Recensione EnGenius ECW220 Access Point WiFi 6

EnGenius ECW220 è il secondo access point WiFi 6 della serie Cloud Managed progettato per l’uso in interni e sì, è meno equipaggiato rispetto al modello attuale di punta, l’ECW230, ma non è solo un modello ridotto. Affatto. Abbiamo a che fare con un punto di accesso wireless molto più compatto (che ha mantenuto lo stesso aspetto accattivante dell’ECW230) e richiede meno energia dallo switch (o dall’adattatore PoE). Tutto il resto è molto simile all’altro modello della serie, quindi otteniamo OFDMA (sia uplink che downlink) e TWT, c’è MU-MIMO che è stato declassato a 2×2:2 e la porta 2.5GbE sull’ECW230 è stata sostituita da una porta Ethernet da 1 Gbps. Anche l’hardware interno è leggermente modificato, dal momento che otteniamo meno spazio di archiviazione flash e c’è un piccolo downgrade nel reparto dei chip WiFi.

engenius-ecw220

VEDI PRODOTTO SU: engenius

amazon

Anche così, l’EnGenius ECW220 dovrebbe essere più che in grado di coprire una vasta area con WiFi e di gestire più clienti wireless senza problemi (soprattutto perché ha la stessa quantità di RAM dell’ECW230). L’esperienza software sarà la stessa degli altri punti di accesso gestiti dal Cloud di EnGenius, il che significa che l’utilità stand-alone è molto semplice, quindi l’ECW220 dovrà essere adottato nella piattaforma EnGenius Cloud. In questo modo, sarai in grado di monitorare e configurare facilmente il punto di accesso insieme ad altri molteplici tipi di hardware EnGenius. Ciò significa che il pubblico di destinazione sarà costituito principalmente dalle PMI e forse da alcuni appassionati di tecnologia domestica, quindi, senza ulteriori indugi, mettiamo alla prova l’ECW220.
Info: Il punto di accesso che ho ottenuto per il test è l’ECW220v2 e, rispetto alla prima versione, EnGenius afferma che la variante più recente ha ricevuto più memoria.

Il Design e la Qualità Costruttiva

L’EnGenius ECW220 è essenzialmente una versione più piccola dell’ECW230, quindi presenta una custodia rettangolare di forma simile con angoli arrotondati. Inoltre la sezione superiore è realizzata in plastica ABS, mentre la parte inferiore è in lega metallica e ciò che è interessante è che nonostante abbia un tipo di hardware interno molto simile a quello del fratello maggiore, l’ECW220 non è più ingombrante. Quindi sì, l’access point ha mantenuto un profilo sottile e, a 16.0 x 16.0 x 3.3 centimetri, rivaleggia con la natura compatta dell’Ubiquiti nanoHD che è impressionante per un dispositivo WiFi 6.

engenius-ecw220

Se abbiniamo la parte superiore in plastica dura con la sezione inferiore in metallo, sembra che l’ECW220 abbia un aspetto premium, soprattutto grazie al design minimalista. Non c’è nient’altro che un logo grigio e la banda LED stretta, quindi il dispositivo si fonderà facilmente con un soffitto ed è chiaro che l’ECW220, così come l’ECW230 rimangono alcuni dei punti di accesso meglio progettati del mercato, inclusi entrambi dispositivi WiFi 5 e WiFi 6.
Ma essere compatto di solito significa che il dispositivo avrà più problemi a tenere sotto controllo la temperatura interna. È vero che l’EnGenius ECW220 può diventare caldo sulla parte metallica della custodia, ma questo perché il produttore spinge il calore dal chipset direttamente verso l’involucro utilizzando un pad termico.

Quindi, anche se la parte inferiore dell’access point sarà calda, ciò non significa che il dispositivo abbia difficoltà a gestire l’aumento della temperatura. L’ECW220 è stato progettato per essere montato a soffitto, quindi ha un paio di orecchie di montaggio che sporgono dal fondo della custodia e all’interno della confezione, ci sono un paio di staffe di montaggio che puoi far scorrere tra le suddette orecchie o puoi semplicemente fissare l’AP a una parete facendo affidamento solo su un paio di viti.

engenius-ecw220
Mi piace che EnGenius non abbia ceduto all’approccio a LED singolo che molti dispositivi sembrano preferire oggi (potrebbero anche non avere alcun LED), quindi, all’interno della banda stretta, l’ECW220 ha quattro LED, il primo è il LED di alimentazione (lampeggerà in arancione in attesa di essere abbinato alla piattaforma Cloud e diventerà arancione fisso dopo averlo abbinato), seguito dal LED LAN, dal LED a 2,4 GHz e dal LED a 5 GHz, tutti blu.

I LED possono essere molto luminosi, nonostante l’apertura stretta, ma hai la possibilità di spegnere tutti o singoli LED dalla piattaforma di gestione del Cloud. Tornando alla parte inferiore dell’access point WiFi 6, ha la stessa area intagliata dell’ECW230 e al suo interno c’è un pulsante Reset incassato (premi e tieni premuto per 10 secondi per riportare il dispositivo alle impostazioni di fabbrica), una porta di alimentazione DC 12V e una porta LAN.

engenius-ecw220
La porta LAN Gigabit supporta lo standard PoE 802.3af e richiede fino a 12,8W di potenza, quindi l’AP può essere utilizzato con la maggior parte degli switch PoE sul mercato, anche quelli più economici. C’è, ovviamente, la possibilità di accendere semplicemente il dispositivo usando un adattatore di alimentazione, ma tieni presente che non ce n’è uno nel pacchetto (né uno Ethernet, che ho trovato un po’ strano). Infine, c’è un piccolo slot Kensington vicino all’area delle porte.

L’Hardware Interno

Per aprire il punto di accesso, è necessario rimuovere le quattro viti dal lato posteriore della custodia (non c’è un adesivo di annullamento della garanzia) e quindi far scorrere semplicemente verso l’alto la sezione superiore in plastica. In questo modo, hai una buona visuale del PCB con le quattro antenne collegate alla parte metallica della custodia. Questo lato del PCB non ha nulla che ci interessi, quindi ho rimosso le due viti e ho capovolto la scheda. I componenti principali hanno coperture in alluminio e tra la custodia e la parte metallica, c’è un pad termoconduttivo per aiutare a dissipare il calore e mantenere una corretta temperatura interna (come ho detto nella sezione precedente, questo è il motivo per cui il fondo del il dispositivo è solitamente caldo).

engenius-ecw220

Detto questo, dopo aver rimosso ogni copertura metallica, sono stato in grado di identificare una CPU quad-core Qualcomm IPQ6010 con il clock a 1GHz (4x ARM Cortex A53), 128 MB di memoria flash da MXIC (X204407 MX30UF1G18AC-XKI), 512 MB di RAM da Nanya (2x NT5CC256M16ER-EK), un MPSM44 MP5496, un trasformatore LAN HN2463G e un raddrizzatore di potenza a commutazione MBRB20100CT. Per quanto riguarda le prestazioni WiFi, l’EnGenius ECW220 utilizza il Qualcomm Atheros IPQ8072A (QCN5021 FE109T4V) 802.11b/g/n/ax 2×2:2 per la banda radio a 2,4 GHz e il Qualcomm Atheros IPQ8072A (QCN5052 FE049FCK) 802.11a/n/ac /ax 2×2:2 per la banda radio a 5GHz.
Info: EnGenius ECW220 è un access point wireless di classe AX1775 e la velocità di trasferimento dati teorica massima sulla radio a 2,4 GHz è 574 Mbps, mentre su 5 GHz è di 1200 Mbps.

La Funzionalità e il Test Wireless

In termini di funzionalità wireless, l’EnGenius ECW220 non differisce molto dall’ECW230, entrambi i punti di accesso wireless utilizzano OFDMA, MU-MIMO (2×2 vs 4×4 del modello WiFi 6 meglio equipaggiato) e BeamForming. La tecnologia OFDMA (Orthogonal Frequency-Division Multiple Access) è stata al centro del nuovo standard 802.11ax e per una buona ragione poiché offre i mezzi per stabilire il trasferimento di dati simultaneo con più clienti. Per essere più precisi, OFDMA divide la larghezza di banda del canale in sottoportanti più piccoli che possono differire per dimensioni e, in questo modo, i pacchetti di dati possono essere trasmessi più velocemente e in modo più efficiente (l’efficienza si vede meglio con pacchetti di dati più piccoli). Il MU-MIMO è lo stesso dello standard WiFi 5, quindi promette ancora di servire più di un dispositivo cliente contemporaneamente (quelli compatibili), invece di utilizzare l’approccio round-robin.

engenius-ecw220

La tecnologia BeamForming viene utilizzata per migliorare le prestazioni wireless focalizzando il segnale direttamente verso i clienti invece di trasmetterlo ovunque nella speranza che raggiunga i dispositivi. L’EnGenius ECW220 supporta anche la modulazione 1024-QAM, ma la larghezza di banda del canale è limitata a 80MHz, proprio come sull’ECW230, il che va bene per la maggior parte degli utenti. Infine, vale la pena ricordare che il punto di accesso può funzionare come nodo mesh in una rete mesh, quindi sì, è possibile coprire aree difficili con punti di accesso che si comporranno come un’unica entità, ottimizzando i percorsi e riorganizzando l’intera infrastruttura in caso un nodo fallisce o se un nuovo nodo viene aggiunto alla rete.

Per testare le prestazioni wireless dell’EnGenius ECW220, ho collegato l’access point a uno switch PoE (TRENDnet TPE-LG80), che a sua volta era connesso al router (un Asus RT-AX86U). Successivamente, ho collegato un computer server allo switch Ethernet e ho preso un dispositivo cliente WiFi 6 (Intel AX200) che ho collegato in modalità wireless alla rete a 5 GHz (80 MHz, OFDMA attivo).

engenius-ecw220

Questa configurazione era necessaria perché l’ECW220 ha una singola porta Ethernet. Detto questo, dal cliente al server, ho visto una media di 746 Mbps a 1.5 metri e una media di 337 Mbps a 5 metri; andando più lontano a 10 metri, ho misurato circa 215Mbps e, a 15 metri, ho visto una media di 154,4Mbps. Dal server al cliente, ho misurato una media di 462 Mbps a 1.5 metri e una media di 92,1 Mbps a 15 metri. Successivamente, sono passato alla rete a 2,4 Ghz (40 MHz) e, dal cliente al server, ho misurato una media di 125Mbps a 1.5 metri e una media di 55,5Mbps a 15 metri. Dal server al cliente, ho visto una media di 110,6Mbps a 1.5 metri e una media di 33,9Mbps a 15 metri.

Nel passaggio successivo, ho collegato un dispositivo cliente WiFi 5 (dotato di una scheda WiFi Intel 8265) alla rete a 5 GHz e, dal cliente al server, ho visto una media di 561Mbps a 1.5 metri, mentre, a 5 metri, è scesa a 208Mbps. A 15 piedi, ho visto una media di 111Mbps. Dal server al cliente, il punto di accesso ha fornito una media di 367Mbps a 1.5 metri e una media di 50,1Mbps a 15 metri. Infine, ho collegato il dispositivo cliente alla rete a 2,4 GHz e, dal cliente al server, ho visto una media di 165Mbps a 1.5 metri e una media di 56,6Mbps a 15 metri.

engenius-ecw220
Dal server al cliente, ho misurato una media di 157Mbps a 1.5 metri e una media di 24,3Mbps a 15 metri. Poiché c’è una singola porta Ethernet, significa che non posso testare le prestazioni da LAN a LAN e, considerando che si tratta di un punto di accesso montato a soffitto, l’EnGenius ECW220 non ha una porta USB – questo significa che nemmeno il test delle prestazioni di archiviazione.

La Configurazione e il Software

Dopo aver collegato l’EnGenius ECW220 a una fonte di alimentazione, PoE o utilizzando un adattatore di alimentazione (oltre a un cavo Ethernet al router), devi essere in grado di accedere all’utility web standalone per controllare lo stato della rete e per eseguire alcune modifiche minime alla configurazione. Ma tieni presente che questo non è un punto di accesso ibrido, quindi le funzionalità previste si troveranno solo nella piattaforma Cloud. In ogni caso, se vuoi ancora controllare almeno la GUI autonoma, cerca l’indirizzo IP che l’ECW220 ha ricevuto dal router (dall’interfaccia del router) e inserisci quell’indirizzo nella barra dell’URL. Ti verrà chiesto di inserire il nome utente e la password che sono admin e admin e poi, dopo aver cambiato la password, potrai effettuare il roaming dell’interfaccia.

engenius-ecw220

La prima finestra è lo Stato del dispositivo che mostrerà varie informazioni sul punto di accesso e lo stato della connessione. Successivamente, c’è l’impostazione locale in cui è possibile impostare un IP statico, abilitare STP, eseguire una configurazione VLAN di base o abilitare il proxy HTTP/HTTPS.

Ovviamente, il motivo per cui hai acquistato questo dispositivo (o intendi farlo) è la piattaforma di gestione Cloud e, per adottare l’ECW220, devi prima andare su cloud.engenius.ai/ezm/dashboard e accedere a un account esistente (come ho fatto io) o creare un nuovo account. Successivamente, puoi creare un’organizzazione e una rete, se non vuoi aggiungere l’AP a uno esistente. Fatto ciò, vai su Organizzazione > Inventario e licenza e fai clic su Registra dispositivo. A questo punto, hai due scelte, inserire manualmente il numero di serie o scaricare l’app mobile e aggiungere lì il dispositivo. Ho scelto il primo e, dopo aver registrato l’EnGenius ECW220, l’ho selezionato e ho cliccato su Assign Device to Network.

engenius-ecw220

Ecco fatto, il punto di accesso ora fa parte della tua rete, quindi è possibile iniziare a configurarlo. Poiché abbiamo a che fare con un AP cloud, dovresti essere in grado di modificare le impostazioni relative solo all’ECW220 oppure puoi eseguire il push della configurazione generale, già impostata, disponibile per tutti i punti di accesso appena aggiunti. Per controllare questa configurazione, vai su Configura e seleziona SSID.
Qui puoi creare nuovi SSID e impostare la radio, la sicurezza, impostare la VLAN, abilitare l’isolamento L2, il cambio di banda e altro ancora. Inoltre, puoi configurare il Bandwidth Limit (un tipo di QoS con pre-impostazioni a seconda del tipo di applicazione), abilitare il Captive Portal e la Splash Page (il tipo di autenticazione: include EnGenius Authentication, RADIUS, Voucher, Social Login, Facebook e autenticazioni Google), impostare Pianifica l’accesso o impostare l’Elenco criteri bloccati e l’Elenco VIP.

Oltre all’SSID, dovresti andare alle Impostazioni radio e qui hai la possibilità di creare profili WiFi interni ed esterni: puoi impostare il canale, la potenza TX, il limite del cliente, la mesh, il bilanciamento del cliente e altro. Queste impostazioni possono essere applicate a qualsiasi punto di accesso appena aggiunto, ma ciò non accade per impostazione predefinita, sarà necessario andare su Gestisci > Punti di accesso, identificare l’ECW220 e quindi fare clic su Dettagli. In questo modo verrai indirizzato alla pagina dedicata dell’AP, dove potrai abilitare gli SSID impostati da Riepilogo.

engenius-ecw220

In questa pagina, puoi anche vedere varie informazioni di stato, alcuni Realtime Meter, abilitare Mesh, impostare l’assegnazione IP e controllare i Clienti collegati. EnGenius ha inoltre reso disponibile un’applicazione mobile dove è possibile accedere alla piattaforma Cloud e presenta un layout simile all’interfaccia bassata su web, la Dashboard che mostra la mappa della rete, i dispositivi adottati sulla piattaforma, il Throughput e altro. Sotto Dispositivi, puoi trovare EnGenius ECW220 e, facendo clic su di esso, verrai indirizzato essenzialmente alla stessa pagina dedicata come faresti sulla GUI basata sul web. Infine, hai anche la possibilità di configurare le impostazioni generali che possono essere inviate a più di un dispositivo EnGenius connesso. Quindi, nel complesso, l’app è molto versatile e offre un pacchetto di funzionalità molto simile alla GUI basata sul Web, quindi è un ottimo modo per monitorare e configurare la rete quando non si ha accesso ad un terminale più grande.

La Conclusione

Nonostante sia meno equipaggiato dell’ECW230, l’EnGenius ECW220 è un’ottima opzione sia per le PMI che per gli utenti domestici che potrebbero voler provare qualcosa di diverso dal hardware orientato al consumatore. L’access point è più piccolo e compatto, pur conservando tutto ciò che ha reso l’ECW230 uno dei migliori access point in circolazione. L’esperienza con la piattaforma Cloud è altrettanto eccezionale e sì, le prestazioni wireless saranno un po’ meno impressionanti, ma l’ECW220 si comporta ancora abbastanza bene sia con i dispositivi cliente WiFi 5 che WiFi 6. Quindi, senza dubbio, vale la pena prenderlo in considerazione se sei nel mercato per questo tipo di dispositivo.

EnGenius ECW220 -
  • 9.2/10
    Il Design - 9.2/10
  • 8/10
    La Facilità d'Uso - 8/10
  • 9/10
    La Configurabilità - 9/10
  • 7.5/10
    L'Accessibilità - 7.5/10
  • 8/10
    Le Prestazioni Wireless - 8/10
8.3/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *