Recensione Trackball Wireless Kensington Orbit

La trackball wireless Kensington Orbit non differisce molto dal modello rilasciato circa un decennio fa, ma c’è un miglioramento fondamentale che consiste nella rimozione del cavo a favore di una connessione wireless. Tutto il resto sembra essere più o meno lo stesso, quindi aspettati che la sfera rossa acquisisca il ruolo di spostare il puntatore sul display (se vieni da un mouse normale), l’anello di scorrimento rimane una funzione eccellente ben congegnata che si sposta delicatamente su e giù tra le pagine. E direi che è anche meglio della rotellina di scorrimento del mouse normale. I due pulsanti (per le azioni di clic sinistro e destro) sono ancora lì e rimangono abbastanza distanziati. Il poggiapolsi extra in silicone sarà ancora nella confezione e il modo un po’ strano in cui sta semplicemente sulla trackball è stato mantenuto anche nella versione aggiornata.

kensington-orbit-wireless-trackball

Vedi Kensington Orbit su:
kensington-logo

Questo è ovviamente un dispositivo creato pensando a un pubblico molto specifico, le persone che hanno un infortunio al polso o possono essere a rischio di sviluppare lesioni da sforzo ripetitivo (il più comune è la sindrome del tunnel carpale). Questo perché il mouse, nonostante la sua popolarità, manterrà la mano e la spalla in posizioni strane e, dopo un po’ di tempo, possono verificarsi lesioni. Ecco perché la trackball è ancora in circolazione e molto rilevante: ha i suoi punti deboli che diventeranno più evidenti quando giochi competitivamente, ma ne vale la pena per tutto il resto. Sebbene non ci siano molti giocatori sul mercato, la trackball wireless Kensington con anello di scorrimento ha ancora alcuni concorrenti, quindi diamo un’occhiata e vediamo se questo dispositivo è ancora rilevante oggi come lo era un decennio fa.

Il Design e la Qualità Costruttiva

La trackball wireless Kensington Orbit sembra praticamente identica alla versione non wireless, è solo che ora manca il cavo. E questa è un’ottima cosa dal punto di vista del design, perché ci sarà meno ingombro sulla scrivania e avrai due opzioni per connetterti al tuo computer. Innanzitutto, c’è la possibilità di connettersi a una rete a 2,4 GHz utilizzando un piccolo dongle e, in secondo luogo, c’è l’opzione Bluetooth.

kensington-orbit-wireless-trackball

Il dongle è abbastanza piccolo da essere visto a malapena quando è collegato a un laptop o PC, ma questo significa anche che è molto facile perderlo (motivo per cui il supporto per Bluetooth è un’aggiunta gradita). Ho testato il Kensington Pro Fit Ergo poco più di un anno fa ed è stato costruito seguendo un principio molto simile, ma il bello della trackball Orbit è che è ambidestro, quindi sì, puoi azionarlo con la mano sinistra come con la tua destra. Il dispositivo è realizzato in plastica e sicuramente non ha la stessa sensazione dei materiali della trackball wireless del mouse Kensington Expert. Tuttavia, se sei nuovo all’intera faccenda della trackball, l’Orbit si sentirà benissimo poiché la palla si muove senza intoppi e i pulsanti, così come l’anello, sono piacevolmente reattivi. Abbastanza sicuro, se non sei limitato dal budget e hai già familiarità con le trackball, il modello Expert si sentirà sicuramente meglio.

Detto questo, la trackball Orbit ha una palla rossa di dimensioni medie (la versione non wireless aveva una palla blu) e, mentre alcuni potrebbero obiettare che più grande è la sfera, meglio è, ho trovato la palla da 40 mm adeguata (e ho mani grandi e dita lunghe). Il movimento della pallina è fluido e abbastanza preciso per la maggior parte delle applicazioni, ma ci vorrà un po’ di tempo prima di poter affermare con sicurezza che posso modificare facilmente una foto utilizzando il Kensington Orbit. Intorno alla pallina, c’è l’anello circolare che ruota permettendoti di scorrere facilmente il contenuto di una pagina e, mentre sembra liscio, c’è una leggera resistenza che sembra provenire dallo sfregamento della plastica sulla plastica.

kensington-orbit-wireless-trackball

I due pulsanti sui lati sono facili da premere e abbastanza grandi da essere accessibili. È un concetto interessante averli distanziati nella parte superiore della trackball e funziona bene, ma mi sarebbe piaciuto che i pulsanti si sentissero più pieni quando premuti e non avessero quella sensazione di vuoto. Come ho detto prima, funzionano bene, quindi questo era un angolo necessario da tagliare per mantenere il cartellino del prezzo accessibile. Dopo aver capovolto la trackball, ho notato alcuni nuovi elementi interessanti.
Innanzitutto c’è lo switch di connessione che, per impostazione predefinita, è impostato su Off, ma puoi spostarlo sull’icona del dongle che collegherà la trackball al WiFi (dovrai collegare il piccolo dongle USB); hai anche la possibilità di spostare l’interruttore sull’icona Bluetooth e in questo modo il Kensington Orbit diventa disponibile per essere accoppiato tramite BLE.

In realtà non utilizza l’ultimo protocollo, poiché ha il supporto per Bluetooth 3.0, ma è più che sufficiente poiché dubito che dovrai andare più lontano di pochi metri dal tuo computer – anche se lo fai, non perderà connessione fino a superare i 7-8 metri. Oltre al piccolo interruttore, c’è un pulsante leggermente incassato con un LED e un pulsante DPI. Per ripristinarlo ai 400 DPI predefiniti, tenere premuto il pulsante per 3 secondi. Premilo una volta per passare a 800 DPI e premilo di nuovo per passare a 1.200 DPI. Infine, puoi regolare il DPI su 1.600 e questa piccola aggiunta risolve uno dei problemi che sembrano avere le trackball con sfere più piccole: non sono così grandi con le configurazioni multi-monitor. Quindi, aumentare il DPI dovrebbe rendere più facile spostare il cursore tra i monitor.

kensington-orbit-wireless-trackball

Kensington ha aggiunto un poggiapolsi in silicone e, sebbene sembri interessante, mi ha dato sentimenti contrastanti. E questo principalmente perché preferisco usare la trackball senza di essa. Presumo che sia perché le persone che migrano a una trackball provengono dal mouse (incluso me stesso), quindi sono abituate a tenere il polso più basso. Ecco perché penso che sia un bene che sia un accessorio opzionale perché alcuni di voi potrebbero avere un’esperienza diversa. Il modo in cui è necessario collegare il poggiapolsi rimane ancora un po’ curioso, ma questo è un dispositivo fisso (a differenza del mouse), quindi suppongo che sia una decisione abbastanza ponderata.

L’Hardware Interno

Il processo di smontaggio non è così complicato, ma avrai bisogno di un cacciavite speciale perché Kensington voleva rendere un po’ più difficile l’apertura dei propri dispositivi (tenere presente che così facendo si potrebbe invalidare la garanzia). In ogni caso, sarà necessario rimuovere le cinque viti dal fondo (la quarta si trova sotto la cover in silicone, mentre la quinta è nascosta dalla fascia in silicone più grande che si trova vicino al lato posteriore del trackball) e quindi estrarre la sfera per esporre altre tre viti. Li devi rimuovere per essere in grado di staccare la parte superiore e vedere i due piccoli PCB.

kensington-orbit-wireless-trackball

La scheda collegata alla sfera ha un singolo sensore ottico e ho potuto vedere che la PCB era una HEPC-06210101H (quindi è essenzialmente la stessa tecnologia che è stata utilizzata sul Kensington Orbit cablato originale). Sulla scheda leggermente più grande che si trova nella parte inferiore della trackball, ho potuto identificare il SoC wireless a 2,4 GHz altamente integrato BK3632 BU051ALB che include il supporto per Bluetooth (nonostante supporti fino a 5.0, sembra essere limitato a Bluetooth 3.0).

L’Esperienza dell’Utente

L’esperienza dell’utente può essere analizzata da due punti di vista, uno è dal punto di vista di un nuovo utente, uno che proviene dal mouse e l’altro è dal punto di vista di un utente di trackball di lunga durata che sa già esattamente cosa vuole da questo tipo di dispositivi. Sono un utente del mouse, quindi rientro nella prima categoria ed è stata un’esperienza interessante passare a una trackball. Il primo giorno, ho provato a muovermi nell’orbita di Kensington come farei con un mouse, ma lentamente mi sono abituato a muovere la pallina e mi è piaciuto molto di più l’anello di scorrimento rispetto alla rotella. Ci è voluta circa una settimana per usare al meglio la trackball e, sebbene non abbia migliorato alcune condizioni del polso (dal momento che non ne ho nessuna), mi è piaciuto che occupasse meno spazio dalla mia scrivania rispetto al mouse.

kensington-orbit-wireless-trackball

Fare clic sui pulsanti è stato abbastanza intuitivo fin dall’inizio, quindi nessuna lamentela. Ho anche chiesto a una persona che aveva più esperienza con le trackball di darmi la sua opinione e ha elencato praticamente le carenze che sono scritte nella sezione Il Design e Qualità Costruttiva. È una trackball ben costruita per il prezzo che offre, ma ovviamente ha i suoi punti deboli.
Gli è piaciuto il fatto che ci fosse la regolazione DPI per muoversi meglio su più monitor, l’anello di scorrimento e i movimenti fluidi della palla erano fantastici, ma una palla più grande e pulsanti migliori sarebbero stati questo dispositivo un’eccellente trackball – abbiamo la trackball wireless Expert Mouse per quello (ma costa di più).

Il Software

Se non ti interessa la personalizzazione, la trackball wireless Kensington Orbit può essere utilizzata perfettamente con le sue impostazioni predefinite e il pulsante DPI aiuterà a regolare la velocità del cursore. Anche così, Kensington ha reso disponibile l’app KensingtonWorks (attualmente, la v2.3.1) che è necessario scaricare dal sito Web ufficiale per consentire di modificare vari aspetti del dispositivo. La pagina principale mostrerà lo stato della trackball e ci sarà un’immagine interattiva dell’Orbit per permetterti di cambiare il modo in cui funzioneranno i pulsanti. Questo è utile se utilizzerai la trackball con la mano sinistra (puoi anche aggiungere una nuova azione per fare clic su entrambi i pulsanti contemporaneamente).

kensington-orbit-wireless-trackball

Successivamente, puoi regolare la velocità del puntatore, puoi abilitare l’accelerazione e puoi abilitare il puntatore lento o il movimento dell’asse singolo usando una combinazione di tasti (Alt, Shift e Ctrl). L’ultimo set di opzioni riguarda l’anello di scorrimento e, come previsto, puoi regolare la velocità di scorrimento, ma ho anche notato che puoi abilitare l’Inertia Scroll che cambierà la velocità in base allo slancio che usi per spostare l’anello. Mi è piaciuto anche che si può invertire l’orientamento di scorrimento.
Nel caso in cui non desideri rifare queste impostazioni in futuro e conservarle per altri trackball Kensington, hai la possibilità di associarle al Cloud.

La Conclusione

Il Kensington Orbit originale era un’eccellente trackball economica e sembra che il dispositivo sia rimasto abbastanza popolare nel corso degli anni, tanto che il produttore ha rilasciato una versione più recente che includeva sia la connessione Bluetooth che WiFi e un pulsante DPI. In questo modo, il fastidioso cavo è sparito e la trackball può essere regolata in modo tale che spostare il cursore su un display più grande o su più monitor non sia più un lavoro ingrato. Oltre a ciò, la trackball wireless Orbit ha mantenuto la stessa forma e questo significa che è ancora ambidestra (è presente anche l’anello di scorrimento). Ovviamente non è il dispositivo perfetto, ma, considerando il prezzo, il Kensington Orbit è forse il miglior trackball wireless della sua categoria.

Kensington Orbit Wireless Trackball -
  • 7.7/10
    Il Design - 7.7/10
  • 8/10
    La Facilità d'Uso - 8/10
  • 8.5/10
    Le Caratteristiche - 8.5/10
  • 9/10
    L'Accessibilità - 9/10
  • 7.5/10
    La Comodità - 7.5/10
8.1/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.