Recensione Speedefy KX450 AX1800 Router WiFi 6

Lo Speedefy KX450 è il primo router WiFi 6 dell’azienda cinese e, come suggerisce il titolo, ci sono alcune somiglianze con il TP-Link Archer AX21. Per essere più preciso, l’AX21 e lo Speedefy AX1800 hanno essenzialmente lo stesso hardware interno, ma ciò non significa necessariamente che siano lo stesso dispositivo. Ho aperto entrambi i router WiFi 6 e il layout interno è molto diverso, le quattro antenne sullo Speedify sembrano essere più potenti e, come previsto, il software differisce parecchio. TP-Link potrebbe non essere il campione nella creazione del software più equilibrato, ma alcune delle loro funzionalità sono decisamente diventate più raffinate nel corso degli anni (mentre altre sono scomparse completamente, ma questa è un’altra storia) e questo include il supporto per OneMesh.

speedefy-kx450
VEDI PRODOTTO SU:

speedefy

Ovviamente, Speedefy non ha affrontato la possibilità di creare una rete mesh (ancora), ma sembra avere le altre caratteristiche che sono comuni per un router WiFi 6 AX1800. C’è la tecnologia OFDMA obbligatoria, il supporto per il WPA3 e sono disponibili anche il BeamForming e MU-MIMO. Quindi, è praticamente un router AX1800 senza fronzoli e, se abbinato a una semplice interfaccia utente, potrebbe essere esattamente quello che la maggior parte delle persone hanno bisogno per avere i propri dispositivi connessi a Internet. Ma, prima di saltare alle conclusioni, mettiamo alla prova lo Speedefy KX450 e vediamo se è un dispositivo affidabile o se l’AX21 (o gli altri suoi cloni) sono un acquisto migliore.

Il Design e la Qualità Costruttiva

Mentre all’interno è praticamente identico all’AX21, lo Speedefy KX450 ha seguito un design molto diverso per la custodia, ma ho notato alcune somiglianze con il Netgear RAX10. In effetti, il KX450 ha una forma molto simile, con una sezione anteriore più stretta e un posteriore più ampio per ospitare le porte, ma ci sono due antenne sui lati e due sul retro, e anche la disposizione delle aperture di ventilazione è molto diversa. Ci sono alcuni fori di ventilazione sui lati e il lato inferiore è parzialmente coperto da piccoli fori. E questo approccio sembra funzionare in qualche modo bene perché il router si surriscalda solo nel mezzo, ma niente di più.

speedefy-kx450

Vale la pena notare che il corpo del router è interamente realizzato in plastica ed è ricoperto da una finitura nera opaca con solo due bande lucide sottili per rendere il dispositivo più gradevole esteticamente. Lo Speedefy KX450 misura 28,0 x 16,5 x 4,0 cm, quindi è abbastanza compatto, ma le antenne sono molto alte, quindi potrebbe essere comunque un inconveniente lasciarlo piatto su una scrivania. E c’è un’altra ragione per cui questa non è una buona idea: i piedi. Sfortunatamente, Speedefy ha apprezzato l’approccio di TP-Link quando ha costruito l’AX50, quindi non ci sono piedini in silicone e sì, questo significa che il router balla sulla scrivania, quasi sempre con il suo gran finale sul pavimento.

La buona notizia è che il produttore ha aggiunto alcuni fori di montaggio sul fondo della custodia, in modo da poter installare il KX450 a parete, tenendo le antenne rivolte verso l’alto. Come previsto a questo punto, le antenne non possono essere rimosse. Dopo aver preso il router AX1800 dalla confezione, ho trovato sospetto che non riuscissi a vedere nessun LED o icona dedicata da nessuna parte sul router e, dopo aver collegato il cavo di alimentazione in dotazione, mi sono accorto che c’è solo un LED che brilla timidamente nella parte superiore della custodia.

speedefy-kx450

Sembra che anche i marchi più economici abbiano ceduto al cosiddetto approccio minimalista e il singolo LED potrebbe essere il futuro di come controlliamo lo stato del router. E lo odio. In ogni caso, abbiamo un LED che lampeggia lentamente se non è riuscito a connettersi a Internet, diventa giallo fisso quando è riuscito a ottenere un buon collegamento a Internet e lampeggia rapidamente quando si collega o disconnetti un dispositivo esterno dalle porte LAN. Ora andiamo al lato posteriore del router. Qui potrai trovare la porta di alimentazione, un pulsante Reset incassato (premi e tieni premuto per 8 secondi per riportare il router alle impostazioni di fabbrica), un pulsante WPS, la porta Gigabit WAN e quattro porte Gigabit LAN. Ho visto che la terza porta funge anche da IPTV che presumo sia un’impostazione QoS preimpostata. Sfortunatamente, non c’è una porta USB.

L’Hardware Interno

Continuo a menzionare le somiglianze con il TP-Link Archer AX21, quindi apriamo lo Speedefy KX450 e controlliamo i suoi interni. Non c’è il sigillo di garanzia, quindi, a meno che non danneggi la custodia in plastica, puoi comunque mantenere la garanzia. Per aprirlo, ho dovuto rimuovere le due viti dalla parte inferiore del router e quindi utilizzare uno strumento per staccare con cura la parte superiore. Puoi usare uno strumento metallico come ho fatto io e rovinare anche l’aspetto del router (gli dà carattere). Inoltre, fai attenzione con quelle quattro grandi antenne perché ti colpiranno ovunque mentre proverai ad aprire il router. All’interno, non assomiglia per niente al TP-Link AX21 e, invece, vediamo i quattro connettori dell’antenna che sono saldati alla scheda e potrei immediatamente identificare un chipset switch Broadcom BCM531340KFBG. C’erano anche 128 MB di memoria flash da ESMT (F50L1G41LB) che è più di quello che c’è sull’AX21, così come un trasformatore LAN DG18101 100/1000 BASE-T e un paio di moduli magnetici a porta singola DG36001 100/1000 BASE-T DIP.

speedefy-kx450

C’è anche un grande dissipatore di calore che si trova nella parte superiore di una copertura in alluminio (apparentemente sono incollati insieme) e, sotto di esso, ho potuto vedere il chipset Broadcom BCM6755KFEBG quad-core da 1,5 GHz. Accanto, ci sono 256 MB di RAM da ESMT (M15T2G16128A). Per quanto riguarda il WiFi, lo Speedefy KX450 utilizza il Broadcom BCM6755 802.11a/n/ac/ax 2×2:2 con un paio di moduli front-end SKY85755-11 (FEM) per la banda radio a 5GHz e il Broadcom BCM6755 802.11b/g /n/ax 2×2:2 insieme a due moduli front-end SKY85337-II RF (FEM) per la banda a 2,4 GHz.
Info: Speedefy KX450 è un router Wifi 6 di classe AX1800, quindi presenta una velocità di trasferimento di dati teorica massima di 574Mbps sulla banda a 2,4 GHz e una velocità di trasferimento di dati teorica massima di 1201Mbps sulla banda a 5 GHz (questi sono risultati ideali misurati nei laboratori, quindi non aspettarti qualcosa di simile a casa o in ufficio).

La Prestazione Wireless e Cablata

Ho testato i router WiFi 6 per un po’ e i modelli entry-level sembrano avere tutti più o meno le stesse caratteristiche, con variazioni molto piccole. E questo vale anche per Speedefy KX450, che viene fornito con la tecnologia OFDMA. Questa è la caratteristica principale che ha definito il passaggio a un nuovo standard WiFi e per una buona ragione perché cambia il vecchio approccio in cui tutte le sottoportanti della larghezza di banda disponibile erano allocate per un utente.

speedefy-kx450

L’OFDMA ha anche delle sottoportanti ortogonali ma, invece di assegnarle tutte ad un singolo utente, possono essere utilizzate da più utenti. Questa flessibilità consente una migliore gestione della larghezza di banda e migliori prestazioni wireless con dispositivi compatibili. Anche la tecnologia MU-MIMO è qui e il suo ruolo rimane lo stesso di anni fa. E questo serve a più clienti contemporaneamente, ma alcune pubblicazioni dicono che non è poi così efficace, mentre i produttori continuano a dire che è il Santo Graal dell’industria delle reti wireless. Il fatto che non venga ancora adottato in massa anche dopo tutti questi anni di promesse la dice lunga.

