Recensione EnGenius EWS850AP Punto di Accesso Esterno

L’EnGenius EWS850AP è uno dei pochi access point WiFi 6 da esterno disponibili (per ora), dotato della maggior parte delle funzionalità previste, come il supporto per la modulazione 1024-QAM, l’OFDMA, una porta da 2,5 GbE e c’è anche BSS Coloring, oltre a TWT (per dispositivi IoT). Allo stesso tempo, la larghezza del canale arriva fino a 80 MHz e c’è solo il supporto per MU-MIMO 2×2, che è un passo indietro rispetto alle capacità dell’EnGenius ECW230. Ma la domanda è se questi nuovi miglioramenti avranno effettivamente un impatto significativo su un punto di accesso wireless all’aperto. E la risposta è ovviamente sì, ma solo se vengono soddisfatte alcune condizioni. È vero che tecnicamente non si può superare il livello di potenza di uscita consentito, ma questo non significa che non puoi ottenere prestazioni di gran lunga migliori nella stessa posizione facendo affidamento sulle tecnologie WiFi 6 disponibile.

engenius-ews850ap

VEDI PRODOTTO SU:
engenius

amazon

In effetti, la combinazione tra la porta 2.5GbE e alcune delle suddette funzionalità dovrebbero garantire una connessione più stabile più lontano dal punto di accesso e, si spera, anche un throughput migliore, ma lo metteremo alla prova tra un minuto. Inoltre, vale la pena notare che il produttore sembra essersi assicurato che l’EnGenius EWS850AP sia abbastanza robusto da sopravvivere al montaggio all’aperto, qualcosa che è stato uno standard per l’intera serie di AP per esterni, quindi diamo un’occhiata al punto di accesso WiFi 6 per vedere le sue prestazioni.

Il Design e la Qualità Costruttiva

EnGenius EWS850AP ha seguito l’aspetto minimalista degli altri punti di accesso wireless esterni, quindi aspettati una custodia rettangolare coperta da una finitura opaca bianca e molte antenne esterne: nel nostro caso, ce ne sono quattro, due sul lato superiore e due sul lato inferiore. La parte anteriore del dispositivo è realizzata in plastica spessa e dura, mentre la parte posteriore è metallica. Il punto di accesso è anche classificato IP67, il che significa che è completamente protetto dalla polvere, anche contro quelle particelle più fini e apparentemente puoi anche immergerlo sott’acqua fino a 1 metro per 20 minuti. Si prega di non mettere il punto di accesso in acqua e di capire che un forte temporale non danneggerà in alcun modo l’EnGenius EWS850AP.

engenius-ews850ap

Inoltre, la temperatura alla quale il dispositivo rimarrà operativo varia tra -20°C a 60°C che copre sia gli inverni più freddi che le estati calde. Il dispositivo (senza antenne) misura 19.0 x 12.4 x 4.7 centimetri, quindi non è davvero l’AP più compatto in circolazione: dopo aver aggiunto le quattro antenne, il dispositivo occuperà facilmente metà del tavolo. Quindi è un bene che sia stato realizzato per essere montato all’aperto e infatti, all’interno della confezione, si ottiene una piastra di montaggio abbastanza interessante (sembra essere in acciaio) che può essere fissata a varie superfici. È possibile utilizzare le due cinghie per montare l’EWS850AP su un palo (può essere posizionato verticalmente o orizzontalmente) oppure è possibile fissare la staffa su una superficie piana utilizzando le viti fornite. Sul lato posteriore dell’access point noterai quattro fori per il fissaggio della staffa di montaggio e sembra che il produttore abbia messo in atto un sistema interessante. È necessario prima rimuovere la vite accanto a una delle quattro sporgenze, inserire l’AP nella staffa e quindi rimettere la vite per assicurarsi che l’EWS850AP non scivoli fuori.

