Recensione Netgear Nighthawk R7000P AC2300

Come suggerisce il nome, il Netgear Nighthawk R7000P è il successore di uno dei più popolari router dual-band, il Nighthawk R7000, un dispositivo noto sia per le sue prestazioni wireless, che per il suo design iconico ispirato dal aereo invisibile Lockheed F-117 Nighthawk. Tre anni dopo il rilascio del R7000, Netgear ha deciso che doveva implementare più delle funzioni WAVE 2 802.11ac, quindi ha deciso di continuare a utilizzare la piattaforma Broadcom, ma ha aggiornato alcuni degli elementi hardware principali, passando dalla classe precedente AC1900 all’AC2300 e aggiungendo il supporto per la tecnologia MU-MIMO e per la modulazione QAM 1024.

netgear-nighthawk-r7000p

amazon

Inoltre, Netgear ha anche pubblicizzato il supporto per il NETGEAR Armor™ (da BitDefender, come un’alternativa al TrendMicro, che è utilizzato principalmente da Google WiFi, Eero e alcuni router Asus), e c’è anche il supporto per Circle with Disney per un migliore Controllo Genitori, ma entrambe queste funzionalità sono limitate a una prova gratuita e dovrai acquistare un abbonamento a pagamento per continuare a utilizzarle. Ma, allo stesso tempo, l’R7000P non sembra un cambiamento radicale rispetto al suo predecessore, dal momento che è difficile utilizzarlo al suo massimo (sono necessari adattatori WiFi compatibili), ma considerando che l’R7000 è stato un punto di svolta per Netgear, sono curioso di vedere se le prestazioni del Nighthawk R7000P sono adatte alle esigenze di oggi.

Il Design

Senza dubbio, il Netgear Nighthawk R7000 è stato uno dei più belli router wireless del suo tempo, oscurando il suo diretto concorrente, l’Asus RT-AC68U, ma il Nighthawk R7000P sembra identico all’R7000, quindi ha la stessa custodia in plastica angolare coperta da una finitura opaca grigio scuro, con le sue parti laterali leggermente inclinate verso la base, che espongono due set di griglie di ventilazione. Il router è ancora molto grande, soprattutto per gli standard odierni, misura 28.5 x 18.4 x 5.0 cm (mentre un’unità Google WiFi è solo 10.4 x 6.8 centimetri) e, dall’area posteriore, ci sono tre antenne omnidirezionali, a forma di pinne, che possono essere rimosse e aggiornate.

netgear-nighthawk-r7000p

Alcuni utenti potrebbero pensare che la decisione di mantenere lo stesso design sia buona perché il nuovo router può facilmente sostituire il vecchio R7000, ma ho visto un approccio simile da Linksys che, al suo nuovissimo router WRT, ha semplicemente cambiato il colore e questo può diventare preoccupante dopo alcune iterazioni. Non fraintendetemi, l’R7000P può ancora competere con i router wireless più recenti in termini di design, ma il nuovo Netgear Orbi e l’XR500 mostrano che il produttore può ancora creare un prodotto dal design accattivante, quindi un router dall’aspetto nuovo può fare la differenza.

A differenza delle unità piccole dei sistemi WiFi che sono progettate in modo minimalista, una custodia più grande può offrire alcuni vantaggi, come ad esempio una migliore gestione del calore – per garantire questa, Netgear ha aggiunto griglie di ventilazione sul lato posteriore e alcune nella parte inferiore, vicino al etichetta informativa (che contiene principalmente il nome WiFi / la chiave di accesso, il numero di serie e l’indirizzo MAC). Durante il test, l’R7000P è diventato leggermente caldo vicino all’etichetta e sulla superficie superiore, ma non ha mai mostrato segni di surriscaldamento. Come il suo predecessore, il Nighthawk R7000P può essere posizionato orizzontalmente su una superficie piana, ma, grazie ai due fori di montaggio dalla zona inferiore, il router può anche essere facilmente montato a parete.

