Recensione EnGenius SkyKey con l’Access Point EnTurbo EAP1250

L’ultimo decennio ha visto un significativo spostamento verso l’adozione di soluzioni convenienti per le reti più grandi e più complesse, in particolare per quanto riguarda il mercato delle PMI, nel tentativo di imitare le grandi reti aziendali, ma a una frazione del costo. Uno dei primi ad aver sfidato il mercato è stato Ubiquiti, che è stato a lungo il produttore principale di apparecchiature di rete a prezzi accessibili grazie al suo controllore UniFi facile da usare, ma ha anche aperto la strada ad altri produttori di offrire soluzioni ancora migliori per le aziende di varie dimensioni, soprattutto perché i servizi di UniFi sono diventati molto più costosi.

engenius-skykey-eap1250

VEDI ENGENIUS SKYKEY SU:   engenius-logo

VEDI ENGENIUS EAP1250 SU: engenius-logo

E questo ci porta a EnGenius che ha recentemente presentato il suo controllore di rete SkyKey On-Premises con Cloud Management che, in modo simile all’Ubiquiti Cloud Key, è un dispositivo creato per eseguire il software di gestione (in questo caso, parliamo di ezMaster), supportando fino a 100 punti di accesso o switch Ethernet EnGenius.
Naturalmente, ezMaster può anche essere installato su un server locale o su AWS EC2, una soluzione che è diventata molto popolare, ma dal rapporto prezzo-prestazioni, in questo caso, può essere meglio fare affidamento sulla attrezzatura propria e SkyKey è piuttosto potente, offrendo una gestione della rete sia su Cloud (senza abbonamento) sia locale, funziona come una soluzione Plug-and-Play a basso consumo ed è sorprendentemente conveniente.

Ho già dato un’occhiata ad altre soluzioni, come UniFi di Ubiquiti, Omada di TP-Link o Nebula di Zyxel e, per testare SkyKey con ezMaster, userò l’EnGenius EAP1250, un punto di accesso wireless AC1300 che supporta sia MU-MIMO, che BeamForming per migliorare la connessione con i clienti (WiFi5).

Il Design e l’Hardware

Proprio come con la maggior parte dei dispositivi di rete adatti alle PMI, la funzione ha la priorità rispetto al design, quindi i controller di rete non sono i prodotti più accattivanti e, invece, l’attenzione è rivolta alle prestazioni e alla compattezza. Detto questo, EnGenius SkyKey non differisce molto da un adattatore PoE in termini di aspetto, sfoggiando una custodia molto compatta realizzata completamente in plastica coperta da una finitura bianca opaca; inoltre, il lato anteriore e posteriore (e le bande laterali) sono grigi, quindi, a differenza di altri controllori di rete, lo SkyKey non sembra così semplice (per un dispositivo di rete).

engenius-skykey

Le sue dimensioni sono in effetti in concorrenza con quelle del controller di rete UniFi, misurando 2.3 x 5.9 x 10.0 centimetri (e pesa 79 grammi) – è solo leggermente più spesso e più alto del controllore UniFi con i suoi 2.1 x 4.3 x 12.1 cm, ma anche così, non vuole troppo spazio considerando che può essere fissato magneticamente a qualsiasi custodia metallica. Il dispositivo può anche essere tenuto su una superficie piana e rimarrà in posizione grazie alla coppia di piedini in silicone fissati sul lato inferiore; c’è anche la possibilità di montare lo SkyKey a parete (è possibile utilizzare le viti fornite nella confezione).

Sul lato anteriore di EnGenius SkyKey sono presente due porte Gigabit Ethernet, una è LAN1 (PoE) e l’altra è LAN2. Entrambi possono essere utilizzati per collegare il dispositivo agli switch Ethernet o i punti di accesso, ma, se non vuoi usare un adattatore DC, è meglio sfruttare la porta LAN1 PoE (802.3af/at) e accendere il SkyKey tramite uno switch Ethernet PoE o un adattatore PoE. Sul retro del controllore, è presente un connettore di alimentazione che può essere utilizzato per alimentare il dispositivo senza PoE, ma è necessario sapere che EnGenius non ha aggiunto alcun cavo nel pacchetto, quindi sarà necessario acquistare un cavo 12V separato e qualsiasi cavo Ethernet di cui potresti aver bisogno.

engenius-skykey

Accanto alla porta di alimentazione, c’è un pulsante di ripristino incassato (lo devi tenere premuto per 10 secondi per ripristinare le impostazioni predefinite di fabbrica del dispositivo) e uno slot microSD che può essere utilizzato per aggiungere una scheda SD per eseguire il backup di qualsiasi configurazione di SkyKey. Oltre a ciò, non ci sono alcuni LED per mostrare lo stato del dispositivo, ad eccezione dei doppi LED per le porte Gigabit, uno per mostrare il tipo di connessione e l’altro per il Collegamento / Attività. EnGenius afferma che SkyKey è un computer potente e, sebbene le sue dimensioni potrebbero non mostrarlo, in realtà è dotato di un chipset Qualcomm IPQ4019 (processore ARM Cortex-A7 quad-core con il clock a 717MHz), 1GB di RAM (DDR3) e 4GB di memoria di archiviazione eMMC.

Non c’è molto altro da dire su SkyKey, quindi diamo un’occhiata più da vicino a EnGenius EAP1250. Ho avuto l’opportunità di testare l’Ubiquiti UAP-AC-PRO, il TP-Link EAP245, l’Open Mesh A60, lo Zyxel NAP303 (e altro) ed EnGenius EAP1250 è il più compatto di tutti, misurando non più di 3.7 x 13.2 centimetri (altezza x diametro). Inoltre, il punto di accesso è caratterizzato da una custodia in plastica circolare coperta da una finitura opaca bianca e sembra che EnGenius abbia davvero preso sul serio il trend minimalista considerando che oltre al logo EnGenius, sulla parte superiore del dispositivo, non c’è altro elemento di design per catturare l’attenzione: tutto è bianco e semplice.

engenius-eap1250

Questo approccio discreto di design è qualcosa da lodare considerando che il dispositivo probabilmente finirà sul soffitto, ma c’è una decisione non ispirata da EnGenius riguardo il posizionamento delle porte. In particolare, nella parte inferiore del punto di accesso wireless, c’è una piccola area dedicata in cui è possibile trovare una porta di alimentazione, una porta LAN Gigabit Ethernet (supporta lo standard 802.3af/at PoE) e un pulsante di ripristino incassato (lo devi premere e tenerlo premuto per almeno 10 secondi per ripristinare l’access point alle impostazioni predefinite del dispositivo). Il problema è che quando si collega il cavo CC e/o un cavo Ethernet, il connettore sporgerà oltre il corpo dell’EAP1250, quindi, a meno che non si utilizzino cavi bianchi, diventerà evidente sul soffitto o sulla parete.

Ma questo può essere considerato solo un problema minore poiché il dispositivo è più piccolo del rilevatore di fumo generico sembra un nodo mesh di Google WiFi) e, considerando che non esiste un grande anello LED o una serie di indicatori, molto probabilmente passerà inosservato (anche se l’installazione non è ancora così pulita come avrei voluto).

engenius-eap1250

Ma c’è un piccolo LED sul lato del dispositivo che ha il ruolo di mostrare lo stato dell’AP: quando l’EAP1250 è acceso, il LED sarà verde e, quando l’access point è pronto per essere configurato, sta diventando giallo; se il dispositivo è connesso a Internet, il LED diventerà blu e, se è disconnesso da Internet, il LED diventerà rosso fisso. Considerando le sue dimensioni ridotte e compatte e il fatto che non ci siano fori per la ventilazione, mi aspettavo che il dispositivo si riscaldasse almeno un po’ mentre funzionava e in effetti, quando ho testato l’EAP1250, aveva una temperatura più alta tutt’intorno la custodia.

Se capovolgi il punto di accesso, sarai in grado di vedere l’etichetta informativa che copre la maggior parte della superficie inferiore e ci sono anche un paio di guide di scorrimento in plastica che possono essere utilizzate per collegare il dispositivo a una delle due staffe fornite nella confezione. Poiché non ha piedini in silicone posizionati in basso, l’EnGenius EAP1250 non è stato progettato per essere tenuto su una superficie piana, quindi, proprio come l’UAP-AC-PRO, si adatterà meglio al montaggio su una parete o sul soffitto (altrimenti, può facilmente scivolare dal tavolo).

engenius-eap1250
Info: All’interno della custodia, EnGenius ha dotato l’access point wireless EnTurbo EAP1250 con un Qualcomm® IPQ4018 quad-core (ARM Cortex A7 con clock a 717 MHz), due antenne dual band 7016A1596004 V1.00 e 128 MB di RAM (NANYA 1840 NT5CC128M16JR -EK DDR3).

Il Software

EnGenius afferma che SkyKey è una soluzione Plug-and-Play, quindi, per farlo funzionare, tutto ciò che devi fare è collegarlo a uno switch Ethernet (il produttore afferma che è meglio usare uno switch EnGenius Management per una corretta assegnazione dell’IP, ma non ho avuto problemi con l’utilizzo di uno switch PoE non gestito TRENDnet TPE-LG80) e quindi collegare lo switch a un router o direttamente a un computer. Ho collegato il TPE-LG80 a un sistema WiFi AmpliFi HD GE e, per verificare il suo indirizzo IP, ho effettuato l’accesso all’app, ho verificato la scheda Clienti (dal basso) e, una volta visto il dispositivo SkyKeyI, ho fatto clic sui dettagli del cliente per vedere l’indirizzo IP del controller.

engenius-skykey-eap1250

Il passaggio successivo è stato quello di inserirlo nella sezione URL di un browser Web e, nella finestra di accesso di ezMaster, si deve immettere admin come Nome utente e password per la Password. Successivamente, ti verrà chiesto di inserire un indirizzo e-mail, di modificare immediatamente la password amministratore e di aggiornare all’ultimo firmware (se disponibile). A questo punto, sarai in grado di navigare nell’interfaccia utente locale, la prima finestra è la Home, dove puoi vedere il numero di Access Point e Switch gestiti, i progetti attuali, i dispositivi rivendicati, nonché l’utilizzo delle risorse di sistema (CPU, memoria e disco) e la panoramica del sistema. Per aggiungere EnGenius EAP1250, è necessario creare un nuovo progetto (assegnargli un nome e una descrizione) e, successivamente, verrà visualizzato un nuovo menu orizzontale con il suo set di opzioni, che consente di aggiungere rapidamente qualsiasi dispositivo connesso portandoti direttamente a Device Config (una parte del gruppo di impostazioni di Device Management – La Gestione dei Dispositivi).

engenius-skykey-eap1250

L’EnGenius EAP1250 verrà visualizzato nella sezione In attesa di Approvazione e, per adottarlo, è necessario selezionare la casella di controllo accanto al Tipo di Dispositivo (Device Type) e fare clic su Aggiungi (Add). Dopo che il processo è stato completato, dovresti essere in grado di vedere il nuovo dispositivo nella sezione Access Point e, se fai clic sul Nome Dispositivo (EAP1250), si aprirà una nuova sezione sulla destra (mi ricorda sia dell’UniFi e del Cloudtrax da Open Mesh), dove sarà possibile modificare alcune Impostazioni Generali (include la scelta tra DHCP e Statico), per regolare le Impostazioni della Radio Wireless (è possibile regolare la modalità del canale, la potenza di trasmissione, la velocità dei dati e impostare un limite cliente), configurare gli SSID correnti in Impostazioni WLAN (include l’abilitazione dell’isolamento L2 per bloccare la comunicazione tra i clienti cablati e quelli wireless, l’isolamento VLAN per la sicurezza IoT, lo sterzo a banda per il decongestionamento della rete e il Captive Portal) e regolare le Impostazioni Avanzate (include il controllo LED, la soglia RSSI e la VLAN di gestione): è importante sapere che quando si applicano le impostazioni all’AP, non sarà possibile accedere a quella piccola finestra dedicata.

Oltre alla sezione Access Point, ezMaster consente anche di gestire gli Switch Ethernet e mi aspetto che EnGenius aggiunga anche i mezzi per configurare e gestire i Gateway. Sotto la Gestione dei Dispositivi (Device Management), puoi anche vedere una versione semplificata della finestra Home in Riepilogo, oltre a creare gruppi AP che rendono molto più semplice spingere una certa configurazione solo verso alcuni punti di accesso che sono adottati nel controller.

engenius-skykey-eap1250

Considerando che la maggior parte dei produttori offrono la possibilità di creare una rete mesh quando ci sono più di un punto di accesso wireless in un sito, questa tecnologia può praticamente essere vista come una funzione obbligatoria (ci sono alcune eccezioni, come TRENDnet con il TEW-825DAP o Linksys con il suo LAPAC1750C). EnGenius supporta questa tecnologia e può essere configurata accedendo a Mesh (sempre nella Gestione dei Dispositivi), dove è possibile creare un nuovo profilo Mesh (qui, è necessario selezionare la Mesh Band – 2.4 GHz o 5 GHz) e aggiungere nuovi AP all’elenco dei nodi; ci sono anche alcuni strumenti diagnostici disponibili, come il Ping, la Traceroute, il Throughput o il Nodo Isolato.

