Recensione Orico USB 3.0 Hub (MH4PU)

Il laptop ha subito numerosi cambiamenti nel corso degli anni per diventare più portabile, mentre cercando di mantenere prestazioni decenti (il più vicino possibile al computer Desktop) e, alcuni anni fa, si è ramificato in due categorie principali: l’ultrabook e il portatile da gioco. Mentre questi ultimi sono ancora relativamente grossi, gli ultrabook hanno completamente migrato dal look industriale e hanno adottato un corpo minimalista interamente in alluminio, molto più leggero e sottile rispetto al portatile da gioco.

orico-usb-3-0-hub

amazon

Di conseguenza, i produttori hanno rimosso la maggior parte delle porte USB (la più radicale tra cui Apple che ha lasciato il suo più recente MacBook Pro con solo due porte USB) e ha spinto l’utente a collegare i suoi dispositivi via wireless o utilizzando un hub USB (in quale altro modo collegherete le vostre periferiche?).

L’hub USB è di solito un piccolo dispositivo rettangolare che si porta in giro per collegare più dispositivi al laptop (sicuramente, ci sono alcuni hub stazionari che hanno il proprio cavo di alimentazione), ma Orico ha deciso di distinguersi dalla folla e adottare un aspetto diverso per consentire all’utente di collegarlo a una scrivania o ad un monitor (questo approccio è utile se hai solo una piccola scrivania che diventa facilmente sovraffollata).

orico-usb-3-0-hub

Fatta eccezione per il lato inferiore in plastica, l’intero hub USB Orico MH4PU è realizzato in una lega di alluminio (che dovrebbe garantire una certa protezione contro gli occasionali cadute a terra) ed è interamente coperto da una finitura opaca argento. Il dispositivo è ancora rettangolare, misura 8.9 x 4.6 x 2.3 centimetri (e pesa 80 grammi), ma, verso l’alto, ha due pinne per consentire di inserire una parte del monitor o della scrivania. Sulla pinna posteriore, c’è un buco e al suo interno, c’è una vite spessa (con un design elegante) e ad una estremità, ha un pad in silicone (dove entra in contatto con la scrivania).

Sul lato opposto della vite (sulla pinna frontale), c’è anche un’area in silicone per assicurarsi di non graffiare la scrivania o la plastica dal monitor. La distanza tra i due pad può essere di soli 0.9 centimetri, quindi posso facilmente collegarla al mio monitor Dell e, mentre l’hub USB è rimasto stabile, il monitor, essendo in plastica, avrà un po’ di flessibilità quando si inserisce un nuovo cavo USB (non si dovrebbe forzare alcun cavo USB all’interno delle porte: è meglio mantenere la pressione dal retro del monitor).

orico-usb-3-0-hub

Alcuni di voi potrebbero voler montare l’hub sul monitor di un laptop e per questo motivo ho provato a collegarlo al mio portatile Lenovo e, sfortunatamente, il divario è troppo grande per un laptop sottile (è possibile collegarlo al corpo principale del portatile o è possibile utilizzare un buffer per limitare lo spazio tra i pad in silicone). Nella parte inferiore dell’hub USB, puoi trovare alcune informazioni stampate sul dispositivo (il modello, così come l’input e l’output), mentre in alto, tra le due pinne, ci sono quattro piccoli viti che tengono il corpo in alluminio collegato al fondo in plastica.

orico-usb-3-0-hub

Dopo aver rimosso queste viti, ho esposto l’hardware interno e ho potuto identificare un controllore per il hub Genesys Logic GL3520 USB 3.1 (0V4DA0IY22). Quando ho testato il punto di accesso wireless ZyXel ZWA1123-AC HD, ho notato che la lega di zinco che il produttore ha usato come superficie superiore era molto efficace nel mantenere il dispositivo fresco anche quando era sotto il stress più pesante (qualcosa che i suoi concorrenti di plastica non potevano realizzare) quindi, considerando che Orico ha adottato un approccio simile (lega di alluminio), ho deciso di mettere un po’ di stress sull’hub: ho collegato più periferiche, oltre a un SSD esterno (Samsung T5) e ho spostato alcune cartelle e ho eseguito il benchmark CrystalDiskMark 6. Sorprendentemente, l’hub USB si riscalda solo leggermente vicino alle porte USB e solo sull’area di plastica.

orico-usb-3-0-hub
A sinistra: collegamento diretto; a destra: usando l’hub Orico

I risultati del benchmark suggeriscono che c’è una differenza di prestazioni tra l’SSD collegato direttamente al laptop e attraverso l’hub USB: meno del 5% nel test di lettura sintetica e quasi il 10% nel test di scrittura sintetico (è normale vedere una piccola perdita di prestazioni considerando che tutti i dispositivi connessi condividono la larghezza di banda dell’hub e che le altre periferiche che ho connesso non impiegheranno molto dalla larghezza di banda).

Il modo in cui è possibile collegare l’hub Orico USB ad un computer è tramite il cavo USB 3.0 fornito nel pacchetto (è lungo di circa 1 metro) e, dopo che il piccolo LED blu si accende, significa che il dispositivo è acceso e puoi iniziare a collegare i dispositivi alle quattro porte USB 3.0 Type-A disponibili (il processo è Plug and Play). No, c’è una porta USB Type-C o una porta pass-through Ethernet (come nel Kensington SD2000P), ma ciò avrebbe notevolmente aumentato il prezzo. Tuttavia, le quattro porte USB 3.0 ti consentono di ricaricare il tuo smartphone (utilizzando l’alimentazione del laptop), ma sarà la carica più lenta dei tuoi dispositivi poiché non presenta alcuna funzione di caricamento rapido.

orico-usb-3-0-hub

La Conclusione

L’Orico MH4PU mira ad essere un hub USB 3.0 senza fronzoli che ti permette di sederti al tavolo e, usando un singolo cavo, per connetterti a tutti i tuoi dispositivi periferici sul tuo computer. Mentre la varietà delle porte è un po’ limitata, mi è piaciuto il concetto di design (non ci sono abbastanza hub USB di questo tipo sul mercato), quindi se il tuo laptop non ha una buona quantità di porte, allora vale sicuramente la pena di tenere l’Orico USB 3.0 MH4PU in considerazione.

amazon

Orico Hub USB 3.0
  • 8/10
    Il Design - 8/10
  • 9.5/10
    Facilità d'Uso - 9.5/10
  • 7/10
    Le Caratteristiche - 7/10
  • 9/10
    L'Accessibilità - 9/10
8.4/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.