Recensione GameSir G4 Pro Controller da Gioco

Il GameSir G4 Pro è uno dei controller di gioco multipiattaforma disponibili dal produttore cinese e sembra che questo è il migliore che abbiano costruito (finora), offrendo una costruzione solida, pulsanti magnetici intercambiabili ed è più confortevole. Ebbene, più di quella che offre il GameSir T4 Pro che ho testato qualche mese fa e sono rimasto piuttosto colpito dalla sua funzionalità, le prestazioni e dalla sua capacità di connettersi a una grandissima varietà di attrezzi da gioco, compreso lo smartphone. So che molte persone disapproveranno l’idea di giocare su uno smartphone, ma le cose sono cambiate in modo significativo nell’ultimo anno e no, i giochi per dispositivi mobili non sono migliorati (alcuni direbbero che sono peggiorati), sono le piattaforme di streaming di gioco Cloud che consentono ai suoi utenti di giocare ai giochi per PC su un browser, uno smartphone (o un tablet) e persino su una smart TV.

gamesir-g4-pro

VEDI PRODOTTO SU:

gamesir

amazon

Uso Stadia (di Google) da alcuni mesi e funziona bene sia sul mio Pixel 2 XL che da un browser (Chrome), ma ottieni anche un servizio simile da Microsoft (xCloud), NVidia (GeForce Now) e persino Amazon (Luma). Come previsto, non mi sono divertito a giocare utilizzando il display touchscreen, quindi un controller di gioco era obbligatorio e se ci fosse un modo per montare il dispositivo mobile sarebbe stato ancora meglio. Questo ci porta a GameSir G4 Pro che non solo ha un meccanismo integrato per il montaggio dello smartphone, ma può anche essere utilizzato con PC, dispositivi Apple e Nintendo Switch, quindi diamo un’occhiata più da vicino a questo dispositivo multipiattaforma e vediamo se vale la pena acquistarlo.

Il Design e la Qualità di Costruzione

Quando ho provato il GameSir T4 Pro, il dispositivo condivideva lo stesso design del suo predecessore, con alcuni miglioramenti all’interno, ma questo non è valido anche per il G4 Pro. Certo, c’è il GameSir G4S come successore diretto del controller G4 ed entrambi hanno lo stesso aspetto, quindi GameSir ha dovuto cambiare alcuni elementi di design, quindi il G4 Pro non verrà confuso con il G4S. Il layout dei pulsanti è lo stesso per tutte e tre le generazioni, ma la fascia argentata nella parte superiore è scomparsa ed è ora sostituita da plastica nera lucida – lo stesso per il D-Pad e la trama dell’impugnatura sulle maniglie che ora sono neri. Quindi, sì, GameSir G4 Pro ha optato per un design più maturo e quando i LED sono accesi, crea un bell’effetto visivo: l’aspetto di gioco RGB non è perso. In termini di dimensioni, il G4 Pro misura 15,0 x 10,5 x 5,0 cm, il che significa che non differisce molto dal T4 Pro.

gamesir-g4-pro

Dopo aver preso il controller nelle mani, sembrava più pesante (e ingombrante) del T4 Pro, ma, sorprendentemente, pesa solo un po’ di più (250 grammi), quindi questa sensazione molto probabilmente deriva dalle scelte dei materiali. La zona di interesse è la parte superiore del G4 Pro e qui troverai il joystick sinistro ricoperto da una finitura in gomma e accanto ad esso c’è il pulsante Seleziona, oltre a quattro piccoli LED. Questi LED hanno il ruolo di mostrare lo stato della batteria interna ricaricabile: mostrerà lo stato con incrementi del 25% e, quando la batteria scende al di sotto del 15%, i LED inizieranno a lampeggiare in rosso. Sotto il joystick sinistro, c’è un D-Pad di cui le persone si sono lamentate perché è un po’ molle, ma vedremo come si comporta quando lo metteremo alla prova.

Dall’altro lato del controller, c’è il pulsante Start, seguito dai pulsanti ABXY e dal joystick destro (che è di nuovo coperto da una finitura in gomma per una presa migliore). Una delle caratteristiche evidenziate del GameSir G4 Pro sono i pulsanti magnetici ABXY che ti permettono di cambiare il layout nel modo che preferisci (ad esempio, per passare da PC a Nintendo). All’inizio può sembrare impossibile rimuovere i pulsanti, ma è necessario cercare con il dito un’area incassata che ti consentirà di far uscire facilmente il pulsante.

gamesir-g4-pro

Analogamente al GameSir G4S, il G4 Pro ha mantenuto il supporto per telefono integrato al centro del controller e puoi spostarlo verso l’alto ad un angolo un po’ più di 90 gradi o spingerlo a circa 160 gradi. Il supporto del telefono “si blocca” in posizione e puoi inserire il tuo smartphone o il Nintendo Switch facendo scorrere verso l’alto la sezione retrattile. Considerando che il supporto ha un’apertura fino a 10 centimetri, puoi aggiungere qualsiasi smartphone che ti piace, compresa la custodia protettiva e sì, GameSir ha aggiunto dei cuscinetti in gomma dove il supporto viene a contatto con il tuo dispositivo.

Se il dispositivo che si desidera collegare ha una cornice più spessa, il produttore ha aggiunto una prolunga per garantire che non cada (è facile da montare e rimuovere). Certo, il supporto integrato è un concetto interessante, ma copre completamente un paio di pulsanti, i tasti Turbo e Screenshot che, come previsto, non sono realmente esclusivi per i giochi mobili. Il pulsante Turbo consente di impostare le funzioni macro e, come suggerisce il nome, il pulsante Screenshot acquisirà rapidamente uno screenshot del display. Il terzo pulsante al centro del G4 Pro è il pulsante Home e questo è più alto ed è accessibile da una sezione ritagliata all’interno del supporto. Il GameSir T4 Pro aveva quattro pulsanti nella parte inferiore e questi non sono stati trasferiti su G4 Pro, ma si ottengono comunque i pulsanti sulla spalla (L1, L2, R1 e R2) che sono placcati in metallo per una resistenza maggiore. I pulsanti L2 e R2 sono molto facili da premere, ma ho notato che L1 e R1 sono un po’ più rigidi verso il centro del controller.

gamesir-g4-pro

Vale la pena ricordare che il supporto del cellulare nasconde anche il dongle WiFi a 2,4 GHz che è molto più piccolo di quello sul T4 Pro (per quanto riguarda le dimensioni, è molto simile a un dongle del mouse) e sull’altro lato del controller di gioco, c’è una porta USB-C per caricare la batteria o per una connessione diretta al PC. Infine, sarai in grado di trovare un pulsante di ripristino sul lato inferiore di G4 Pro.

Le Caratteristiche e la Funzionalità

Poiché si tratta di un controller di gioco multipiattaforma, GameSir G4 Pro può essere collegato a diversi tipi di dispositivi e ognuno richiede una diversa combinazione di pulsanti. Se vuoi collegare il controller a un PC, è necessario collegare il cavo USB fornito o fare affidamento sul piccolo dongle da 2,4 GHz; per accenderlo, premi X e Home contemporaneamente. Nel caso in cui desideri provare alcuni giochi per dispositivi mobili e vuoi collegare il G4 Pro a un dispositivo con sistema operativo Android, premi A e Home sul controller, abilita il Bluetooth sul telefono e quindi accoppia il gamepad “Gamesir-G4pro”. Non sono riuscito a scoprire quale generazione di Bluetooth utilizza, ma anche se è il vecchio 4.0, dovrebbe comunque andare bene considerando che il controller non richiede molta larghezza di banda e la portata è molto simile su entrambi i Bluetooth v4.0 e v5.0. Per collegare il controller di gioco a un Nintendo Switch, premi Y e Home e G4 Pro dovrebbe accoppiarsi automaticamente. Infine, nel caso in cui desideri connettere il controller a un dispositivo Apple per utilizzare il servizio Apple Arcade, premi B e Home su G4 Pro, quindi accoppialo tramite Bluetooth.

gamesir-g4-pro

Indipendentemente dalla piattaforma scelta, la prima cosa che noterai dopo aver acceso il controller sono le forti vibrazioni all’interno dei bracci del G4 Pro e quindi i LED si accenderanno di un colore diverso, a seconda del dispositivo a cui è collegato. Analogamente a T4 Pro, puoi creare funzioni macro tenendo premuti i pulsanti che desideri impostare in sequenza e premendo il pulsante Turbo dopo ogni pressione e, sebbene non sia disponibile un’app che ti consenta di modificare le funzioni dei pulsanti, GameSir ha reso disponibile un’interessante applicazione mobile. Si chiama GameSir World e ha principalmente il ruolo di curare tutti i giochi mobili disponibili che sono stati testati dal produttore e sono stati ritenuti completamente compatibili con il controller. Quindi, avrà un’interfaccia utente molto simile al Play Store, ma ci sono alcune opzioni aggiuntive che hanno catturato il mio interesse: quando il G4 Pro è connesso, potrai aggiornare il suo Firmware (se disponibile), testare il Gamepad o regolare la sensibilità dei joystick o dei pulsanti L2 / R2.

Ma, considerando che mi diverto molto di più con i giochi adeguati (come quelli da PC o console), ho deciso di aprire Stadia sul mio Pixel 2 XL, collegare il controller e vedere come va. Ho giocato ad alcuni giochi di piattaforma (come Sundered) e i controlli erano fantastici, tutto sembrava preciso e reattivo – non c’è ritardo poiché è quasi impossibile avere problemi di portata quando i due dispositivi sono a pochi centimetri di distanza. Il D-Pad non è proprio il massimo e sembra un po’ molle, ma è utilizzabile anche in combattimenti intensi (potrebbe portare a un po’ di stanchezza). Ho quindi aperto un altro gioco, Outcasters e non mi è piaciuto il comportamento dei joystick. Non riuscivo a mirare correttamente, la precisione era pessima, quindi sono entrato nell’app e ho abbassato la sensibilità che ha immediatamente migliorato il mio gameplay – quindi sì, usa l’app se necessario poiché alcuni giochi potrebbero richiedere un controllo personalizzato. Ho anche provato PUBG e ha funzionato bene, così come alcuni giochi di corse (ho provato quelli Android, come Asphalt 9 o Real Racing 3) e di nuovo, tutto ha funzionato come previsto.

gamesir-g4-pro

Come avevo anticipato nella sezione precedente, non mi piacevano molto i pulsanti L1 / R1 poiché sono facili da premere solo alle estremità e, considerando le mie dita lunghe, ho dovuto cambiare il modo in cui il controller si trova nelle mie mani (ho preferito i pulsanti L1 / R1 del T4 Pro). All’interno del GameSir G4 Pro, il produttore ha aggiunto una batteria ricaricabile da 800 mAh (a confronto, la batteria del T4 Pro è da 600 mAh) che è pubblicizzata come in grado di mantenere il dispositivo in funzione fino a 20 ore. Nel mio caso, mantenendo tutto su standard (come proveniva dalla confezione), l’autonomia era di circa 16 ore, il che è decisamente impressionante. È importante sapere che se non usi il controller per 10 minuti, andrà automaticamente in standby e, per riattivarlo, premi a lungo il pulsante Home per 2 secondi.

La Conclusione

Sono sicuro che non ti aspettavi che il gioco mobile sarebbe cambiato in meglio e, in un certo senso, non lo ha fatto, ma recentemente è stato aggredito dai grandi produttori di tecnologia che hanno visto l’opportunità di spingere le loro piattaforme di streaming su Cloud verso tutto ciò che ha una connessione Internet e un display, quindi dovresti essere in grado di giocare a Cyberpunk 2077 sulla tua smart TV, telefono, Raspberry Pi (e così via). Un controller multipiattaforma è una manna dal cielo quando giochi allo stesso gioco su più dispositivi e GameSir G4 Pro è stato costruito esattamente per questo scopo. Hai i mezzi per montare il tuo smartphone o il Nintendo Switch, può connettersi a un PC, MacBook o smart TV e si sente a proprio agio in mano. Ovviamente, non tutto è perfetto poiché funzionerà alla grande con alcuni tipi di giochi e un po’ meno con altri, ma nel complesso, è un controller di gioco decente che vale la pena provare.

GameSir G4 Pro -
  • 8.4/10
    Il Design - 8.4/10
  • 8/10
    La Facilità d'Uso - 8/10
  • 8.5/10
    Le Caratteristiche - 8.5/10
  • 7.7/10
    L'Accessibilità - 7.7/10
  • 8.8/10
    Il Comfort - 8.8/10
8.3/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *