Recensione Smartwatch Imilab W12

L’Imilab W12 è uno smartwatch economico sviluppato da Xiaomi come concorrente degli smartwatch Amazfit (e forse Umidigi) che offrono una durata della batteria molto lunga, un’esperienza software decente, ma le caratteristiche sono un po’ bare-bones per mantenere il prezzo conveniente. L’Imilab W12 segue una filosofia simile e apparentemente arriverà come un aggiornamento al KW66, quindi la durata della batteria di 30 giorni è ancora lì, ma con la menzione che è solo in modalità stand-by, altrimenti dovresti ottenere circa 2 settimane. E questo è ancora molto impressionante per uno smartwatch (mi riporta ai giorni di Pebble). Non ci sono grandi cambiamenti al software, tutto è rimasto quasi uguale al KW66.

imilab-w12-smartwatch

VEDI PRODOTTO SU:

longchees

Quindi non è davvero creato per gli appassionati di tecnologia, ma per le persone che vogliono ricaricare il loro smartwatch due volte al mese, pur ricevendo alcune notifiche al polso (e controllando la frequenza cardiaca).
Detto questo, sono molto curioso di sapere come tutto sia ottimizzato su questo smartwatch, quindi diamo un’occhiata e vediamo se il suo prezzo è giustificato e se dovresti dargli una possibilità o se è meglio cercare altrove. Ma, prima, devo dire che ho visto altri smartwatch rinominati che sembrano uguali ai dispositivi Imilab e sembra essere una pratica comune soprattutto in questa fascia di prezzo (e sotto l’ombrello Xiaomi).

Il Design e la Qualità di Costruzione

Gli smartwatch entry-level non sono davvero eccezionali in termini di design e questo perché i produttori usano raramente materiali di alta qualità (a causa del budget limitato), quindi una custodia in plastica che è rettangolare o circolare con un display che ha le cornici grandi è praticamente la norma. È interessante vedere che Imilab ha messo un po’ più di impegno nel aspetto dello smartwatch W12. Certo, l’involucro è ancora in plastica ma solo per pochi centimetri nella parte inferiore dello smartwatch. Quindi, il telaio dell’Imilab W21 è realizzato in un materiale in lega (sembra essere zinco) e i sensori dal lato posteriore sono circondati da un anello metallico circolare. Lo schermo si trova rialzato sopra il telaio in lega, il che non è poi così eccezionale se lo sbatti contro le cose, ma ha un bell’aspetto.

imilab-w12

Per alcuni secondi, ho dimenticato il cartellino del prezzo e per qualche motivo mi aspettavo di vedere un display senza cornice (che sarebbe stato fantastico su questo smartwatch), ma non è proprio così e ha una cornice significativamente grande. A seconda del quadrante selezionato, puoi essere in grado di colmare questa lacuna poiché il display IPS ha dei neri abbastanza profondi.
Sul lato destro dell’Imilab W12, ci sono due pulsanti che hanno una sensazione metallica e quello superiore è responsabile dell’accensione e dello spegnimento del display, mentre l’altro pulsante richiamerà immediatamente le funzionalità relative al fitness dello smartwatch.

Ho notato che il display non può essere riattivato toccando due volte lo schermo, quindi devi usare la funzione tilt-to-wake o semplicemente premendo il pulsante di accensione. Vale la pena ricordare che ho scoperto che la funzione tilt-to-wake funziona praticamente in modo impeccabile, motivo per cui non riesco ancora a capire come i marchi più costosi possano rovinarlo così tanto (sì, ti sto guardando, Kospet Optimus 2!). Se capovolgi lo smartwatch, c’è il sensore della frequenza cardiaca che sembra essere preciso come sulla maggior parte degli altri dispositivi e c’è anche l’ormai obbligatorio sensore SpO2 per aiutare a controllare la saturazione di ossigeno nel tuo sangue. Ovviamente, questi non sono dispositivi medicali, quindi, se hai un grave problema di salute, dovresti sempre optare per dispositivi con certificazione medica. I cinturini già fissati all’Imilab W12 sono neri e realizzati in silicone morbido.

