Recensione Seeed Mini Router (Raspberry Pi)

Da quando la fondazione no-profit ha reso disponibili i modelli RPi 4, sapevo che era solo questione di tempo prima che un router Raspberry Pi fosse reso disponibile, e ci abbiamo uno sotto forma del Seeed Mini Router. È, ovviamente, una versione leggermente ridotta dell’RPi 4 B e, essendo un modulo di elaborazione, ha bisogno di una scheda portante. Ciò significa che c’è spazio per gli aggiornamenti, quindi puoi utilizzare qualsiasi tipo di modulo di elaborazione che preferisci (il Mini Router offrirà un paio di porte Gigabit Ethernet e due porte USB 3.0). C’è il WiFi, anche se Seeed non lo menziona nell’elenco delle caratteristiche e sì, utilizza entrambe le bande radio a 2,4 GHz e 5 GHz, oltre al Bluetooth. Suggerirei comunque di utilizzare un punto di accesso wireless esterno se è necessario fornire l’accesso WiFi ai propri dispositivi.

seeed-mini-router

Vedi il prodotto su: seeed

È interessante vedere che il Mini Router viene fornito con OpenWRT già installato, quindi vuole imitare i gateway di sicurezza più del solito router wireless. E a dire il vero, puoi ottenere un router WiFi 6 decente a un prezzo simile al Mini Router. Allo stesso tempo, lo scopo di un router Raspberry Pi è fornire una migliore flessibilità del software e un hardware più modulare a un prezzo decente. Ma le cose possono diventare molto complicate molto rapidamente, specialmente se il produttore non ha esperienza precedente con i dispositivi di rete. Quindi, controlliamo il Mini Router per vedere se Seeed Studios è riuscito a costruire un router Raspberry Pi con prestazioni decenti o se è più saggio continuare a utilizzare i router popolari (di solito) closed-source.

Il Design e la Qualità di Costruzione

Il Seeed Mini Router è senza dubbio uno dei dispositivi di rete più compatti che ho visto finora e, ai suoi 7.5 x 6.4 x 2.1 cm, è più vicino alle dimensioni dei mini router portatili. E anche il design è strettamente correlato a loro visto che si tratta di una custodia rettangolare realizzata per lo più in plastica ad eccezione della parte superiore metallica che ha il ruolo di spostare il calore dai chip verso l’esterno. Ho aperto la custodia e ho visto che l’obiettivo era condurre il calore solo dal SoC Broadcom BCM2711 alla parte superiore della custodia.

seeed-mini-router

Ci sono alcune aperture di ventilazione sui lati e verso il basso che sono abbastanza efficienti per la gestione del calore. Un ventilatore avrebbe potuto essere una scelta interessante, come l’Ice Tower 52PI e sono sicuro che le persone a cui piace personalizzare i propri dispositivi si rallegreranno della prospettiva, mentre il resto degli utenti desidera semplicemente un dispositivo di rete funzionale. Tuttavia, tieni presente che il BCM2711 inizierà a rallentare per mantenere la temperatura al di sotto di 185 gradi F (85 gradi C).

In termini di posizionamento, a causa dell’ingombro ridotto, hai la possibilità di posizionare il Mini Router ovunque nella tua stanza e mi è piaciuto che sia abbastanza pesante (pesa 42 grammi), assicurandomi che sia in posizione quando ci sono più cavi collegati allo stesso tempo. Inoltre, ci sono due piedini in silicone che aiutano anche a mantenere il dispositivo in posizione – anche se, a seconda del tipo di cavi, potrebbe comunque muoversi a causa delle sue piccole dimensioni. In termini di porte, ci sono due porte Gigabit Ethernet che possono essere configurate dal software e ci sono anche due porte USB di tipo A che possono essere utilizzate per aggiungere dispositivi di archiviazione esterni.

seeed-mini-router

Inoltre, ho visto una porta USB-C a cui collegare il cavo di alimentazione in dotazione ed è posizionata un po’ stranamente, quindi è possibile che si rompa se non si fa attenzione quando si collega o si scollega il cavo di alimentazione. C’è anche una porta micro HDMI che di solito non si trova sui router, quindi è una caratteristica unica dell’ecosistema RPi (supporta la risoluzione 4K e una frequenza di aggiornamento fino a 60Hz). Abbastanza divertente, c’è anche un pulsante di ripristino nascosto a cui non è possibile accedere dall’esterno della custodia, dovrai aprire il Mini Router e ripristinarlo da lì.

Infine, devo menzionare la presenza dello slot per schede microSD che dovrebbe consentire all’utente di caricare un sistema operativo esterno, ma, a quanto pare, l’avvio della scheda SD non è supportato con l’eMMC CM4. Quindi, se è necessario apportare modifiche, è necessario farlo dall’interno del software stesso.

L’Hardware Interno

Il processo di smontaggio del Seeed Mini Router è incredibilmente semplice, come previsto. Dopo aver rimosso le quattro viti, ho potuto vedere il Raspberry Pi CM4 che è collegato a una scheda portante che, a sua volta è collegata anche a una terza scheda che non ha circuiti ed è lì solo come mezzo per evitare che la scheda portante si tocchi la parte inferiore della custodia in plastica. In questo modo, ho potuto identificare i componenti principali del Modulo di Calcolo 4.

seeed-mini-router

Innanzitutto, c’è il SoC Broadcom BCM2711 2711ZPKFSB06C0T quad-core (Cortex-A72 ARM v8 a 64 bit) con clock a 1,5 GHz, quindi ci sono 32 GB eMMC 5.1 di storage da Samsung (SEC 113 B041 KLMBG2JETD), 4 GB di RAM Samsung (SEC 107 K4FBE3D), un chip switch Broadcom BCM54210PE e un PMIC universale a cinque uscite MXL7704-P4. Il Modulo di Calcolo 4 viene fornito con un modulo wireless basato sul Cypress CYW43455 a chip singolo e sì, ci sono due bande, 2.4GHz IEEE 802.11a/b/g/n e 5GHz IEEE 802.11b/g/n/ac. Inoltre, è disponibile il supporto per Bluetooth 5.0 e BLE. È stato interessante vedere che oltre all’antenna interna, è disponibile un connettore per l’antenna esterna che può essere utilizzata per migliorare la connessione WiFi.

Andando avanti alle due porte Ethernet, sembra che quella di sinistra sia collegata al già citato BCM54210PE PHY del CM4, mentre la seconda si appoggia ad un Gigabit Ethernet Bridge. Per essere più specifico, la porta è collegata al controller LAN7800 da USB 3.0 a GbE, con l’interfaccia USB 3.0 estesa dall’interfaccia PCIe presente sul CM4. Questo non è proprio il modo ideale di fare le cose poiché passa inutilmente attraverso il controller USB, aggiungendo più sovraccarico e molto probabilmente con un impatto sulla larghezza di banda. Non sono davvero costretti a seguire questa strada considerando che ho visto un approccio diverso sul DFRobot (che aveva la LAN direttamente collegata al PCIe), che è un altro router Pi e, attualmente, forse l’unico vero concorrente del Seeed Mini router.

Il Software and la Configurazione

Il Seeed Mini Router viene fornito con il software OpenWRT preinstallato, quindi non devi affrontare il problema di mettere un’immagine su una scheda microSD e installarla sul dispositivo.

seeed-mini-router

So che la maggior parte degli utenti apprezzerà questo approccio e, a dire il vero, questa deve essere la norma con qualsiasi dispositivo che voglia competere con i router esistenti sul mercato. Quindi, dopo aver estratto il Mini Router dalla confezione, è necessario collegare il cavo di alimentazione e attendere che i LED interni brillino attraverso le aperture della custodia. Ora è un buon momento per prendere due cavi Ethernet (non ce ne sono forniti nella confezione) e collegarne uno al modem e l’altro a un dispositivo cliente (laptop, PC). Per accedere alla GUI, inserisci l’indirizzo IP predefinito (192.168.2.1) nell’URL di qualsiasi browser. Verrai quindi accolto da una pagina che richiede nome utente e password: lascia tutto per impostazione predefinita: root e nessuna password. E poi ti verrà chiesto di cambiare la password.

Non ho potuto apportare modifiche alla configurazione finché non ho impostato le Interfacce e, dopo essere andato su Rete > Interfacce, OpenWRT ha autoconfigurato il tipo di connessioni alle porte e ho ottenuto il Docker, la LAN con indirizzo statico, il VPN0 e WAN a cui è stata assegnata la porta eth1. Ho fatto clic su modifica sull’ultimo e ho visto che era impostato come DHCP per impostazione predefinita, quindi l’ho cambiato in PPPoE – dopo aver aggiunto le credenziali fornite dall’ISP, ho ottenuto l’accesso a Internet.

seeed-mini-router

Successivamente, sono andato su Sistema> Amministrazione> Password del router e ho aggiunto una password complessa per l’account di root. Ovviamente, oltre all’interfaccia web di LuCI, puoi usare SSH sia per accedere a OpenWRT che per configurarlo, ma, ancora una volta, questo è un articolo dall’ottica dell’utente abbastanza normale, con solo un po’ di know-how tecnico. Non entrerò nei dettagli su OpenWRT (dal momento che è molto ricco di funzionalità e merita un articolo separato), ma vale la pena ricordare che la GUI ti consentirà di controllare lo stato della rete, impostare una connessione VPN (N2N v2 e SoftEther) e, in Sistema, puoi vedere e aggiungere nuovi pacchetti software, configurare il comportamento dei LED, generare un backup e altro.

C’è un numero enorme di pacchetti software disponibili e ho visto qualcosa di simile sui router Synology, ed è stato un modo interessante per aggiungere varie funzioni che altrimenti non sarebbe possibile avere su un router normale. In Servizi, ci sono alcune funzionalità che si trovano comunemente, ma la maggior parte di queste non troverai sul solito router wireless disponibile sul mercato. Certo, ci sono DDNS, Bandwidth Monitor, File Assistant e Condivisioni di rete, ma OpenWRT ti offrirà anche la VPN V2Ray, l’opzione per programmare quando rallentare gli HDD esterni, per eseguire Nps, MWAN3 Helper, ShairPlay e altro ancora. La sezione NAS è molto più completa delle impostazioni di archiviazione di altri router e includerà Rclone e qBittorent.

seeed-mini-router

E in Rete, puoi configurare le Interfacce, impostare la/e rete Wireless, così come il WiFi Guest, impostare i Route Statici, configurare la Gestione Smart Queue, il Firewall e, se vuoi approfondire, ottieni l’opzione per impostare Multi-LAN Multicast e Load Balancing. Infine, vale la pena menzionare il Docker e consente di eseguire vari contenitori disponibili.
Ovviamente, OpenWRT ha un numero molto più vasto di applicazioni disponibili e sì, l’hardware è più che sufficiente per gestire un gran numero di programmi. Ad esempio, se desideri utilizzare SNORT, vai su Docker > Immagini e inserisci ciscotalos/snort3 nella sezione Pull Image e fai clic su Pull. Attendi fino al completamento del download, quindi devi andare in Container e aggiungerne uno nuovo per l’immagine SNORT.

I Test e le Prestazioni

So che Jeff Geerling ha testato il router Seeed Mini alcuni mesi fa e ha avuto qualche problema con esso poiché non si avvicinava a 1 Gbps, quindi ho deciso di eseguire un test di velocità simile per vedere se il produttore ha apportato modifiche significative. Per questo test ho utilizzato due computer, uno collegato direttamente alla porta LAN del Mini Router (ho scelto di utilizzare la porta Ethernet giusta) e l’altro collegato ad un router Asus RT-AX82U che a sua volta era collegato al router Seeed.

seeed-mini-router

In questo modo, dal cliente al server, ho visto che il Mini Router ha funzionato davvero bene e nel grafico di 1 ora si può notare che ci sono dei singhiozzi occasionali, ma il throughput è rimasto per la maggior parte vicino a 1Gbps, pari a una media di 941Mbps. Dal server al cliente, le prestazioni erano molto simili, il che significa che ho visto una media di 943 Mbps. Quindi sì, Seeed ha apportato alcuni miglioramenti al modo in cui funziona il Mini Router, nonostante una scelta di design della scheda piuttosto strana. Non avevo a disposizione una connessione Internet Gigabit quando ho testato il router, quindi ho deciso di affidarmi all’utility atop per verificare se i miglioramenti erano solo in superficie, per truccare il test iperf.

Usando atop, si vede che la CPU non è sovraccarica e la maggior parte delle volte si troverà al di sotto del 10%. Ci sono alcuni picchi occasionali che possono andare leggermente al di sopra del 30%, che coincideranno anche con un leggero calo del throughput, quindi le cose sembrano essere davvero migliorate. Nel passaggio successivo, volevo controllare anche le prestazioni wireless e, dopo essere andato su Rete > Wireless, ho visto che il Mini Router utilizza quella che chiama la radio generica MAC80211 802.11nac (il chip effettivo è Cypress CYW43455).

seeed-mini-router

Dopo aver impostato rapidamente una nuova rete wireless (80 MHz, 5 GHz), ho controllato allegramente l’elenco delle reti WiFi disponibili sul mio PC. E… la mia rete OpenWRT non si trovava da nessuna parte. Sono tornato alla GUI e, sorpresa, viene visualizzato il messaggio “Il dispositivo non è attivo”. Riavvio il Mini Router e controllo di nuovo: tutto andava bene, quindi sono andato alla lista e ancora una volta, l’SSID non è stato trasmesso. Pochi minuti dopo e la radio ricade. Dopo pochi minuti che si sono trasformati in ore di installazione di vari pacchetti, nulla sembra funzionare, quindi sì, il WiFi integrato è inutilizzabile e anche se per magia qualcuno lo fa funzionare, è molto instabile e il temuto messaggio che il “Il dispositivo non è attivo” apparirà almeno una volta al giorno. E questo non va bene per un router.