La configurazione Mesh non è così semplice come con altri sistemi, dove questa funzione non richiede più di un singolo clic per abilitarla (come nel caso di Ubiquiti UAP-AC-PRO o Zyxel NAP303). Oltre alla Gestione dei Dispositivi, puoi anche visualizzare i Clienti Attivi (ognuno con il proprio elenco di tag), controllare eventuali AP non autorizzati, controllare la Vista Topologica (quando si utilizza uno switch), la Mappa, la Planimetria o la Visualizzazione mesh e puoi anche controllare alcune Statistiche relative ai tuoi Clienti e Punti di Accesso.

engenius-skykey-eap1250

Nel caso in cui si installino alcuni punti di accesso EnGenius all’interno di un hotel, un ristorante o qualsiasi altro sito che potrebbe richiedere l’autenticazione dei clienti, il Captive Portal è una parte vitale e utilizzando il controllore SkyKey, si ottiene l’opzione per configurarlo dal Servizio Hotspot: è possibile scegliere la modalità di connessione di rete (Bridged o NAT, quest’ultima disabilitando la funzione di roaming veloce), selezionare il tipo di autenticazione (Splash and go, l’autenticazione ezMaster, il server RADIUS, il Cloud4WI o il Social Login), selezionare il tipo di Splash Page (se è locale, puoi impostare un messaggio, i termini d’uso, la porta pubblica e il logo), l’URL di Reindirizzamento, impostare il timeout della sessione utente e abilitare il Walled Garden (non sembra esserci alcuna opzione di pagamento integrato al momento).

Inoltre, tramite il Servizio Hotspot, è possibile configurare la Rete Ospite e, nella Manutenzione (Maintenance), è disponibile l’opzione per eseguire Aggiornamenti in Blocco e visualizzare il Registro Remoto AP. Questo è praticamente tutto ciò che puoi fare nell’ambito di un progetto, ma ci sono altre due aree di interesse, l’Inventario dei Dispositivi e le Impostazioni Globali. Quest’ultimo consente all’utente di modificare l’Account Amministratore e la Porta Predefinita per ezMaster, visualizzare i Registri Eventi e i Registri Cliente, impostare Avvisi e-mail, aggiungere l’indirizzo IP del Server e la Porta per il Registro Remoto ezMaster, eseguire il Backup / Ristabilire, Ripristinare / Riavviare ezMaster e abilitare l’Accesso Remoto da EnGenius Cloud. È inoltre possibile abilitare la Scansione in Background (per rilevare l’AP non autorizzato), abilitare l’alimentazione TX automatica su qualsiasi radio, eseguire un test di connettività o aggiornare ezMaster.

engenius-skykey-eap1250

Abbiamo esplorato l’aspetto locale di ezMaster con SkyKey, ma, se vuoi registrare la piattaforma di gestione SkyKey su EnGenius Cloud, è necessario creare un nuovo account andando su http://cloud.engenius.ai e, dopo aver effettuato l’accesso, puoi utilizzare l’Organizzazione predefinita (o crearne una nuova) che ti porterà alla sezione Inventario dove, nell’angolo in alto a destra, devi fare clic su Registra Dispositivo per aggiungere un prodotto EnGenius compatibile. A questo punto, hai due opzioni: inserire manualmente il numero di serie o tramite l’app mobile, quindi, per curiosità, ho deciso di installare l’app mobile EnGenius Cloud su un Pixel 2 XL e, dopo aver effettuato l’accesso a EnGenius Cloud, sono stato accolto da un semplice Dashboard, con l’Organizzazione predefinita che mostrava il numero di dispositivi gestiti, il numero di reti, l’AP, gli switch e i dispositivi EnSky, mentre più in basso ci sarà un segno ‘Più’ blu che, quando premuto, consentirà l’aggiunta di nuovi dispositivi.

engenius-skykey-eap1250

Il primo sarà lo SkyKey I, (il processo è molto semplice: punta la fotocamera sul codice QR dalla parte inferiore del dispositivo) e successivamente ho provato lo stesso con il punto di accesso EAP1250, ma manca un QR codice e l’app ha detto che il dispositivo non esiste. Il motivo è perché l’EAP1250 non è un AP Cloud, quindi per ora l’ho lasciato così e mi sono diretto alla sezione Inventario (dal menu a tre righe nell’angolo in alto a sinistra) dove ho potuto vedere lo SkyKey I. E qui è dove le cose diventano molto strane perché, mi aspettavo di poterlo aggiungere alla rete dall’ap (mostrerà varie informazioni sul dispositivo) e quindi semplicemente facendo clic sull’opzione Aggiungi alla Rete.

Il problema è che manca questa opzione e non c’è modo di aggiungerla dall’app, quindi, ho usato l’interfaccia utente Cloud basata sul Web, andando su Organizzazione > Inventario e qui ho potuto finalmente aggiungere il SkyKey alla rete. Successivamente, nonostante sia stato aggiunto tramite l’interfaccia utente basata sul Web, non è stato possibile visualizzarlo nella Dashboard, ma, se tornassi all’applicazione, SkyKey verrebbe visualizzato come registrato e come parte della rete nella sezione EnSky (che manca nell’interfaccia utente del browser).

engenius-skykey-eap1250

Come ho detto prima, ho provato ad aggiungere l’Access Point usando l’app e sembrava ancora sconosciuto (dal momento che non è nell’elenco compatibile, ma potrebbe essere aggiunto in futuro) e, a quanto pare, l’unico modo per ottenerlo nella piattaforma Cloud è stato attraverso SkyKey: dopo aver aggiunto SkyKey alla rete, se premi sulla scheda EnSky e quindi su SkyKey I, puoi vedere che esiste un punto di accesso online.

Se torniamo alla Dashboard e facciamo clic sulla rete, EnGenius ha aggiunto una bella rappresentazione per tutti i dispositivi online (così come la disponibilità della CPU e della Radio), seguita dalla velocità effettiva e da alcune statistiche basate sul tempo impostato. Nella parte inferiore, ci sono quattro schede e, dal momento che eravamo attualmente nella Dashboard della rete, la sezione successiva è dedicata ai Dispositivi (gli Access Point, gli Switch e i dispositivi EnSky, che includono lo SkyKey I), seguiti da Clienti e quindi dall’Evento (gli Eventi del Dispositivo e del Sistema, nonché il Registro di Configurazione).

engenius-skykey-eap1250

Sebbene abbia un set simile di funzionalità come l’app, l’interfaccia Engenius Cloud basata sul web ha alcune sezioni in più, come la Configurazione, in cui è possibile aggiungere un nuovo SSID o configurare uno esistente (include l’impostazione del Tipo di Sicurezza, la modalità Cliente IP, l’abilitazione dell’ID VLAN, l’isolamento L2 e altro), abilitare il Traffic Shaping (il limite di upload e download a livello globale o per utente), l’Impostazione del Portale Captive e della Pagina Iniziale o l’impostazione di un Programma per quando la rete sarà disponibile. Le Impostazioni Radio sono un’altra area interessante, in cui puoi vedere una mappa di dove vivi e puoi regolare vari aspetti della Radio separati in Interni ed Esterni (include la Disabilitazione dell’11ax in 2.4G o abilitare la Mesh); è inoltre possibile Aggiornare il Firmware, regolare la VLAN e le Impostazioni dello Switch e, in Impostazioni Generali, è possibile impostare il Paese / Fuso Orario e le Credenziali Locali.

Le Prestazioni

EnGenius SkyKey I è stato progettato per gestire un massimo di 100 dispositivi, quindi sarà adatto per le imprese piccole e medie e, per ora, è praticamente l’unico modo per far funzionare EnGenius EAP1250 insieme alla piattaforma di gestione del Cloud. Tuttavia, anche se non è un punto di accesso wireless gestito dal Cloud per impostazione predefinita, ha implementato alcune funzionalità interessanti. La prima è la tecnologia mesh che, come si vede sui sistemi WiFi, è un’implementazione proprietaria, che consente a più dispositivi compatibili di interconnettersi e inviare dati l’uno dall’altro, formando una rete ottimizzata di nodi, dove il focus è la creazione di percorsi affidabili per i dati, mantenendo al minimo le interferenze.

engenius-skykey-eap1250

Inoltre, se aggiungi un nuovo nodo, la rete lo rileverà immediatamente e lo adotterà nella rete mesh, ma, se un nodo (AP) non è in linea, la rete proverà a trovare il percorso migliore successivo per i dati (cerca il nodo mesh più vicino e meno affollato), in modo che l’utente non subisca alcun tempo di inattività. Un’altra caratteristica interessante è MU-MIMO, che, nel caso dell’EAP1250, è implementato come due flussi spaziali MU-MIMO e questa tecnologia ha il ruolo di garantire che vengano serviti più clienti contemporaneamente, invece di lasciarli competere per la larghezza di banda (il problema è che MU-MIMO non è ancora così diffuso come i produttori volevano, ma si spera che l’WiFi6 potrebbe essere la piattaforma di lancio per far diventarla una funzionalità predefinita su ogni dispositivo wireless). Inoltre, il punto di accesso sfrutta anche la funzionalità BeamForming per assicurarsi che il segnale non sia trasmesso ovunque e, invece, sia focalizzato verso i clienti compatibili.

Per testare le prestazioni wireless del punto di accesso, ho deciso di utilizzare due computer, uno che funziona come server (collegato tramite un cavo Ethernet) e l’altro come cliente (collegato tramite wireless: il computer ha un’adattatore WiFi PCE ASUS- AC8), ma, poiché l’AP ha un singolo cavo Ethernet, dovremo utilizzare uno switch Ethernet (continuo a vedere questo approccio con alcuni nuovi punti di accesso e non sono un fan considerando che molto probabilmente vorrai connettere un cliente cablato direttamente all’AP). In questo caso, ho deciso di utilizzare uno switch PoE non gestito, TRENDnet TPE-LG80, quindi accenderà sia SkyKey che EnGenius EAP1250.

engenius-skykey-eap1250

Successivamente, ho creato due SSID, uno per la banda a 2.4 GHz (40 MHz) e l’altro per la banda a 5 GHz (80 MHz). Detto questo, prima, ho collegato il cliente alla rete da 5GHz (802.11ac) e, dal cliente al server, ho misurato in media 511 Mbps a 1.5 metri e, a 5 metri, ho ottenuto una media di 480 Mbps; a 10 metri, la velocità è scesa a una media di 185 Mbps. Dal server al cliente, ho misurato in media 343 Mbps a 1.5 metri, mentre a 5 metri dal punto di accesso, ho ottenuto una media di 297 Mbps; a 10 metri, ho misurato circa 200 Mbps. Nel passaggio successivo, ho collegato il cliente alla rete WiFi a 2.4 GHz e, dal cliente al server, ho misurato una media di 270 Mbps (a 1.5 metri), il che è un risultato impressionante e, a 5 metri, ho ottenuto circa 197 Mbps; a 10 metri, la velocità è scesa a circa 121 Mbps. Dal server al cliente, ho misurato una media di 164 Mbps a distanza ravvicinata (1.5 metri di distanza) e, a 5 metri, ho misurato circa 153 Mbps; a 10 metri, ho misurato una media di 108 Mbps.

engenius-skykey-eap1250

La Conclusione

Se sei un’azienda per i prodotti di rete adatti alle PMI e non vuoi essere lasciato indietro, allora devi offrire una piattaforma Cloud e, se è gratuita, è un bonus gradito, ma, se è anche davvero decente, allora puoi battere i tuoi concorrenti. EnGenius è chiaramente sulla strada giusta con la sua piattaforma di gestione ezMaster, che offre la maggior parte delle funzionalità previste ed è davvero facile da navigare; ovviamente, c’è ancora spazio per il miglioramento e mi aspetto il supporto per più tipi di dispositivi (come i gateway di rete).

SkyKey è un modo per controllare la tua rete sia On-Premises o via Cloud (soprattutto se non vuoi preoccuparti di AWS EC2) e, come ho visto, è attualmente l’unico modo per gestire l’EAP1250 attraverso il Cloud. Mentre usando l’EnGenius Cloud, ho trovato strano dover configurare SkyKey utilizzando sia l’app mobile che l’interfaccia utente basata sul Web, ma, a parte ciò, è stato decentemente reattivo, ha le funzionalità previste e, poiché è privo di abbonamento, non c’è molto di cui lamentarsi (è chiaramente meglio rispetto a ciò che offre Linksys, ma è ancora un po’ indietro rispetto al controller UniFi). Infine, c’è EnGenius EAP1250 che ha fatto un ottimo lavoro nei nostri test e, considerato che è così piccolo, lo considero migliore della maggior parte degli access point wireless disponibili anche in una classe superiore ad AC1300.

EnGenius SkyKey con EAP1250
  • 8.6/10
    Il Design - 8.6/10
  • 7.7/10
    La Facilità d'Uso - 7.7/10
  • 8.8/10
    Le Caratteristiche - 8.8/10
  • 9/10
    L'Accessibilità - 9/10
  • 9.4/10
    Configurabilità - 9.4/10
8.7/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *