Recensione Synology DiskStation DS218+ NAS

Sono sicuro che tutti conoscono la piattaforma Google Cloud e quella da Apple iCloud, ma, sebbene questi servizi siano ottimi per l’archiviazione dei dati, ci sono alcuni problemi di privacy e dubito che molti di voi si preoccupino di crittografare i dati prima di spostarli nel Cloud. Solo i motivi di privacy sono sufficienti per prendere in considerazione l’uso di un NAS (Network Attached Storage) per creare un server in casa ed è interessante notare che questa è una tendenza in crescita che è andata ben oltre la fase degli appassionati (sempre più persone sono consapevoli della sicurezza dei loro dati e per una buona ragione).

synology-ds218+

amazon

Il produttore che attualmente domina il mercato NAS domestico è Synology e, nonostante abbia più di due anni, uno dei NAS entry-level più popolari è Synology DiskStation DS218+, un dispositivo a 2-bay che supporta fino a 32 TB (16 TB per unità), ha RAM espandibile, non richiede strumenti per installare gli HDD e, soprattutto, viene fornito con interfaccia utente DSM. Questo sistema operativo ha dimostrato negli anni di essere uno dei migliori (se non il miglior) software NAS in quanto è facile da configurare e gestire nonostante il gran numero di funzionalità, quindi anche le persone che non sono esperti di tecnologia possono creare un server domestico affidabile.
Synology ha recentemente presentato il DiskStation DS220+ (nel 27 giugno), quindi diamo un’occhiata se DS218+ vale ancora la pena nel 2020 o se dovresti prendere in considerazione soluzioni più recenti.

Il Design e la Qualità Costruttiva

Il NAS di livello aziendale è (di solito) molto grande, ha più alloggiamenti disponibili e si adatta perfettamente a un rack; ovviamente, non puoi portare l’aspetto industriale all’interno della casa, quindi il NAS a 2-bay più piccolo è progettato per essere il più compatto possibile e un po’ di stile non farà male. Synology DiskStation DS218+ ha un corpo rettangolare compatto coperto da una finitura opaca nera, ha gli angoli arrotondati e c’è il logo Synology sul lato sinistro e destro della custodia. Il materiale scelto è la plastica che rende il dispositivo un po’ più leggero di alcuni dei suoi concorrenti (pesa circa 1.3kg senza dischi installati). È interessante vedere che TerraMaster, un produttore NAS in ascesa, ha usato un coperchio metallico per il suo NAS entry-level (F2-210), ma per quanto riguarda le dimensioni, sono praticamente uguali, il DS218+ misura 16.5 x 10.8 x 23.2 cm, quindi non dovresti avere problemi a metterlo vicino all’angolo di una scrivania.

synology-ds218+

Il sistema di raffreddamento sembra essere fatto bene poiché ho potuto vedere alcuni ritagli sul fondo del dispositivo, vicino al circuito principale, così come sul davanti, da sotto il coperchio di plastica – i quattro piedini in silicone sono abbastanza alti per mantenere l’aria in movimento sotto il dispositivo. C’è anche una piccola ventola che spinge l’aria attraverso il lato posteriore (la ventola misura 92 x 92 x 25 mm) e puoi controllare la velocità dall’interfaccia utente DSM. Al suo livello più basso, la ventola non dovrebbe superare i 19 dB, il che è quasi impercettibile, ma non dovresti davvero preoccuparti del rumore della ventola perché il problema può essere il tipo di HDD che usi, in particolare quelli vecchi a 5400rpm (la soluzione più silenziosa è utilizzare gli SSD, ma è anche quella più costosa). Nel complesso, la ventola fa un buon lavoro nel mantenere una temperatura interna adeguata e l’unità non si surriscalda anche durante lo spostamento dei file.

Sotto la griglia per la ventola, ci sono anche un paio di porte USB 3.0 che si trovano accanto alla porta Gigabit Ethernet – sì, questo modello è dotato di una singola porta Ethernet, quindi non sarai in grado di aggregare più di un collegamento per una larghezza di banda maggiore. Accanto alle porte USB, c’è un piccolo pulsante di ripristino incassato (lo devi tenere premuto per quattro secondi fino a quando non si sente un segnale acustico per ripristinare il NAS alle sue impostazioni predefinite). Sul retro del dispositivo troverai anche un lucchetto Kensington, una porta eSATA e il connettore di alimentazione CC. Sulla parte anteriore di Synology DS218+, è presente una copertura in plastica rimovibile che può essere semplicemente estratta per esporre i due alloggiamenti dell’unità: la copertura si basa su quattro gommini per rimanere in posizione ed è un approccio un po’ poco ortodosso poiché le gomme verranno danneggiati nel tempo (dubito che molti lo sposteranno su base giornaliera).

synology-ds218+

Per sbloccare uno dei due vassoi, è necessario spingere verso l’alto il pezzo di plastica di bloccaggio e far scorrere semplicemente il vassoio all’esterno. Se vuoi aggiungere un HDD, il processo non richiede l’utilizzo di strumenti ed è necessario di semplicemente rimuovere due pezzi di plastica dai lati del vassoio, inserire l’HDD e quindi rimettere quei pezzi di plastica per bloccare l’unità in posto (potrebbe essere necessario regolare le guarnizioni in silicone se il pezzo di plastica non rientra facilmente). Tuttavia, l’approccio senza strumenti è disponibile solo per gli HDD e, se vuoi aggiungere qualsiasi SSD (supporta quelli SATA da 2.5 pollici), dovrai fare affidamento sulle viti fornite nel pacchetto. Oltre agli alloggiamenti per unità, è anche possibile trovare la terza porta USB 3.0 sul lato anteriore, nonché il pulsante di copiare USB (premerlo per copiare i dati da qualsiasi dispositivo USB collegato alle unità interne) e il pulsante di accensione con un indicatore (lo devi premere una volta per accendere il NAS – per spegnerlo, devi tenere premuto il pulsante finché non si sente un segnale acustico e l’indicatore LED inizia a lampeggiare).

Un po’ più in alto sul pannello frontale, c’è un altro set di LED: uno per lo Stato (quando è verde, significa che tutto è a posto e, se il LED inizia a lampeggiare in arancione, il volume è degradato, non è stato creato o il DSM non è installato), uno per il LAN (il verde lampeggiante indica che la rete è attiva), un LED per il Disco 1 e l’ultimo per il Disco 2 (verde fisso significa che l’unità è pronta e inattiva; arancione statico significa che c’è un errore dell’unità o la porta è disabilitata).

L’Hardware Interno

Il NAS è già costruito in una maniera per consentire all’utente di visualizzare alcuni dei suoi componenti dopo aver rimosso i vassoi dell’unità e questo è anche il caso del DiskStation DS218+ che espone uno slot RAM vuoto, consentendo di aggiungere fino a 4 GB di memoria RAM (supporta DDR3 e per una migliore compatibilità, dovresti scegliere CL13, 1866MHz). Nel caso in cui vuoi modificare anche i 2 GB di RAM esistenti, è necessario aprire completamente la custodia e, per fare ciò, è necessario scollegare le due parti in plastica che sono tenute insieme da cerniere in plastica (fare attenzione a non romperle).

synology-ds218+

Dopo aver rimosso tutte le parti e aver ottenuto l’accesso alla PCB, sarai in grado di vedere che rimuovere la RAM è un processo semplice, ma annullerà la garanzia. Oltre alla memoria RAM da 2 GB DDR3L 1866 CL13, potrei anche identificare il processore Intel Celeron J3355 dual-core che ha un clock a 2.0 GHz (può aumentare fino a 2.5 GHz, se necessario), ci sono anche 16 MB di flash NOR (Winbond 25Q128FWSQ), un controller IC Intel Ethernet IEEE 10/100/1000Mbps (1718AHP WGI211AT), un chip Marvell Kynix 88SE9170-NNX2 PAOU63OA 5JW IC e un microcontrollore Microchip PIC16F1829.