Sempre nella sezione posteriore, la custodia ha un modo per inserire un filo di terra e il cavo e la vite all’interno sono fornite nella confezione. L’access point ha anche una protezione EDS (fino a 4KV a contatto e fino a 8KV in aria), oltre a una protezione contro le sovratensioni fino a 1KV. Come dicevo prima, la custodia è molto minimalista, solo con il logo sulla parte anteriore, ma ci sono quattro LED sul lato del dispositivo che puoi consultare per controllare lo stato dell’AP.

engenius-ews850ap

Il primo è il LED di alimentazione, seguito dal LED LAN (lampeggerà in ambra se vengono trasferiti i dati su una connessione a 2,5 Gbps e lampeggerà in verde quando la connessione viene effettuata a 1 Gbps o 100 Mbps), un LED per la rete a 2,4 GHz e una per la rete a 5 GHz (entrambe lampeggeranno quando i dati vengono trasferiti mentre il cliente è connesso). Nella parte inferiore dell’access point wireless, tra le due antenne, noterai una manopola nera che puoi svitare per rivelare un sigillo in silicone per il cavo Ethernet e una singola porta PoE da 2.5GbE (802.3af/at) e non sembra richiedere uno switch PoE Ethernet potente per mantenerlo in vita (ma ho usato comunque lo Zyxel XS1930-12HP). Non c’è altro modo per accendere questo punto di accesso, ad eccezione di PoE, ma, per fortuna, EnGenius ha aggiunto un adattatore PoE (48V-54V) all’interno del pacchetto. L’adattatore ha due fori per consentirti di montarlo su una parete, oltre a un pulsante di ripristino, ma è limitato a 1 Gbps, il che significa che se vuoi utilizzare la piena potenza dell’EWS850AP, devi comunque usare uno Switch PoE.

L’Hardware Interno

Come con quasi tutti i dispositivi elettronici, tieni presente che l’apertura della custodia molto probabilmente porterà all’annullamento della garanzia, ma, se ti va bene, il processo di smontaggio è abbastanza semplice. L’EnGenius EWS850AP ha 11 viti sul lato posteriore che devi rimuovere e quindi dovrai usare delle pinze per staccare la sezione di plastica da quella metallica. Noterai subito la fascia in silicone che gira intorno alla parte in lega di magnesio (?) ed è inserita nella sezione plastica, così come i tre tamponi termici che sono attaccati ad alcune porzioni sporgenti che dovrebbero entrare in contatto con i chipset che producono il più calore.

engenius-ews850ap

Sono presenti anche le quattro antenne collegate al PCB e, dopo aver rimosso i piccoli involucri metallici e i pad termici aggiuntivi, ho potuto vedere il SoC Qualcomm IPQ6010 HE031COC (Qualcomm® Networking Pro 400), un ricetrasmettitore PHY Ethernet Qualcomm QCA8081, 2x 512MB RAM da Nanya (2010 NT5CC256M16ER-EK 947516W0EF), 128 MB di memoria di archiviazione da MXIC (X200607 MX30UF1G18AC-XKI) e un raddrizzatore di alimentazione LS08 MBRB20100CT. Inoltre, il punto di accesso esterno si basa sul chip Qualcomm QCN5021 (FE025RLM) 802.11b/g/n+ax 2×2:2 per la banda a 2,4 GHz e sul chip Qualcomm QCN5052 FE025RLF 802.11ac+ax 2×2:2 (insieme a un paio di moduli altamente integrati SKY85747-11) per la banda 5GHz. Ho rimosso le quattro viti dalla scheda e l’ho alzata un po’ per controllare il lato inferiore – qui ho trovato il CI di interfaccia CEU11P10.

L’EnGenius EWS850AP può essere considerato un dispositivo di rete di classe AX1800, il che significa che presenta una velocità di trasferimento di dati teorica massima di 1,201 Mbps sulla banda da 5 GHz e una velocità di trasferimento di dati teorica massima di 574 Mbps sulla banda da 2,4 GHz.

Le Caratteristiche Principali

Sono riuscito a controllare un paio di access point WiFi 6 ben attrezzati, l’EnGenius ECW230 e lo Zyxel WAX650S, entrambi adatti per interni e una caratteristica comune era l’uso di una porta multi-Gigabit. Ho già detto che EnGenius EWS850AP ha una porta 2.5GbE e il punto di accesso wireless esterno tiene anche il passo con i summenzionati AP WiFi 6 offrendo OFDMA (Orthogonal frequency-division accesso multiplo), una funzione che ha il ruolo di suddividere la larghezza di banda del canale in unità di risorse ortogonali più piccole (sotto-portanti), quindi la trasmissione di piccoli pacchetti avviene a una latenza inferiore e la rete è molto più efficiente. Vale la pena notare che EnGenius EWS850AP supporta OFDMA bidirezionale (su entrambe le bande a 2,4 GHz e 5 GHz), nonché MU-MIMO a upstream e downstream. Questa tecnologia ha ricevuto molto più attenzione da quando è stato rilasciato lo standard WiFi 6 e ora più clienti sembrano farne uso (anche in configurazioni migliori di 2×2). Il suo ruolo è quello di servire più di un cliente compatibile contemporaneamente, invece di fare affidamento sulla tecnica round-robin, in cui i clienti devono competere per la larghezza di banda.