Ad ogni modo, la tecnologia BeamForming è supportata ed è un ottimo modo per ottimizzare la connessione tra il router e i dispositivi cliente (il segnale è puntato direttamente sui dispositivi, quindi l’interferenza è ridotta al minimo). Inoltre, c’è anche la modulazione 1024-QAM, ma la larghezza di banda del canale arriva solo fino a 80 MHz. Queste sono le principali funzionalità wireless, quindi sì, non c’è supporto per la creazione di reti mesh utilizzando altri router Speedefy. Per quanto riguarda la procedura di test, ho preso due computer, uno collegato al router tramite un cavo CAT5e e l’altro collegato alla rete wireless a 5GHz (80MHz, OFDMA abilitato).

speedefy-kx450

Il dispositivo cliente è dotato di un adattatore WiFi AX200 e, mentre era connesso alla rete a 5GHz, ho notato un throughput in upstream di 753Mbps a 1.5 metri, 574Mbps a 5 metri e una media di 226Mbps a 10 metri. Questo è molto simile all’AX21, tranne per il miglior comportamento a 10 metri. Downstream, ho visto una media di 370Mbps a 1.5 metri e una media di 227Mbps a 10 metri.
Ho mantenuto lo stesso dispositivo cliente, ma l’ho collegato alla rete a 2,4GHz (40MHz) e, upstream, a 1.5 metri, ho visto una media di 233Mbps e una media di 119Mbps a 10 metri, quest’ultima meno impressionante di quella che ho visto sull’AX21. In Downstream, ho misurato una media di 172 Mbps a 1.5 metri e una media di 58,6 Mbps a 10 metri.

Poiché la maggior parte di voi avrà ancora (solo) dispositivi WiFi 5 in giro, ho deciso di collegare il laptop dotato del buon vecchio adattatore Intel 8265 e verificare come funziona. Mentre era connesso alla rete a 5 GHz, a 1.5 metri, ho misurato una media di 647 Mbps in upstream; a 10 metri, il throughput è sceso a 212Mbps. In downstream, ho visto una media di 207Mbps a 1.5 metri e una media di 95,3Mbps a 10 metri. Questa è una prestazione interessante perché differisce molto da come si è comportato il TP-Link AX21: meno potente nelle vicinanze, ma apparentemente più coerente a una distanza maggiore. Quando è stato connesso alla rete a 2,4 GHz, il dispositivo cliente Intel 8265 ha funzionato bene.

speedefy-kx450

In upstream, ho visto una media di 207Mbps a 1.5 metri e una media di 119Mbps a 10 metri. In downstream, ho visto una media di 139Mbps a 1.5 metri e una media di 68,5Mbps a 10 metri. Dopo aver terminato i test wireless, ho deciso di eseguire un rapido test da LAN a LAN utilizzando due computer dotati di porte LAN Gigabit. In questo modo, in upstream, ho visto una media di 949Mbps e in downstream, ho misurato una media di 925 Mbps. Mi sarebbe piaciuto vedere le prestazioni di archiviazione dello Speedefy KX450 ma, poiché manca qualsiasi tipo di porta USB, non è proprio possibile.

L’Installazione e il Software

Seguendo il manuale dell’utente, vedo che Speedefy KX450 ha sia un’app mobile che possiamo utilizzare per l’installazione del router sia un’interfaccia utente basata sul web. Ho la sensazione che la maggior parte delle persone sceglierà l’app, quindi ho scaricato e installato l’app Speedy by Speedefy (disponibile su dispositivi iOS e Android). Successivamente ho dovuto connettere lo smartphone a uno dei due SSID trasmessi da Speedefy KX450. Ha rilevato immediatamente che avevo una connessione PPPoE, quindi ho dovuto inserire il nome utente e la password forniti dall’ISP e quindi ho potuto impostare la password per gli SSID. Fatto ciò, mi è stato chiesto di inserire la password di accesso che mi ha confuso considerando che non avevo creato tale password.

speedefy-kx450

Quindi, ho inserito la passkey SSID e sembra aver funzionato. Infine, mi è stato chiesto se voglio accedere utilizzando l’account Google+, un account Facebook o utilizzando un’e-mail per accedere alla gestione remota del router.
Dopodiché, sono stato libero di esplorare l’app e la prima cosa che ho visto era la finestra Dispositivi che mostrava un elenco di tutti i dispositivi cliente connessi. Se si fa clic su uno di essi, si aprirà una finestra dedicata in cui è possibile aggiungere il dispositivo alla Blocklist, impostare i limiti di velocità o abilitare il Controllo Genitori. Quest’ultima opzione ti consente di creare un accesso programmato a Internet e utilizzare il filtro Web che non aveva molto senso.

Sembra volere un elenco di siti Web consentiti o bloccati e non sono sicuro che si tratti di un problema di database o se vogliono che acceda ai siti Web (non ho idea di dove però). La finestra principale successiva è Strumenti che mostrerà le impostazioni di routing. Questo gruppo mostra alcune informazioni di stato, consente la possibilità di modificare lo SSID e la passkey, nonché di modificare le impostazioni Internet (include l’opzione per impostare un IP statico). Inoltre, puoi anche cambiare la password dell’amministratore, abilitare/disabilitare il singolo LED o resettare/riavviare il router.

speedefy-kx450

Il secondo set di impostazioni riguarda le app Smart e qui puoi Accelerare il WiFi, che è uno strumento di ottimizzazione automatica per rilevare il tipo di cliente e modificare di conseguenza l’impostazione del tuo WiFi (potrebbe essere ottimo per la maggior parte delle persone, ma preferisco di modificarlo manualmente). Successivamente, c’è la possibilità di creare reti ospiti, regolare la potenza di trasmissione o eseguire un rapido controllo di sicurezza. È possibile accedere all’interfaccia basata sul web andando su 192.168.3.1 e inserendo la stessa password che hai impostato sull’app e l’interfaccia utente sembra molto semplice, con le opzioni del menu disposte sul lato sinistro. Alcune di queste opzioni sono le stesse dell’app, ma ho visto un po’ di più nelle impostazioni WiFi.

C’è infatti la possibilità di trasformare lo Speedefy KX450 in un ripetitore, puoi anche impostare il Canale e la Banda per ogni rete WiFi, abilitare la modalità AP e abilitare l’OFDMA (è disabilitato, come opzione predefinita). Il Controllo Genitori era apparentemente lo stesso, ma ho notato che potevo inserire siti web (o parole chiave?) che sarebbero poi stati bloccati o inseriti nella whitelist.
Alcune opzioni completamente nuove sono la VPN (Server PPTP, Utenti PPTP e Cliente PPTP/L2TP), IPv6 e sono disponibili anche una serie di Impostazioni avanzate. Ciò include IPTV, Firewall (ICMP, TCP e UDP Flood Attack Defense, nonché la possibilità di ignorare il pacchetto Ping dalla WAN), DDNS, Port Forwarding, DMZ Host e UPnP.

speedefy-kx450

La Conclusione

Quindi, lo Speedefy KX450 è solo una variante meno costosa del TP-Link Archer AX21? In un certo senso si può considerare tale per le somiglianze tra i due modelli in termini di hardware interno. E questo significa anche che le prestazioni wireless non sono così diverse. Ma è qui che finiscono le somiglianze perché Speedefy KX450 ha adottato un tipo diverso di design (un singolo LED e nessuna porta USB) e c’è un’esperienza software distinta. Nel complesso, considerando il prezzo del router, non posso concentrarmi molto sui suoi difetti perché funziona discretamente bene, offre la maggior parte delle funzionalità previste, quindi, se vuoi provare la tecnologia WiFi 6 a un buon prezzo, lo Speedefy KX450 può essere un’opzione interessante.

Speedefy KX450 -
  • 7/10
    Il Design - 7/10
  • 8.2/10
    La Facilità d'Uso - 8.2/10
  • 6.5/10
    La Configurabilità - 6.5/10
  • 9.2/10
    L'Accessibilità - 9.2/10
  • 7/10
    Le Prestazioni Wireless - 7/10
7.6/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *