Recensione TerraMaster D2 Clone

Come suggerisce il suo nome, il TerraMaster D2 Clone è stato costruito per offrire la possibilità di copiare completamente un HDD o un SSD su un altro disco il più velocemente possibile e, quando non si utilizza questa opzione, funzionerà come unità di archiviazione. Suona molto come quelle docking station che potrebbero copiare HDD e sì, il D2 Clone funziona in modo simile che, lo so, potrebbe non sembrare eccitante come un NAS o altri dispositivi di archiviazione simili, ma nonostante ciò, questo è un prodotto molto utile. In effetti, il D2 Clone promette di clonare le tue unità a una velocità relativamente elevata (fino a 550 MBps utilizzando gli SSD e fino a 200 MBps utilizzando gli HDD) e sì, non è al livello di una connessione Thunderbolt 3 ma, considerando il prezzo, è un prestazione equa.

terramaster-d2-clone

VEDI PRODOTTO SU:

terramaster

amazon

Inoltre, a differenza di quelle docking station che mantengono esposti gli HDD, TerraMaster D2 Clone avrà le unità protette da un involucro completamente metallico che sembra quasi identico al NAS F2-210 che ho testato circa un anno fa. Chiaramente, non ci sono funzioni NAS qui e non c’è software che puoi usare con le unità di archiviazione, ma D2 Clone fornirà comunque l’accesso al contenuto HDD / SSD (funzionerà come DAS – Direct Attached Storage). Detto questo, penso che sarà interessante controllare la velocità di clonazione di alcuni HDD, così come le prestazioni complessive del TerraMaster D2 Clone, quindi diamo un’occhiata più da vicino a questo dispositivo.

l Design e la Qualità Costruttiva

Nonostante competa principalmente contro le docking station HDD con capacità di clonazione, TerraMaster D2 Clone è costruito in modo molto diverso ed è in realtà quasi identico al NAS F2-210. Ho messo i due uno accanto all’altro e c’è lo stesso involucro metallico che gira intorno al dispositivo con i lati anteriore e posteriore in plastica. E sì, sia il metallo che la plastica sono grigio chiaro, anche se il D2 Clone sembra avere un accento ancora più leggero. In termini di dimensioni, il D2 Clone misura 22,7 x 11,9 x 13,3 cm e, con tutto quel metallo, ci si aspetta che abbia un po’ di peso e in effetti pesa circa 1.3kg, rivelando che ancora una volta che è praticamente identico all’F2-210. Abbastanza sicuro, ci vorrà un po’ più di spazio rispetto alle docking station, ma ottieni un dispositivo costruito molto meglio che si sente premium.

terramaster-d2-clone

E la robustezza è di solito un fattore dimenticato quando si tratta di dispositivi elettronici economici, quindi complimenti a TerraMaster per aver costruito un dispositivo robusto. Sul lato posteriore del dispositivo, vedrai una sezione rettangolare con alcuni ritagli per consentire all’aria di fluire all’interno del case guidata dalla ventola. Esatto, il D2 Clone ha una ventola montata sul retro (80x80x25mm – Snowfan YY8025L12S DC 12V 0,14A EP) che si attiva solo quando esegui il processo di clonazione o quando colleghi il DAS a un PC, quindi, quando il D2 Clone è inattivo, non c’è assolutamente alcun rumore. Forse avrebbero potuto cavarsela con un sistema di raffreddamento passivo, ma non mi dispiace l’aiuto extra con la gestione del calore, soprattutto perché la ventola è discretamente silenziosa anche quando funziona, quindi non dovrebbe disturbare nessuno nella stanza. E, nel caso in cui diventi difettoso (succede), è molto facile da sostituire: c’è un singolo connettore per il PCB. Puoi sentire un po’ di rumore se hai installato alcuni tipi specifici di HDD, mentre gli SSD dovrebbero essere completamente silenziosi.

TerraMaster ha anche mantenuto i multipli ritagli dal lato inferiore, insieme ai quattro piedini in silicone per mantenere il dispositivo leggermente rialzato, il che aiuterà molto con la gestione del calore: a dire la verità, questo tipo di dispositivi raramente si surriscaldano e sì, il D2 Clone ha mantenuto una bassa temperatura mentre lo stavo testando. Sempre sul retro, il TerraMaster D2 Clone ha una porta di alimentazione (12V) e una porta USB Tipo-C. Ho notato che è un po’ difficile inserire l’alimentatore nella porta CC e che la porta Tipo-C è USB 3.1 Gen 1.

terramaster-d2-clone

Ciò significa che è limitata a una velocità effettiva di 500 Mbps (velocità di trasmissione dati di 5 Gbps) che potrebbe non sembrare molto considerando che sono disponibili alcuni dispositivi Thunderbolt 3, ma non dimentichiamo che D2 Clone è attualmente compatibile solo con HDD e SSD SATA (3,5″ e 2,5″), quindi dovrebbe essere sufficiente sia per il trasferimento regolare dei dati che per il processo di clonazione.

