Recensione Sistema WiFi Tri-band Meshforce M7

Il Meshforce M7 è (attualmente) il sistema mesh WiFi 5 più recente sviluppato dal produttore cinese e abbiamo a che fare con tre unità identiche che si basano su una banda radio 5GHz dedicata per gestire il traffico di backhaul (sì, tutte e tre le unità sono tri-band). Ho visto questo approccio anni fa, quando è stata rilasciata la prima generazione di Orbi, seguita da Linksys Velop e Zyxel Multy X, ma sembra che questi grandi marchi siano passati quasi completamente allo standard più recente WiFi 6. E l’obiettivo dell’M7 di Meshforce è quello di coprire il segmento di mercato lasciato indietro da questi produttori – non sorprende che questo sia un segmento abbastanza ampio. Questo perché un sistema mesh WiFi 5 tri-band buono è molto importante oggi, anche se lo standard WiFi 6 sta già guadagnando terreno (apparentemente, in parallelo al WiFi 6E).

meshforce-m7
VEDI PRODOTTO SU:

meshforce

Ciò è dovuto ad altri produttori che non stanno aggiungendo adattatori AX ai loro dispositivi elettronici di fascia bassa e media (che sono quasi l’80-90 percento di tutti i dispositivi elettronici che supportano WiFi). Quindi, è qui che entra in gioco Meshforce M7, che offre una copertura completa della casa utilizzando una variante della tecnologia mesh, Beamforming, MU-MIMO e promette anche di rendere l’installazione e il processo di configurazione il più semplice possibile. Per quanto riguarda il prezzo, è leggermente più economico di altri dispositivi simili, quindi mettiamolo alla prova e vediamo se può essere considerato un’opzione migliore rispetto ai suoi concorrenti principali.

Il Design e la Qualità Costruttiva

I primi sistemi mesh tri-band avevano unità molto grandi e i dispositivi come Velop e Orbi sembravano più un vaso che un router. Successivamente, Eero Pro e TP-Link Deco M9 Plus sono diventati significativamente più piccoli, pur offrendo prestazioni WiFi molto simili. Il Meshforce M7 è da qualche parte nel mezzo perché le sue tre unità identiche hanno un ingombro abbastanza ridotto (paragonabile a un Deco), ma sono un po’ più alti di quelli come Google WiFi. In effetti, ogni unità misura 13,0 x 11,0 cm e sì, la forma di un’unità Meshforce M7 è cilindrica. Ogni dispositivo è ricoperto da una finitura opaca bianca, con una sezione argentata nella parte superiore e una parte inferiore in plastica morbida grigio chiaro.

meshforce-m7

Ho notato che l’M7 ha dei piedini in silicone, ma ogni unità rimane abbastanza scivolosa. Penso che il motivo principale sia che ogni dispositivo M7 è molto leggero e ne ho aperto uno per vedere che oltre alla PCB, il resto della custodia è praticamente vuoto.
La buona notizia è che in questo modo il Meshforce M7 dovrebbe avere una buona gestione del calore. E in effetti lo fa, poiché ho sentito solo un po’ di calore nella parte superiore dell’unità – devo menzionare che la parte inferiore ha uno schema circolare di fori per consentire al calore di fuoriuscire dal dispositivo. Anche se apprezzo il fatto che i sistemi WiFi mesh abbiano un bell’aspetto e si adattino magnificamente a una stanza, abbiamo perso un’importante caratteristica del design ed è la possibilità di montarli a parete.

Come previsto, questo è anche il caso delle unità Meshforce M7, poiché non c’è un foro di montaggio nella parte inferiore. Inoltre, un altro elemento di design che è diventato meno funzionale sono gli indicatori LED. Mentre il router tradizionale ha di solito una serie di LED, ognuno dei quali mostra accuratamente lo stato di una funzione specifica, i sistemi mesh hanno un grande anello di luce o un singolo piccolo LED che brilla in vari colori. Certo, siamo stati condizionati ad associare il rosso al cattivo e il blu/verde al buono quando si tratta di elettronica, ma non è sempre così il modo in cui tutti i produttori usano il loro singolo LED.

meshforce-m7

No, di solito otteniamo l’intero arcobaleno perché belle luci. In ogni caso, ogni unità Meshforce ha un unico piccolo LED sotto il logo (di lato) e, quando è verde fisso, significa che la connessione a Internet è andata a buon fine. Se è giallo fisso, la connessione Internet è corretta. Se il LED lampeggia in verde, il dispositivo è pronto per essere configurato e se è rosso fisso, il processo di configurazione non è riuscito o l’unità non è in grado di connettersi a Internet. Se capovolgi una delle tre unità Meshforce M7, sarai in grado di vedere un’area dedicata per le porte e al suo interno c’è un connettore di alimentazione (gli adattatori sono inclusi nella confezione), una porta WAN/LAN (questa porta può essere utilizzata come WAN se abbiamo a che fare con l’unità principale, mentre sui nodi mesh funzionerà semplicemente come LAN) e due porte LAN. Infine, c’è il pulsante Reset incassato che devi premere per 10 secondi per riportare il dispositivo alle impostazioni predefinite di fabbrica.

L’Hardware Interno

Se hai il pacco con tre Meshforce M7, come io, sappi che tutte le unità sono completamente identiche, quindi ne ho scelta una e ho tentato di aprirla. Tieni presente che così facendo molto probabilmente annullerai la garanzia, ma non mi importava quindi sono andato avanti. Il primissimo passo è capovolgere l’unità e identificare i quattro fori circolari – basta rimuovere le quattro viti e poi staccare con cura la parte superiore. In questo modo, sarai accolto dalla PCB principale abbastanza piccola, così come dalla scheda più piccola che si trova al di sopra.

meshforce-m7

Il PCB principale ha un paio di coperture in alluminio e dopo averle rimosse, questi sono i componenti che sono riuscito a identificare. Ho visto un Realtek RTL8198D J7K60E2 dual-core da 1GHz (architettura ARM – Cortex-A17), 256 MB di RAM, 64 MB di memoria flash (H25S128), un adattatore di rete USB 2.0 Realtek 8192FU e un convertitore DC/DC step-down sincrono ZTP7194S. Per il WiFi, il Meshforce M7 si affida al chip singolo Realtek RTL8812FR 802.11a/b/g/n+ac, 2×2:2 insieme a due moduli front-end altamente integrati SKY85743-21 per la radio a 5GHz e un altro chip Realtek RTL8812FR K514QP1 (802.11b/g/n 2×2:2) per la banda radio a 2,4GHz.
Info: Ogni unità Meshforce M7 è un router di classe AC2100, quindi presenta una velocità di trasferimento di dati teorica massima di 300Mbps sulla banda radio a 2,4 GHz e una velocità di trasferimento di dati teorica massima di 867Mbps sia sulla prima che sulla seconda banda 5GHz. Questi sono risultati misurati in laboratorio in condizioni ideali, quindi non aspettarti di avvicinarti molto a questi valori nella tua casa.

Le Prestazioni Wireless e le Caratteristiche

Anche se non ho ancora testato alcun sistema mesh 802.11ax, ho verificato quasi tutti i sistemi WiFi 5 disponibili e tutti avevano in comune una caratteristica principale: la possibilità di creare una rete mesh in cui un’unità si collega al modem per accedere a Internet (via cavo, ovviamente), mentre la seconda e, forse, la terza unità si collegano al dispositivo principale in modalità wireless. Ci sono un paio di proprietà che devo evidenziare e la prima è l’abilità di riparazione automatica che significa che se un nodo fallisce (va offline), non vieni disconnesso immediatamente da Internet. E questo perché il prossimo nodo adatto prenderà il controllo e sposterà i dati da e verso il tuo dispositivo cliente. La seconda proprietà è la capacità di ottimizzare automaticamente il percorso per i tuoi dati, così sei sempre connesso al nodo meno affollato che ha la potenza del segnale più adatta.

meshforce-m7

Naturalmente, questo è l’ideale e le cose non funzionano sempre come previsto. Se superi un hop e ti connetti al primo satellite, tutto dovrebbe andare bene grazie alla banda 5GHz dedicata. Sì, Meshforce M7 consente ai clienti di connettersi alle reti a 2,4 GHz ed a una delle reti a 5 GHz, mentre una banda viene lasciata solo per il traffico di backhaul. Ho visto questo approccio su Orbi e Multy X e ha funzionato davvero bene. Tuttavia, se decidi di connetterti a un nodo mesh a due salti di distanza dall’unità principale, ci sarà meno larghezza di banda per i tuoi dispositivi. Quindi, suggerisco di mettere l’unità M7 principale al centro e mettere un nodo da un lato, mentre l’altro starà meglio dall’altra parte della tua casa. Se disponi di un cablaggio Ethernet a casa tua, puoi fare affidamento sulla funzione Ethernet Backhaul e collegare le unità tramite cavo.

