Recensione Selpic P1 Stampante Portatile

La Selpic P1 è stata presentata come la stampante più portatile al mondo e no, non sto parlando di quelle stampante rettangolare polaroid, invece, la P1 è progettata per stampare varie forme e caratteri su praticamente qualsiasi tipo di superficie e il dispositivo non è più grande di un evidenziatore. Naturalmente, questo non è il primo produttore a fare una dichiarazione così audace e molte stampanti portatili lasciano dietro le macchie (specialmente quando stampano su superfici dure), ma questo non è il primo dispositivo di questo genere da Selpic ed entrambi i modelli precedenti, S1 e S1 Più si basavano su un tipo di inchiostro ad asciugatura rapida per assicurarsi di non poter cancellare la stampa a dito nudo. E in effetti, ha funzionato davvero bene sui suoi predecessori, quindi la Selpic P1 utilizza lo stesso approccio per assicurarsi che l’inchiostro aderisca rapidamente alla superficie e non si sporchi.

selpic-p1-stampante-portatile

Inoltre, sono abbastanza sorpreso che Selpic sia riuscito a mantenere la P1 così compatta (la S1 è molte volte più grande) e il produttore dice che dovresti essere in grado di stampare ininterrottamente per circa 3 ore e sì, le cartucce sono disponibile solo dal fabbricante (è la pratica standard in questo settore). Non esiste una cartuccia a più colori, quindi, per le loro dimensioni, sarà un colore per cartuccia – poiché è più piccola, suppongo che costerà meno di quelle disponibili per S1 e S1+. Detto questo, non ci sono davvero molti dispositivi di questo tipo sul mercato (non c’è da meravigliarsi che abbia avuto una tale trazione su Indiegogo), quindi diamo un’occhiata e vediamo se Selpic P1 funziona davvero come pubblicizzato e se può essere considerato uno dei pionieri di una nuova nicchia di prodotti.

Il Design e la Qualità Costruttiva

La Selpic S1 e S1 Più sono piccole scatole di plastica che si spostano su una superficie specifica con l’aiuto di quattro ruote guida e il concetto è molto simile anche sulla Selpic P1, ma la custodia ha subito alcune importanti trasformazioni. Invece del corpo rettangolare che potrebbe stare nel tuo palmo (che misurava 11.9 x 4.6 x 11.0 centimetri), il P1 è molto più compatto, misura solo 13.0 x 3.0 x 2.3 cm, quindi non è più alto di una penna e la sua forma ricordano da vicino quella di un evidenziatore. E Selpic ha raggiunto il risultato previsto poiché questo tipo di design ti consentirà di spostare facilmente il dispositivo proprio come faresti con una penna (potrebbe essere necessaria una mano ferma se la superficie non è uniforme). Ma è davvero la stampante più portatile al mondo? Potrebbe essere, ma non dimentichiamo che ci sono altri dispositivi progettati in modo simile che sembrano funzionare allo stesso modo (come l’Evebot PrintPen).

selpic-p1-stampante-portatile

Quindi, potrebbe non essere il più piccolo, ma è sicuramente molto comodo da tenere grazie agli angoli arrotondati e al peso (pesa 180 grammi) e grazie al modo in cui è stato progettato, può sicuramente essere portato nella tasca dei jeans o in uno zaino, accanto agli altri gadget. Per mantenerlo leggero, Selpic ha usato la plastica per la metà superiore del dispositivo e un metallo abbastanza leggero per il lato inferiore della P1, quindi la parte più pesante è verso la punta, come dovrebbe essere per una manovrabilità migliore (il tappo è anche fatto di plastica). La combinazione di colori per la mia Selpic P1 è bianco e grigio chiaro, ma dovresti anche essere in grado di ottenere il modello nero e grigio scuro. Sulla sezione in plastica (che è coperta da una finitura bianca opaca), sarai in grado di trovare il pulsante di accensione e una porta di ricarica USB di tipo-C. Per accendere il dispositivo, è necessario tenere premuto il pulsante di accensione per circa 3 secondi e attendere che il LED incorporato diventi verde; questo LED inoltre lampeggerà due volte in rosso ogni pochi secondi quando la batteria è scarica e il LED inizierà a lampeggiare in verde quando si inizia a spostare la P1 per stampare qualcosa.

selpic-p1-stampante-portatile

La sezione metallica del dispositivo ha un sottile pulsante Stampa (che è necessario premere una volta e rilasciare prima di iniziare a muovere la stampante) e sotto di esso, c’è un pulsante di blocco circolare che è necessario premere quando si desidera cambiare la cartuccia. A proposito, all’interno della scatola, ho ottenuto una singola cartuccia con inchiostro nero ed è stata ben imballata, facendo affidamento su un pezzo di plastica trasparente per proteggere l’estremità sensibile della stampa. Non c’è niente di speciale che devi fare per inserirlo nella custodia della Selpic P1: basta rimuovere qualsiasi involucro e farlo scorrere nello slot dedicato. Successivamente, per proteggere la testina di stampa e non sporcare involontariamente alcun oggetto, puoi inserire il cappuccio di plastica.

Come la base su S1 e S1+, il cappuccio si attacca magneticamente e aiuta a mantenere la Selpic P1 in verticale (tenere presente che può essere fissato solo in un certo modo – c’è un canale dedicato per la ruota). La testina di stampa non è molto complicata poiché esiste una sorta di pellicola che consente all’inchiostro di fluire in un determinato schema e accanto ad essa c’è una ruota di gomma che, quando viene spostata, invia un segnale al dispositivo che è il momento di passare a un nuovo simbolo or immagine.

selpic-p1-stampante-portatile
Info: Selpic P1 offre 600 x 600 DPI, è dotato di 300 ugelli (la distanza degli ugelli è di 0.005 cm e ogni ugello può espellere 18 milioni di gocce al secondo).

L’App e le Prestazioni

So che alcuni dispositivi come Handjet si affidano a uno schermo integrato per scegliere l’immagine che verrà stampata, ma Selpic P1 non è stato realizzato per un uso industriale pesante, quindi si affiderà a un’app per personalizzare il testo o l’immagine. L’app si chiama Selpic handy printer (disponibile su App Store e su Google Play) e, dopo averla installata, richiederà semplicemente il tuo indirizzo e-mail (per accedere all’interfaccia utente). Successivamente, ti chiederà quale tipo di dispositivo hai (ho scelto l’icona P1) e ti chiederà anche la tua posizione; successivamente, sarai in grado di configurare la rete che richiede di accendere alla Selpic P1, di attendere che venga rilevata dall’app (la devi tenere vicino al tuo dispositivo mobile) e quindi inserire la password per la rete WiFi (l’SSID a 2.4 GHz). E a questo proposito, ora puoi vedere l’interfaccia dell’app che ha un aspetto molto semplice, con l’editor nella parte superiore dello schermo e in basso, ci sono gli strumenti (il livello della batteria è visibile nell’angolo in alto a sinistra che è molto utile considerando che altrimenti non si può conoscere l’esatta quantità di batteria rimasta).

selpic-p1-stampante-portatile

Puoi iniziare subito a scrivere del testo facendo clic sull’icona T (a destra) e, mentre scrivi, ottieni l’opzione per scegliere il carattere e lo stile delle lettere e dopo aver fatto clic su Fine, puoi continuare a personalizzare il testo toccando il primo icona a sinistra (i quattro quadrati) che richiamerà una nuova serie di opzioni: Copia, Elimina, Inverti in orizzontale, Inverti in verticale, imposta la Spaziatura (lo spazio tra le lettere), Inverti i colori e, infine, puoi aumentare le dimensioni del testo (o immagine). Ritornando alla pagina principale, la seconda icona modifica il testo, mentre la terza cambierà l’intensità del colore. Nella parte in basso a destra, oltre all’editor di testo, c’è anche l’editor di immagini e qui puoi vedere alcuni set di immagini predefinite (simpatici emoji) che puoi usare per il tuo zaino, notebook o laptop e sì, puoi usare sicuramente le foto che hai memorizzato nel tuo telefono. Ricorda che la foto diventerà una versione più semplice e sarà il bianco e il nero (o il colore dell’inchiostro dalla tua cartuccia) – anche così, è abbastanza divertente stampare il tuo viso su vari oggetti. E sì, puoi anche scattare direttamente una foto e portarla nell’applicazione (il processo sarà quindi lo stesso delle immagini dalla galleria).

Oltre al testo e all’editor di immagini, è anche possibile creare codici QR con un determinato messaggio o collegamento e persino codici a barre se si intende utilizzare la stampante portatile in un ambiente più industriale. E non sto dicendo che non sarà in grado di tenere il passo per il lavoro industriale (penso che dispositivi come quelli di Handjet potrebbero essere più adatti, anche se il prezzo è molto al di sopra della Selpic P1), ma lo vedo più come uno strumento per l’intrattenimento e per le persone che sono molto creative e vogliono personalizzare le loro cose.

selpic-p1-stampante-portatile

Quando hai finito di creare la tua opera d’arte, puoi semplicemente toccare l’icona di stampa (dall’angolo destro) e attendere fino a quando la stampante portatile non la riceve; quindi puoi far scorrere la Selpic P1 sulla superficie desiderata (vale la pena notare che, sebbene raro, ho visto che la stampante avrebbe perso la connessione al router e quindi si riconnetterebbe automaticamente dopo alcuni secondi). Prima di procedere con il test del dispositivo su vari tipi di materiali, vale la pena controllare le Impostazioni a cui è possibile accedere toccando l’icona a forma di ingranaggio nell’angolo in alto a destra. In questo modo, puoi vedere il colore attualmente disponibile, puoi impostare il materiale dell’interfaccia (dovresti cambiarlo di conseguenza per ottenere le migliori prestazioni), puoi anche regolare l’intensità del colore e la direzione di stampa (può andare avanti o indietro).

Accanto a queste impostazioni, puoi anche verificare la presenza di aggiornamenti (assicurati di mantenere la P1 all’ultimo aggiornamento del firmware, soprattutto perché si tratta di un nuovo dispositivo), puoi modificare l’indirizzo e-mail, puoi controllare la versione corrente del firmware e mi piace molto che Selpic abbia incluso una guida completa che era necessaria considerando che il manuale utente mostra solo alcune informazioni di base sull’installazione. Anche così, mi piace il fatto che l’intero processo non è complicato e, indipendentemente dalla tua familiarità con un editor di testo, dovresti essere in grado di creare alcuni schemi interessanti.

selpic-p1-stampante-portatile

Detto questo, vediamo come si comporta Selpic P1 su varie superfici.

Testare la Selpic P1 su varie superfici

Il materiale più semplice su cui puoi stampare sarà la carta e, come si può vedere dalle foto, la stampante portatile funziona perfettamente, non ci sono sbavature e l’inchiostro si asciuga rapidamente; inoltre, le lettere sono chiaramente visibili e perfettamente divise. Successivamente, ho scelto il cartone e non il tipo altamente compresso, ma il tipo poroso. Ancora una volta, la stampante ha fatto un ottimo lavoro, la lettera è ben distanziata, non c’è diffusione dell’inchiostro ed è abbastanza simile all’esperienza con la carta (guardando molto da vicino, ho visto una leggero diffusione, ma poco evidente).

selpic-p1-stampante-portatile
Sopra: Carta. Sotto: Cartone.