imilab-w12
Non è il miglior paio di cinturini che ho visto su uno smartwatch, ma farà il suo lavoro (il migliore che ho visto finora è stato sul molto più costoso TicWatch Pro 2020). Come bonus, il produttore ha aggiunto un paio di cinturini in colore acquamarina: il meccanismo di apertura è quello universale, quindi è sufficiente spostare il perno per staccare il cinturino dalla sua presa. Dopo aver indossato l’Imilab W12 al polso, posso dire che mi sento a mio agio, il che è prevedibile considerando che pesa solo 57 g e non è poi così grande, misurando 4,6 x 1,0 centimetri. Quindi sì, starà bene sia sui polsi più sottili che su quelli più spessi. Ho visto che Imilab ha pubblicizzato il W12 come classificato IP68, il che significa che è protetto contro l’ingresso di polvere e acqua. Sicuramente IP68 significa che puoi anche nuotare con lo smartwatch, giusto? Tecnicamente sì, ma starei comunque attento a immergere completamente il dispositivo sott’acqua per troppo tempo: di solito sono costruiti per resistere al sudore e a qualche pioggia occasionale.

Il Display

L’Imilab W12 ha un display IPS da 1,32 pollici con una risoluzione di 360 x 360 pixel e una densità di pixel di circa 385ppi. È un’ottima densità di pixel per uno schermo di queste dimensioni e devo ammettere che anche la risoluzione è più che buona considerando che non sono riuscito a vedere i pixel singoli sullo schermo. Il display è IPS, quindi i colori sono più che decenti, con neri abbastanza profondi e anche se i bianchi non sono così chiari come volevo, sono comunque accettabili.

imilab-w12

Sì, un display AMOLED sarebbe stato migliore, ma a questo prezzo otteniamo un buon rapporto qualità-prezzo con un pannello IPS. In termini di luminosità, lo smartwatch è già impostato al 75%, che è abbastanza luminoso per interni e anche per alcune giornate nuvolose. Se c’è molto sole, puoi arrivare fino al 100%, che dovrebbe essere sufficiente per una rapida occhiata sullo schermo, ma consumerà anche un po’ di più dalla batteria. Non che sarebbe così importante considerando le prestazioni di durata della batteria del W12.
Anche l’angolo di visualizzazione è abbastanza decente, ancora una volta, grazie al display IPS, quindi devi essere in grado di vedere cosa sta succedendo sullo schermo dai lati senza problemi (solo il livello del nero sembrerà meno saturo).

L’Hardware Interno

Imilab non ha rivelato l’hardware interno del W12, ma, considerando che apparentemente si tratta di una versione aggiornata del KW66, presumo che le modifiche siano state principalmente in termini di design e un po’ sul software. Ciò significa che i componenti interni dovrebbero essere più o meno gli stessi. Detto questo, presumo che l’Imilab W12 sia dotato di una CPU Realtek RTL8762C, abbia 160KB di RAM e 348KB + 16MB di memoria flash. E ha senso quando inizi a eseguire il roaming dell’interfaccia perché quella quantità di RAM si rende evidente quando ti muovi tra le icone: all’inizio pensavo fosse la strana animazione, ma ora non ne sono così sicuro. Per la connettività wireless, il W12 utilizza il Bluetooth v5.0 e no, non c’è modo di connettersi alla rete WiFi. Inoltre, a livello di sensori, oltre al cardiofrequenzimetro e al sensore SpO2, sono presenti un accelerometro e un sensore di prossimità. Sfortunatamente, non c’è supporto per il GPS.