Sul lato anteriore, ci sono due alloggiamenti per HDD (o SSD) che possono essere aperti inserendo il dito sotto la sezione grigia ed estraendo il vassoio: l’alloggiamento dovrebbe quindi scorrere facilmente fuori e consentire di aggiungere nuove unità. Se hai utilizzato un NAS TerraMaster, il processo sarà lo stesso, quindi non è plug and play, e dovrai usare alcune viti per montare un HDD o un SSD (c’è un cacciavite nella confezione). Dato che questi alloggiamenti sembravano così simili a quelli dell’F2-210, ho deciso di verificare se sono compatibili e non sono stato davvero sorpreso di vedere che in effetti è possibile scambiarli tra un NAS TerraMaster e il D2 Clone – abbastanza utile se hai entrambi i tipi di dispositivi poiché elimina il tempo necessario per smontare e montare le unità di archiviazione.

terramaster-d2-clone

Sul lato sinistro degli alloggiamenti, c’è un pezzo metallico con alcuni fori per i LED e il pulsante di accensione: lo devi premere brevemente per accendere il DAS, premere a lungo per spegnerlo e premerlo due volte brevemente per avviare il processo di clonazione (dovrai premerlo di nuovo nell’arco di 10 secondi per confermare che si desidera clonare un’unità).
I primi due LED si accenderanno quando si aggiungono HDD / SSD (supporta hot-swapping), seguito da Clone (nel caso in cui il processo fallisca, il LED HDD inizierà a lampeggiare in arancione) e quattro LED per ogni 25% richiesto per completare la clonazione di un disco; infine, c’è il LED di alimentazione.

l’Harwdare Interno

Considerando che il TerraMaster D2 Clone è costruito quasi identico all’F2-210, il processo di smontaggio sarà lo stesso, quindi, prima di ogni altra cosa, assicurati di rimuovere i due alloggiamenti delle unità (esporrà i connettori SATA interni) e le quattro viti dal lato posteriore del dispositivo: tieni presente che l’apertura della custodia molto probabilmente porterà all’annullamento della garanzia. Ora puoi dare un’occhiata alla ventola e scollegarla dalla scheda principale. Rispetto all’F2-210, ci sono chiaramente meno cose, ma è prevedibile considerando che il D2 Clone ha uno scopo più semplice.

terramaster-d2-clone

Detto questo, sono stato in grado di identificare il chip Asmedia ASM1156 (B2VP6637A1 1936) che ha il ruolo di collegare l’USB 3.0 all’interfaccia SATA e c’era anche un chip ASM1543 BOYR71 (anche da Asmedia) utile per il multiplexer USB 3.1 di tipo C; ho visto anche un convertitore DC integrato Fiti FR9809. Quando ho rimosso il guscio metallico, ho notato che il produttore ha aggiunto un pad abbastanza grande per impedire ai circuiti di toccare la parte esterna.

Le Caratteristiche e le Prestazioni

TerraMaster dice che il D2 Clone non è solo costruito per clonare i dati da un HDD all’altro, ma dovresti anche essere in grado di leggerli e scriverli se colleghi il DAS a un computer (Windows OS o MacOS). Quindi, ho preso il solito duo di HDD che ho usato quando ho testato il NAS TerraMaster F2-210 e il Synology DS218+: un HDD Seagate Ironwolf da 2 TB abbastanza nuovo e un vecchio HDD WD Black da 1 TB. Poiché le unità avevano già alcuni dati da quando stavo testando il NAS, ho deciso di formattarli, quindi li ho inseriti entrambi nel D2 Clone, ho preso il cavo da USB-C a USB-A e ho collegato il DAS a un PC (con Windows 10). Successivamente, ho aperto la gestione disco e ho prima formattato l’HDD WD. Il problema è che l’HDD è immediatamente tornato allo stato raw e ha rifiutato di essere visto dal computer – anche la luce LED sul D2 Clone ha iniziato a lampeggiare in arancione, quindi sì, l’HDD è andato via.

Non sarebbe la prima volta che questo tipo di custodia distrugge HDD, quindi ho dovuto indagare ulteriormente se si trattava del D2 Clone o semplicemente l’HDD ha deciso di avere il suo ultimo respiro a quel punto (aveva 6 anni). Per farlo, ho semplicemente fatto la stessa cosa con l’HDD Ironwolf da 2TB e non si è ripetuto nemmeno dopo più tentativi, quindi presumo che fosse davvero la vecchiaia dell’HDD. Ho anche preso un altro HDD per testare il D2 Clone, un Seagate Ironwolf, ma con una capacità maggiore, 4 TB. Apparentemente, quando l’HDD è nuovo e inutilizzato, il TerraMaster DAS non ti permette di creare una nuova partizione, quindi devi collegare il Seagate da 4 TB direttamente a una porta SATA dalla scheda madre; dopodiché il DAS dovrebbe essere in grado di formattare e dare una lettera all’HDD. Ma ho notato alcuni altri strani eventi. Per prima cosa ho deciso di scrivere alcuni dati sull’unità da 2TB in modo da riempirla e controllare il processo di clonazione e, dopo qualche centinaio di GB, ho deciso di mettere il PC in modalità sleep.

