Recensione Switch Ethernet PoE TP-Link TL-SG2210P

Il TP-Link TL-SG2210P ha subito diversi cambiamenti significativi nel corso degli anni, a partire dalla prima versione di quasi sei anni progettata per alimentare più dispositivi PoE, oltre a fornire alcune opzioni di gestione abbastanza basici fino all’ultima versione che è la v4. Non ho la versione 4, ma quella 3.20 che è identica alla v4 (abbia pazienza) con l’eccezione di un singolo aspetto e cioè il consumo di energia. Il TL-SG2210P v4 arriva fino a 76,5W con il PD da 61W, mentre la v3.20 arriva fino a 74,4W. I miglioramenti rispetto alla versione 3 sono un po’ più sostanziali perché ora c’è un budget PoE migliore (da 58 a 61W), il consumo energetico è un po’ più basso e forse la caratteristica più importante è il supporto per l’SDN Omada che porta molto più funzioni software.

tp-link-tl-sg2210p

amazon

VEDI PRODOTTO SU: zyxel

Ciò include funzionalità L2 e L2+, una migliore VLAN, molte più impostazioni di sicurezza, una gestione centralizzata (utilizzando il software o il controller hardware), accesso al Cloud e altro. Ho verificato lo stato iniziale del controller Omada tre anni fa, quando ho testato l’access point EAP245, quindi penso che sarebbe interessante vedere come l’SDN Omada è maturato negli anni e come viene utilizzato con uno switch Ethernet come il TP-Link TL-SG2210P JetStream.

Il Design e la Qualità di Costruzione

Il TP-Link TL-SG2210P è rimasto invariato nelle ultime generazioni, quindi abbiamo ancora a che fare con una custodia metallica rettangolare molto compatta e ho bisogno di mettere un po’ più di enfasi su quanto sia piccolo questo switch Ethernet. Con 20,9 x 12,6 x 2,6 cm, questo è lo switch più compatto che ho testato finora ed è una dimensione molto strana perché differisce dagli switch Ethernet compatti standard (come lo Zyxel MG-108 o TRENDnet TPE-LG80). In ogni caso, non è montabile su rack, quindi importa poco se segue uno standard o meno: puoi comunque metterlo in un rack, basta usare un vassoio. Anche così, non è così semplice perché la suddetta dimensione standard è progettata in modo tale da ospitare sia i LED che le porte sulla parte anteriore del dispositivo, ma il TP-Link TL-SG2210P ha i LED su un lato e le porte dall’altro lato, quindi non proprio adatto per i rack.

tp-link-tl-sg2210p

Potrebbe non essere una grande notizia, ma il fatto che puoi montarlo a parete lo è. Infatti, ci sono fori di montaggio sul fondo e supportano due posizioni. Se decidi di tenere lo switch Ethernet sulla scrivania, non preoccuparti perché il produttore ha aggiunto quattro piedini in silicone che puoi aggiungere alla parte inferiore della custodia.
Oltre a ciò, il dispositivo è completamente silenzioso. Come previsto, non ci sono ventole all’interno e sì, l’erogazione di potenza di 61W può essere gestita con il raffreddamento passivo.Il lato anteriore ha un piccolo pulsante di ripristino incassato che è necessario tenere premuto per alcuni secondi per riportare il dispositivo alle impostazioni di fabbrica.

