Recensione VPN Freedom Router

Il Freedom VPN router è stato costruito per ottenere una connessione VPN affidabile utilizzando il numero minimo di passaggi possibili, eliminando la necessità di configurare qualsiasi cosa nel tuo router (non è necessario creare un cliente VPN o usare qualsiasi app aggiuntiva), così che anche tua nonna possa usarlo (come dicono gli sviluppatori). Beh, dubito fortemente che qualsiasi nonna saprebbe cos’è una VPN, ma il software sembra essere abbastanza semplice per chiunque abbia il minimo know-how tecnico per navigare rapidamente sul Web con una nuova identità. E sembra che oggi abbiamo bisogno di VPN molto più spesso anche negli Stati Uniti o in Europa: dopo l’entrata in vigore del GDPR, molti siti Web hanno bloccato i visitatori dell’UE e anche Google è incredibilmente frustrante quando viaggi in un altro paese.

freedom-vpn-router

Vedi VPN Freedom Router su:
freedom-vpn

Info: Puoi usare il codice promozionale XREWXRRW per un sconto di 10%.

Ed è qui che entra in gioco il router Freedom VPN per aprire tutte queste porte chiuse. Allo stesso tempo, anche se il software è il cuore del router Freedom VPN, l’hardware è altrettanto importante, quindi è davvero sufficiente il TP-Link N750 per le esigenze di oggi? Siamo nell’era del WiFi 6 (e 6E), quindi un router N750 non è molto rilevante in questo momento, ma non devi preoccuparti delle tue sessioni di gioco online o dello streaming video 4K delle ricette (per la nonna) poiché il Freedom VPN router è già impostato per funzionare come punto di accesso, creando così una rete separata da quella principale (che può essere utilizzata per il sollevamento pesante).

Il Design e la Qualità Costruttiva

Il software VPN Freedom funzionerà con alcuni modelli TP-Link o Linksys e il router che ho ricevuto è il TP-Link TL-WDR4300 (sembra essere l’unico disponibile sul sito in questo momento) che, a prima vista, non sembra alterato dal punto di vista hardware. C’è ancora quella custodia rettangolare che è divisa in tre sezioni che sono coperte da una finitura nera lucida. Nella parte posteriore sono presenti tre antenne rimovibili, quindi aggiornabili, cosa che oggi si trova meno spesso anche sui router più costosi; sul lato anteriore, TP-Link ha scolpito nella plastica la forma delle icone per i LED dello stato. Ho avuto nostalgia di vedere tutti quei LED di grandi dimensioni che mostrano così chiaramente lo stato del router: oggi, di solito, si ottiene una serie di LED nascosta o un singolo LED che si illumina come una palla da discoteca (e nessuno sa cosa significano quei colori).

freedom-vpn-router

I LED hanno la loro funzione lasciata intatta, quindi ottieni il LED di alimentazione, seguito dal LED di sistema (se è spento, allora c’è un errore di sistema, altrimenti, il LED dovrebbe lampeggiare per mostrare che tutto funziona correttamente), i due LED delle reti WiFi (2.4GHz e 5GHz), i LED LAN (uno per ogni porta), il LED Internet (per la porta WAN) e il LED WPS. Gira il router e sarai in grado di vedere tutte le porte ei pulsanti. Da sinistra, c’è la porta di alimentazione (nella confezione è presente un adattatore di alimentazione), un pulsante On / Off, un interruttore Wireless On / Off, due porte USB 2.0, ciascuna con il proprio LED, una porta Gigabit WAN e quattro porte Gigabit LAN. La prima porta USB ha un dongle collegato in modo permanente che, ovviamente, contiene il software in esecuzione sul TL-WDR4300 – dico in modo permanente perché il dongle è incollato in posizione, quindi non hai la possibilità di rimuoverlo usando i mezzi normali.

freedom-vpn-router

Poiché il router TP-Link non esegue il software predefinito, c’è una differenza nella gestione del calore? Non proprio, dal momento che praticamente tutte le funzioni sono attive, quindi aspettati che la custodia diventi un po’ più caldo, specialmente nella parte inferiore, ma finora non si è surriscaldata.

L’Hardware Interno

Dopo aver visto che gli sviluppatori del Freedom VPN Router hanno incollato il dongle metallico sul retro del router, ero curioso di sapere se avessero apportato altre modifiche al TL-WDR4300, quindi ho aperto il dispositivo per controllarne i componenti interni. Ho dovuto rimuovere quattro viti dal fondo e quindi fare leva con cautela per aprire la sezione superiore per esporre il PCB. Sono stato in grado di identificare il SoC Atheros AR9344-BC2A (con clock a 560 MHz), 8 MB di memoria flash da Winbond (25Q64FVSIG), 128 MB di RAM (DDR2) da Zentel (2x A3R12E40CBF-8E), un hub USB 2.0 (GL850G HH4JB05Y22), un chip switch Atheros AR8327N-BL1A e tre moduli GROUP-TEK HST-48002SAR 1000-Base (2x 1442 e 1x 1446).

freedom-vpn-router

Inoltre, il router si affida ad un chip Atheros AR9580-AR1A 802.11b/g/n 2×2:2 per la banda a 2,4 GHz e Atheros AR9580 802.11a/n 3×3:3 per la banda a 5GHz. Guardando la PCB, ho visto che è possibile rimuovere forzatamente il dongle metallico e, magari accedere al suo contenuto da una macchina diversa, ma nel complesso, gli sviluppatori non sembrano aver apportato alcun altra modifica al TP-Link TL-WDR4300.

