Recensione Cuffie Open-Back OneOdio Monitor 80

Le OneOdio Monitor 80 sono il primo ingresso del produttore nel mercato delle cuffie open-back e hanno fatto del loro meglio per metterle a punto, quindi le cuffie sarebbero adatte per il missaggio e il monitoraggio del suono. Il prezzo suggerisce che potremmo avere a che fare con un paio di cuffie di monitoraggio un po’ entry-level, ma poi di nuovo, le AKG K240 costano meno di $100 (al momento della scrittura) e sono ancora abbastanza buone per il missaggio (privo di basso, ma per il resto ottimo). OneOdio Monitor 80 utilizza driver da 40mm e l’impedenza è di 250Ohm, che è piuttosto alta, suggerendo che non è possibile usarli con qualsiasi tipo di attrezzatura.

oneodio-monitor-80

VEDI PRODOTTO SU:oneodio

Non ho avuto problemi a usare il Monitor 80 con la scheda audio predefinita sul mio PC principale, così come con un MacBook Pro, ma un amplificatore dedicato è probabilmente il migliore. L’alta impedenza suggerisce anche che OneOdio ha preso sul serio il design di apparecchiature professionali e so che la serie Monitor ha guadagnato nuovi membri nel corso degli anni, ma il Monitor 80 si sente diverso.
Ho testato OneOdio Monitor 60 alcuni mesi fa e andavano bene, sfoggiando due porte, una da 3,5 mm e una da 6,35 mm. E sembra che anche OneOdio 80 sia andato con l’approccio a due porte, ma anche i padiglioni non si muovono liberamente (come hanno fatto sul Monitor 60). Quindi, in una certa misura, il produttore ha adottato un approccio leggermente diverso, forse più conservativo e si spera sia riuscito a creare un buon paio di cuffie per il missaggio. Mettiamoli alla prova e scopriamolo.

La Qualità di Costruzione e Il Design

Come ho già detto, OneOdio ha mantenuto alcuni elementi di design delle cuffie Monitor precedenti, quindi l’80 ha un aspetto simile al OneOdio Monitor 60. Le dimensioni delle cuffie sono abbastanza grandi e la plastica è ancora il materiale principale che è stato utilizzato, ma ho notato che il lato posteriore dei padiglioni è circondato da un anello metallico circolare e la griglia non imita un design aperto, no, il OneOdio Monitor 80 è in realtà aperto sul retro, il che è eccellente per la qualità del suono.

oneodio-monitor-80

Ma non tanto per l’uso pubblico, inoltre, queste cuffie sono progettate per il missaggio e il DJing, quindi il suono che esce fuori non è davvero un problema. Il cursore è metallico e puoi regolare le cuffie senza alcuna resistenza e i padiglioni possono ruotare fino a 180 gradi. Un cambiamento importante è che la staffa è più piccola rispetto al Monitor 60, quindi i padiglioni non si muovono liberamente. La forza di serraggio sulle orecchie è leggermente maggiore con OneOdio rispetto all’AKG K240, ma ha comunque un impatto molto inferiore rispetto ai Monitor 60. Sono stato in grado di tenere OneOdio Monitor 80 sulle orecchie per tre o quattro ore senza sperimentare alcun affaticamento o fastidiosi punti di pressione.

E uno dei fattori importanti che aiutano a raggiungere questa esperienza confortevole sono i cuscinetti auricolari in velluto. Si sentono molto morbidi e consentono alle orecchie di respirare molto meglio rispetto alle alternative in finta pelle. Sono presenti anche il jack da 3,5 mm sul padiglione sinistro e il jack da 6,35 mm sul padiglione destro e il motivo è consentire all’utente di collegare in cascata più cuffie, in modo che più utenti possano ascoltare la stessa canzone (ottimo mentre viaggiare con gli amici). L’archetto è molto simile a quello che ho visto su OneOdio Monitor 60, il che significa che è abbastanza spesso e morbido, ricoperto da un materiale in ecopelle.

oneodio-monitor-80

Come avrai già intuito, non ci sono controlli sui padiglioni e non c’è nemmeno la batteria interna, quindi riceverà alimentazione dall’hardware della sorgente audio, tramite il cavo. Anche la connessione WiFi è fuori discussione e nemmeno l’ANC.

