Recensione DrayTek VigorAP 920RP Punto di Accesso Esterno

Il DrayTek VigorAP 920RP è uno dei tre nuovi access point della serie 920R, appositamente progettato per essere adatto alle condizioni esterne, puntando sull’offerta di una connessione affidabile anche in un ambiente più difficile e sul mantenimento di una copertura decente nonostante eventuali interferenze. Inoltre, mentre il supporto PoE è una aggiunta favorevole sul punto di accesso interno, nell’aperto, diventa obbligatorio, garantendo una distribuzione più semplice che non richiede l’utilizzo di più cavi e nega la necessità di un elettricista per aiutare con l’installazione (invece, puoi usare semplicemente un cavo CAT schermato).

draytek-vigorap-920rp

Ma, oltre alla resistenza alle condizione esterne, la 920RP ha anche implementato la tecnologia MU-MIMO (che supporta due clienti) e può essere adottata all’interno di un software di gestione centralizzato (chiamato VigorACS 2) che significa che può essere monitorato e configurato insieme ad altri punti di accesso e router, quindi, considerando che DrayTek ha fatto un buon lavoro con la sua serie di router dual-WAN, vediamo se VigorAP 920RP è meglio dei suoi concorrenti.
Info: Oltre alla DrayTek VigorAP 920RP, la serie 920R include VigorAP 920RPD, che ha sia una porta PoE Out (per il collegamento di dispositivi aggiuntivi compatibili) sia un’antenna patch e il VigorAP 920R, che è il modello base e manca la seconda porta PoE e l’antenna patch.

Il Design

Il punto di accesso interno (adatto al consumatore o PMI) è solitamente fatta di plastica, ha un design neutro per adattarsi facilmente al resto dell’arredamento (generalmente, viene montato sul soffitto) e manca di qualsiasi antenna esterna. Alcuni di questi dispositivi sono stati adattati per resistere alle condizioni esterne, come nel caso della Open Mesh A60 (e il successore, l’A61) che ha strati protettivi di silicone per assicurarsi che l’acqua e la polvere non siano in grado di compromettere l’hardware interno, ma i punti di accesso wireless dedicati all’esterno sono ancora più robusti, offrono una protezione migliore contro le intemperie e quelli che possono raggiungere molto lontano con il segnale sono dotati di antenne esterne aggiornabili. Il DrayTek VigorAP 920RP rientra in quest’ultima categoria, con un corpo rettangolare fatto di una lega metallica (sul retro) e plastica sul davanti, coperto da una finitura opaca bianca e con due antenne rivolte verso l’alto.

draytek-vigorap-920rp

La parte anteriore è completamente piatta, solo con il logo e il nome del prodotto stampati per rompere la monotonia, mentre la superficie posteriore è coperta da pinne prominenti per aiutare la dissipazione del calore. Dopo aver rimosso il dispositivo dalla scatola, ho potuto sentire che ha un po’ di peso (pesa 1,1 kg) e la sua larghezza è significativamente maggiore rispetto al punto di accesso interno (misura 25.4 x 16.0 x 7.8 centimetri), ma è un cosa normale per l’access point che deve essere abbastanza robusto per resistere alle condizioni esterne dure. A proposito, il DrayTek VigorAP 920RP è certificato IP67, quindi è resistente alla polvere e all’acqua e, come si vede dal rapporto di prova, il punto di accesso è sopravvissuto in ambienti polverosi (8 ore in una camera con polvere di talco) e quando è stato immerso sott’acqua fino a 1 metro per 30 minuti; come bonus, il dispositivo è stato testato con una sonda filo da 1 mm per verificare il livello di protezione da qualsiasi tentativo di accesso a parti pericolose interne.