L’Installazione e il Software

Dopo aver aggiunto gli HDD (o SSD) nei vassoi e averli reinseriti all’interno del NAS, devi collegare il cavo di alimentazione e accendere il dispositivo; successivamente, prendi un cavo Ethernet (dovrai usarne il tuo, poiché Synology non ne ha aggiunto uno nel pacchetto) e inserisci un’estremità nella parte posteriore del DS218+ e l’altra estremità in una delle porte LAN del tuo router. Poi, devi premere il pulsante Start e aprire un browser su un computer che si trova sulla stessa rete del NAS: qui, devi inserire find.synology.com che dovrebbe portarti automaticamente all’Assistente Web (se il NAS non viene rilevato, puoi anche provare ad accedere alla diskstation:5000 nell’URL). Successivamente, devi premere Connetti, Configura e Installa Ora per installare la versione più recente di DSM disponibile: è molto importante capire che qualsiasi HDD o SSD che hai inserito nel NAS avrà i suoi dati cancellati quando verrà installato il sistema operativo.

synology-ds218+

Synology dice che il processo di installazione richieda circa 10 minuti, ma ho potuto continuare la configurazione in circa 3 minuti. A questo punto, puoi inserire un Nome server (il nome che vedrai quando ti connetti al NAS da qualsiasi dispositivo della rete), un Nome utente (l’amministratore) e la password. Il NAS è spesso il bersaglio degli hacker, quindi assicurati di scegliere una password complessa e non inserire un nome utente come admin (o qualsiasi cosa universalmente utilizzata come predefinito). Successivamente, puoi configurare il QuickConnect nel caso in cui desideri connetterti a DS218+ in remoto senza fare affidamento sul port forwarding e, dopo averlo fatto, dovresti essere in grado di installare un elenco di pacchetti consigliati (sì, il sistema operativo DSM ti consente di installare qualsiasi tipo di pacchetto desiderato, quindi supporta un ampio grado di personalizzazione).

L’UI DSM e la Sicurezza

L’interfaccia utente di DSM è molto semplice e mi ricorda dei sistemi operativi Linux o Windows con il loro approccio a finestre multiple. A sinistra, ci sono quattro icone, una per accedere al Centro pacchetti, una per il Pannello di controllo, una per File Station e l’ultima per la Guida di DSM. Il Centro pacchetti è dove è possibile scaricare vari pacchetti (circa 58 applicazioni tra cui scegliere), tra cui gli app adatte per il backup, antivirus, server multimediali, server di posta, editori di testo, server VPN, un Virtual Machine Manager, una stazione di sorveglianza (puoi collegare telecamere IP e utilizzare il NAS come stazione di registrazione CCTV) e alcuni strumenti di sviluppo di terze parti come Node.js, Joomla, MariaDB, GitLAB, PHP, Python, Ruby e c’è persino WordPress. Questi sono i pacchetti ‘stabili’, ma puoi anche provare i pacchetti Beta che non sono ancora completamente rifiniti ma dovrebbero funzionare nella maggior parte dei casi (include alcune app di Synology per le aziende, oltre a Cloud Sync e altro).

synology-ds218-piu

Tutte le app installate sono accessibili dal pulsante in alto a sinistra che richiamerà una finestra dedicata con tutte le icone e puoi trascinarle e rilasciarle per creare collegamenti sul desktop. Il Pannello di controllo può essere visualizzato in Modalità Base e Avanzata (ho scelto quest’ultima poiché ha più opzioni disponibili) e qui è possibile configurare la Cartella condivisa (per impostazione predefinita, i volumi sono btrfs che è un po’ più lento di ext4 in termini di scrittura, ma ottieni funzionalità di protezione dei dati, protezione dell’integrità dei dati e altro), i Servizi file (SMB / AFP / NFS / FTP e altro), creare Utenti e Gruppi, abilitare QuickConnect, configurare il Port Forwarding, la Rete (è consigliabile utilizzare porte esterne non standard per una sicurezza migliore) il server DHCP (sì, il NAS può assegnare indirizzi IP ai tuoi dispositivi LAN) e in Sicurezza, puoi impostare i proxy attendibili, abilitare il Firewall, bloccare IP che falliscono troppi tentativi di accesso (puoi limitare questo numero) e altro.

Nella sezione Sistema > Utilità di pianificazione, è possibile creare nuove azioni per le unità, come eseguire test S.M.A.R.T una volta al mese per verificare la presenza di settori danneggiati. Vale la pena guardare la sezione Applicazioni poiché mostrerà i Privilegi, ti consentirà di creare un profilo di controllo accessi, sincronizzare le cartelle condivise e abilitare Telnet e / o SSH (puoi anche impostare la porta). A causa della sua natura vulnerabile, il NAS non dovrebbe essere aperto a Internet senza disporre di una certa protezione e questo di solito significa disabilitare sia Telnet che SSH, ma usare una VPN o un firewall (mantenendo Telnet disabilitato) dovrebbe essere sufficiente. Il server VPN fornito come pacchetto scaricabile supporta PPTP, OpenVPN e L2TP / IPSec.

synology-ds218-piu

Info: Ho detto che non molte persone crittografano i dati che inviano su Cloud e per farlo utilizzando Synology DS218+, sarà necessario tornare al Pannello di controllo > Cartella condivisa e creare una nuova cartella: quando richiesto, abilitare l’opzione ‘Crittografa questa cartella condivisa’ e impostare una chiave di crittografia (puoi anche crittografare le cartelle condivise esistenti facendo clic su Modifica > Crittografia e seguendo gli stessi passaggi).

Manutenzione

Per visualizzare lo stato delle unità, è necessario accedere a Gestore archiviazione e in Panoramica, sarà possibile visualizzare lo stato del volume, il tipo RAID (per impostazione predefinita, sarà SHR RAID ibrido) e le informazioni sull’unità. Sotto Volume, puoi vedere maggiori informazioni sulle attuali unità disponibili e, se fai clic su Azione, puoi avviare la deframmentazione del file system o configurare il volume: puoi impostare la ‘frequenza di registrazione ora di accesso file’ ed eseguire lo SSD TRIM (disponibile solo se usi SSD). Sotto Storage Pool, puoi vedere lo stato del sistema e facendo clic su Azione, ti permetterà di creare un nuovo Storage Pool o modificare le impostazioni di quello corrente (oltre a Ripararlo o Cambiare il Tipo RAID). È importante di impostare anche la Pulitura di dati ogni pochi mesi e, in Configurazioni, è possibile risincronizzare i limiti di velocità RAID.

nas
Info: È interessante sapere che il mio primo contatto con Synology è stato attraverso i loro router (RT1900ac e RT2600ac + MR2200ac che possono formare un sistema WiFi mesh) e l’interfaccia è quasi identico sia sul NAS che sui router wireless.

La Prestazione

Synology DS218+ presenta una capacità raw di 32 TB (2 x 16 TB) e la dimensione massima del volume singolo è di 108 TB (identico a TerraMaster F2-210) e, sebbene non ho potuto massimizzare la capacità di archiviazione, ho usato un disco rigido da 1 TB Caviar Black HDD (7200 RPM e 64 MB di cache) e un HDD da 2 TB Seagate IronWolf (7200 RPM e 256 MB di cache), quest’ultimo appositamente progettato per essere utilizzato con un NAS. Le due unità erano impostate in SHR, RAID ibrido di Synology che, nella maggior parte delle situazioni (>2 HDD), sarà più lento di RAID 1 (mentre molto meglio per la flessibilità se vuoi aggiungere altre unità), ma nel nostro caso, usando solo un paio di HDD, non dovrebbero esserci differenze di prestazioni tra i due tipi di RAID.