L’Hardware Interno

Ho trovato curioso che i OneOdio Monitor 80 siano dotati di driver dinamici da 40 mm, mentre i Monitor 60 avessero driver da 50 mm, ma questo non significa nulla. Ciò che è interessante è l’impedenza molto più alta, 250 Ohm insieme a una sensibilità di 100dB +- 3dB. Ciò significa che i OneOdio Monitor 80 sono abbastanza facili da usare con il hardware comunemente disponibile (un po’ più difficile con gli MP3) e suggerisce anche che le apparecchiature professionali utilizzate dai DJ e dai mixer musicali non faranno esplodere gli altoparlanti. Sono stato in grado di usare i OneOdio Monitor 80 con un MacBook Pro, nonché un PC personalizzato che utilizza un MSI MAG X570 Tomahawk.

oneodio-monitor-80

Anche il produttore dice che se vuoi la migliore qualità del suono, usa un amplificatore. Mi chiedevo se potevo identificare quale tipo di driver utilizzava OneOdio, quindi ho rimosso il cuscinetto auricolare (ruotandolo attraverso l’apposito canale) e poi ho tolto le piccole viti. Ma, come ho visto sui Monitor 60, i componenti di OneOdio Monitor 80 sono privi di segni o loghi.

La Qualità del Suono

Le cuffie OneOdio Monitor 80 sono state progettate per il lavoro in studio, quindi potrebbero non essere eccezionali per l’ascolto di musica occasionale. Lo dico per due ragioni. Innanzitutto, molto probabilmente è necessario disporre di un hardware migliore per usarli correttamente e poi c’è il suono analitico che è stato messo a punto per essere il più piatto possibile. Questo per consentire ai professionisti non solo di capire meglio come è stata costruita una canzone, ma anche di mixarla correttamente. Ciò significa che l’utilizzo di OneOdio Monitor 80 dovrebbe consentire di ascoltare una grande quantità di dettagli. Detto questo, ho iniziato con alcuni test tecnici che analizzano il modo in cui lavorano le cuffie.

Ho ascoltato un tono ampio attraverso varie frequenze per controllare la qualità dei driver e, idealmente, dovrebbe essere chiaro senza ronzio. Il suono era davvero abbastanza pulito con solo un debole ronzio nella gamma di frequenze molto basse. Successivamente, ho verificato se i driver erano abbinati correttamente eseguendo un altro tono ampio e la buona notizia è che il suono sembrava essere posizionato nel mezzo della mia testa, quindi tutto va bene. Successivamente, ho ascoltato una canzone binaurale e mi ha colto di sorpresa. Il suono è molto dettagliato e potevo sentire tutto, scricchiolii del pavimento quando il cantante si spostava leggermente in avanti, il debole cigolio della sedia quando il pianista si muoveva mentre suonava il piano ed è qualcosa che ho sentito anche con altre canzoni (verificheremo più in un minuto).

oneodio-monitor-80

Il palcoscenico sonoro non è incredibilmente ampio, ma è più ampio rispetto ai Monitor 60 e, anche se non potevo dire di aver sentito che mi era stato dato un concerto privato, sembrava che fossi stato spostato proprio accanto al cantante o al strumento (la messa a fuoco si sposterebbe da un soggetto all’altro). La nitidezza del suono è decisamente impressionante per un paio di cuffie economiche, ma ho notato che gli alti sembrano un po’ brillanti. Anche l’immagine è buona poiché non era difficile distinguere gli strumenti, potevo individuare la posizione di ogni cantante e così via. Uso l’AKG K240 Studio da un po’ di tempo ormai come mio driver quotidiano e ho deciso di usarli per un confronto con il OneOdio Monitor 80 (soprattutto perché sono abbastanza vicini in termini di prezzo).