engenius-ews850ap

C’è anche la modulazione 1024QAM e, sebbene sia pubblicizzata come una nuova funzionalità per lo standard WiFi 6, l’ho vista negli anni con alcuni router Asus 802.11ac e sì, ha funzionato benissimo, quindi è un’aggiunta gradita anche per l’EWS850AP. Ho anche menzionato BSS Coloring nell’introduzione, ma cosa significa? L’idea alla base del BSS Coloring è di evitare la sovrapposizione dei set di servizi di base (OBSS) contrassegnando una trasmissione con un colore determinato e quindi verificando se il colore BSS dalla radio trasmittente è lo stesso del ricevitore, in termini più semplici, il dispositivo smetterà di ricevere un frame (e, come dice EnGenius, tornerà in modalità sleep) se questi frame non sono dedicati a questo dispositivo. Ciò aiuta notevolmente sia con la congestione della rete, sia con il risparmio della batteria di alcuni dispositivi IoT. E questo è strettamente legato al TWT (target Wake Time) che è un’altra funzionalità della bozza 802.11ax che assicura che il ricevitore radio sia attivo solo quando ci sono trasmissioni periodiche dal punto di accesso wireless.

Ci sono anche le ‘solite’ funzionalità relative alla mesh, come Fast Roaming 802.11k e 802.11v per aiutare il cliente a connettersi senza sforzo al punto di accesso successivo (senza disconnessioni evidenti) e il Band Steering per aiutare a spostare il dispositivo cliente sulla banda di frequenza adatta. Quindi potresti aver già intuito, l’EnGenius EWS850AP può funzionare come un nodo in una rete mesh, quindi, se hai più di un AP EnGenius, sarai in grado di sfruttare tutte le sue funzionalità (percorsi ottimizzati automaticamente e auto guarigione nel caso in cui un nodo va offline).

Le Prestazioni Wireless

Per testare il dispositivo, ho montato l’EWS850AP sul mio treppiede preferito, ho preso un cavo Ethernet lungo e ho collegato un’estremità nella parte inferiore dell’AP e un’altra a uno switch Ethernet PoE++ molto potente, lo Zyxel XS1930-12HP. Dato che ero ancora in casa, ho deciso di controllare prima le sue prestazioni wireless a distanza breve, quindi ho preso un dispositivo cliente (un laptop Lenovo dotato di un adattatore WiFi Intel 8265 2×2) e ho esaminato il throughput in posizioni determinate nella casa.

engenius-ews850ap

Anche il dispositivo server era leggermente diverso poiché dovevo fare affidamento sulla porta Thunderbolt 3 di un MacBook Pro insieme a un adattatore Ethernet 5Gbps QNA-UC5G1T per assicurarmi di non strozzare il punto di accesso in alcun modo. Detto questo, mentre il laptop era connesso alla rete a 5GHz (80MHz), dal cliente al server, a 1.5 metri, ho visto una media di 496 Mbps, mentre a 5 metri, la velocità è scesa appena a una media di 446 Mbps. A 10 metri (con un paio di muri tra il cliente e il server, ma con le porte aperte), ho ottenuto una media di 354 Mbps e sì, questa è una prestazione molto buona, quindi controlliamo anche dal server al cliente.