Inoltre, il dispositivo rimane operativo quando la temperatura oscilla tra -40 a 70° C e quando l’umidità è compresa tra 5 e 95% (senza condensa). Ciò significa che andrà bene durante gli inverni freddi o le estati molto calde e sopravvivrà alle piogge occasionali. Ma, mentre il dispositivo rimane al sicuro nella maggior parte dei casi, il nemico numero uno è il fulmine che può facilmente distruggere il punto di accesso quando è montato su un palo (qualcosa che devi preoccuparti di meno con gli AP interni).

draytek-vigorap-920rp

Per fortuna, DrayTek ha aggiunto un modo semplice per mettere a terra il dispositivo collegando il cavo di massa fornito all’area designata sul lato posteriore dell’AP e ad un’asta di terra. Tuttavia, poiché non esiste un sistema perfetta contro il fulmine, è meglio prendere precauzioni aggiuntive, come un parafulmine dedicato per proteggere il dispositivo nel caso in cui le antenne vengano colpite da un fulmine.

Il VigorAP 920RP dispone anche di una coppia di sensori integrati a cui è possibile accedere dall’interfaccia utente per visualizzare un grafico in tempo reale della temperatura e dell’umidità all’interno della custodia. La maggior parte dei punti di accesso wireless di tipo consumer si concentrano di più sul design e possono trascurare la necessità della gestione corretta del calore. Considerando che il VigorAP 920RP è un punto di accesso esterno, è normale che non ha fori di ventilazione o griglie, ma DrayTek usa la lega di zinco (?) e le pinne per garantire che il dispositivo non si surriscalda e, finora, il dispositivo è rimasto a una temperatura adeguata (quindi, il sistema è molto efficace – l’ho visto implementato anche sulla Zyxel NWA1123-AC HD). Sul fondo del dispositivo ci sono tre grandi aperture, due coperte da copertine nere e la terza copertina è piatta e fatta di plastica trasparente, che espone sei LED e un piccolo pulsante di Reset (devi tenere premuto il pulsante per 10 secondi per riportare il dispositivo alle impostazioni di fabbrica).

draytek-vigorap-920rp

Nel mezzo, sotto la copertura grande, si trova una porta Ethernet Gigabit RJ45 che viene utilizzata per collegare il dispositivo a una fonte di alimentazione (switch o adattatore PoE) e per la connessione a Internet, mentre sotto il secondo coperchio c’è un’altra porta Gigabit Ethernet, ma che è etichettato come PoE Out ed è responsabile del collegamento di un dispositivo aggiuntivo e/o dell’alimentazione (molto probabilmente una telecamera PoE che può essere montata sullo stesso palo – la potenza massima non può superare i 30 watt). I sei piccoli indicatori LED sono accoppiati in due gruppi, ciascun gruppo per una porta Ethernet: il primo LED è per l’Attività (verde lampeggiante indica che il sistema è pronto) e altri due per 2.4G e 5G (il verde fisso indica che il WiFi è pronto e il verde lampeggiante indica che i dati vengono inviati / ricevuti). I LED sono utili quando si configura il dispositivo, ma molto meno dopo averlo installato, soprattutto se posizionato ad alta quota.

L’Hardware

All’interno, la DrayTek VigorAP 920RP è dotato di una SoC IPQIPQ4029 Qualcomm Atheros, 256 MB di RAM Winbond W632GU6MB12I DDR3L, 128 MB di memoria NAND TOSHIBA XH6871 TC58NVGOS3ETAOO / 4 MB memoria flash MXIC MX25L3206E SPI, uno switch chip Qualcomm Atheros QCA8072 1VV PU7139HF U071300 e un controllore PoE IEEE 802.3at TPS23754 74TG4.

draytek-vigorap-920rp

La velocità massima teorica di trasferimento di dati di DrayTek VigorAP 920RP sulla banda a 2.4 GHz è di 400 Mbps e la velocità massima teorica di trasferimento di dati sulla banda radio a 5 GHz è di 867 Mbps, il che rende il dispositivo un punto di accesso wireless di classe AC1300.

L’Installazione e la Prestazione

Per iniziare l’installazione dell’hardware è necessario preparare un cavo Ethernet (preferibilmente CAT schermato), rimuovere il coperchio dalla prima porta LAN (PoE In) e collegare un’estremità del cavo alla porta Ethernet e l’altra a un adattatore PoE o uno switch PoE. Per garantire l’integrità del dispositivo, devi assicurarti di aggiungere ogni parte del coperchio al cavo (la rondella, il corpo, la guarnizione, la pinza di serraggio e il dado di tenuta). Se intendi collegare un dispositivo aggiuntivo (come una telecamera PoE), dovrai seguire lo stesso processo. Per accendere il dispositivo, se il punto di accesso è collegato a un adattatore PoE, devi attaccare un altro cavo alla porta Ethernet libera e a un router o passare attraverso uno switch; per accedere all’interfaccia utente e configurare il dispositivo, puoi connetterti in modalità wireless alla rete o utilizzare la seconda porta PoE per connettere a un computer.

draytek-vigorap-920rp

Nella fase successiva, devi trovare il punto migliore per il punto di accesso e devi prendere il kit di montaggio dallo scatola; noterai che è composto da due parti: puoi scollegare le parti rimuovendo le quattro viti (due su e due verso il basso) e poi, devi collegare la piastra di montaggio sul retro di DrayTek VigorAP 920RP e il resto del kit di montaggio al palo utilizzando le due viti di forma U in dotazione. Successivamente, è necessario ricollegare le due parti utilizzando le quattro viti e, per garantire la protezione del dispositivo, devi prendere il cavo di messa a terra e collegarlo a un’asta di messa a terra. Per testare le prestazioni wireless del VigorAP 920RP, ho preso due computer, uno è un laptop che diventa il server e l’altro è un desktop dotato di una scheda wireless Asus PCE-AC88, che diventa il cliente.

La prima serie di test è stata eseguita in vari punti all’interno della casa, quindi, pur essendo collegato alla rete 5GHz, dal cliente al server, ho misurato una media di 323 Mbps a circa 1.5 metri dal punto di accesso, mentre a 5 metri, la velocità è scesa a 276 Mbps; a 10 metri, sono riuscito a misurare una media di 160 Mbps. Dal server al cliente, a 1.5 metri, ho misurato una media di 273 Mbps, mentre a 5 metri, ho misurato circa 244 Mbps e a 10 metri, la velocità è stata abbastanza simile a quella che ottenevo dal cliente al server a 165 Mbps.

draytek-vigorap-920rp

draytek-vigorap-920rp

Come si può vedere, non ho visto nulla di spettacolare, ma sono impressionato dalla consistenza della velocità da e verso il server. Sulla rete a 2.4 GHz, le cose stanno davvero bene e sono riuscito a misurare una media di 203 Mbps a 1.5 metri dal cliente al server, mentre a 5 metri, la velocità è andata solo leggermente a 198 Mbps; a 10 metri, ho misurato una media di 171 Mbps. Dal server al cliente, ho misurato circa 158 Mbps e ancora una volta, la velocità è rimasta molto costante e ho misurato 157 Mbps a 5 metri; a 10 metri, non ho ottenuto più di 135 Mbps.

Per testare il VigorAP 920RP all’esterno, ho cambiato i due computer (il laptop è diventato il cliente – non stavo per andare con il mio desktop PC e l’UPS intorno al quartiere) e ho portato il laptop con me per vedere qual è la distanza massima a cui potevo ancora vedere il throughput decente tra i due computer (sono stato fortunato dato che gli alberi hanno recentemente perso le foglie). Quindi, stando a circa 21 metri (L1), ho misurato una media di 76 Mbps (-65dBm) sulla rete a 5GHz e una media di 105 Mbps (-56dBm) sulla rete a 2.4GHz. La prossima posizione (L2) era un po’ a sinistra, a 107 metri, e ho misurato circa 38.8 Mbps (-70dBm) sulla rete a 5GHz e 44.8 Mbps (-61db) sulla rete 2.4G. La terza posizione (L3) è più a sinistra, a 173 metri e qui le cose sono diventate un po ‘più difficili (e ho riscontrato alcune disconnessioni): usando la rete 5G, ho misurato una media di 6.69 Mbps (-82dBm) e, usando la rete 2.4G, ho misurato circa 6.10 Mbps (-80dBm).

draytek-vigorap-920rp

draytek-vigorap-920rp

La quarta posizione (L4) è avanti al dispositivo, a circa 95 metri e sulla rete a 5GHz, ho misurato una media di 24.2 Mbps (-73db), mentre sulla rete 2.4G ho misurato circa 46.1 Mbps (-68dBm). Anche la quinta posizione (L5) si trova direttamente davanti al dispositivo, a circa 140 metri e, sulla rete a 5GHz, ho misurato 8.95 Mbps (-77dBm), mentre sulla rete 2.4G ho misurato 27.0 Mbps (-74dBm) . Ovviamente, questa è la distanza massima per il segnale a 5 GHz, quindi sono andato alla sesta posizione (L6) solo con la rete a 2.4 GHz e ho misurato una media di 7.55 Mbps a 198 metri.

