Burns” di Vance suonava molto più equilibrato e mi piaceva la differenziazione dello strumento. ‘Uninvited’ di Alanis Morissette mostra che c’è una seria enfasi sulla voce femminile e in questa canzone i medi tolgono l’impatto che la batteria avrebbe avuto (e hanno con altre cuffie). Le ‘Bowls’ di Caribou hanno mostrato che gli strumenti non sono così chiaramente definiti quando succedono molte cose (e questa è più o meno la natura di questa canzone) e che gli alti hanno più enfasi. Sweet Child of Mine dei Guns n Roses e praticamente qualsiasi canzone con Axl Rose ha mostrato che c’è un po’ di enfasi sugli alti, cosa che ho sentito anche con altre canzoni. Non è niente di drammatico, ma, proprio come il focus sulle voci, rende OneOdio Monitor 60 meno neutrale di quanto promesso.

La Conclusione

OneOdio Monitor 60 è un paio di cuffie ambiziose che vogliono essere più adatte ai professionisti, quindi gli ingegneri volevano ottenere una firma sonora neutra. Il medio basso è neutro e il basso profondo è molto vicino al neutro, i medi (soprattutto le voci) sono un po’ troppo in avanti e gli alti sono un po’ energici, anche se niente di troppo drammatico. Quindi, questi sono i suoi vantaggi e svantaggi, e sì, puoi usarli per mixare e fare il DJ, ma non aspettarti che siano perfettamente neutri (o vicini all’ideale). Penso che dovrebbero correggere un po’ i medi in modo che la prossima iterazione possa eclissare i suoi concorrenti nell’attuale fascia di prezzo.

OneOdio Monitor 60 -
  • 7.5/10
    Il Design - 7.5/10
  • 8/10
    La Facilità d'Uso - 8/10
  • 6.7/10
    Qualità del Suono - 6.7/10
  • 7.5/10
    Il Comfort - 7.5/10
  • 8/10
    L'Accessibilità - 8/10
7.5/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

0 thoughts on “Recensione Cuffie Professionali OneOdio Monitor 60

Leave a Reply

Your email address will not be published.