A 1.5 metri, ho misurato una media di 301 Mbps e a 10 metri, ho ottenuto circa 160 Mbps (di nuovo, prestazioni solide considerando che il cliente ha una scheda WiFi 5 di medio raggio). Successivamente, sono passato alla rete a 2,4 GHz e le prestazioni non erano niente di speciale, ma nel complesso decenti. Dal cliente al server, a 1.5 metri, ho misurato una media di 149 Mbps e a 10 metri, è sceso a circa 130 Mbps. Dal server al cliente, ho misurato una media di 124 Mbps a 1.5 metri e una media di 85,4 Mbps a 10 metri. L’EnGenius EWS850AP è un punto di accesso WiFi 6, quindi ho dovuto verificare le prestazioni wireless con un cliente compatibile.

engenius-ews850ap

Di solito, utilizzo un dispositivo cliente dotato del adattatore PCIe TP-Link TX3000E, ma questa volta ho deciso di cambiare semplicemente la scheda WiFi all’interno del laptop con un Intel AX200 (lo stesso del TX3000E). Ora che il dispositivo cliente ha appena ricevuto un aggiornamento, l’ho collegato alla rete a 5 GHz e ho eseguito gli stessi test di prima. Dal cliente al server, non ha raggiunto, né superato la linea 1 Gbps, ma ho visto un solido 766 Mbps a 1.5 metri e una media di 727 Mbps a 5 metri; a 10 metri, il throughput medio era di 518 Mbps, che è migliore delle prestazioni a “lungo raggio” dell’Asus RT-AX82U. Dal server al cliente, ho visto una media di 440 Mbps a 1.5 metri e una media di 231 Mbps a 10 metri.

engenius-ews850ap

Successivamente ho collegato il laptop alla rete 2.4GHz e dal cliente al server, a 1,5 metri, ho misurato una media di 354 Mbps, mentre a 10 metri il throughput è sceso a una media di 233 Mbps. Dal server al cliente, ho misurato circa 228 Mbps a 1.5 metri e una media di 112 Mbps a 10 metri. Nel passaggio successivo, sono dovuto uscire di casa, quindi ho scelto le stesse posizioni di quando ho testato gli altri punti di accesso esterni: i risultati vanno dal cliente al server, ma puoi controllare i risultati upstream nel grafico più in basso (ho usato il laptop con l’Intel 8265 come cliente, seguito dallo stesso laptop con la scheda WiFi Intel AX200).

engenius-ews850ap

Quindi, mentre il dispositivo cliente (Intel 8265 802.11ac) era connesso alla rete a 5 GHz, ho misurato una media di 287 Mbps (-43dB), a 21 metri di distanza dal punto di accesso (di fronte ad esso, con una linea di vista libera) e, dopo essermi allontanato per un po’ fino a 107 metri (-64dB), ho visto una media di 196 Mbps. Spostandomi ancora più lontano e con alcuni rami sulla strada (è inverno, quindi senza foglie), ho misurato una media di 37 Mbps a 173 metri (-68dB). Ho quindi cambiato direzione e controllato il throughput a 140 metri (-73dB), di nuovo, con un albero sulla strada (ma senza foglie) e ho visto una media di 125 Mbps (vale la pena ricordare che le prestazioni dal server al cliente sono diminuite un bel po’ e ho visto solo una media di 13,5 Mbps). L’ultima posizione e la più lontana in quella direzione era a 205 metri (-81dB), dove ho visto una media di 50,3 Mbps downstream (e 10,2 Mbps upstream).

engenius-ews850ap

Le prestazioni wireless a 2,4 GHz non erano così impressionanti e ho visto circa 74 Mbps a 21 metri (-37dB) e 14,2 Mbps a 107 metri (-62dB), mentre nel punto più lontano (205 metri, -72dB), il throughput era appena utilizzabile con una media di 6,9 Mbps. Le prestazioni complessive su entrambe le bande sono buone, ma possono essere molto migliori, quindi ho collegato il cliente dotato dell’adattatore WiFi Intel AX200. A 21 metri, davanti al punto di accesso, il throughput era di 414 Mbps, quindi siamo pronti per una sorpresa. A 107 metri, ho misurato 279 Mbps, mentre a 173 metri, nella stessa direzione, il throughput medio era di 112 Mbps.

engenius-ews850ap

Cambiando direzione e andando a 140 metri, ho misurato una media di 198 Mbps e alla distanza più alta, a 205 metri, il segnale era ancora abbastanza forte da fornire una media di 154 Mbps, quindi sì, potrei ancora andare oltre in quella direzione e sarei comunque in grado di avere un accesso a Internet adeguato. Dopo il passaggio alla rete a 2,4 GHz, non sorprende che le prestazioni wireless siano state complessivamente migliori rispetto al cliente 802.11ac. A 21 metri, ho ottenuto una media di 128 Mbps ea 107 metri, è sceso a circa 54,5 Mbps. Cambiando la direzione e andando a 204 metri, ho visto una media di 19,1 Mbps downstream, e una media di 13,8 Mbps upstream.

Il Software Standalone

EnGenius EWS850AP è pubblicizzato come compatibile con ezMaster, ma cosa succede se non si dispone di più dispositivi EnGenius e non vuoi usare la piattaforma di gestione della rete e si desidera semplicemente utilizzare l’AP in modalità standalone? Bene, sicuramente lo puoi fare e per accedere all’interfaccia utente, dovrai sapere quale indirizzo IP gli è stato dato dal router: controllalo nell’elenco dei clienti e inseriscilo nell’URL. In questo modo, si aprirà una piccola finestra in cui è necessario inserire il nome utente e la password (admin per entrambi) e questo è tutto – cambia immediatamente il nome utente e la password predefinita. L’interfaccia è abbastanza semplice con il menu sul lato sinistro posizionato verticalmente e il primo set di opzioni è la Panoramica, dove puoi controllare alcune informazioni di stato, gli SSID che hanno almeno una connessione cliente, così come il caricamento della CPU in tempo reale e il traffico da vivo.

engenius-ews850ap

Nella sezione Rete, puoi impostare la connessione IPv4 o IPv6 e le impostazioni STP, ma puoi anche regolare le impostazioni Wireless (qui, puoi creare SSID e modificare i parametri delle due bande: la modalità operativa, la modalità canale, la sicurezza che include WPA3, il bit rate e così via – puoi anche impostare le impostazioni DHCP della rete ospite e abilitare la VLAN di gestione). Più in basso, c’è la sezione Mesh, dove puoi controllare lo stato della rete mesh, regolare le impostazioni di rete o eseguire vari strumenti (include Ping, Traceroute e un test di throughput iperf3).

Successivamente, c’è la sezione Gestione, dove puoi controllare l’indirizzo del controller, nonché regolare le Impostazioni SNMP, abilitare CLI, SSH, Inoltro HTTPS o Notifiche e-mail. Ma c’è di più, poiché qui è il posto per regolare le impostazioni di data e ora, impostare lo Scheduler WiFi (quando i tuoi clienti riceveranno Internet) ed eseguire alcuni strumenti di rete (Ping, Traceroute, NSlookup, Speed test e Device Discovery). L’ultima sezione è il System Manager, dove è possibile modificare le impostazioni dell’account, aggiornare il firmware o controllare il registro di sistema.

L’Interfaccia ezMaster

Se la modalità standalone non è sufficiente per le tue esigenze, l’EWS850AP può essere utilizzato con il software di gestione della rete centralizzata ezMaster e puoi sicuramente installare un’istanza sul tuo computer e mantenerla sempre in esecuzione oppure puoi usare SkyKey per rendere le cose più facili. Ne ho già uno da un anno fa, quando ho testato l’access point EnTurbo EAP1250, quindi ho deciso di vedere se funzionerà con il nostro access point wireless esterno, l’EWS850AP. Dopo aver collegato lo SkyKeyI allo switch Ethernet, ho inserito il suo indirizzo IP nell’URL (di nuovo, controlla il router per l’elenco dei clienti) e poi, dopo aver scritto l’username e la password (o aver creato un nuovo account), ho ottenuto l’accesso all’interfaccia utente.

engenius-ews850ap

Tieni presente che ezMaster è un software di gestione per più siti con centinaia o addirittura migliaia di clienti, quindi ti aiuterà a tenere traccia di ogni dispositivo connesso e invierà rapidamente le configurazioni di gruppo, quindi non devi regolare le impostazioni di ogni dispositivo cliente. Detto questo, ezMaster supporta punti di accesso e switch Ethernet e per aggiungere l’EnGenius EWS850AP, è necessario creare un nuovo progetto e quindi, se l’AP si trova nella stessa rete, dovrebbe essere rilevata nella pagina Device Config. Aggiungi il punto di accesso al progetto appena creato e attendi un po’ fino a quando non viene connesso. Dopo che l’AP è diventato attivo, ha immediatamente visto che il dispositivo doveva essere aggiornato e quindi ho potuto esplorare l’interfaccia al meglio.