L’Esperienza del Software

L’Imilab W12 viene fornito con una variazione dello stesso software che vediamo sulla maggior parte degli smartwatch economici, quindi no, non è WearOS, ma un sistema operativo molto leggero che offre alcune opzioni di base. Sembra davvero scarno, ma ha alcune delle funzionalità previste disponibili.

imilab-w12-smartwatch

Dopo aver preso lo smartwatch dalla confezione, aveva ancora circa il 78 percento della batteria, quindi ho potuto immediatamente esplorare l’interfaccia utente che è molto semplice. Puoi scorrere dall’alto per controllare la batteria, per regolare la luminosità, per abilitare la modalità silenziosa e ho visto che ha a disposizione una funzione ‘Trova il mio telefono’ che si è rivelata molto utile. Se scorri verso destra, sarai in grado di muoverti attraverso una serie di finestre di utilità che mostrano il numero di passi che hai fatto, la frequenza cardiaca, la saturazione di O2, il tempo, la qualità del sonno e dovresti anche essere in grado di controllare il tuo playlist musicale (dal telefono). Se scorri verso il basso dalla finestra principale, puoi vedere le notifiche.

Ho abilitato la maggior parte dei tipi di notifica dall’app, quindi sono stato avvisato quando qualcuno stava chiamando e anche quando ho ricevuto nuove e-mail. So che c’era un problema con le notifiche sul KW66, ma sembra che sia stato risolto sul W12. Scorri verso sinistra per richiamare il menu e qui puoi accedere alla suite di app Training che include alcuni tipi di allenamenti (corsa, camminata, ciclismo, arrampicata, yoga, salto con la corda, badminton, ping-pong, canottaggio e altro). Puoi anche controllare alcune delle statistiche di cui sopra che ottieni scorrendo a destra nella finestra principale e, in Impostazioni, puoi accoppiare lo smartwatch all’app GloryFit.

Non è necessario eseguire un elaborato processo di associazione per associare Imilab a un telefono, è sufficiente scaricarlo, creare un account e abilitare alcune delle autorizzazioni richieste. Successivamente, dovresti essere in grado di sincronizzare vari tipi di quadranti (ce ne sono alcuni anche sullo smartwatch), impostare le notifiche, controllare le statistiche che l’app ha ricevuto dai sensori smarwatch e aggiornare il firmware.

La Durata della Batteria

Lo smartwatch è dotato di una batteria ricaricabile da 330 mAh che è un po’ più piccola di alcuni smartwatch Amazfit, ma più grande dell’Umidigi Uwatch 3S. Il produttore dice che la batteria può durare fino a 30 giorni ed è vero se la lasci sulla tavola e te ne dimentichi per un mese. Se finisci per indossarlo e abiliti la funzione tilt-to-wake, una durata della batteria di 10 giorni è più realistica. So che alcune persone sono riuscite a spingerlo fino a 2 settimane, il che è ancora molto impressionante, ma non inaspettato considerando le funzioni che offre Imilab W12. All’interno della confezione troverete un cavo di ricarica che è, come previsto, proprietario ed è anche magnetico, ma si può staccare facilmente spostando anche di poco lo smartwatch.

La Conclusione

L’Imilab W12 è sicuramente una versione migliorata del KW66, con un software più raffinato (lontano da un completo rinnovamento, ma sicuramente ha risolto alcune delle stranezze del KW66), ma è ancora quasi bare-bones, quindi non aspettarti alcune funzionalità avanzate come otterresti su smartwatch più costosi. Quindi sì, non è il dispositivo più eccitante, ma è un’opzione interessante da tenere in considerazione considerando che ha un aspetto elegante, quindi potrebbe facilmente abbinarsi a un abbigliamento formale e c’è anche la durata della batteria a lunga durata, qualcosa che molto altri smartwatch più costosi stanno lottando per raggiungere.

Imilab W12 -
  • 7.5/10
    Il Design - 7.5/10
  • 7.6/10
    La Facilità d'Uso - 7.6/10
  • 8.5/10
    Il Comfort - 8.5/10
  • 7/10
    Le Caratteristiche - 7/10
  • 7.2/10
    L'Accessibilità - 7.2/10
7.6/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.