Recensione Kensington SD5300T Docking Station Thunderbolt 3

La docking station Kensington SD5300T è l’ultimo modello del produttore californiano e il successore della SD5200T, un dispositivo che forniva due porte Thunderbolt 3, un paio di porte USB Tipo-A, una connessione Ethernet, una DisplayPort, ed I/O audio come aggiunta a ciò che il tuo laptop sia già in grado di offrire. La Kensington SD5300T ha mantenuto la maggior parte delle porte del suo predecessore (come il connettore Gigabit Ethernet e le due porte Thunderbolt 3), ma ha anche apportato alcune modifiche radicali, sostituendo la porta singola USB-C con più porte USB Tipo-A, ha fuso le due porte audio in una sola, la DP++ è stato sostituita con una porta HDMI e ora c’è un lettore di schede SD, una caratteristica che è diventata una necessità grazie all’approccio “minimalista” di Apple.

kensington-sd5300t

È vero che Apple ha iniziato questa tendenza e gli altri produttori hanno seguito l’esempio, ma le porte più grandi hanno dovuto essere rimosse per rendere i computer più sottili e più leggeri, quindi più portatili e per includere batterie più grandi, garantendo più ore di utilizzo su un singola carica. L’alternativa rimane sempre il portatile da gioco che viene fornito con tutte le porte necessarie e con hardware interno più potente, ma che non ha nessuno dei vantaggi dell’ultrabook (è meno portatile, è di solito fatto di plastica e la batteria dura 3-4 ore su media).

Gli ultrabook danno anche un senso di modularità che consente di spostare il computer da casa all’ufficio e, utilizzando un singolo cavo, per connettersi semplicemente a tutti i dispositivi necessari (mouse, tastiera, dispositivi di archiviazione e persino GPU esterne) utilizzando un dock fisso che, in alcuni casi, può anche ricaricare la batteria del laptop, quindi non è necessario portare con sé l’adattatore di alimentazione.

kensington-sd5300t

Kensignton SD5300T è stato progettato specificamente per questo tipo di layout e usando l’adattatore di alimentazione esterno, richiede solo un cavo Thunderbolt 3 per collegare un numero maggiore di dispositivi al computer. La docking station è un po’ più grande del suo predecessore (misura 22.8 x 8.6 x 2.5 centimetri) e l’esteriore è stato completamente ridisegnato: mentre l’SD5200T aveva una struttura in metallo con un modello spazzolato ed il lato superiore e inferiore in plastica, l’SD5300T ha la parte superiore e inferiore coperte da due pezzi di metallo e la cornice è in plastica (con una finitura nera lucida). Gli angoli rimangono arrotondati e sia la plastica che il metallo curvano verso una superficie anteriore più stretta – questo rende il dispositivo più elegante e grazie alla sua costruzione premium, la Kensington SD5300T apparirà davvero bene accanto al tuo ultrabook o MacBook.

Poiché ha più metallo, l’SD5300T è un po’ più pesante del suo predecessore (pesa 430 grammi) e grazie ai suoi quattro piedini in silicone dal basso, il dispositivo deve rimanere in posizione indipendentemente dal numero di cavi collegati. Tra le caratteristiche più importanti dell’SD5300T, ci sono le due porte Thunderbolt 3 che si trovano sul lato posteriore della docking station, la prima che supporta fino a 15W, quindi è adatta alla ricarica della batteria di smartphone o alla custodia di alcuni auricolari true wireless, mentre la seconda porta Thunderbolt 3 è la porta host (utilizzata per connettersi al laptop) e supporta 60W (analogamente all’SD2000P).

kensington-sd5300t

Questo è un passo indietro rispetto agli 85W dell’SD5200T e Kensington afferma che la ragione di ciò è perché la maggior parte dei laptop Thunderbolt 3 non hanno bisogno di più di 60 W per essere mantenuti attivi e funzionanti. E questo è vero soprattutto perché il mio MacBook Pro da 13 pollici è stato facilmente gestito anche a piena velocità, ma un ultrabook da 15 pollici avrà bisogno di 80-85 W sotto un carico pesante, quindi l’SD5200T coprirà questo terreno molto più efficacemente – l’SD5300T può anche ricaricare la batteria di un MacBook Pro da 15 pollici, ma ci vorrà più tempo e, se si eseguono applicazioni pesanti, potrebbe perdere la carica.

Quello che hanno in comune i dispositivi ultrabooks e i MacBook è l’uso di porte USB Tipo-C (Thunderbolt 3 o USB 3.1 / 3.2) e, mentre sono felice di vedere che questo ha finalmente unito Apple con il resto dei produttori di computer, la mancanza di retrocompatibilità rimane un problema importante, soprattutto quando la maggior parte delle periferiche è bloccata sullo standard più vecchio (sì, anche quelli più recenti di fascia alta). E non è tutto, perché una fonte di confusione proviene dal connettore Tipo-C che, nonostante abbia lo stesso aspetto in qualsiasi configurazione, può supportare una velocità di trasferimento fino a 10 Gbps (USB 3.1) o fino a 40Gbps (il caso del Thunderbolt 3).

kensington-sd5300t

Inoltre, la porta USB Tipo-C supporta anche DisplayPort (1.2 e 1.4), HDMI, DVI e audio. Il Kensington SD5200T ha una porta USB Type-C (3.1), mentre l’SD5300T ha deciso di sostituirlo con più porte USB Type-A (cinque invece delle tre precedenti): le tre porte posteriori supportano 5V / 0.9 A di ricarica e una delle due porte USB 3.1 Gen1 anteriore supporta la tecnologia di ricarica rapida 5V/2.1A (ho provato a ricaricare la batteria del mio Pixel 2 XL e si caricava lentamente con entrambe le porte, ma mostrava “Ricarica rapida” quando ho utilizzato la seconda porta USB-C, quindi potrebbe essere una incompatibilità tecnica?).

Accanto alle due porte Thunderbolt 3 (a sinistra), c’è una porta Gigabit Ethernet e, dal momento che la maggior parte degli ultrabook e di tutti i MacBook hanno rimosso questa porta vitale, questo è l’unico modo per ottenere una connessione più stabile dal router. Per vedere se la docking station ha un impatto significativo sulla connessione, ho preso un router ASUS RT-AC86U e ho collegato il mio computer desktop usando un cavo CAT6 (funzionerà come server) e successivamente, ho collegato un altro cavo CAT6 al router e alla docking station Kensington SD5300T, che a sua volta era collegata a un MacBook Pro tramite un cavo Thunderbolt 3 (il laptop funzionerà come cliente).

kensington-sd5300t

In questo modo, ho potuto misurare le prestazioni da LAN a LAN: dal cliente al server, ho misurato una media di 949 Mbps (il throughput è stato praticamente costante per l’intera durata del test) e, dal server al cliente, ho ottenuto una media di 863 Mbps (di nuovo, con variazioni molto piccole di pochi Mb). Sul lato destro delle porte Thunderbolt 3, c’è una singola porta HDMI v2.0 che ti permette di collegare un monitor 4K a 60Hz e, dal momento che il produttore ha incluso anche un adattatore da USB-C a HDMI, puoi aggiungere un monitor 4K secondario a 60Hz. L’SD5300T può anche gestire un singolo monitor 5K a 60Hz.

Dal momento che attualmente ho solo un monitor 2K, ho collegato il MacBook Pro al mio Dell U2515H e tutto è andato bene usando la connessione diretta all’HDMI o tramite l’adattatore. Sulla parte anteriore del dispositivo, verso sinistra, ci sono due indicatori LED (invece del singolo LED dell’SD5200T), uno che mostra quando il dispositivo è acceso (il LED verde) e l’altro se è collegato ad un dispositivo (blu). Sempre sul fronte, ma un po’ a destra, c’è un lettore di schede SD 3.0 UHS-I che supporta velocità fino a 104 MBps. Non avevo la scheda micro-SD più veloce in circolazione, solo una Hama microSD HC da 8GB di classe 10 che, quando si collegava direttamente al mio portatile Lenovo, offriva una velocità di lettura media di 58 MBps e una velocità di scrittura media di 19 MBps. Collegato tramite la docking station, ho ottenuto le stesse prestazioni sia nel test di velocità di lettura che di scrittura.

kensington-sd5300t

Considerando che il MacBook Pro è privo di un lettore di schede (altri ultrabook, come Dell XPS e HP Spectre lo hanno implementato), questa aggiunta sarà estremamente utile soprattutto se sei un fotografo o se devi caricare video sul computer ogni giorno. Più a destra, l’SD5300T ha una sola porta audio in cui è possibile collegare cuffie con microfono integrato (a differenza dell’SD5200T, che aveva la porta delle cuffie e quella del microfono separate). Sul lato sinistro del dock, il produttore ha aggiunto uno slot di sicurezza Kensington e uno slot di sicurezza Nano.

Di recente, ho acquistato uno SSD Samsung X5 Thunderbolt 3 (500 GB), quindi ho deciso di testarne le prestazioni quando si collegava direttamente al MacBook Pro e quando si collegava tramite Kensington SD5300T. Nel primo caso, utilizzando lo strumento BlackMagic Disk Speed Test, ha misurato una velocità media di scrittura di 2,150 MBps e una velocità di lettura media di 2,390 MBps. Dopo aver inserito la Kensington SD5300T tra MacBook Pro e il disco Samsung X5, ho misurato una velocità media di scrittura di 2,070 MBps, mentre la velocità di lettura è stata di 2.370 MBps. Come potete vedere, né la lettura, né la velocità di scrittura sono state influenzate in modo significativo quando l’X5 è stato collegato a Kensington SD5300T – c’è stata solo una leggera caduta, che è prevedibile quando si utilizza una docking station.

kensington-sd5300t

Dal momento che non tutti i tuoi dispositivi useranno lo standard Thunderbolt 3, ho deciso di formattare un SSD esterno SanDisk Extreme (250 GB) ed eseguire il benchmark BlackMagic. In questo modo, quando si collegava direttamente al MacBook Pro, ho misurato una media di 513 MBps sul test di lettura e una media di 485 MBps sul test di scrittura; dopo aver inserito la Kensington SD5300T nel mezzo, ho misurato una velocità di lettura media di 503 MBps e una velocità di scrittura media di 467 MBps. Ancora una volta, c’è una piccola differenza tra la connessione diretta e quando ho usato la docking station.
Durante l’esecuzione dei test, la docking station è diventata un po’ calda, ma non ha mostrato alcun segno di surriscaldamento (a differenza del Samsung X5 che voleva prendere fuoco).

kensington-sd5300t

Analogamente all’SD5200T, la docking station può essere utilizzata con il software DockWorks per monitorare attivamente la connessione, abilitare la funzione Pass-through dell’indirizzo MAC e passare facilmente dalla rete WiFi alla LAN.
Info: Se vuoi collegare l’SD5300T a una porta USB 3.1 Type-C (non Thunderbolt 3), non funzionerà perché la docking station non utilizza il controllore Titan Ridge.

La Conclusione

La Kensington SD5300T non vuole sostituire l’SD5200T ma a coesistere con esso, offrendo alcune funzionalità che il suo predecessore non aveva (come il lettore di schede SD, più porte USB e una porta audio modificata), ma ha anche abbassato alcune prestazioni, come la fornitura di energia (da 85 W a 60 W) e ha rimosso la porta USB 3.1 Type-C. Detto questo, in modo simile al suo predecessore, l’SD5300T presenta una qualità costruttiva premium, supporta un monitor da 5K o due da 4K, ha abbastanza porte per connettere tutte le periferiche (incluse gli eGPU veloci) e offre una connessione Internet via cavo, tutto ciò senza richiedere nulla più di una singola connessione Thunderbolt 3 al tuo computer.

Kensington SD5300T
  • 9.4/10
    Il Design - 9.4/10
  • 9/10
    La Facilità d'Uso - 9/10
  • 9.7/10
    Le Caratteristiche - 9.7/10
  • 7.5/10
    L'Accessibilità - 7.5/10
8.9/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

0 thoughts on “Recensione Kensington SD5300T Docking Station Thunderbolt 3

Leave a Reply

Your email address will not be published.