Recensione Punto di Accesso WiFi 6 TP-Link EAP660 HD

Il TP-Link EAP660 HD è stato creato per mostrare la capacità di TP-Link di implementare alcune delle più recenti tecnologie associate allo standard WiFi 6 e sì, al momento, questo è il miglior punto di accesso WiFi 6 offerto dal produttore cinese. TP-Link ha cercato di rendere più nota la sua presenza nel mercato delle PMI e delle imprese da anni e forse l’apparecchiatura WiFi 6 oltre all’Omada SDN potrebbe dare la spinta di cui aveva bisogno. Anche il fatto che il TP-Link EAP660HD abbia lo stesso chipset dell’EnGenius ECW230 e dello Zyxel WAX650S, pur mantenendo il prezzo molto più basso, è promettente. Ma ci sono più fattori in gioco oltre al solito hardware. Ho avuto uno sguardo all’Omada SND quando ho testato lo switch Ethernet TL-SG2210P ed è un software più maturo di quanto era anni fa.

tp-link-eap660-hd

amazon

VEDI PRODOTTO SU: zyxel

Anche le somiglianze con l’UniFi non sono passate inosservate e potrebbero essere un vantaggio considerando che Ubiquiti si è comportata in modo molto strano in questi ultimi anni. Tuttavia, a differenza del mercato consumer che è molto più indulgente, le aziende hanno bisogno di una rete stabile e di un controller adeguato per mantenere tutto sicuro e funzionante in ogni momento. E questo è forse uno degli svantaggi di Omada SDN perché è ancora una piattaforma giovane e non è stata ancora dimostrata a lungo termine. Ma, ripeto, il TP-Link EAP660HD è abbastanza economico da valere una seconda occhiata e, considerando che ha la maggior parte delle caratteristiche previste (OFDMA, una porta 2.5GbE, 1024QAM e MU-MIMO), mettiamolo al test.

Il Design e la Qualità Costruttiva

Uno dei pochi produttori che è stato in grado di progettare un access point WiFi 6 di fascia alta veramente compatto è EnGenius (con i suoi ECW230 e l’ECW220), mentre Zyxel e sembra che anche TP-Link usano custodie molto più grandi per i loro dispositivi. Sono ancora ricoperti da una finitura bianca opaca, quindi andranno bene sul soffitto e il corpo circolare del TP-Link EAP660HD ha in realtà un aspetto meno industriale rispetto ad altri punti di accesso wireless. La custodia è interamente realizzata in plastica, quindi ha bisogno di alcune aperture per far fluire il calore verso l’esterno. Poi di nuovo, ho aperto la custodia e ho visto che c’è un bel po’ di spazio per consentire un corretto flusso d’aria interno.

tp-link-eap660-hd

Il dispositivo si scalda vicino al centro, sia verso l’alto che verso il basso, ma l’EAP660HD non si è surriscaldato. Il punto di accesso non è stato progettato per sedersi sulla scrivania perché, in primo luogo, è enorme (misura 24,3 x 24,3 x 6,4 cm) e occuperà molto spazio e, in secondo luogo, perché non ci sono piedini in silicone sul fondo. C’è invece un’area in cui è possibile ruotare la staffa di montaggio: nella confezione sono presenti viti per facilitare il montaggio a parete oa soffitto. La parte superiore dell’EAP660HD è molto semplice e ha solo un’area circolare incassata per il logo (questa area è bianca lucida) e, mentre a Ubiquiti piace aggiungere anelli di luce per mostrare lo stato dei suoi AP, TP-Link ha preferito utilizzare un unico piccolo LED.