L’Installazione e il Software

Lo scopo di questo dispositivo è rendere incredibilmente semplice cambiare la tua identità online, quindi mi aspetto che il router Freedom VPN sia veramente plug and play. E lo è, considerando che tutto ciò che devi fare è estrarre il dispositivo dalla sua scatola, collegarlo a una fonte di alimentazione e quindi utilizzare il cavo Ethernet in dotazione per collegarlo a una delle porte LAN del tuo router principale e alla porta WAN del router VPN. Quindi, connettiti al router Freedom VPN via cavo o a una delle due reti WiFi disponibili che sono preconfigurate e la chiave di sicurezza può essere trovata su una guida all’interno della confezione. E questo è tutto sia per l’installazione hardware che software, quindi è essenzialmente un punto di accesso preconfigurato, il che significa che non può essere collegato direttamente al tuo modem: l’interfaccia utente non ti consente di configurare una connessione Internet. Ciò significa anche che puoi mantenere il tuo router “di base” che può essere WiFi 5 o WiFi 6 e tutti i clienti connessi non sono influenzati dal router VPN.

freedom-vpn-router

E, quando desideri visitare siti Web bloccati nel tuo paese o sbloccare più contenuti (limitati a livello locale), connettiti semplicemente al router Freedom VPN e sei a posto. Per accedere all’interfaccia utente, è necessario aprire un browser e quindi scrivere http://fr-router nell’URL. Premi Invio e dovresti essere accolto dalla GUI minimalista. Tieni presente che nel caso in cui il router VPN non abbia una connessione Internet, anche se è connesso al tuo router principale, non caricherà correttamente lo stile della pagina (sembra che abbia alcune dipendenze esterne a questo proposito). Se è presente una connessione Internet attiva, verrai accolto dal pannello di controllo del router che ti permetterà di connettere velocemente i tuoi dispositivi mobili alle reti WiFi scansionando i codici QR, ma non sono riuscito a trovare un modo per cambiare gli SSID o la passkey. Il codice della chiave di sicurezza che ottieni nella guida è l’unico che puoi usare e, mentre alcune persone apprezzeranno il fatto che tutto sia già fatto per loro, questa rigidità può diventare un problema di sicurezza.

Per essere più preciso, nel caso in cui una terza parte riesca a trattenere la tua passkey, non puoi modificarla (a meno che non contatti l’assistenza, suppongo). Un altro possibile problema è che qualsiasi computer collegato tramite cavo può accedere all’interfaccia utente poiché non richiede una password di amministratore. Detto questo, l’interfaccia bassata su web ti permetterà di cambiare il paese attuale e il processo è molto semplice, basta selezionarlo dall’elenco disponibile (il router si aggiornerà velocemente con la nuova posizione impostata) e, se vuoi cambiare il dato indirizzo IP, devi selezionare Riavvia / Cambia identità – così facendo, manterrà il paese selezionato, ma otterrai una nuova identità in quella posizione. Accanto all’IP pubblico, puoi vedere il tuo IP fornito dall’ISP e puoi aggiornarlo o verificare la presenza di ‘perdite’. Per fare ciò, il router si affida ad IPleak.net per controllare quali dati stai dando via e, nel mio caso, tutto era in ordine (nessuna perdita è stata trovata dopo averlo impostato su Parigi).

freedom-vpn-router

Mi chiedevo se gli sviluppatori di Freedom VPN utilizzano il proprio servizio VPN, ma, a quanto pare, fanno affidamento su alcuni nomi noti nel settore, come ExpressVPN o SurfShark (e altri provider VPN simili) e sì, puoi acquistare un pacchetto VPN direttamente dall’utilità basata sul web. Le loro tariffe sono molto simili ai servizi VPN normali e, a seconda del tipo di router VPN che scegli, puoi ottenere 1 mese gratis (come ho fatto io) o un abbonamento VPN a vita, se sei disposto a spendere un po’ di più (beh, non solo un po’, ma ne vale la pena a lungo termine, suppongo).
E questo è tutto per l’interfaccia grafica che ho trovato terribilmente limitante, ma ogni persona che ho chiesto sembrava trovarla attraente. Quindi non sono davvero il pubblico mirato per VPN Freedom Router, ma la maggior parte delle persone che conosco lo è sicuramente.