netgear-nighthawk-r7000p

Inoltre, l’R7000P pesa 750 grammi (un po’ sotto l’WRT3200ACM) e, tenendo conto dei quattro piedini in silicone, otteniamo un dispositivo stabile che non si muoverà indipendentemente dal numero di cavi collegati. Tornando alla superficie superiore, noterai la serie tradizionale di indicatori LED che hanno il ruolo di mostrare lo stato del router e della rete: da sinistra, c’è il LED di alimentazione (il bianco fisso indica che il router è pronto da configurare, mentre il bianco lampeggiante indica che il firmware è corrotto; il LED lampeggerà ambra quando il firmware viene aggiornato o quando il router ritorna alle impostazioni predefinite di fabbrica), il LED Internet (bianco lampeggiante indica che la porta WAN riceve e invia il traffico), c’è anche un LED per la radio a 2,4 GHz e un altro per la radio a 5 GHz, un LED per la porta USB 3.0, un LED per la porta USB 2.0 e quattro LED per le quattro porte Ethernet LAN.

Accanto all’ultimo LED della porta Ethernet, ci sono due pulsanti con luci LED al di sotto, uno responsabile dell’accensione o dello spegnimento del WiFi e l’altro per l’avvio del processo WPS. Come ho già detto molte volte, preferisco la gamma di luci a LED al posto del singolo LED dei sistemi WiFi perché è più intuitivo e semplifica la comprensione di tutto ciò che accade con il router, senza dover consultare costantemente il manuale. Sul lato posteriore del router, Netgear ha posizionato un piccolo pulsante di ripristino incassato (devi premere per sette secondi per riportare l’R7000P alle impostazioni predefinite di fabbrica) e accanto, ci sono quattro porte Ethernet LAN (RJ45, Gigabit).

netgear-nighthawk-r7000p

Un po’ più a destra, c’è la porta WAN (Gigabit), una porta USB 2.0 (potrebbe essere ancora utile per il collegamento di una stampante), un pulsante di accensione / spegnimento e una porta di alimentazione proprietaria. Se ti ricordi la porta USB 3.0 frontale del Nighthawk R7000, beh, Netgear ha deciso di tenerlo anche sull’R7000P, quindi, se vuoi connettere un dispositivo di archiviazione NAS o un’unità USB, si ottiene un accesso rapido.

L’Hardware

All’interno, il Netgear Nighthawk R7000P è notevolmente diverso dall’R7000, ma utilizza ancora la piattaforma Broadcom, essendo dotato di un chipset dual-core Broadcom BCM4708C0 con il clock a 1GHz (che non è poi così diverso dal dual-core BCM4709A0 anche con clock a 1 GHz dell’R7000), 256 MB di RAM (Samsung K4B2G1646F-BCK0), 128 MB di memoria flash da Spansion (S34ML01G200TFI00 622BB613) e utilizza il BCM4708C0 come lo switch chip. Finora, è quasi identico all’R7000, ma l’area in cui il Netgear R7000P è migliorato significativamente è il chip wireless per la radio a 5 GHz, che è andato dalla Broadcom BCM4360 della R7000 al SoC migliore BCM4365E KMMLG 3×3, che supporta MU-MIMO (anche con QFvo19 integrato FEM QPF4519). Il chipset wireless a 2.4 GHz è rimasto lo stesso Broadcom BCM4360.

netgear-nighthawk-r7000p

Il Nighthawk R7000P è pubblicizzato come router di classe AC2300, quindi offre una velocità di trasferimento di dati teorica massima di 600 Mbps sulla banda a 2.4 GHz e una velocità massima teorica di trasferimento di dati di 1,625 Mbps sulla banda radio a 5 GHz (per ottenere la migliore connessione wireless possibile, è necessario disporre di un adattatore wireless che supporta 1024-QAM, altrimenti il dispositivo non funzionerà meglio di un router di classe AC1900).

