Recensione Auricolari TWS ANC SuperEQ Q2 Pro

Il SuperEQ Q2 Pro è il nuovo paio di auricolari TWS sviluppato dal produttore con sede a Shenzhen e sì, è un sottomarchio di OneOdio. Ma sembra che c’è abbastanza libertà creativa poiché le cuffie o gli auricolari SuperEQ possono avere un suono abbastanza diverso rispetto ai dispositivi OneOdio. Anche il design del Q2 Pro non segue le orme di OneOdio F1 o F2 considerando che si tratta di un paio di auricolari a forma di pisello, mentre la tendenza generale è seguire le indicazioni del design di Apple. Il SuperEQ Q2 Pro è anche dotato della tecnologia ANC che è incredibilmente difficile da utilizzare sugli auricolari TWS e ancora più impegnativa su un paio di auricolari economici.

supereq-q2-pro

VEDI PRODOTTO SU:supereq

Usa codice GETQ2PRO per uno sconto di 20%.

Il produttore è fiducioso che gli auricolari possano riuscire a fornire una buona esperienza sonora, con l’ANC in grado di ridurre fino a 35 dB di rumore ambientale e la modalità Trasparenza consente la possibilità di amplificare il suono circostante, in modo da poter ascoltare le persone che parlano senza dover mettere in pausa la tua canzone.
Come previsto, la durata della batteria è pubblicizzata come molto lunga (otto ore con ANC abilitato con una singola carica) e ho visto che gli auricolari Q2 Pro sfruttano il Bluetooth v5.2. Se questo significherà una connessione migliore è qualcosa da vedere, quindi mettiamo alla prova il SuperEQ Q2 Pro e vediamo se sono in grado di offrire un miglior rapporto qualità-prezzo rispetto ai suoi concorrenti.

La Qualità di Costruzione e Il Design

Ho notato che la maggior parte dei produttori è lentamente, ma sicuramente, migrata verso il design degli auricolari dall’aspetto tradizionale (senza i fili, ovviamente). E questo perché è più facile aggiungere più componenti interni, pur rimanendo molto comodi da indossare. Quindi, sono rimasto sorpreso di vedere che il SuperEQ Q2 Pro ha preferito l’aspetto a forma di pisello ed ero interessato a sapere se sono riusciti a rendere comodi gli auricolari.

supereq-q2-pro

Ogni auricolare Q2 Pro è un po’ più grande di altri dispositivi della concorrenza e ciò è dovuto principalmente all’aggiunta dell’ANC, ma è stato curioso vedere che a 2,5 x 2,5 x 2,0 cm, sono essenzialmente gli stessi dei TaoTronics SoundLiberty 94. Dopo aver inserito il Q2 Pro nelle orecchie, non cadranno poiché ho utilizzato l’apposito paio di cover in silicone, ma dopo un paio d’ore di uso continuo ho sentito un po’ di fatica (questo tipo di design limita la quantità di punti di ancoraggio). Puoi tenerli accesi anche per più tempo se non devi cambiare continuamente la traccia. Mi è piaciuto che il collo degli auricolari non sia molto lungo poiché in questo modo non è necessario spingerli lontano nel condotto uditivo e causare irritazione.

La buona notizia è che SuperEQ ha utilizzato aree sensibili al tocco per consentire di controllare le funzioni degli auricolari. Un solo tocco su uno dei due auricolari metterà in pausa/riprenderà qualsiasi traccia in riproduzione e, in caso di chiamata, risponderà ad una chiamata. Due tocchi sull’auricolare sinistro o destro ti riporteranno alla traccia precedente o passeranno a quella successiva e toccando e tenendo premuto l’auricolare sinistro potrai passare tra le modalità disponibili (modalità ANC e Trasparenza).

supereq-q2-pro

Ma non c’è il controllo del volume e, dal momento che ho iniziato a vederlo implementato con successo in modelli molto più economici, questa deve essere una funzione standard, quindi la maggior parte degli utenti non sarà contenta di questa mancanza. Devo dire che l’area sensibile al tocco è un po’ particolarmente progettata. E quello che voglio dire è che SuperEQ ha deciso di mettere una S dorata abbastanza grande circondata da un anello dorato e tutto quello che voglio dire è che sembra molto vicino al simbolo del dollaro. Sono sicuro che a molti piacerà, mentre altri potrebbero trovarlo un po’ divertente. Riesci a usare il SuperEQ Q2 Pro mentre ti alleni? Al chiuso, sì, all’aperto, lo sconsiglio perché possono cadere abbastanza facilmente.

La Custodia di Ricarica

Gli auricolari sono dotati di una custodia di ricarica sorprendentemente compatta (misura 6,5 x 4,0 x 2,5 cm), quindi si adatta facilmente in una tasca. La custodia è ricoperta da una finitura nera opaca e si basa su una porta USB-C per ricaricare la batteria interna. E abbiamo a che fare con una batteria da 370 mAh che dovrebbe bastare per un’intera giornata di utilizzo degli auricolari.

supereq-q2-pro

Il coperchio della custodia è facile da aprire e chiudere, ci sono aree dedicate per gli auricolari e si inseriscono facilmente, senza impedire la chiusura completa del coperchio. Mi è piaciuto che ci siano tre luci a LED sul davanti e sì, ti mostreranno quanta batteria è rimasta con incrementi del 30 percento. Non è l’ideale, ma è comunque meglio che avere un singolo LED che si illumina semplicemente in modo casuale, come ho visto su alcuni modelli più recenti di altre marche.

L’Hardware Interno e la Connettività

I SuperEQ Q2 Pro sono dotati di driver dinamici da 12 mm che sono abbastanza grandi per un paio di auricolari TWS, ma ho visto driver dinamici di dimensioni molto simili sui Coumi Freedom Dots e sull’ANC-860. Quindi, questi driver potrebbero aiutare con la pienezza del suono e il volume. Il supporto per il Bluetooth v5.2 è un’aggiunta gradita, anche se non farà molta differenza rispetto alle generazioni precedenti in termini di portata. Sì, la distanza massima rimane di 10 metri. In termini di codec, c’è il supporto per SBC e AAC.

supereq-q2-pro

La Qualità del Suono e l’ANC

La tecnologia ANC (cancellazione attiva del rumore) e gli auricolari non sono davvero una grande combinazione perché anche se è un’implementazione eccellente, sei ancora in balia della qualità della tenuta che riesci a ottenere con le tue orecchie. Dopo aver abilitato l’ANC sul SuperEQ Q2 Pro, ho potuto immediatamente sentire un leggero sibilo e il suono dei tocchi della mia tastiera è diventato immediatamente meno forte. Il sibilo rimarrà presente per tutto il tempo in cui l’ANC è stato acceso, quindi di solito ho preferito ascoltare la musica con l’ANC disattivato. Come con le cuffie OneOdio e SuperEQ, preferisco il suono più naturale della musica senza ANC per alterare alcune frequenze.

La buona notizia è che la modalità ANC ON non è molto diversa da quando è disabilitata, quindi c’è poco impatto sulla qualità del suono. Ciò significa anche che una stanza molto rumorosa non sarà messa a tacere dal SuperEQ Q2 Pro, ma solo il ronzio più basso.
È ancora utile per lunghi viaggi in treno o durante i viaggi in aereo, ma per essere veramente in grado di cancellare i suoni intorno a te, devi investire in un dispositivo più costoso, come il Sony WH-1000XM4 (o il vecchio Sony WH- 1000XM3). Per verificare la qualità del suono, ho prima eseguito alcuni test “più tecnici” per vedere come sono costruiti i Q2 Pro per gestire varie frequenze e come gli ingegneri sono riusciti a creare un palcoscenico sonoro 3D adeguato.

supereq-q2-pro

Il primo test verifica la qualità dei driver riproducendo un tono ampio (a bassa frequenza) e, idealmente, non dovrebbero esserci ronzii. Il suono era sorprendentemente pulito con solo un po’ di ronzio alle frequenze molto basse, quindi il Q2 Pro era eccezionale in questo senso. Successivamente, ho eseguito un test di corrispondenza del driver e il suono è rimasto centrato (sembrava che fosse al centro della mia testa), ma tieni presente che questo non è davvero il test migliore da eseguire sugli auricolari dal momento che il livello di inserimento nel tuo l’orecchio può e avrà un impatto sul modo in cui ascolti la tua musica.

Infine, ho riprodotto una canzone binaurale per verificare quanto bene gli auricolari siano in grado di creare un palcoscenico sonoro 3D. Ho notato che l’ANC non avrà assolutamente alcun impatto sulla riproduzione del palcoscenico sonoro 3D, il che è una buona notizia e sembra che i SuperEQ Q2 Pro siano un paio di auricolari TWS capaci. Potevo dire dove era posizionato ogni cantante, l’intensità della loro voce, la differenziazione dello strumento era buona e tutto sembrava molto equilibrato. Oltre ai test che verificano gli aspetti tecnici degli auricolari, ho ascoltato anche alcuni brani per capire meglio quale esperienza audio puoi aspettarti dal SuperEQ Q2 Pro.

supereq-q2-pro

Durante l’ascolto di una canzone focalizzata sui bassi (come Zhu – Faded) è emerso che c’è una buona riproduzione del suono, il basso diventa abbastanza profondo ed è adeguatamente diviso dal resto delle frequenze. Con l’ANC attivo, non c’è una differenza immediatamente percepibile, ma, se dovessi fare il pignolo, direi che il palcoscenico sonoro è leggermente più stretto. Le canzoni sui medio-bassi andavano bene, la riproduzione del suono era discreta, c’era una buona differenziazione degli strumenti e non ho sentito alcuna differenza con l’ANC attivato o disattivato. Prima di passare a canzoni incentrate sulla fascia media, ho suonato “Laurel – To The Hills” e, mentre il basso era costante indipendentemente dall’attivazione o dalla disattivazione dell’ANC, ho notato che i violini all’inizio erano meno drammatici con l’ANC attivato.

Ora, i medi andavano bene, niente di speciale qui e ho visto che vengono facilmente dominati dai bassi. Mi sono piaciute le canzoni incentrate sugli acuti poiché le frequenze più alte erano ben definite, ma non troppo colorate da indurre affaticamento. Quindi sì, la musica rock suona davvero bene, anche se l’attenzione è un po’ più sui bassi: sono comunque un paio di auricolari abbastanza bilanciati. Ho anche dovuto controllare “Empire of the Sun – Alive” per quel nauseante sibilo ed è decisamente molto evidente, ma non molto doloroso.

La Qualità delle Chiamate

Una buona qualità di chiamata non è così comune come si potrebbe pensare nello spazio degli auricolari TWS sotto i 100 dollari, ma, come ho visto con il SuperEQ S1, la qualità della chiamata è eccellente. In realtà è più di questo perché il chiamante mi ha chiesto cosa ho fatto che suonavo molto meglio del solito. Il mio driver quotidiano è un iPhone 12 e ha microfoni molto buoni, ma sembra che il SuperEQ Q2 Pro suonasse ancora meglio (a quanto pare ha un microfono migliore), quindi complimenti a SuperEQ a questo proposito. Devo dire che potevo anche sentire molto bene il chiamante.

supereq-q2-pro

La Durata della Batteria

Raramente prendo sul serio ciò che i produttori affermano in termini di durata della batteria poiché è molto probabilmente un’affermazione gonfiata, ma devo dire che sono stato colto di sorpresa dal SuperEQ Q2 Pro. Dicono che con ANC disattivato, dovremmo arrivare fino a 11 ore e nei miei test ho ottenuto poco più di 10 ore con il livello del volume impostato al 70%. Non so come l’abbiano tirato fuori, ma è molto impressionante. Con l’ANC attivo, dovremmo ottenere circa 8 ore e, di nuovo, l’affermazione è molto vicina alle prestazioni reali poiché la batteria si è scaricata dopo poco più di 7 ore.

La Conclusione

So che il mercato degli auricolari TWS a basso costo è così saturo che probabilmente l’unico segnale che si potrebbe seguire sono i marchi noti. Questo non è davvero un vantaggio per l’azienda SuperEQ abbastanza giovane, quindi perché dare una possibilità al Q2 Pro? Perché il produttore è effettivamente riuscito a creare un dispositivo bilanciato con solo alcune carenze. La durata della batteria è sorprendente, la qualità del suono è molto buona per il suo prezzo, l’ANC funziona fino a un certo punto, la qualità delle chiamate è eccellente e sono abbastanza comodi da indossare. Quindi, gli auricolari SuperEQ Q2 Pro TWS si distinguono sicuramente dalla massa e vale la pena provarli.

SuperEQ Q2 Pro
  • 7.5/10
    Il Design - 7.5/10
  • 8.4/10
    La Facilità d'Uso - 8.4/10
  • 8.5/10
    Qualità del Suono - 8.5/10
  • 9/10
    Durata della Batteria - 9/10
  • 7.5/10
    L'Accessibilità - 7.5/10
8.2/10

Leave a Reply

Your email address will not be published.