Una delle superfici più difficili sarà il vetro e ho scelto una superficie piatta per vedere come si comporta la Selpic P1 (ho anche impostato il materiale dell’interfaccia su vetro nell’app): come puoi vedere dalla foto, il P1 può sicuramente stampare lettere e immagini su vetro, ma la consistenza non è la stessa della carta o del cartone; inoltre, tenere presente che è necessario attendere un po’ di più affinché l’inchiostro si asciughi poiché può essere successivamente macchiato su questo tipo di superficie lucida.

selpic

Successivamente, ho stampato un testo su una tazza di ceramica e, di nuovo, la prestazione è stata buona: la consistenza soffre ancora un po’, ma le lettere sono ben definite. Poiché anche la tazza era lucida, l’inchiostro può essere macchiato anche dopo che sono trascorsi alcuni minuti.

tazza

Anche la plastica può essere complicata dal momento che il tipo poroso lascerà che l’inchiostro aderisca correttamente, ma sul pannello posteriore lucido di un telefono, nonostante stampi correttamente le lettere, puoi, in seguito macchiare il design (il produttore ha incluso anche alcune salviette di cotone alcoliche per aiutarti a rimuovere qualsiasi stampa indesiderata). Inoltre, vale la pena ricordare che andare su oggetti curvi sarà molto difficile mantenere il modello dritto (era molto più facile su Selpic S1, ma questo è il compromesso necessario per ottenere un dispositivo molto più portatile). Ho anche deciso di utilizzare la P1 su una superficie metallica e l’inchiostro ha aderito correttamente al materiale (senza sbavature) e le lettere erano ben definite.

selpic-p1-stampante-portatile

Poi, ho anche stampato il logo su una panca di legno e la P1 si è comportata meravigliosamente e, dal momento che il produttore pubblicizza che la P1 può essere utilizzata anche su tessuti, ho provato con una maglietta e, come puoi vedere, il risultato è quasi buono come sulla carta (senza sbavature di inchiostro).

selpic-tessile

Nell’app esiste una modalità per la pelle, ma, dato che non ho nulla in pelle, non ho potuto testare la Selpic P1 su questo tipo di materiale. Un’altra caratteristica interessante supportata dall’app è che puoi stampare più righe una dopo l’altra e funziona davvero bene con il testo, ma ho lottato un po’ con un’immagine poiché avevo bisogno di sapere esattamente da dove ho iniziato la parte superiore e quanto è alta attualmente la mezza immagine – come ho detto prima, se hai intenzione di usarla per stampare più righe di testo, funziona benissimo. Inoltre, la cartuccia sembra durare a lungo e la batteria non è andata a 3 ore, ma quasi a due ore.

La Conclusione

Quelli che trarrebbero il massimo beneficio da questo tipo di dispositivo sono quelle persone creative che vogliono personalizzare tutte le loro cose e la buona notizia è che Selpic P1 è incredibilmente facile da usare. L’app è molto intuitiva e costantemente aggiornata dal produttore, la modifica del testo e dell’immagine è semplice (supporta immagini personalizzate) e il dispositivo è molto leggero, quindi si sente come un evidenziatore e non una stampante portatile. Durante il test della P1, ho notato che funziona alla grande con alcuni materiali (principalmente quelli un po’ più porosi, come carta, legno e tessuto – funziona anche perfettamente su metallo), mentre l’inchiostro può essere macchiato da superfici lucide (come vetro, ceramica e plastica) quindi tienilo a mente se vuoi sottoporsi ad alcuni progetti usando la P1. Oltre a ciò, penso che vedremo presto sempre più dispositivi di questo tipo entrare nel mercato e Selpic P1 è sicuramente abbastanza interessante da spianare la strada a questo nuovo tipo di nicchia tecnologica.

Selpic P1
  • 9/10
    Il Design - 9/10
  • 9/10
    Facilità d'Uso - 9/10
  • 9/10
    Le Caratteristiche - 9/10
  • 8/10
    L'Accessibilità - 8/10
  • 8.5/10
    La Prestazione - 8.5/10
8.7/10

2 thoughts on “Recensione Selpic P1 Stampante Portatile

  1. Ciao Mario grazie mille per la recensione.

    Sono interessato alla stampa su tessuto.
    L’effetto è più simile ad una stampa in serigrafia o digitale? Hai provato a lavare la tshirt stampata?

    Grazie mille in anticipo!

    1. Ciao,
      Se il tessuto entra in contatto con l’acqua, la stampa verrà eliminata, quindi non è come quelle stampante create appositamente per i tessuti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.