La Prestazione e le Caratteristiche

Il Nighthawk R7000 è stato ben attrezzato per il suo tempo, ma l’R7000P ha dovuto fare un passo avanti e adottare una delle più popolari caratteristiche di WAVE 2, la tecnologia MU-MIMO (Netgear ha aggiunto il supporto a 160 MHz solo al suo R7800). Ciò garantisce che più clienti connessi via WiFi vengano serviti simultaneamente invece di lottare per la larghezza di banda (i clienti compatibili sono ancora molto scarsi, ma, sorprendentemente, MU-MIMO sembra guadagnare più terreno ogni giorno, anche se nelle sue forme minori, come 1×1 o 2×2).

netgear-nighthawk-r7000p

L’R7000P ha mantenuto il supporto per BeamForming+, che assicura che il segnale sia diretto (e migliorato) verso il cliente, in modo da migliorare la stabilità della rete e ridurre significativamente l’effetto delle interferenze. Ho anche notato che il router sfrutta la funzione Smart Connect che assegna automaticamente i dispositivi collegati alla banda WiFi adatta. Altre caratteristiche che meritano di essere menzionate sono il Netgear Armor (da BitDefender) che funziona come un antivirus, fornisce protezione contro lo phishing e malware e scansiona anche tutti i dispositivi per vulnerabilità (ottimo se i dispositivi IoT sono collegati alla rete LAN); la seconda caratteristica è il Circle with Disney per il controllo genitori potenziato.

Il problema con Netgear Armor e il Circle con Disney è che il primo offre solo una prova per 90 giorni, mentre il secondo offre un pacchetto base gratuito e l’accesso completo richiede un canone mensile. Non sono un vero fan degli abbonamenti mensili / annuali, ma offrono un certo grado di comodità per gli utenti che non vogliono il fastidio di gestire hardware aggiuntivo o soluzioni software personalizzate.
Info: Se ti stavi chiedendo se Netgear abbia implementato la tecnologia mesh, la risposta è no, ma puoi dare un’occhiata al Netgear Orbi, che è considerato uno dei sistemi WiFi più veloci disponibili.
Per testare le prestazioni wireless dell’R7000P, ho preso due computer, uno è un PC desktop dotato dell’adattatore WiFi PCE-AC88 (diventerà il cliente e sarà in grado di sfruttare appieno la potenza del router) e l’altro è un potente laptop che sarà collegato all’R7000P tramite un cavo Ethernet CAT6.
Info: l’R7000P è stato aggiornato al firmware v1.3.1.44_10.1.23.

netgear-nighthawk-r7000p

Al primo test, ho collegato entrambi i clienti alla rete 5GHz e, dal cliente al server, a 1.5 metri, sono riuscito a misurare una media di 861 Mbps, mentre a 5 metri, ho misurato circa 805 Mbps e a 10 metri, la velocità è scesa a 654 Mbps. Questo tipo di prestazioni è possibile grazie alla perfetta compatibilità con il PCE-AC88, quindi ho deciso di testare il router utilizzando l’adattatore PCE-AC68 e questi sono i risultati: a 1.5 metri, ho misurato una media di 753 Mbps (ancora un grande throughput), ma la vera differenza è arrivata a 5 metri, dove ho visto un calo a 597 Mbps e a 10 metri, dove ho misurato una media di 348 Mbps. Dal server al cliente, usando entrambi gli adattatori, ho ottenuto praticamente gli stessi risultati: a 1.5 metri, ho misurato una media di 286 Mbps, mentre a 5 metri, la velocità è leggermente diminuita fino a 267 Mbps e, a 10 metri, ha misurato una media di 222 Mbps.

netgear-nighthawk-r7000p

Nel passaggio successivo, ho deciso di passare alla rete a 2.4 GHz e, utilizzando ancora il PCE-AC88, dal cliente al server, ho misurato una media di 176 Mbps a 1.5 metri, mentre a 5 metri, ho misurato una media di 158 Mbps; a 10 metri, la velocità in è leggermente aumentata fino a una media di 164 Mbps. Dal server al cliente, le cose sono rimaste sorprendentemente simili: a 1.5 metri, ho misurato una media di 174 Mbps, mentre a 5 metri ho misurato una media di 150 Mbps; a 10 metri, la velocità è scesa a circa 141 Mbps. Per quanto riguarda il throughput cablato (da LAN a LAN), il risultato è stato decente: il router ha consegnato una media di 891 Mbps dal cliente al server (TCP) e 856 Mbps dal server al cliente (TCP); per quanto riguarda i test UDP, ho ottenuto 868 Mbps dal cliente al server e 470 Mbps, viceversa. Infine, ho deciso di verificare le prestazioni dello storage utilizzando un’unità SSD Samsung T5 (256 GB) e, usando una cartella multimediale da 2.5 GB, ho ottenuto una media di 22.1 MBps durante la scrittura della cartella e una media di 76.7 MBps per la lettura.

netgear-nighthawk-r7000p

La Configurazione e Il Software

I sistemi WiFi sono stati tra i primi ad adottare un’interfaccia utente solo per i dispositivi mobili e, dal momento che questa implementazione ha ricevuto un feedback positivo dagli utenti, molti produttori hanno dovuto adottare questo nuovo trend e ora anche il router tradizionale utilizza un’app mobile sia per la configurazione che per l’amministrazione. L’R7000P non è un’eccezione, quindi può essere configurato tramite l’app mobile dedicata o tramite l’interfaccia basata sul web. Naturalmente, ho scelto il primo, quindi ho installato e lanciato l’applicazione Nighthawk sul mio telefono Android.

Durante il primo passaggio, mi è stato richiesto di creare un account Netgear e, successivamente, ho dovuto connettermi alla rete WiFi del router (Netgear fornisce anche alcune istruzioni per l’installazione dell’hardware). È qui che le cose sono diventate un po’ strane perché sono stato reindirizzato all’app Netgear Genie, dove ho continuato il processo di configurazione iniziale: mi è stato chiesto se volevo abilitare gli aggiornamenti automatici del firmware e se volevo inviare “dati di analisi del router” ai server del produttore; successivamente, il router ha controllato la connessione Internet e ho dovuto inserire manualmente il nome utente e la password dall’ISP; infine, ho creato la password dell’amministratore – apparentemente alcuni utenti sono stati in grado di continuare il processo di configurazione iniziale tramite l’app Nighthawk, ma, a prescindere, il router è stato configurato correttamente e in seguito ho potuto accedere all’interfaccia utente di Nighthawk.

netgear-nighthawk-r7000p

L’interfaccia mobile è molto pulita con l’icona del router in alto (la devi toccare per visualizzare i dettagli del router e della connessione Internet, riavviare il dispositivo o controllare eventuali aggiornamenti del software) e le otto icone sottostanti: le Impostazioni Wi-Fi, l’Elenco Dispositivi, la Rete Ospite, il Controllo Genitori, la Velocità di Internet, la Sicurezza, il Misuratore del Traffico e il Supporto. Sotto le Impostazioni Wi-Fi, è possibile abilitare la funzione Smart Connect (bilancia i clienti tra le due bande) o modificare l’SSID, la password e il tipo di sicurezza delle due reti, mentre nell’Elenco Dispositivi, è possibile visualizzare tutti i clienti connessi, ogni mostrando (su richiesta) alcune informazioni generali e, accanto a ciascun dispositivo, c’è un interruttore per mettere in pausa la connessione.

Sotto la Rete Ospite, puoi abilitare le reti ospiti per ogni banda disponibile e, nel Controllo Genitori, se decidi di attivarlo, verrai indirizzato all’app Circle con Disney, dove dovrai creare un account, scegliere tra il pacchetto Basic o Premium (il primo è gratuito), aggiungere Profili, selezionare il Livello filtro (impostato per età), scegliere le piattaforme consentite o bloccate e assegnare il profilo a uno o tutti i dispositivi connessi (Circle con Disney richiede il tuo numero di telefono ). Sotto la Sicurezza, è possibile attivare la funzionalità Netgear Armor, che ha il ruolo di proteggere la rete dalle minacce esterne, mentre il Misuratore del Traffico mostra il totale e la media dei dati trasferiti in periodi di tempo determinati.