Di solito inizio con alcune canzoni incentrate sui bassi, quindi ho deciso di ascoltare Faded di Zhu e i bassi sono più evidenti su OneOdio Monitor 80 che su AKG K240 (quindi c’è un una leggera spinta sui bassi). Mi sono poi spostato su System Of A Down e, ascoltando Mr Jack, ho notato che c’era una rappresentazione sonora dettagliata, le voci sono leggermente più avanti rispetto all’AKG K240, ma non è sgradevole, anzi, perché il l’immagine sembrava migliore sul Monitor 80. Mentre ascoltavo la canzone Spiders, potevo sentire alcuni suoni specifici che mi mancavano con altre cuffie, ma qui erano messi un po’ più a fuoco; inoltre, la base, ancora una volta, va molto più in profondità dell’AKG K240 che sembrava molto più soddisfacente.

oneodio-monitor-80

Ascoltando Déjà Vu Affair di Sofi Tukker, ho potuto sentire che i bassi erano, ancora una volta, un po’ più profondi rispetto al K240, il che è eccellente per il OneOdio Monitor 80, ma un po’ prevedibile a causa della rappresentazione anemica dei bassi sul AKG. Non fraintendetemi, anche i bassi sono anemici sul Monitor 80, solo un po’ meno.
Sono poi passato a una canzone più incentrata sui bassi medi, Morph The Cat di Donald Fagan e c’era una bella immagine, ma il basso medio sembrava un po’ superficiale. L’ho trovato più incisivo sull’AKG K240 e anche il suono era un po’ più colorato (il suono sul Monitor 80 è nel complesso un po’ più freddo).

Ascoltando il bellissimo Promontory di Trevor Jones, ho potuto sentire ogni strato con precisione e come tutto è stato costruito; inoltre, c’era abbastanza spazio tra strumenti e suoni. Durante l’ascolto di Framganga da Danheim, in realtà ho dovuto mettere in pausa la canzone e controllare se qualcosa si rompeva fuori dalla finestra poiché la riproduzione degli effetti sonori era così accurata. Qualcosa di simile è successo quando ho ascoltato Aurora – The Seed, e perché gli strumenti erano molto chiari e quando è entrato il violoncello ho dovuto metterlo in pausa perché ancora una volta pensavo fosse un suono che proveniva da casa mia e non dalle cuffie. I medi erano molto ben riprodotti, con voci chiare e i bassi non avrebbero avuto alcun impatto sul suono.

oneodio-monitor-80
Fonte: Sito Ufficiale OneOdio.

Passando alle canzoni incentrate sugli acuti, ho ascoltato The Animals – House of Rising Sun e le voci sono diventate un po’ brillanti e hanno perso un po’ di charimento alle note più alte; c’era anche qualche sibilante evidente. Sembrava però riprodotto e non realmente creato. Ascoltando “Guns n Roses – Sweet Child o Mine”, ho notato che le voci non sono così ben sagomate come sull’AKG K240 e c’era una certa quantità di sibilanti, più che con l’AKG K240.

La Conclusione

Ammetto di essere un po’ sorpreso dal OneOdio Monitor 80 perché ero scettico sul fatto che potessero sviluppare un vero paio di cuffie adatte al monitoraggio. Ma, nonostante sia il primo dispositivo del suo genere di questo produttore, OneOdio Monitor 80 è inaspettatamente bilanciato e adatto al missaggio del suono. C’è un po’ più di punch al basso rispetto all’AKG K240, quindi le canzoni incentrate sui bassi suonavano davvero bene, i medi erano eccellenti, ma non mi piacevano molto le canzoni incentrate sugli acuti a causa delle sibilanti. Ma questo è previsto con le cuffie monitor e a questo prezzo. Tutto sommato, OneOdio Monitor 80 ha superato le mie aspettative e penso che siano delle buone cuffie open-back entry-level adatte per il missaggio e per i DJ.

OneOdio Monitor 80 -
  • 8.6/10
    Il Design - 8.6/10
  • 8/10
    La Facilità d'Uso - 8/10
  • 8/10
    Qualità del Suono - 8/10
  • 8.5/10
    Il Comfort - 8.5/10
  • 8.2/10
    L'Accessibilità - 8.2/10
8.3/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.