Detto questo, se il LED è acceso, tutto funziona correttamente e lampeggerà durante l’inizializzazione del dispositivo o durante l’aggiornamento del firmware. Se c’è un errore, il LED si spegnerà, invece di diventare rosso o lampeggiare in rosso, quindi suppongo che non sia così intuitivo come avrei sperato. L’area delle porte si trova nella parte inferiore all’interno di una sezione dedicata e potrai vedere un pulsante di ripristino incassato (premilo e tienilo premuto per alcuni secondi per riportare l’AP alle impostazioni di fabbrica), una porta di alimentazione da 12 V e una singola porta LAN Ethernet da 2,5 GbE. Nella confezione è presente un cavo di alimentazione, quindi non è necessario utilizzare un iniettore PoE o uno switch PoE, se non è necessario.

tp-link-eap660-hd

Inoltre, se decidi di utilizzare uno switch PoE, il TP-Link EAP660HD non richiede molta potenza (solo fino a 21,5 W), quindi non hai bisogno di niente di speciale, ma uno switch Ethernet multi-Gigabit è ancora un’opzione preferita. E questo grazie alla porta 2.5GbE.

L’Hardware Interno

Il processo di smontaggio del TP-Link EAP660 HD è abbastanza semplice, ma è necessario essere consapevoli che l’apertura della custodia molto probabilmente annullerà la garanzia. Se per te va bene, allora devi rimuovere le quattro viti dal lato inferiore e sembra che TP-Link abbia deciso di includere anche un’altra vite sotto l’etichetta che è molto difficile da rimuovere senza lasciare segni gravi. In ogni caso, dopo aver tolto le cinque viti, è necessario uno strumento di leva e staccare con cura il coperchio superiore. In questo modo, sarai in grado di vedere la PCB con un grande dissipatore di calore metallico e un curioso design dell’antenna nella parte superiore.

tp-link-eap660-hd

Per raggiungere i componenti, è necessario rimuovere i connettori dell’antenna e quindi rimuovere le altre viti per staccare i due grandi dissipatori metallici. In questo modo, potrai vedere un quad-core Qualcomm IPQ8072A con clock a 2GHz, 2x 256 MB (512 MB) di RAM da ESMT (M15T4G16256A), 128 MB di memoria flash da ESMT (F59D1G81MB-AZM1P0H9N) e un chipset switch Qualcomm QCA8081. Per quanto riguarda il WiFi, il TP-Link EAP660HD utilizza il chip Qualcomm QCN5054 4×4:4 802.11an/ac/ax insieme a quattro moduli front-end integrati Qorvo QPF4588 08HJ per la banda 5GH e il Qualcomm QCN5024 4×4:4 802.11b/g/n/ax insieme a quattro moduli front-end Skyworks SKY85340 per la banda a 2,4 GHz.

La Funzionalità

Poiché TP-Link EAP660 HD fa parte dei punti di accesso WiFi 6, supporta la tecnologia OFDMA, il che significa che l’AP sta allocando più sottoportanti (RU) della larghezza di banda a più utenti che dovrebbero tradursi in prestazioni molto più efficienti sia sulla banda a 5GHz che a quella a 2,4GHz. E sì, il TP-Link EAP660HD supporta ODFMA ul e dl su entrambe le bande. Oltre a questa tecnologia ormai obbligatoria, è previsto il supporto per MU-MIMO che ha il ruolo di servire più clienti allo stesso tempo. È una bella funzionalità da avere con i clienti compatibili, anche se non migliorerà le prestazioni in modo significativo.

tp-link-eap660-hd

E poi c’è il BeamForming che focalizza il segnale verso i dispositivi cliente compatibili, riducendo l’impatto delle interferenze e migliorando la larghezza di banda disponibile. Tuttavia, poiché la maggior parte degli utenti desidera che più di questi dispositivi lavorino insieme e formino un’unica rete, è previsto il supporto per la tecnologia mesh.
E l’aspetto più interessante sono le prestazioni in roaming. Per essere più precisi, se disponi di dispositivi cliente che supportano lo standard 802.11k/v, puoi fare affidamento sulla tecnica del roaming veloce per spostarti da un nodo all’altro, imitando la sensazione di una singola rete.