netgear-nighthawk-r7000p

Come con molti altri router, l’applicazione mobile è più limitata dell’interfaccia utente basata sul Web, quindi, diamo un’occhiata più da vicino a ciò che offre il Netgear Genie. L’interfaccia ha le impostazioni divise in due sezioni, Base e Avanzate, con il menu principale sulla sinistra e la rispettiva finestra (per ciascuna opzione) sulla destra. La sezione Base è composta dalla opzione Home (lo stato generale del dispositivo e della rete suddivisi in sette piccole finestre), la opzione Internet (offre un modo completo per configurare la connessione di rete), la opzione Wireless (è possibile impostare lo SSID, il Canale, la Modalità, il Controllo della Potenza di Trasmissione e la Sicurezza per ognuna delle due bande – include la possibilità di abilitare la funzione Smart Connect), i Dispositivi Collegati, il QoS Dinamico (assegna automaticamente la priorità al traffico e l’allocazione della larghezza di banda per i clienti), il Controllo Genitori (in modo simile al app, offre il Circle con Disney, ma dispone anche dei controlli parentali OpenDNS), il ReadySHARE (utile per il collegamento di dispositivi di archiviazione esterni), la Rete Ospite, il NETGEAR Downloader (utile se vuoi scaricare i file direttamente da Internet su un’unità USB collegata) e il Netgear Armor.

La sezione Avanzate è composta dalla sottosezione Home AVANZATA (come previsto, ha più informazioni rispetto alla Home ‘di base’, da cui una delle più interessanti è la porta Internet che mostra le statistiche per ciascuna porta), il Setup Wizard, il WPS Wizard e le opzioni Setup: oltre ad avere la maggior parte delle opzioni dalla sezione Base, viene fornito con le Impostazioni WAN, dove è possibile configurare il filtro NAT, le dimensioni MTU, il DMZ Server predefinito e altro.

netgear-nighthawk-r7000p

È inoltre possibile trovare le funzioni USB, il Downloader NETGEAR (lo stesso), la Sicurezza (include il Controllo di Accesso per i clienti, la possibilità di filtrare i siti Web utilizzando il filtro Blocco dei Siti, configurare il Programma, il Controllo Genitori, il Netgear Armor e le Notifiche su E-mail), l’Amministrazione e la Configurazione Avanzata: include un modo più completo per configurare la rete wireless, la possibilità di eseguire il router in modalità AP o Bridge, configurare il Port Forwarding / Port Triggering, il DNS dinamico, il servizio VPN, l’UPnP, l’IPv6, il controllo LED, il Setup VLAN / Bridge e altro. Durante la navigazione e la configurazione del router, ho notato che sia l’app mobile che l’interfaccia basata sul web impiegano molto tempo ad attivare o visualizzare varie opzioni (più lunghe dei concorrenti della R7000P), quindi il software è ancora uno dei punti deboli di Netgear, ma sono stato piacevolmente sorpreso dalla velocità con cui sono state applicate alcune impostazioni.

La Conclusione

Il Nighthawk R7000 è stato un router fantastico per il suo tempo e l’R7000P migliora alcuni degli aspetti importanti, ma non si sente come un dispositivo completamente nuovo ed è posizionato in una strana classe (AC2300), probabilmente per non competere con quello che io considero di essere il successore de facto, il Nighthawk R7800. Anche così, il design del router ha resistito alla prova del tempo (anche se inizia a sembrare obsoleto nel 2019, non si sentiva così quando è stato rilasciato più un paio di anni fa), l’interfaccia utente offre un set completo di funzionalità e l’app mobile è una bella aggiunta (l’interfaccia utente web ha un disperato bisogno di un aggiornamento). Ma le prestazioni wireless sono quelle che fanno la differenza e, se disponi di un adattatore WiFi potente (il PCE-AC88), vedrai velocità vicine al Gigabit. Però, poiché la maggior parte dei dispositivi non sono così potenti, l’R7000P continuerà a funzionare come un router di classe AC1900 (e questo è abbastanza per le esigenze di oggi, basta tenere d’occhio quando c’è un buon affare disponibile).

amazon

Articoli Simili

  • 8.2/10
    Il Design - 8.2/10
  • 9.5/10
    Il Segnale WiFi - 9.5/10
  • 8/10
    L'Accessibilità - 8/10
  • 9/10
    La Configurabilità - 9/10
  • 8/10
    Le Caratteristiche - 8/10
8.5/10

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *