Recensione Stampante 3D Selpic Star A

La Selpic Star A è tra le più recenti mini stampanti 3D sul mercato e sì, il produttore ha fatto affidamento su una campagna Kickstarter, il che suggerisce che c’è più di quanto sembra con questo dispositivo compatto. Infatti, oltre ad essere incredibilmente economico (al momento in cui scrivo, puoi ottenerlo per $99 senza alcun componente aggiuntivo), il Selpic Star A è molto leggero (pesa circa un terzo del Monoprice Mini), rendendolo molto facile da spostare e può mettere in pausa e riprendere il processo di stampa con un semplice clic di un pulsante, cosa che di solito non si vede sui modelli entry-level. Questo è disponibile per il modello base, ma puoi aggiungere un modulo di incisione laser (che funziona su legno, plastica e cartone), un modulo touchscreen e un piatto riscaldante, per una migliore performance.

selpic-star-a

VEDI PRODOTTO SU:

selpic

Un piatto riscaldato sarebbe stata un’ottima opzione predefinita, ma anche come opzione aggiuntiva, non è così costoso e tutti i moduli extra (insieme alla stampante di base) ammontano a un po’ più di $150 e questo mostra quanto le stampanti 3D sono cambiate nel corso degli anni. Un decennio fa, avresti ottenuto un’esperienza scadente da un dispositivo molto più costoso, ma, per fortuna, la tecnologia è diventata sia più economica che più raffinata, il che ci porta a questo punto nel tempo in cui puoi ottenere una stampante 3D che costa come una stampante normale. Detto questo, ci sono stati alcuni altri produttori che hanno cercato di offrire prestazioni decenti a un prezzo basso, quindi sono curioso di sapere cosa offre Selpic, soprattutto considerando che questa è la prima stampante 3D che l’azienda ha sviluppato – è vero che hanno rilasciato anche alcune stampanti portatili (normali), come la Selpic P1.

Il Design e L’Assemblaggio

La Selpic Star A viene fornita ben confezionata e, in modo simile alla stampante 3D EasyThreed X1 Mini, il dispositivo è quasi completamente assemblato. Anche così, ci sono tre parti principali (separate) che sono tenute insieme da alcuni cavi (raggruppati da una copertura a rete nera). Innanzitutto, c’è la piattaforma di stampa con la sezione dell’asse Y che è la base della stampante e poi c’è la testina della stampante che è già attaccata all’asse X che a sua volta è collegata al motore e ai pilstri dell’asse Z. Entrambe queste sezioni sono collegate al suddetto cavo che va verso l’ultima sezione che è la scatola di controllo. Ho menzionato la stampante 3D EasyThreed X1 Mini perché continuo a vedere alcune somiglianze anche sulla scatola di controllo, come i quattro pulsanti (e il loro layout), ma Selpic ha optato per un aspetto molto più raffinato poiché la scatola è fatta di una plastica nera opaca con finitura lucida nella sezione del logo. Sulla scatola di controllo, il produttore ha aggiunto un connettore di alimentazione, una porta USB-B (c’è un cavo USB-B a USB-A nella confezione) per collegare la stampante a un computer e un lettore di schede microSD.

selpic-star-a

All’interno della confezione, Selpic ha aggiunto una scheda microSD da 8 GB, un lettore di schede SD e un kit di installazione. Per assemblare la Star A, è necessario mettere la sezione della piattaforma di stampa (con il motore dell’asse Y) nella posizione corretta, quindi prendere il modulo della testina della stampante e far scorrere i pilastri dell’asse Z nello slot disponibile. Selpic ha aggiunto alcune immagini alla sua guida all’installazione per renderlo più chiaro, ma quello che suggerisco è che prima di scivolare il modulo degli assi X e Z, di spingere semplicemente i fili con il connettore attraverso il piccolo foro poiché potrebbe essere un po’ più difficile farlo in seguito.

Quindi, devi prendere le due viti lunghe e farle scorrere attraverso i fori dedicati e utilizzare i dadi per fissare saldamente il modulo alla piattaforma. All’interno della confezione ci sono due parti che devono essere collegate per formare il portafilo e poi semplicemente farlo scorrere negli fori accanto al motore della piattaforma di stampa. Selpic ha incluso un filamento PLA bianco (10M) in plastica che mi ha fatto capire che il portafilo non rimane correttamente in posizione a meno che non si inserisca un filamento più pesante. O almeno così pensavo, poiché l’aggiunta di un rotolo di filamenti più pesante piegherà il supporto a un angolo innaturale e molto probabilmente lo romperà – se si utilizzano rotoli più grandi e più pesanti, il produttore ha suggerito di investire in un supporto del filamento separato.

selpic-star-a

Infine, devi prendere il modulo controllo e di inserirla nei ganci dal lato della base della piattaforma e questo è tutto. Alcune cose da menzionare su Selpic Star A sarebbero che non ha un piatto riscaldato (il modello di base), quindi non puoi fare affidamento su di esso per sbloccare il tuo modello. So che molte stampanti 3D entry-level non hanno una ventola di raffreddamento sulla parte con la testina e la buona notizia è che Selpic lo ha visto come un punto debole e ne ha aggiunto una alla stampante Star A. Questa ventola ha il ruolo di raffreddare rapidamente la plastica estrusa che fuoriesce dall’ugello, eliminando virtualmente ogni possibilità di deformazione della plastica. Detto questo, dopo aver sistemato tutto, basta collegare l’alimentatore e attendere che il pulsante Start si accenda. Poiché è la prima volta che utilizzerai la stampante 3D, dovresti calibrare il livellamento della piattaforma. Per fare ciò, devi premere rapidamente il pulsante Home: il LED dovrebbe iniziare a lampeggiare e, quando diventa fisso, tieni premuto il pulsante Home per 5 secondi – il LED dovrebbe ricominciare a lampeggiare.

selpic-star-a

Ora è necessario utilizzare le quattro viti sotto la piattaforma per assicurarsi che l’ugello non sia né troppo vicino né troppo lontano dalla piattaforma. Per rendere questo processo facile, fai semplicemente scorrere un pezzo di carta e quando c’è solo un po’ di resistenza, sai che quel punto è correttamente livellato. Successivamente, dovrai inserire il filamento e il processo è molto semplice: fai clic sul pulsante Più dalla scatola di controllo – il LED dovrebbe iniziare a lampeggiare velocemente fino a quando l’estrusore non è riuscito a riscaldarsi e, mentre il LED inizia a lampeggiare lentamente, devi prendere un’estremità del filamento per inserirlo nella sezione con la testina della stampante (dovrebbe esserci un foro in alto). Attendi che la plastica inizi a gocciolare dall’altra parte e premi di nuovo il pulsante Più.

E questo è tutto, ora puoi caricare nuove stampe sulla scheda microSD e Selpic Star A dovrebbe stampare immediatamente l’ultimo modello. A questo punto, devi avere l’intera stampante 3D Selpic Star A assemblata e pronta, quindi parliamo del suo aspetto, delle dimensioni e del peso. Il Selpic Star A sembra realizzato con materiali adeguati, la plastica nera e il metallo gli conferiscono un aspetto premium e so che la maggior parte di voi rimarrà sorpresa dal poco spazio che richiede dalla scrivania. In effetti, l’intera stampante 3D misura solo 26.0 x 24.0 x 25.0 centimetri ed è anche incredibilmente leggera, pesa solo 2 kg. Questo lo rende uno dei più leggeri sul mercato (per ora).

selpic-star-a

Il Software

Dovresti essere in grado di utilizzare qualsiasi software di slicing preferito, ma Selpic consiglia di utilizzare Acura di Ultimaker. La versione disponibile quando ho provato Selpic Star A era la 4.8 e ho scaricato quella compatibile con il sistema operativo Windows a 64 bit. La prima cosa che devi fare è aggiungere la stampante 3D che utilizzerai, ma, poiché non troverai la Selpic Star A nell’elenco, seleziona Custom > Custom FFF printer e assegnagli un nome. È possibile modificare le impostazioni della stampante in qualsiasi momento facendo clic sul nome della stampante (dovrebbe essere la seconda scheda dall’alto) e selezionando Gestisci stampanti.

In questo modo, puoi andare alle impostazioni dell’estrusore e regolare la dimensione dell’ugello (dovrebbe essere impostato a 0,4 mm), il diametro del materiale compatibile (uso un filamento da 1,75 mm, quindi questo è il valore adatto). Il prossimo passo è, ovviamente, aggiungere un modello 3D e tagliarlo. Assicurati che la vista sia impostata su Prepara (ci sono anche Anteprima e Monitor), quindi fai clic sull’icona della cartella a sinistra per caricare qualsiasi modello 3D preferito. Dopo che il modello è stato caricato, dovresti essere in grado di fare clic su di esso e regolare la sua posizione e anche le sue dimensioni (usa gli strumenti da sinistra). Puoi semplicemente cambiare la vista dal basso a sinistra o usare le frecce della tastiera per spostare il modello.

selpic-star-a

Sul lato destro, puoi regolare il modo in cui il tuo modello sarà stampato e qui le cose diventano un po’ più complicate poiché puoi rovinare il modello se sbagli le impostazioni. È possibile modificare l’altezza dello strato, la densità di riempimento (e il motivo), la temperatura di stampa, la velocità di stampa, abilitare il ritiro, la velocità della ventola, se si desidera generare supporto per il modello e altro ancora. Dopo aver selezionato le impostazioni adatte, è possibile verificare come il modello verrà visualizzato dalla stampante in Anteprima e quindi fare semplicemente clic su Slice per ottenere sia un tempo approssimativo per la stampa sia per salvare il file su una scheda MicroSD (o per inviarlo direttamente alla stampante).

Il Test e le Prestazioni

La stampante 3D Selpic Star A supporta filamenti PLA, TPU, PETG e ABS, ma avevo a disposizione un rotolo di PLA nero e un rotolo di filamento TPU rosso che dovrebbero essere sufficienti per mostrare sia i punti di forza che i punti deboli di questo dispositivo. Poiché è il materiale più semplice con cui lavorare, ho utilizzato il filamento PLA bianco incluso nella confezione per stampare uno dei modelli 3D più difficili, il 3D Benchy. Perché ho scelto questo modello? Perché è stato progettato per aiutare a calibrare correttamente una nuova stampante 3D e per controllare sia le capacità della stampante che la qualità del filamento. In questo modo, puoi controllare l’accuratezza del modello (le dimensioni, la simmetria), nonché controllare la deformazione, l’allineamento dei livelli e altro.

Inoltre, è un ottimo modo per confrontare il tuo modello con quello che hanno ottenuto gli altri utenti (che avevano la stessa stampante 3D o una diversa). Considerando che questo è il primo modello che ho stampato utilizzando Selpic Star A, ho deciso di usare le impostazioni consigliate dal manuale dell’utente. Ciò significa che l’altezza dello strato era impostata su 0,1 mm, lo spessore della parete era 0,8 mm, la temperatura di stampa era di 200 gradi, la velocità di stampa era 30 mm/s, la velocità della ventola era impostata al 100%, la densità di riempimento al 20% ( il pattern era Grid), ma ho tralasciato sia il “generare supporto” che l’adesione della piastra (per una migliore precisione del modello).

selpic-star-a

Utilizzando queste impostazioni, Ultimaker Cura ha stimato che ci sarebbero voluti circa 3 ore e 45 minuti, ma ci è voluto molto di più e, dopo 10 ore, il modello era finalmente pronto per l’analisi. La prima cosa che ho notato è che ci sono molti fili anche se ho abilitato Retraction, ma a parte questo, è un modello abbastanza decente. Detto questo, controlliamo le dimensioni: la lunghezza del tetto del ponte dovrebbe essere di 23 mm e il mio modello aveva 22,5 mm; il diametro interno del camino dovrebbe essere 3,0 mm, il diametro esterno dovrebbe essere 7,0 mm e la profondità del foro cieco dovrebbe essere 11 mm – il modello stampato era accurato a questo riguardo, ad eccezione del diametro del foro interno che non era realmente arrotondato (e il diametro era tra 2,5 e 3 cm).

La lunghezza complessiva dovrebbe essere di 60,0 mm e il modello era preciso qui; lo stesso della larghezza e dell’altezza orizzontale complessiva. Ora, tornando ai dettagli più fini, controlliamo il cassone: le dimensioni erano complessivamente accurate, ma c’era una leggera deviazione all’interno (la lunghezza – di 1 mm). Il manico e la finestra anteriore del ponte sono stati leggermente influenzati dai fili (visto anche che il lato superiore della finestra anteriore del ponte non era diritto) e questa è un’area molto difficile poiché ci sono due sezioni sospese.
Successivamente, ho controllato la targhetta ed era illeggibile. Alcuni altri aspetti che ho notato sono che c’erano alcune aree in cui lo strato sembrava essersi assottigliato e do la colpa al filamento considerando che nel complesso la plastica era abbastanza coesa e non c’era né sotto né sopra estrusione.

selpic-star-a

Ovviamente 3D Benchy non dovrebbe richiedere più di 2 ore, quindi ho deciso di modificare le impostazioni e abbinarle a quelle consigliate dagli sviluppatori di questo benchmark. In questo modo, ho impostato l’altezza dello strato a 0,2 mm, la densità di riempimento al 10% (sempre mantenuta su griglia), la larghezza della linea a 0,4 mm e la velocità a 60 mm/s. So che ti chiederai immediatamente perché non andare più veloce, dal momento che 3D Benchy funziona bene anche a 150 mm/s? Perché la velocità massima supportata per Star A Selpic sembra essere 60 mm/s. Detto questo, ho lasciato la stampante 3D per fare il suo dovere e, dopo 3 ore e mezza, ho ottenuto il nuovo modello. Sorprendentemente, la quantità di fili aggiuntivi è di gran lunga inferiore rispetto alla velocita più lenta e, nel complesso, sembra un modello migliore. Ad un esame più attento, le dimensioni erano più o meno le stesse della prima Benchy e alcuni punti deboli sono stati accentuati, come la suddetta perdita di filamento (potrebbe non essere il filamento dopo tutto poiché è successo nello stesso punto) e anche ho visto alcune sezioni in cui è stata tagliata la plastica.

selpic-star-a

Poiché il filamento bianco era quasi finito, ho deciso di utilizzare un filamento PLA+ nero che avevo a disposizione e stampare una piccola rana (credito a MorenaP di Thingiverse.com), solo per vedere come la stampante 3D avrebbe gestito una stampa più rapida (ho mantenuto le stesse impostazioni della seconda 3D Benchy). Come puoi vedere, ha fatto un ottimo lavoro, praticamente senza fili aggiuntivi, l’estrusione era buona, le dita della rana sono chiaramente definite, così come gli occhi. E, cosa più importante, c’erano alcune parti sospese che erano state gestite correttamente.

selpic-star-a

Infine, ho preso un rotolo di filamento flessibile (TPU) – che so, può essere una tortura per molte stampanti 3D – e ho inserito il filo nella sezione della testina della stampante. Come previsto, è stato necessario modificare alcune impostazioni poiché il filamento TPU ha un comportamento molto diverso dal PLA. Quindi, ho deciso di seguire alcune delle istruzioni di questo video molto utile : ho cambiato l’altezza del livello a 0,1 mm, lo spessore della parete a 1,6 mm e ho impostato la densità di riempimento al 20% (con 6,0 mm di distanza della linea di riempimento). Ho anche spinto la temperatura di stampa a 230 gradi C, mantenuto il flusso al 100%, ho abilitato la ritrazione e so che alcuni di voi la mantengono disabilitata quando si tratta di TPU, ma ho impostato la distanza di ritrazione a 1,4 mm, la velocità di ritrazione a 25 mm/s e la ‘Retraction Prime Speed’ a 10 mm/s.

Questo dovrebbe essere sufficiente per garantire che la stampante 3D porti a termine il lavoro, giusto? Beh, non proprio. Ho provato a stampare un modello circa 5 volte prima di arrendermi e ogni volta è successa la stessa cosa. Il modello inserirà alcuni strati (a volte nemmeno quello) e poi l’ugello si bloccherà. L’ho pulito dopo ogni tentativo per assicurarmi che non ci fossero residui che ostruivano l’ugello, ma lo stesso accadeva ogni volta. Quindi, devo concludere che la Star A non funziona così bene con il filamento flessibile (nel mio caso, per niente).

La Conclusione

Nonostante diventi ogni anno più economica, la stampante 3D è ancora fuori dalla portata di una gran parte delle persone, quindi è lodevole che Selpic sia riuscita a costruire un dispositivo decente che è sia facile da montare che intuitivo da usare, pur mantenendo un prezzo accessibile. Come hai già visto, la stampante funziona davvero bene con un filamento PLA anche con modelli molto impegnativi e ho visto che l’Ultimaker Cura è un software molto adatto per Star A sia per principianti che per utenti avanzati. Certo, non tutto è perfetto poiché il portafilo sembra fragile e la stampante 3D non sembra gestire i filamenti in TPU, ma ancora una volta, è uno dei dispositivi più convenienti nel suo genere, quindi suppongo che alcuni compromessi dovessero essere previsto.

Selpic Star A -
  • 9/10
    Il Design - 9/10
  • 8/10
    Facilità d'Uso - 8/10
  • 7/10
    Le Caratteristiche - 7/10
  • 9/10
    L'Accessibilità - 9/10
  • 6/10
    La Prestazione - 6/10
7.8/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

One thought on “Recensione Stampante 3D Selpic Star A

  1. Mi sembra che la parte di “Test e prestazioni” sia stata fatta all’acqua di rose, è stata calibrata in modo corretto extrusion width in CURA??? chi usa la stampante sa che il filamento da 1,75 non esiste se non nelle favole, nei 300m di bobbina da 1kg non avrai mai 1.75, quindi prima di stampare va misurato col calibro il diametro della bobbina.

    Detto ciò sarebbe stato interessante una recensione con anche i plugin.

    Saluti
    Dome

Leave a Reply

Your email address will not be published.