Oltre al pulsante, sul lato sinistro del pannello sono presenti tre LED, il primo indicherà quando è stato raggiunto il budget PoE massimo (che è 61W), il LED successivo ti farà conoscere lo stato del Sistema (se lampeggia , quindi tutto funziona correttamente – se è acceso o spento, significa che ha riscontrato un errore) e il terzo è il LED di alimentazione. Accanto ai tre led sono presenti una coppia di led per le porte SFP (se il led è verde la connessione è stata effettuata a 1000Mbps, altrimenti è stata effettuata a 100Mbps).
Infine, ci sono due LED dedicati per ogni porta Ethernet, quello in alto diventerà verde quando la connessione è effettuata a 1Gbps e giallo se è a 10/100Mbps, mentre il LED in basso è responsabile dello Stato PoE.

tp-link-tl-sg2210p

Per essere più precisi, il LED inizierà a lampeggiare in caso di cortocircuito, sovraccarico di corrente o qualsiasi altro problema con l’erogazione di potenza. Se giri il dispositivo, vedrai la porta di alimentazione, le otto porte LAN Ethernet che supportano lo standard PoE+ (802.3af/at e max 30 W per porta) e sì, tutte le porte possono arrivare fino a 1 Gbps. Mi sarebbe piaciuto vedere porte multi-Gigabit, ma sono costose e solo pochi hanno osato provarlo considerando il costo (controlla lo Zyxel MG-108). Accanto alle otto porte, ci sono due porte SFP protette da coperture in plastica e anch’esse Gigabit.

L’Hardware Interno

Proprio come con molti altri switch Ethernet, il processo di smontaggio è incredibilmente semplice e nel caso del TP-Link TL-SG2210P, tutto ciò che ho dovuto fare è stato rimuovere due viti dal lato inferiore e poi semplicemente far scorrere il coperchio superiore. In questo modo, ho potuto facilmente vedere i componenti interni del PCB. Ho potuto identificare 256 MB di RAM da Nanya (NT5CC128M16JR-EK), 32 MB di memoria flash da GigaDevice (250256DFIR) e ho anche visto un Realtek RTL8231 IC. Il chipset principale era coperto da un dissipatore di calore in alluminio e ho fatto del mio meglio per cercare di rimuoverlo senza rompere altri componenti.

tp-link-tl-sg2210p

Sfortunatamente, riscaldare l’area e provare a levae il dissipatore di calore non ha funzionato, quindi il tipo di chip utilizzato dal TP-Link TL-SG2210P rimane un mistero (non ho idea del perché alcuni produttori utilizzino questa pasta termica a colla, ma è efficace a tenere lontani sguardi indiscreti). Presumo che possa essere fatto con attrezzature più professionali che attualmente non possiedo.
Info: TP-Link TL-SG2210P offre una larghezza di banda di 20Gbps, una velocità di inoltro dei pacchetti di 14,99 Mpps, una tabella di indirizzi MAC 8K, una memoria buffer dei pacchetti di 4,1 Mb e supporto per Jumbo Frame fino a 9 KB.

La Configurazione e la GUI per la Gestione Locale

Poiché non esiste una porta console, il modo principale per accedere al TP-Link TL-SG2210P è attraverso l’URL, quindi vai avanti e inserisci l’indirizzo IP del dispositivo per accedere alla sua GUI basata sul web (lo vedrai nel lista dei clienti del tuo router). Essendo uno switch Ethernet JetStream, significa che ottieni una ricca interfaccia utente di tipo standalone, ma, poiché funzionerà anche con Omada SDN, significa che TP-Link TL-SG2210P è una sorta di dispositivo ibrido (mi ricorda quelli come l’EnGenius ECS1008P o lo Zyxel XS1930-12HP). Detto questo, dopo aver cambiato la password alla GUI basata sul web, ho potuto vedere che c’è un menu principale in alto e un menu verticale secondario a sinistra.

tp-link-tl-sg2210p

C’è una miriade di opzioni per ogni sezione e, sotto Sistema, puoi vedere alcune informazioni sulla rete e le porte, oltre ad accendere o spegnere i LED. Hai anche la possibilità di ripristinare un’immagine bin, aggiornare il firmware, eseguire il backup e altro; c’è la configurazione PoE per unità o globalmente e ho anche visto la configurazione e la tabella del modello SDN (ci sono due modelli Enterprise aggiuntivi oltre a quello predefinito). Infine, è possibile verificare lo stato della Gestione del Controller in Cloud. Accanto al sistema, ci sono alcune funzionalità L2 che includono alcune opzioni di commutazione: la configurazione della porta, l’isolamento e rilevamento di loopback, nonché LAG (LAG statico e LACP) e l’indirizzo MAC. C’è anche la VLAN obbligatoria (include 802.1Q VLAN), Multicast, Spanning Tree e LLDP.

i sono anche alcune funzionalità L3 (che mi hanno colto di sorpresa a questo prezzo) e include la possibilità di controllare la tabella di routing IPv4/IPv6, configurare l’ARP, il routing (IPv4 e IPv6), il routing statico e il servizio DHCP. Successivamente, c’è la QoS che include la Classe di servizio (priorità della porta, priorità 802.1p e DSCP, nonché schedulatore), il VLAN vocale, il controllo della larghezza di banda e il VoIP automatico. Inoltre, ci sono alcune funzionalità relative alla sicurezza e alla manutenzione. Questo è uno dei pochi switch Ethernet TP-Link che ho testato finora e sono sempre stupito da quante funzionalità ci sono, quindi puoi regolare praticamente ogni aspetto della tua rete e come i clienti interagiranno con essa.

L’SDN Omada

Ci sono due modi per utilizzare il TP-Link TL-SG2210P con il software Omada, affidandosi a una soluzione hardware separata, come l’OC200, oppure utilizzando il controller basato su Cloud su un computer. Non sono sicuro di quanti vorrebbero seguire questa strada, quindi mi sarebbe piaciuto vedere una piattaforma Omada “pura” basata su Cloud. Allo stesso tempo, dopo lo scandalo con Ubiquiti, sono sicuro che più persone preferiscono una soluzione che non dovrebbe comunicare affatto con la nave madre.

tp-link-tl-sg2210p

E usando l’OC200, sembra che non ci sia una comunicazione evidente con i server Cloud, ma dovrò verificarlo più a fondo: il mio PiHole non ha rivelato nulla di straordinario. Detto questo, per adottare lo switch Ethernet su Omada SDN, dobbiamo inserire http://omada.tplinkcloud.com/ in qualsiasi browser e quindi creare un nuovo account. Ne avevo già uno da quando ho testato l’access point EAP245, quindi ho immediatamente avuto accesso all’interfaccia che è cambiata parecchio dall’ultima volta che l’ho controllata.
Ora vedrai due opzioni per il controller, utilizzare l’OC200/OC300 o utilizzare l’accesso al Cloud e associare il tuo ID TP-Link ad esso. Ho l’OC200, quindi ho deciso di usarlo con il TL-SG2210P e, dopo aver aggiunto il controller e averlo avviato, ho dovuto eseguire l’installazione guidata di Omada.

Il processo è semplice e prevede l’impostazione del paese, l’aggiunta di dispositivi al controller che sono già nella stessa rete (come lo switch Ethernet), l’impostazione del WiFi e la creazione di un account amministratore. Successivamente, ho ottenuto l’accesso alla GUI e ho potuto vedere che lo switch era già stato adottato. Devo dire che sia il design che la funzionalità sono molto diversi rispetto ai primi giorni in cui ho testato la piattaforma Omada. Adesso sembra essere più vicino alla piattaforma UniFi che non è proprio una brutta cosa, anzi considerando che gli utenti che potrebbero voler passare da Ubiquiti troveranno il passaggio a Omada abbastanza agevole.

tp-link-tl-sg2210p

Non approfondirò troppo le opzioni del controller, ma mi concentrerò sulle impostazioni relative allo switch. E per vederli, devi fare clic sull’icona Switch dalla Dashboard, selezionare TP-Link TL-SG2210P e quindi dovrebbe apparire una piccola finestra sul lato destro.
Qui vedrai tutte le porte e come vengono utilizzate, puoi gestire e modificare ciascuna porta individualmente (puoi anche aggiungere un profilo specifico che hai impostato in Reti> Profilo> Impostazioni switch – è relativo a PoE, Isolamento porta ed il Bandwidth Control) e puoi anche controllare i clienti connessi. La cosa interessante è che i clienti non sono quelli collegati direttamente allo switch Ethernet, ma tutti quelli che sono collegati al router, siano essi cablati o wireless – posso anche impostare un limite di download e upload.

In Config è possibile contrassegnare i dispositivi, utilizzare le impostazioni IP (impostabili su Static), modificare il firmware o configurare lo SNMP, lo Spanning Tree, abilitare il rilevamento del loopback e impostare la VLAN. Prima di poter utilizzare la VLAN, è necessario accedere all’interfaccia VLAN. Ciò significa che è il momento di controllare le impostazioni generali dedicate agli switch Ethernet che possono essere applicate a ciascun dispositivo appena aggiunto (è possibile, ovviamente, anche apportare modifiche individuali). Per farlo, vai nella scheda Impostazioni (nella parte inferiore del menu posizionato sul lato sinistro) e quindi seleziona Reti cablate > LAN.

tp-link-tl-sg2210p

Qui puoi configurare le reti (puoi creare una nuova VLAN), i profili delle porte e le impostazioni dello switch. In Autenticazione, puoi andare su 802.1X per configurare l’autenticazione basata su porta o basata su MAC per i tuoi clienti connessi. Ho anche visto una pianificazione PoE in Servizi che può essere utile per disconnettere determinati dispositivi per determinati periodi di tempo. La maggior parte delle altre impostazioni richiede un gateway TP-Link o un punto di accesso wireless.

L’App

Puoi utilizzare l’applicazione Omada sia su un telefono Android che iOS e, dopo aver installato l’app, potrai scegliere se vuoi utilizzare il Cloud Access (avrai bisogno del TP-Link ID) o se vuoi andare con l’accesso locale. Poiché avevo il controller hardware nella stessa rete del mio telefono, è stato immediatamente rilevato dall’app e ho potuto vedere l’interfaccia utente. È molto simile all’utilità basata sul web, ma ci sono meno opzioni, quindi userei l’app solo se non avessi accesso a un computer. Quindi, in un certo senso, l’app ha senso soprattutto se non stai utilizzando un controller locale e se sei connesso ai servizi Omada Cloud, altrimenti sei limitato alla connessione di rete locale.

tp-link-tl-sg2210p

La Conclusione

Il TP-Link TL-SG2210P ha attraversato diverse versioni nel corso degli anni e l’ultima gli dà la possibilità di funzionare con il controller Omada. Ed è arrivato proprio al momento giusto per convincere alcuni degli utenti delusi da Ubiquiti a cambiare la loro attrezzatura con qualcosa di apparentemente meno invadente. Lo switch stesso funziona molto bene ed è possibile collegare dispositivi PoE, nonché interconnettere due reti su distanze maggiori utilizzando cavi in fibra. Hai anche molte opzioni come dispositivo autonomo (incluse le funzionalità L3) e funziona alla grande con Omada SDN, quindi è un’opzione interessante da tenere in considerazione se vuoi costruire una rete più ampia attorno all’infrastruttura Omada. Mi sarebbe piaciuto vedere porte multi-Gigabit, soprattutto perché TP-Link ha a disposizione anche l’access point WiFi 6 EAP660, ma ciò avrebbe aumentato notevolmente il suo prezzo (e molto probabilmente avrebbe rimosso il supporto PoE+ e SFP).

TP-Link TL-SG2210P -
  • 8/10
    Il Design - 8/10
  • 8.5/10
    L'Accessibilità - 8.5/10
  • 8/10
    Le Caratteristiche - 8/10
  • 8/10
    Facilità d'Uso - 8/10
  • 8/10
    Le Prestazioni - 8/10
8.1/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.