terramaster-d2-clone

La prossima mattina, dopo aver controllato il contenuto dell’HDD, tutti i dati erano spariti, l’unità aveva solo un file che ho inserito lì quando era collegato direttamente alla scheda madre tramite una connessione SATA. Non sono stato in grado di riprodurre questo problema, quindi sospetto che abbia qualcosa a che fare con la rimozione sicura dell’unità. L’unità era collegata anche al secondo alloggiamento, quindi consiglio di inserire l’HDD principale nel primo alloggiamento e, dopo aver finito di leggere o scrivere dati, di rimuovere in sicurezza il TerraMaster D2 Clone. Un’altra cosa che mi ha colto di sorpresa è che il secondo HDD sarebbe sempre impostato su offline e se l’unità fosse lasciata vuota, lo spazio diventerebbe non allocato. Nel caso in cui ci siano alcuni dati sul secondo HDD a causa dell’esecuzione del processo di clonazione, lo spazio rimanente (se presente) diventerebbe di nuovo non allocato. E ha senso considerando che il D2 Clone ti consente essenzialmente di utilizzare il resto dello spazio praticamente per qualsiasi altra cosa.

Ma tieni presente che anche se crei una nuova partizione con lo spazio di archiviazione rimanente, nel caso in cui desideri clonare un altro HDD, il D2 Clone cancellerà completamente l’unità di destinazione prima di scrivere i dati. Inoltre, assicurarsi che l’unità di destinazione abbia almeno la stessa capacità dell’unità di origine, prima di avviare il processo di clonazione. Detto questo, ho preso l’HDD da 2TB (Seagate IronWolf) che era pieno di file video (tra 50 MB e 3 GB) e l’ho inserito nell’alloggiamento sorgente, mentre l’HDD di destinazione era l’HDD Seagate IronWolf da 4 TB. Il manuale dice che per avviare il processo di clonazione, è necessario premere il pulsante Start due volte fino a quando il LED Clone inizia a lampeggiare e quindi premerlo nuovamente per confermare nell’arco di 10 secondi. Se TerraMaster D2 Clone è ancora collegato a un computer, non sarà possibile clonare l’unità, quindi sarà necessario rimuovere in sicurezza il dispositivo e quindi scollegare il cavo USB. A questo punto, i LED dell’HDD dovrebbero essere verdi fissi e devi essere in grado di avviare il processo di clonazione.

terramaster-d2-clone

terramaster-d2-clone

Il trasferimento di 2 TB di dati da un HDD all’altro ha richiesto esattamente 4 ore, il che significa che la velocità di trasferimento media era di circa 145 MBps. Il Seagate IronWolf da 2 TB presenta una velocità di trasferimento dati pubblicizzata di circa 180 Mbps, mentre i benchmark sintetici suggeriscono una migliore velocità di lettura come si vedrà più avanti; l’HDD da 4 TB avrà una velocità di trasferimento leggermente elevata. Per essere più precisi, ho eseguito un paio di benchmark sintetici sugli HDD mentre il TerraMaster D2 Clone era collegato a un laptop (dotato di una porta USB-C Gen 2 per garantire le migliori prestazioni). I due strumenti erano CrystalDiskMark 6 e ATTO e, come puoi vedere, l’HDD da 2 TB è un po’ più lento del Seagate IronWolf da 4 TB, qualcosa che ci si aspettava. Ciò significa che 145MBps è una prestazione buona (ovviamente dipenderà in larga misura dal tipo di file che vengono trasferiti). La cosa interessante è che indipendentemente dal fatto che se vuoi copiare 1 MB di dati o 2 TB completi, il tempo rimarrà sempre lo stesso, 4 ore, se si utilizzano gli stessi dischi rigidi che ho usato io.

La Conclusione

Il TerraMaster D2 Clone non è un dispositivo eccessivamente complesso ed è stato costruito per svolgere un compito semplice, quello di clonare in modo affidabile un HDD o un SSD. Sono riuscito a trasferire i dati dal mio computer agli HDD abbastanza velocemente e il processo di clonazione è stato eseguito in modo tempestivo, ma ti consiglio di eseguire questa operazione quando il disco è pieno (il processo richiederà lo stesso tempo indipendentemente dello stoccaggio usato). Ci sono alcune stranezze che potrebbero sorprenderti, ma assicurati di controllare il manuale dell’utente poiché copre praticamente tutto. Infine, il D2 Clone è sicuramente il DAS più robusto che ho visto sul mercato e, considerando che le prestazioni sono buone, vale la pena prenderlo in considerazione se hai bisogno di questo tipo di dispositivo.

TerraMaster D2 Clone -
  • 8/10
    Il Design - 8/10
  • 6.5/10
    La Facilità d'Uso - 6.5/10
  • 8/10
    Le Caratteristiche - 8/10
  • 8.5/10
    L'Accessibilità - 8.5/10
  • 8/10
    Le Prestazioni - 8/10
7.8/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.