Test Wireless e Cablato

Sebbene TP-Link TL-WDR4300 sia ottimo per il software di terze parti, non è un router potente per gli standard di oggi, quindi l’esecuzione di una VPN influirà sul throughput sia sulla connessione cablata che su quella wireless. Per testarlo, ho prima eseguito un test di velocità in una posizione che aveva una connessione Internet modesta (100 Mbps dowstream e 20 Mbps upstream), quindi, affidandomi a speedtest.net, ho ottenuto una velocità di download di 67,94 Mbps e una velocità di caricamento di 19,13 Mbps usando la rete WiFi 5GHz; quando il dispositivo cliente era connesso alla rete WiFi a 2,4 GHz, la velocità di download era di 60,3 Mbps e la velocità di caricamento era di 19,17 Mbps. Utilizzando una connessione cablata, ho ottenuto un Ping leggermente migliore (da 11 a 9 ms), la velocità di download era di 69,93 Mbps e la velocità di caricamento era di 19,27 Mbps.

freedom-vpn-router
Asus RT-AX82U – Il Primo: 2.4GHz WiFi. Il Secondo: 5GHz WiFi. Il Terzo: Cablato.

Ho quindi collegato il dispositivo cliente alla rete 5GHz trasmessa dal router Freedom VPN e ho selezionato una posizione lontana (ero in Europa quando il test è stato eseguito, quindi ho selezionato Stati Uniti orientali). Speedtest.net ha mostrato una velocità di download di 8,54 Mbps e una velocità di upload di 5,26 Mbps (anche il ping non era eccezionale, seduto a 174 ms). Passando alla rete a 2,4 GHz, ho notato un miglioramento nel throughput di download, salendo a 9,19 Mbps e anche la velocità di caricamento era migliore, arrivando a 8,89 Mbps.
La connessione cablata ha mostrato che le prestazioni wireless erano praticamente vicine al throughput massimo possibile, quindi la velocità di download era di 10,44 Mbps, mentre il caricamento era di 11,15 Mbps.

freedom-vpn-router
Freedom VPN Router – Il Server Lontano – Il Primo: 2.4GHz WiFi. Il Secondo: 5GHz WiFi. Il Terzo: Cablato.

Quanto è buona questa performance? Bene, puoi navigare comodamente sul Web, riprodurre musica in streaming e video SD, ma non aspettarti di essere in grado di riprodurre in streaming video HD o 4K o giocare online in modo adeguato. Poiché gli Stati Uniti orientali sono molto lontani dal luogo del test, ho deciso di cambiare il Paese attuale in Svizzera e, mentre ero connesso alla rete 5GHz, la velocità di download era di 9,19Mbps; la velocità di caricamento era di 10,46 Mbps (con il ping di 41 ms). Passando alla rete a 2,4 GHz, ho ottenuto un throughput migliore: download a 10,59 Mbps e caricamento a 10,92 Mbps. Utilizzando una connessione cablata, ho visto 11,35 Mbps per il download e 12,06 Mbps per il caricamento. Il ping è notevolmente migliorato utilizzando un server più vicino a “casa”, ma resta comunque vero che una media di 10 Mbps non ti consentirà di riprodurre in streaming film 4K / HD o giocare online ad alta risoluzione, ma funzionerà per qualsiasi altra cosa.

freedom-vpn-router
Freedom VPN Router – Il Server Vicino – Il Primo: 2.4GHz WiFi. Il Secondo: 5GHz WiFi. Il Terzo: Cablato.

La Conclusione

Il router Freedom VPN fa esattamente ciò che promette, quindi chiunque abbia la minima conoscenza tecnologica può utilizzare rapidamente e facilmente una VPN, ma ci sono opzioni migliori là fuori? Certo che ci sono, ma non si tratta di costo, si tratta di comodità. E ottieni un’interfaccia molto semplice che ti consente di modificare le opzioni necessarie, l’approccio plug-and-play è stato apprezzato dai miei familiari, ma la velocità è sufficiente? Dovrebbe essere sufficiente per la navigazione web, la visualizzazione di video di YouTube e persino Netflix (anche se non alla massima qualità), ma non aspettarti che gestisca lo streaming 4K o giochi online in modo adeguato. Penso che dovrebbero aggiungere la possibilità di cambiare le credenziali delle reti WiFi e un account amministratore non è un’aggiunta male, ma a parte questo, è un modo interessante di usare il VPN che sicuramente attirerà molte persone.

Freedom VPN Router -
  • 7.5/10
    Il Design - 7.5/10
  • 9.5/10
    La Facilità d'Uso - 9.5/10
  • 6/10
    La Configurabilità - 6/10
  • 7.5/10
    L'Accessibilità - 7.5/10
  • 7/10
    Le Prestazioni - 7/10
7.5/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.