Quello che volevo menzionare è che sembra che il roaming con il suddetto tipo di dispositivi cliente sia più veloce quando si utilizza il controller Omada, come l’OC200 rispetto al semplice utilizzo degli access point senza controller. Non so se devo ancora menzionarlo, ma la tecnologia mesh ha la capacità di autoguarirsi nel caso in cui un nodo (AP) vada offline e si ottimizzi automaticamente a seconda del numero di nodi, del numero di clienti, la potenza del segnale e altro ancora. Prima di andare avanti, devo menzionare che il punto di accesso non supporta la larghezza di banda del canale di 160 MHz, è limitato solo a 80 MHz.

Test Wireless 5GHz

Per testare il TP-Link EAP660 HD, ho dovuto aggiungere alcuni nuovi dispositivi alla rete poiché l’AP ha solo una porta Ethernet. Quindi, ho dovuto usare uno switch Ethernet PoE e sì, ho a disposizione il TL-SG2210P, ma volevo un dispositivo multi-Gigabit per non ostacolare in alcun modo la connessione all’EAP660 HD.

tp-link-eap660-hd

Ciò significa che ho usato lo Zyxel XS1930-12HP che a sua volta era collegato all’Asus RT-AX86U (sì, ho usato la porta 2.5GbE). In seguito, avevo bisogno di un dispositivo server e ho dovuto fare affidamento su un MacBook con un adattatore multi-Gigabit QNAP UC5G1T collegato per consentire un throughput superiore a 1 Gbps (se possibile). Il primo dispositivo cliente era un computer dotato di un adattatore Intel AX200 WiFi 6 e l’ho connesso alla rete a 5 GHz (larghezza di banda del canale 80 MHz). Upstream, le prestazioni sono state eccellenti sia a 1.5 che a 5 metri dal punto di accesso, raggiungendo costantemente 979Mbps e 959Mbps – ho anche aggiunto un grafico per mostrare la variazione del throughput su un periodo di tempo più lungo e rispetto allo Zyxel WAX650S.

tp-link-eap660-hd

Il throughput è rimasto eccellente a 10 metri (562 Mbps) e anche a 14 metri (259 Mbps), quindi sono andato oltre a circa 22 metri, dove la potenza del segnale è scesa a 84 dB e qui ho visto una media di 69,7Mbps. È ancora utilizzabile, ma non andrei oltre. Downstream, le prestazioni erano molto simili, avvicinandosi nuovamente a 1Gbps vicino all’AP e raggiungendo fino a 22 metri pur mantenendo un throughput utilizzabile (69,5 Mbps). Consiglio di avere almeno alcuni dispositivi cliente AX200 in casa se si intende utilizzare punti di accesso o router WiFi 6. Ma molto probabilmente avrai ancora anche alcuni dispositivi WiFi 5, quindi ho controllato le prestazioni wireless quando il dispositivo cliente era un laptop con un adattatore WiFi Intel 8265.

tp-link-eap660-hd

tp-link-eap660-hd

Upstream, (5 GHz, 80 MHz), è lo stesso throughput che di solito vedo con la maggior parte dei dispositivi WiFi 6 abbastanza potenti, quindi circa 500 Mbps (è il limite dell’8265) e mi è piaciuto anche a 14 metri, ho ancora visto 121 Mbps. Ma andando oltre, dove il segnale è sceso a 85 dB, ha mostrato solo 29,4 Mbps, quindi a malapena utilizzabile.
Upstream, ho visto 285 Mbps a 1.5 metri e a 14 metri, è sceso a 70 Mbps – se vuoi andare fino a 22 metri o di più, non aspettarti che superi i 20,6 Mbps, a meno che tu non sia in uno spazio aperto. Oltre al laptop, ho deciso di controllare anche le prestazioni wireless di un Pixel 2 XL (dispositivo client WiFi 5) e sono rimasto sorpreso dal fatto che downstream, a 1.5 metri, ho visto una media di 618 Mbps, ma il throughput è rimasto forte solo fino a 10-11 metri perché a 14 metri è sceso a 77,1 Mbps. Downstream, la situazione era molto simile, con ottime prestazioni vicino all’AP, ma scendendo rapidamente a 14 metri (59,3 Mbps).

Test Wireless 2.4GHz

Ho eseguito gli stessi test con gli stessi clienti sulla rete a 2,4 GHz e ho visto alcune cose interessanti. Principalmente, il dispositivo cliente WiFi 6 è obbligatorio per giustificare l’utilizzo di un punto di accesso come il TP-Link EAP660 HD. In effetti, le prestazioni in upstream sono state molto buone e ho visto una media di 377 Mbps a 1.5 metri e 361 Mbps a 5 metri. Ovviamente, il throughput è sceso un po’ fino a 125 Mbps a 14 metri (53 dB) e sono andato più lontano per vedere dove la velocità non sarebbe stata più decente.

tp-link-eap660-hd

tp-link-eap660-hd

Ho scoperto che quando la potenza del segnale raggiunge i 76 dB (nel mio caso, circa 22 metri dall’AP), il throughput era di circa 43,3 Mbps. A valle, ho visto un ottimo throughput sia a 1.5 che a 5 metri, ma a 14 metri è sceso a 56,2 Mbps. A circa 23 metri, ho misurato solo una media di 15,1 Mbps, che è a malapena utilizzabile (a questo punto ha anche perso alcuni pacchetti). Le prestazioni dell’Intel 8265 andavano bene, simili ad altri dispositivi, quindi da qualche parte nei 100 Mbps sia in upstream che in downstream tra 1.5 e 10 metri.
Andando più lontano, il throughput è sceso sotto i 100Mbps, ma era ancora utilizzabile a 14 metri – a 20+ metri, diventa un po’ più rischioso. Il Pixel 2 XL non ha davvero le migliori prestazioni, offrendo circa 90-100 Mbps vicino all’AP, ma non sono riuscito a ottenere un throughput utilizzabile oltre i 14 metri.

La Configurazione e il Software

Proprio come con il TL-SG2210P, il TP-Link EAP660HD ha un’interfaccia web stand-alone a cui puoi accedere andando all’indirizzo IP del punto di accesso – basta controllare l’elenco dei clienti del tuo router. Tuttavia, prima di accedere all’interfaccia web, sarà necessario creare un nuovo account amministratore (le credenziali predefinite sono admin/admin) e impostare gli SSID (nome e password). Il layout e il design è chiaramente simile a quello che ho visto sui router TP-Link, con la barra dei menu principale in alto (si trova orizzontalmente) e la prima opzione è lo Stato, dove puoi vedere varie informazioni sul dispositivo, la connessione wireless e i dispositivi cliente.

tp-link-eap660-hd

Successivamente, c’è la scheda Wireless, dove puoi regolare le impostazioni di ciascuna radio wireless (include Load Balance e Airtime Fairness, ma abilitali se sai di averne veramente bisogno), puoi anche configurare il portale (include Local Password e server RADIUS) e VLAN. Inoltre, ho visto anche il rilevamento Rogue AP, il Band Steering, QoS (parametri EDCA) e altro.
In Gestione, è possibile regolare le impostazioni IP, controllare il registro, controllare il LED, abilitare l’accessibilità SSH e Layer-3, nonché l’agente SNMP. L’interfaccia non sembra davvero ricca di opzioni, ma non manca davvero nessuna caratteristica importante, quindi TP-Link ha fatto un buon lavoro nel mantenerla ordinata.

Usare lo SDN Omada

Ho dato una rapida occhiata all’Omada SND quando ho testato il TL-SG2210P e, per aggiungere anche l’EAP660 HD, ho dovuto accedere all’interfaccia e controllare la sezione Dispositivi. Prima di andare avanti, devi sapere che puoi eseguire Omada SND su un computer a tua scelta (dovrebbe anche funzionare su un Raspberry Pi) oppure puoi utilizzare un controller hardware dedicato, come l’OC200. Detto questo, se hai già il TP-Link EAP660 HD nella rete (collegato al router direttamente o tramite uno switch), allora dovrebbe apparire nell’elenco dei dispositivi sopra menzionato con lo stato In Sospeso. Fai clic sull’AP e seleziona Adotta (devi inserire nome utente e password, se necessario). Attendi qualche secondo e sulla Dashboard devi vedere un nuovo punto di accesso: fai clic su di esso e dovrebbe apparire una piccola finestra sulla destra.

tp-link-eap660-hd

Qui puoi vedere la potenza del segnale, alcuni dettagli sul dispositivo e sulla rete (incluso l’Uplink) e in Cliente devi essere in grado di vedere i dispositivi collegati. In Config, puoi modificare alcune impostazioni generali per le radio, abilitare la WLAN, il bilanciamento del carico, QoS e altro. Ma non ho visto la possibilità di abilitare o disabilitare OFDMA, Beamforming, MU-MIMO e altre impostazioni avanzate simili (è più probabile che siano gestite automaticamente dall’AP, ma mi sarebbe piaciuta una maggiore flessibilità in questo senso). Volevo vedere quali altre opzioni sono disponibili, quindi sono andato alla sezione Impostazioni e in Reti wireless, ho potuto creare nuove WLAN che potrebbero essere applicate a qualsiasi punto di accesso appena aggiunto, ma di nuovo, non ci sono abbastanza impostazioni avanzate, come Ho visto con altri controller, incluso l’UniFi. Sono sicuro che l’utente normale apprezzerà la semplicità, ma questo è un dispositivo adatto principalmente per gli uffici, quindi potrebbero aver bisogno di impostazioni più approfondite.

Mi è piaciuto poter impostare le regole ACL in Network Security, ci sono regole di filtro URL e varie altre difese che funzioneranno anche se non stavo usando un gateway. La sezione Autenticazione è obbligatoria poiché qui puoi creare un portale e sono disponibili più tipi di autenticazione rispetto a quando si utilizza il software standalone (include Hotspot e Facebook); Mi è piaciuto anche che ci sia la possibilità di abilitare l’opzione di pre-autenticazione. E questo è tutto se usi l’interfaccia basata sul web. C’è, ovviamente, anche l’app Omada, ma tieni presente che ci sono meno opzioni e devi associarla ad un ID TP-Link se desideri utilizzare l’app al di fuori della rete locale.

La Conclusione

TP-Link è sempre stato molto bravo a stravolgere il mercato con i suoi dispositivi economici e questa volta i target sono le PMI e gli utenti disillusi da Ubiquiti. Dopo aver testato l’EAP660 HD, posso dire che è un ottimo punto di accesso WiFi 6 e brillerà davvero quando lo utilizzerai con dispositivi cliente WiFi 6. Quindi sì, per quanto riguarda l’hardware non ci sono praticamente lamentele. Il software, sia l’utility standalone che Omada SDN, offre una buona quantità di opzioni e quest’ultima consente di gestire e monitorare più AP contemporaneamente. Non ho testato la tecnologia mesh con più EAP660HD poiché ne ho solo uno, ma se dovessi avere una lamentela, sarebbe che avrebbero potuto esserci impostazioni più avanzate. Inoltre l’Omada è decisamente più maturo rispetto a qualche anno fa, ma non è ancora largamente adottato, quindi può essere considerato giovane. Ma come ho detto, l’hardware è buono e dobbiamo solo aspettare e vedere se il software dimostrerà il suo valore nel lungo periodo.

TP-Link EAP660 HD -
  • 8/10
    Il Design - 8/10
  • 8/10
    La Facilità d'Uso - 8/10
  • 8/10
    La Configurabilità - 8/10
  • 8.5/10
    L'Accessibilità - 8.5/10
  • 9/10
    Le Prestazioni Wireless - 9/10
8.3/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.