Prima di passare ai test, devo citare la tecnologia MU-MIMO che sembra essere obbligatoria sui router, mentre non tanto sui dispositivi cliente. Ma se hai clienti compatibili, MU-MIMO può aiutarti a servirli allo stesso tempo, invece di farli competere per la larghezza di banda. Inoltre, c’è la tecnologia BeamForming che aiuta a focalizzare il segnale verso i dispositivi cliente, quindi limitare l’impatto delle interferenze. Per testare le prestazioni wireless di Meshforce M7, ho prima verificato il throughput ottenuto con una singola unità. Quindi, ho collegato un computer all’unità M7 utilizzando un cavo (funzionerà come server) e il dispositivo cliente era un altro computer dotato dell’adattatore WiFi 5 PCE-AC88.

meshforce-m7

Poiché non c’è modo di dividere la rete a 2,4GHz dalla rete a 5GHz, il cliente si è connesso automaticamente all’SSID a 5GHz (80MHz) e, in upstream, ho visto una media di 634Mbps a 1.5 metri e una media di 285Mbps a 10 metri. In downstream, ho visto una media di 355Mbps a 1.5 metri e una media di 168Mbps a 10 metri. Dato che non ero in grado di connettermi alla banda a 2,4 GHz, ho provato a impostare l’adattatore WiFi per funzionare in 802.11n, ma avrebbe comunque utilizzato la radio a 5GHz, quindi, per mantenere le cose il più vicino possibile alle condizioni di vita reale, ho dovuto fare affidamento su un vecchio cliente che supportava solo la larghezza di banda del canale fino a 20MHz.

Ed è quello che succede quando non è disponibile una configurazione approfondita. In ogni caso, la prestazione non è eccezionale e forse sarebbe stato meglio se avessi avuto un cliente migliore. Quindi, se hai un vecchio laptop come me (HP Pavilion dv6) che ha una vecchia scheda WiFi, vedrai una media di 49,4Mbps a 1.5 metri (upstream) e una media di 37,1Mbps a 10 metri. Quindi sì, è abbastanza coerente, come previsto, ma non così eccezionale. In downstream, ho ottenuto una media di 42Mbps a 1.5 metri e una media di 23,8Mbps a 10 metri. È possibile che non tutti utilizziate la migliore scheda WiFi 5 sul mercato, quindi ho deciso di verificare anche le prestazioni quando il router era connesso a un dispositivo cliente dotato di una scheda Intel 8265.

meshforce-m7

Di nuovo, connesso alla rete a 5GHz e, in upstream, ho visto una media di 539Mbps a 1.5 metri e una media di 272Mbps a 10 metri. In downstream, le cose erano molto simili al PCE-AC88, quindi sono riuscito a misurare una media di 354Mbps a 1.5 metri e 166 Mbps a 10 metri. Ho più di un’unità disponibile, quindi vediamo come funziona la banda 5GHz dedicata. Ho posizionato il secondo Meshforce M7 a circa 12 metri dall’unità principale e ho collegato il dispositivo cliente PCE-AC88. Mentre mi assicuravo che il dispositivo rimanesse connesso al nodo mesh secondario, ho verificato il throughput in vari punti della mia casa.
Quindi, in upstream, a 1.5 metri, ho visto una media di 378Mbps che è circa la metà che ho ottenuto sul primo nodo e, a 10 metri, ho visto una media di 234Mbps. Mentre sei vicino, non è stato così impressionante, se ti allontani dall’unità secondaria, otterrai comunque prestazioni molto simili a quelle che erano accanto al Meshforce M7 principale, il che è fantastico. In downstream, ho visto lo stesso comportamento poiché a 1.5 metri ho ottenuto 216Mbps, mentre a 10 metri il throughput era di 151Mbps. Ciò significa che la banda 5GHz dedicata funziona bene.

meshforce-m7

Inoltre, tieni presente che Meshforce e altri produttori vogliono convincerti a limitare il tuo utilizzo a un singolo hop (anche l’app mostra un triangolo) e questo perché le prestazioni multi-hop sono generalmente molto scarse, a causa dello sforzo del traffico di backhaul. Quindi, se usato come previsto, il terzo nodo mesh dovrebbe fornire più o meno le stesse prestazioni dell’unità secondaria se posizionata dall’altra parte della casa, con l’M7 principale nel mezzo. L’ultima cosa che ho testato utilizzando solo un nodo mesh è stata la prestazione LAN-to-LAN che è stata resa facile grazie alle due porte LAN aggiuntive. In upstream, ho misurato una media di 949 Mbps e in downstream, ho visto una media di 888 Mbps.

La Configurazione e Il Software

Purtroppo, Meshforce M7 non ha un’interfaccia basata sul web (grazie, Google), quindi tutto deve avvenire da un’applicazione mobile, incluso il processo di configurazione iniziale. Quindi, ho aperto il manuale e scansionato il codice QR fornito e ho selezionato l’opzione “Scarica l’app prima di iniziare”. In questo modo, ho installato l’app My Mesh (disponibile sia per iOS che per Android OS) e successivamente mi è stato chiesto se desidero consentire l’invio delle notifiche al mio smartphone. Poi, mi è stato chiesto di accettare o non essere d’accordo con i loro termini di informativa sulla privacy e se volevo consentire all’app di rilevare e connettersi ai dispositivi nella mia rete. Successivamente, ho dovuto connettermi all’SSID che è stato trasmesso e inserire la password che si trova nella parte inferiore di ogni unità M7.