C’è l’opzione migliore di aggiungere un punto di accesso esterno e se vuoi usare WiFi con il Mini Router, non hai davvero scelta a questo punto (forse con le future versioni del firmware, le cose andranno meglio con OpenWRT). Dopo questa disavventura, ho deciso di provare a verificare le prestazioni di archiviazione del Mini Router e ho collegato un’unità esterna (il WD My Passport SSD) a una delle porte USB.
Ho controllato i Punti di Montaggio e ho ricevuto un errore (ci risiamo), ma ho potuto vedere che il disco era effettivamente montato sulla sezione Disk Man – ho anche controllato usando SSH (Putty) che di nuovo ha confermato che tutto era in ordine.

seeed-mini-router

Ho impostato rapidamente una Directory Condivisa (in Servizio > Condivisioni di Rete) e ho lasciato il test per il giorno successivo. È stata una mossa sbagliata perché al mattino, OpenWRT si è rifiutato di consentirmi di apportare modifiche alla directory condivisa, dandomi continuamente “Errore non specificato” durante il tentativo di salvataggio. Quindi sono andato di nuovo sul percorso SSH e ho provato a cambiare la directory e ha funzionato, una volta. Perché dopo il riavvio, “uci show sambashare” non funzionava più. Dopo aver eseguito e2fsck, sono stato finalmente in grado di montare l’unità e vederla nella sezione Rete. Ho spostato rapidamente una cartella multimediale da 3GB tra il Mini Router e un computer. La velocità di scrittura era di 32 MBps e la velocità di lettura è stata costante di 28 MBps.

La Conclusione

Il Seeed Mini Router è un piccolo dispositivo ambizioso che ha sicuramente il potenziale per sostituire i gateway di sicurezza e persino il router mainstream se sei disposto a utilizzare un punto di accesso wireless esterno insieme ad esso. Mi è piaciuto che il throughput possa raggiungere quasi 1 Gbps (che era un problema alcuni mesi fa – è stato risolto) e OpenWRT ha molte, molte opzioni che puoi usare. Puoi anche installare nuovi pacchetti per funzionalità extra. Ma devo dire che ho anche riscontrato molti bug, alcuni così gravi che hanno interrotto funzionalità essenziali, come il server Samba. Niente che non possa essere risolto, ma mostra solo che il Mini Router, nonostante abbia degli approcci interessanti (il firmware preinstallato) è ancora abbastanza difficile da usare e richiede un po’ di know-how tecnico. Quindi la maggior parte degli utenti sarà ancora intimidita da un router Raspberry Pi e per una buona ragione: è ancora troppo complicato. Ma se ti piace giocare con i dispositivi, allora devi assolutamente dare una possibilità al Seeed Mini Router.

Seeed Mini Router -
  • 7.5/10
    Il Design - 7.5/10
  • 5/10
    La Facilità d'Uso - 5/10
  • 8.5/10
    Le Caratteristiche - 8.5/10
  • 7.5/10
    L'Accessibilità - 7.5/10
  • 7.5/10
    Le Prestazioni - 7.5/10
7.2/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

One thought on “Recensione Seeed Mini Router (Raspberry Pi)

  1. Lho acquistato, ci sto sopra da 2 mesi, effettivamente succede che le varie versioni NON SONO STABLE, ma essendo la comunita unix molto attiva, le soluzioni si trovano.

    NON è’ UN ROUTER per tutti, ma per sviluppatori, questo perche il sw. non è stabile.
    Passo al wifi. internamente supporta 5gz e 2ghz, ma non è installata l’antenna esterna, c’e solo l’attacco, è gia qualcosa.
    Ho risolto con una chiave usb wifi, anche qui, bisogna verificare la compatibilitòà ed immergersi in mille bug, decisamente ostile.
    Attualmente lavora come samba server e ruoter, per il wifi consiglio di abbinarlo ad un altro ruoter wifi.
    INTERNET, attiva tramite usb thetering da un cellulare 4g avanzato.

    l’unico buon motivo per tenerlo è la possibilità di configurazione ed espansione
    Funziona bene se hai la pazienza di non tritarlo subito.

    CONSIGLIO MICROTIK per chi vuole qualcosa di stabile.

Leave a Reply

Your email address will not be published.