Inoltre, è vero che la CPU è dual-core e Intel ha fatto un lavoro decente con questa serie, ma il processore in questo modello NAS è un po’ entry-level, quindi potrebbe avere difficoltà con l’esecuzione di macchine virtuali e lo so che il NAS supporta la codifica h264 con accelerazione hardware, ma anche così, non offrirà le prestazioni di transcodificare più veloci (è comunque possibile eseguire attività in background allo stesso tempo, quindi non preoccuparti). Se aggiungi più RAM, noterai alcuni miglioramenti significativi, specialmente se prevedi di eseguire più applicazioni.

test

Per testare le prestazioni di archiviazione del NAS, ho eseguito un paio di benchmark sintetici sulla cartella condivisa e i risultati sono stati buoni: CrystalDiskMark 6 mostra 117 MBps per la lettura e 114.4 MBps per la scrittura (128 KB sequenziali). Successivamente, c’è il benchmark ATTO che mostra una media di 106 MBps per il test di scrittura da 128 KB a 64 MB di pacchetti di dati e il test di lettura per lo stesso intervallo era in media 111 MBps. Successivamente, ho preso una cartella da 40 GB che conteneva 20 file da 2 GB e l’ho inviata al DS218+ e quindi di nuovo al computer. In questo modo, ho visto una velocità media di scrittura di 102 MBps e una velocità media di lettura di 107 MBps.

synology-lan-test

Infine, il NAS è dotato di tre porte USB 3.0, quindi, per testare le prestazioni della velocità di trasferimento, ho preso un SSD portatile Samsung T5 (250 GB) e ho eseguito gli stessi due benchmark di prima. CystalDiskMark 6 ha mostrato 117.5 MB (lettura) e 113.4 MB (scrittura) per il test sequenziale da 128 KB e ATTO ha mostrato una media di 107 MB (scrittura) e una media di 111.5 MB (lettura) da 128 KB a 64 MB (un punteggio molto simile agli HDD).

samsung-test-nas-synology
Info: Synology afferma che il DS218+ presenta un consumo energetico di 17.23 W mentre è attivo e, utilizzando uno strumento di misurazione speciale, ho visto una media di 16.7 W, quindi rientra nell’intervallo pubblicizzato.

La Conclusione

Synology DS218+ è un NAS eccellente per la creazione di un server domestico, che supporta tutte le funzionalità previste (backup, streaming e sicurezza), senza la necessità di pagare per alcuna applicazione aggiuntiva (DSM offre una grande varietà di app utili); il dispositivo è anche molto compatto (quel pannello frontale è un po’ strano, ma farà il suo lavoro) e mi piace che puoi aggiornare la RAM; allo stesso tempo, la CPU, sebbene capace per quasi tutti i casi d’uso, non ti consentirà di eseguire tutte le applicazioni che potresti avere in mente: ad esempio, la macchina virtuale Windows 10 sarà al di sopra delle capacità di questo NAS, che è prevedibile. Rispetto al DS220J, penso che il DS218+ sia il dispositivo superiore, ma Synology ha già rilasciato il DS220+, quindi, se sei nel mercato di un NAS affidabile a 2 alloggiamenti, il DS218+ è una scelta eccellente, ma potrebbe anche essere saggio aspettare un po’ e vedere se DS220+ potrebbe essere la soluzione migliore (dal punto di vista del prezzo a quello delle prestazioni).

Synology DS218+
  • 7.7/10
    Il Design - 7.7/10
  • 9/10
    La Facilità d'Uso - 9/10
  • 8.5/10
    Le Caratteristiche - 8.5/10
  • 8/10
    L'Accessibilità - 8/10
  • 8.5/10
    Le Prestazioni - 8.5/10
8.3/10

Leave a Reply

Your email address will not be published.