meshforce-m7

Pochi secondi dopo, il router ha visto che avevo una connessione PPPoE, quindi avevo bisogno di inserire il nome utente e la password dell’ISP e sono stato in grado di impostare lo SSID e la passkey per la mia nuova rete. Sì, ottieni solo una rete e non puoi dividerla in due, nemmeno più avanti nell’app. Successivamente, ho seguito le istruzioni per aggiungere più nodi mesh e sembra che tutto venga eseguito automaticamente.
Tutto quello che dovevo fare era di connettere i due nodi aggiuntivi a Internet e sono apparsi nell’app come online un paio di minuti dopo. Prima di ottenere l’accesso completo all’app, mi è stato chiesto se volevo creare un account per gestire la rete dall’esterno della rete domestica ed è stato in quel punto che mi sono reso conto di aver ricevuto lo stesso messaggio quando ho installato Speedefy KX45. Presumo che entrambe le app siano state realizzate dalla stessa azienda e forse anche da entrambi i dispositivi.

Ad ogni modo, la finestra principale è My WiFi e qui puoi vedere i nodi, ognuno con il numero di clienti connessi e se tocchi l’unità principale o secondaria, sarai in grado di vedere più informazioni di stato. Toccando la scheda Dispositivi connessi nella parte inferiore della pagina verrà richiamato un elenco di tutti i dispositivi cliente e, se si tocca uno di essi, si accederà alla pagina dedicata. Non c’è molto da fare qui, poiché c’è solo la possibilità di aggiungerlo alla Blacklist o a un gruppo. Dopo essere tornato alla finestra principale, ho selezionato la pagina Impostazioni e qui ci sono alcune altre opzioni. Tuttavia, le Impostazioni wireless ti consentono solo di modificare il nome e la passkey, nessun’altra regolazione, c’è la possibilità di creare una rete ospite, sempre senza possibilità di configurazione aggiuntiva.

meshforce-m7

Più in basso, c’è il Parental Control che controlla i gruppi di dispositivi e da quello che ho visto c’è solo la possibilità di mettere in pausa l’Internet o creare accessi programmati, nessun filtro web o altro. Ho anche notato che il sistema mesh supporta QoS che puoi solo abilitare e disabilitare e il produttore afferma che il router darà automaticamente la priorità ai dispositivi di gioco e alla navigazione web. Più in basso, ho visto che potevo abilitare la funzione Fast Roaming (802.11r) e la Modalità orientata alla capacità che dovrebbe essere abilitata quando più di 30 dispositivi client sono collegati contemporaneamente al sistema WiFi. Ho visto questa funzionalità su alcuni router Tenda e il concetto sembra essere lo stesso: il throughput diventerà più lento e la larghezza di banda sarà limitata, quindi la rete non collassa. Non superare i 30 dispositivi poiché Meshforce M7 non sarà in grado di gestirli bene. Infine, devo menzionare il supporto per Port Forwarding, UPnP, server DHCP, DNS e WPS.

La Conclusione

Penso che un buon router o un sistema mesh WiFi 5 sia ancora la scelta migliore per almeno i prossimi due anni. E questo perché il nuovo standard è lontano dall’essere ampiamente adottato, dal punto di vista del dispositivo cliente, ovviamente. Quindi, Meshforce M7 è abbastanza buono da eclissare altri vecchi sistemi mesh WiFi? Le prestazioni wireless sono state buone utilizzando un singolo nodo e la banda di backhaul dedicata ha davvero fatto la differenza, soprattutto quando ci si allontana dal nodo mesh. Quindi, in questo senso, può combattere con i suoi principali concorrenti. Ma il software ha ancora bisogno di un po’ di lavoro. Quando provi molti dispositivi di rete, inizi ad avere alcune (forse) aspettative di nicchia, quindi è meglio prendere in prestito un amico e fargli provare il software. Il processo di installazione è semplice e la configurazione sembrava abbastanza facile da soddisfare le esigenze di una persona non tecnica. Ma devo sottolineare che i Parental Control sono molto superficiali, così come il QoS. Inoltre, so che ora tutto si fa in automatico, ma avrei apprezzato una sezione Avanzata, dove posso soddisfare la mia esigenza di configurazione approfondita. Infine, devo menzionare il prezzo che, per un sistema mesh tri-band a tre unità è davvero buono (migliore della maggior parte dei suoi concorrenti) e questo da solo potrebbe convincere la maggior parte delle persone a provare il sistema WiFi Meshforce M7.

Meshforce M7 -
  • 7.8/10
    Il Design - 7.8/10
  • 9/10
    La Facilità d'Uso - 9/10
  • 6/10
    La Configurabilità - 6/10
  • 9/10
    L'Accessibilità - 9/10
  • 8/10
    Le Prestazioni Wireless - 8/10
8/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.