engenius-ews850ap

La pagina Home mostrerà il numero di punti di accesso collegati (così come gli switch attivi e offline), il numero di progetti, i dispositivi dichiarati, l’utilizzo delle risorse di sistema e alcune statistiche di rete e, per monitorare e configurare il nuovo aggiunto AP indipendentemente dagli altri dispositivi, sarà necessario tornare alla pagina Progetto e fare clic sul Nome di dispositivo per richiamare la mini-finestra sul lato destro. Qui, sarai in grado di modificare le credenziali del nome utente dell’amministratore, le impostazioni della radio wireless (le basi, come la modalità HT del canale, la potenza di trasmissione o il limite del cliente per radio), il controllo della velocità in bit, le impostazioni della WLAN, dove può creare fino a otto SSID e le Impostazioni avanzate. Ogni SSID ti consentirà di abilitare il Captive Portal, abilitare Hotspot 2.0, il Traffic Shaping (limita la larghezza di banda per SSID o per Utente), l’Accounting RADIUS e altro. Alcune delle funzionalità della modalità autonoma possono essere trovate anche in Gestione dispositivi, come le impostazioni Mesh e il traffico pianificato, ma una delle sezioni più importanti sono i gruppi AP. Qui, è necessario creare un nuovo gruppo e impostare una configurazione globale che verrà quindi applicata automaticamente a un certo numero di punti di accesso: in questo modo, sarà possibile monitorare ciascun gruppo separatamente.

engenius-ews850ap

Inoltre, puoi controllare tutti i clienti attivi in Monitoraggio e ti consiglio vivamente di abilitare il tag AP Device Name poiché altrimenti non saprai a quale punto di accesso è connesso ed è anche buona pratica abilitare il rilevamento di AP Rogue. Successivamente, puoi monitorare il tuo dispositivo in Visualizzazione e Statistiche, mentre in Servizio Hotspot, puoi configurare il Captive Portal globale, l’Account ospite e l’Hotspot 2.0 (che offre un modo molto più sicuro per connettersi alle reti WiFi esterne). E come previsto, ciascuna di queste sezioni è ricca di funzionalità: il Captive Portal supporta più tipi di autenticazione (Splash & go, ezMaster auth, RADIUS, terze parti e Social Login), Redirect Behavior e Walled Garden, mentre l’Hotspot 2.0 ti consentirà per definire la venue, nonché l’elenco dei nomi di dominio e l’elenco dei consorzi di roaming (e altro, ovviamente). In Manutenzione, hai la possibilità di aggiornare in blocco gli AP (o gli switch) e abilitare il registro remoto.

La Conclusione

Devo ammettere che ero un po’ curioso di sapere come il Wi-Fi 6 avrebbe funzionato all’aperto e l’EnGenius EWS850AP ha dimostrato che è possibile ottenere prestazioni wireless ottime utilizzando clienti WiFi 5 e WiFi 6. Ovviamente, l’utilizzo di un dispositivo cliente WiFi 6 appropriato eclisserà qualsiasi concorrente WiFi 5, offrendo un throughput molto migliore (e più stabile) e la possibilità di allontanarsi di più prima di perdere il segnale (anche a -80dB, potrei ancora controllare i video di YouTube e navigare sul web). Anche la qualità costruttiva è ottima (mi sono piaciuti la protezione ESD e quella contro le sovratensioni) e il software non è difficile di comprendere (come RouterOS), quindi dovrebbe andare bene sia per gli utenti domestici che per le PMI (quest’ultimo gruppo si divertirà di più con ezMaster). Quindi, nel complesso, dovresti considerare EnGenius EWS850AP? Dato che funziona alla grande con clienti WiFi 5 e soprattutto con dispositivi WiFi 6, allora assolutamente sì.

EnGenius EWS850AP -
  • 8.2/10
    Il Design - 8.2/10
  • 8/10
    La Facilità d'Uso - 8/10
  • 9/10
    La Configurabilità - 9/10
  • 7.5/10
    L'Accessibilità - 7.5/10
  • 9.5/10
    Le Prestazioni Wireless - 9.5/10
8.4/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.