La Configurazione e Il Software

Come impostazione predefinita, è possibile accedere all’UI della DrayTek VigorAP 920RP immediatamente dopo aver acceso il dispositivo collegandosi a uno dei due SSID predefiniti disponibili (la password è scritta su un’etichetta dal lato del punto di accesso) e, una volta entrato all’interfaccia utente, suggerisco di cambiare immediatamente il nome utente e la password andando su Gestione Sistema e Password di amministrazione. L’interfaccia utente predefinita non è davvero impressionante, ma ha tutte le opzioni necessarie disposte nel menu a sinistra. La prima opzione di accesso è la procedura Guidata di Avvio Rapido, che ti aiuta a configurare rapidamente le impostazioni principali del tuo AP e poi, c’è lo Stato Online che, come suggerisce il nome, mostra alcune informazioni sullo stato del sistema.

draytek-vigorap-920rp

Poi, c’è la Modalità Operativa (dove puoi scegliere tra AP, AP Bridge-Point to Point / Multi-Point, AP Bridge-WDS o Ripetitore Universale sulla rete a 2.4 GHz o tra AP e Ripetitore Universale sulla rete a 5 GHz), la configurazione LAN (l’IP della rete e la configurazione del server DHCP + la gestione del VLAN e il controllo di base della porta (Disabilita / Abilita)) e la Gestione Generale dell’AP (include l’abilitazione del Provisioning Automatico, la visualizzazione del Registro, la creazione della Lista Nera per i dispositivi che verranno dissociati o puoi visualizzare lo stato delle impostazioni).

Sotto, c’è la configurazione Wireless LAN (2.4GHz), dove è possibile modificare le impostazioni di base (è possibile creare fino a 4 SSID che possono essere isolati o taggati con un ID VLAN), modificare la sicurezza per ogni SSID, filtrare usando gli indirizzi MAC, abilitare l’WPS, utilizzare AP Discovery per cercare nuovi punti di accesso, abilitare WMM / APSD, impostare limiti di larghezza di banda (limiti di upload / download), abilitare Airtime Fairness (che assicura che i nuovi dispositivi non siano rallentati da quelli che utilizzano gli standard WiFi più vecchi), abilitare lo Station Control (consente di impostare un periodo specifico di tempo in cui il cliente può connettersi all’AP), abilitare il Fast Roaming (802.1x), configurare i parametri per il Roaming Client, visualizzare l’Elenco delle Stazioni o abilitare e configurare il Band Steering.

Le impostazioni Wireless LAN 5GHz sono simili, ma il menu non ha l’opzione Band Steering. Altre sezioni includono l’impostazione RADIUS, le Applicazioni (qui puoi abilitare la possibilità di mantenere connessi i dispositivi Apple iOS inviando pacchetti ogni pochi secondi o configurare la sezione Sensori), la Gestione dei Dispositivi Mobili, la Diagnostica e la Manutenzione del Sistema (qui puoi configurare la connessione al controllore ACS, creare backup, abilitare l’agente SNMP / SNMPv3, riavviare il sistema o aggiornare il firmware – ho dovuto aggiornare il firmware manualmente (l’ho scaricato dal sito web ufficiale)).

Oltre all’interfaccia predefinita, DrayTek offre un software di gestione centralizzato chiamato VigorACS 2 che non può essere scaricato direttamente dal sito web ufficiale, ma deve essere richiesto tramite l’email (è un processo rapido in cui è necessario inserire le credenziali e il numero di serie del punto di accesso). Una volta ricevuto e scaricato il software, è necessario seguire questa guida: https://www.draytek.com/en/faq/faq-vigoracs-si/vigoracs-2/how-to-install-vigoracs-2-on-windows/ per installarlo correttamente: dopo aver installato OpenJDK e MariaDB (due prerequisiti – assicurarsi di ricordare la password di root del database), è necessario eseguire setup.exe dal folder ACS e selezionare tra Locale o Remoto (per il test, ho scelto il primo).

draytek-vigorap-920rp

Dopo aver installato tutto, per accedere all’interfaccia VigorACS 2, è necessario aprire un nuovo browser e, se vuoi configurare l’AP localmente, devi andare a ‘localhost:numero-di-porta’ e inserire il nome utente e password (per impostazione predefinita, è root e admin123). Successivamente, devi creare un nuovo account MyVigor e, una volta ottenuto l’accesso all’interfaccia utente, devi selezionare un nuovo Nickname per il tuo dispositivo. Il VigorACS 2 può essere utilizzato in modalità di prova per un mese e puoi devi acquistare licenze annuali dal rivenditore locale.

Per adottare l’AP su VigorACS 2, è necessario andare su TR-069 (nel Mantenimento del Sistema) e inserire l’URL dell’ACS, nonché il nome utente e la password di rete (reperibili nella Gestione di Rete > Rete Principale) e, nelle Impostazioni CPE, assicurati di abilitare questa opzione e controllare se la Porta, l’Username e la Password sono corretti. Se tutto è impostato correttamente, quando fai clic su ‘Test With Inform’, il piccolo cerchio rosso dovrebbe diventare verde e, nell’interfaccia VigorACS 2, dovrebbe essere visualizzato il punto di accesso. Il controllore mostra la Panoramica della Rete, la posizione sulla Mappa, i Clienti Attivi e il traffico sul Dashboard; è inoltre possibile visualizzare Statistiche dettagliate su specifici periodi di tempo, visitare la sezione Monitoraggio per impostare gli allarmi, visualizzare i Clienti connessi, l’utilizzo dei dati LTE o identificare gli AP non autorizzati. Sotto la Configurazione, è possibile creare una VPN (PPTP, IPsec, L2TP, SSL o Personalizzata) o impostare un Profilo AP.

draytek-vigorap-920rp

Sotto la sezione del menu Sistema, puoi monitorare e configurare gli strumenti di Manutenzione (utile per creare i backup, ripristinare i dati, aggiornare il firmware, riavviare il dispositivo, reimpostare la password del sistema e altro), visualizzare i Report, configurare l’area di Provisioning (include la Rete e i Dispositivi, l’Impostazione del CPE e il mantenimento dei parametri), modificare la Gestione della Rete, configurare il Sistema (i Parametri generali, la Lingua, il Server di Monitoraggio Esterno, Bloccare l’Host, Caricare il Numero di Serie, inserire la Chiave dell’API JavaScript di Google Maps e altro) e l’area Utente, dove è possibile gestire gli utenti indipendentemente o al gruppo, abilitare il Server di Autenticazione Esterna, abilitare il Mail, l’SMS e il Server SNMP o configurare la Gestione delle Funzioni o il Wholesale Wizard.

La Conclusione

Per molto tempo, il punto di accesso esterno è stato considerato un prodotto di nicchia, ma una connessione WiFi stabile non è ormai solo una necessità all’interno della casa e le persone vogliono usare i loro dispositivi wireless nella loro cortile o vicino alla piscina. Ed è qui che i dispositivi come il DrayTek VigorAP 920RP diventano molto utili, offrendo un segnale WiFi stabile su entrambe le reti 2.4 e 5GHz (sebbene il throughput non sia il più forte, il segnale raggiunge davvero molto lontano), un’interfaccia utente facile da usare (anche come l’opzione di utilizzare un software centralizzato a pagamento) e il dispositivo è progettato per sopravvivere alle condizioni esterne.

Articoli Simili

  • 8.5/10
    Il Design - 8.5/10
  • 7.8/10
    L'Accessibilità - 7.8/10
  • 9/10
    Le Prestazioni Wireless - 9/10
  • 9.3/10
    La Configurabilità - 9.3/10
  • 7.5/10
    La Facilità d'Uso - 7.5/10
8.4/10

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *