Recensione Punto di Accesso WiFi 6 Zyxel WAX630S

Lo Zyxel WAX630S è uno dei nuovi membri degli access point Unified Pro WiFi 6 sviluppati per le PMI e l’uso aziendale, e il dispositivo sembra essere una versione più compatta del WAX650S che ho testato un paio di anni fa, ma ce ne sono altri cambiamenti che vanno oltre la superficie? Poiché lo Zyxel WAX630S costa meno del WAX650S (al momento in cui scrivo), il produttore ha scelto alcuni componenti leggermente diversi all’interno della custodia (un leggero downgrade in alcuni reparti, ma ho visto un aumento a 1GB di RAM) e utilizza l’antenna intelligente. Ma, mentre il concetto è lo stesso, l’antenna intelligente ha un aspetto leggermente diverso da quello che ho visto sul WAX650S. Tuttavia, il suo ruolo rimane quello di limitare l’interferenza del canale e spingere per prestazioni WiFi migliori senza richiedere l’uso di funzionalità particolari abilitate sul lato del cliente (come il caso di BeamForming o MU-MIMO).

zyxel-wax630s

VEDI PRODOTTO SU: zyxel

Anche la porta da 5 Gbps del WAX650S è stata sostituita da una porta da 2,5 GbE che può sembrare più modesta, ma è ancora molto al di sopra di ciò che molte reti sono progettate per gestire, la maggior parte utilizza ancora un’infrastruttura da 1Gbps. Inoltre, non sono necessari switch PoE++ per sfruttare tutta la potenza dell’AP, poiché Zyxel WAX630S supporta PoE+. In termini di software, l’access point wireless ha ancora un’interfaccia molto completa che funziona localmente e funzionerà perfettamente anche con la piattaforma NCC. Naturalmente, è disponibile il supporto mesh per la connessione ad altri AP, quindi, senza ulteriori indugi, mettiamo alla prova lo Zyxel WAX630S e vediamo come se la cava rispetto al WAX650S e agli altri access point della concorrenza.

Il Design e la Qualità Costruttiva

Lo Zyxel WAX630S misura solo 22.8 x 21.6 x 6.3cm, quindi è solo un po’ più grande dell’ECW220S e molto più compatto del WAX650S. Puoi vedere che ha ancora un profilo un po’ spesso, ma questo ha avuto molto più senso dopo aver aperto la custodia e aver visto tutti gli strati necessari per tenere sotto controllo la temperatura interna e per consentire all’antenna intelligente di fare il suo lavoro. Come ho detto nell’introduzione, la custodia è realizzata interamente in plastica, ma non sembra proprio a causa del peso del dispositivo (530 grammi).

zyxel-wax630s

E questo perché subito dopo la plastica c’è una piastra metallica che sottrae il calore dal processore e da altri componenti e la spinge verso l’esterno. Vale la pena notare che tra la PCB e la sezione dell’antenna, c’è un’altra piastra metallica che è lo spreader antirumore. Sembra che lo Zyxel WAX630S mantenga la temperatura anche più bassa del WAX650S (che non ha avuto problemi con la gestione della temperatura) e ho potuto sentire solo dei punti caldi vicino alle porte. Quindi sì, la gestione del calore è eccellente. Nella parte superiore del dispositivo, Zyxel ha mantenuto tutto semplice e con un tono minimalista, quindi c’è solo il logo e il LED che si trova sul lato.

E sembra essere identico a quello del WAX650, quindi, se ti dà fastidio, è molto facile disabilitarlo. Il LED lampeggia in giallo e verde mentre è in attesa di essere accoppiato all’NCC o durante l’avvio e diventerà verde fisso non appena il dispositivo è pronto per l’uso, con l’interfaccia wireless già attivata.
Nel caso in cui diventi rosso fisso, è molto probabile che lo Zyxel WAX630S stia riscontrando un errore di sistema: il rosso lampeggiante lento suggerisce che l’interfaccia Uplink è inattiva e il rosso lampeggiante veloce significa che l’AP sta aggiornando il suo firmware. Mi è piaciuto che Zyxel abbia mantenuto le due porte Ethernet poiché la porta secondaria da 1Gbps può essere utile per collegare i dispositivi cliente nel caso in cui l’AP si trovi sul muro. La porta Uplink è 2.5GbE e c’è la porta DC 12V nel caso tu voglia alimentare il dispositivo da una presa a muro.

zyxel-wax630s

Sì, la porta 2.5GbE è un downgrade rispetto alla porta 5GbE del WAX650S, ma dovrebbe comunque essere sufficiente per la grande maggioranza delle PMI e anche per alcuni client aziendali. Se hai bisogno di più, il WAX650S è ancora disponibile e l’XS19209-12HP è pronto per mantenerlo al massimo delle prestazioni. Accanto a queste due porte Ethernet, c’è una porta console quasi nascosta (a scopo diagnostico) e il produttore ha incluso anche un pulsante Reset che è un po’ facile da non vedere poiché si trova all’interno dei numerosi fori intorno alla parte inferiore del case.

L’Hardware Interno

Per vedere cosa c’è dentro lo Zyxel WAX630S e capire meglio le differenze tra esso e il WAX650S, ho rimosso le viti dal fondo dell’AP. Poi, sono stato in grado di staccare la parte superiore e, similmente alla WAX650S, c’è una sezione metallica attaccata al coperchio di plastica. L’idea è quella di prelevare il calore dai componenti e disperderlo alla scocca metallica e, per non rendere il dispositivo troppo caldo al tatto, così la plastica lo prevenga.

zyxel-wax630s

Successivamente, sono stato in grado di identificare i componenti principali, da cui c’è il SoC quad-core Qualcomm IPQ8071A (ARM Cortex A53 con clock a 1GHz) che è un po’ al di sotto dell’IPQ8072A del WAX650S con il clock a 2GHz. Poi, c’è l’1GB di DDR4 di Samsung (SEC110 K4A8G16 5WCBCI0) che presumo abbia lo scopo di bilanciare il SoC meno potente; ci sono anche 8MB di memoria flash di Winbond (25Q64JWSIQ), ma non preoccuparti perché sull’altro lato del PCB ci sono 256 MB di memoria flash di MXIC (MX30UF2G18AC-TI).

Sono stato anche in grado di identificare un PHY Ethernet Atheros AR8033-AL1A (NJ12954W – T250 PJTA) (10/100/1000Mbps) per la porta LAN e il chip PHY Ethernet Qualcomm QCA8081 per la porta da 2.5GbE. Per quanto riguarda l’WiFi, lo Zyxel WAX650S utilizza il SoC Qualcomm QCN5054 4×4:4 802.11ax insieme a 4x SKY11 85755 modulli front-end altamente integrati per la banda 5GHz. E utilizza il chipset Qualcomm QCN5024 802.11b/g/n/ax 2×2:2 insieme a due moduli front-end Skyworks 85340 6953811 per la banda a 2,4 GHz. Dopo essere andato più a fondo nel dispositivo, ho raggiunto l’antenna e differisce un po’ da quella che ho visto sul WAX650S, anche se il concetto sembra essere molto simile. Ma metteremo alla prova l’AP e vedremo come si comporta.

zyxel-wax630s
A sinistra: Zyxel WAX630S. A destra: Zyxel WAX650S.

Le Caratteristiche

Una delle caratteristiche evidenziate dello Zyxel WAX630S è la tecnologia dell’antenna intelligente che sembra funzionare in modo simile al Beamforming, ma non richiede alcun tipo di sforzo da parte del cliente, quindi non è necessario hardware dedicato compatibile. L’antenna intelligente scansiona l’ambiente alla ricerca dei clienti connessi e per avere una buona idea del tipo di interferenza presente nell’area e quindi crea pattern personalizzati per ciascun dispositivo cliente, in modo che riceva il miglior segnale possibile. Il numero di combinazioni possibili è 700 e Zyxel afferma che la regolazione del modello per ogni cliente viene eseguita molto rapidamente.

Ed è vero che non ho riscontrato problemi con la WAX650S, ma la WAX630S è leggermente diversa in termini di hardware interno. I pochi dispositivi cliente (tre computer e due telefoni cellulari) che posso collegare al punto di accesso non sembrano avere problemi (soprattutto quando si utilizza NCC), ma non posso garantire su un sito più grande. Oltre all’antenna intelligente, ci sono le funzionalità WiFi 6, come OFDMA che è supportata sia a monte che a valle.

zyxel-wax630s

E c’è anche il MU-MIMO che dovrebbe essere in grado di servire più clienti contemporaneamente, ma c’è ovviamente un limite alla quantità che il chip può gestire, come visto nella sezione precedente. La tecnologia mesh sta diventando la norma con i punti di accesso wireless, il che è fantastico se si dispone di più AP in giro e si desidera che tutti comunichino tra loro e creino un’unica rete. In questo modo, dovresti sperimentare un’esperienza di roaming senza interruzioni su un sito molto più grande, spostandoti da un AP all’altro. E sì, WAX630S lavorerà insieme a WAX650S. Devo anche ricordare che Zyxel aveva mantenuto il supporto per la larghezza di banda del canale a 160MHz, qualcosa che né l’ECW220S né il TP-Link EAP660 HD avevano.

Il test wireless (5GHz)

Per testare lo Zyxel WAX630S, avevo bisogno di alcune apparecchiature particolari che sono riuscito ad acquisire lentamente nell’ultimo anno. Il primo è un computer che ha una porta multi-Gigabit che fungerà da server (la porta supporta 2.5GbE) e alla quale collegherò l’AP tramite un cavo Ethernet. Quindi, i dispositivi cliente provengono dallo standard WiFi 6 e WiFi 5. Dopo aver collegato il dispositivo cliente WiFi 6 (adattatore WiFi Intel AX200) alla rete a 5GHz (larghezza di banda del canale 160 MHz), mi sono assicurato che la connessione al server fosse effettivamente a 2,500 Mbps, il che è stato confermato sia dal sistema operativo Windows che dallo switch Zyxel che stavo usando per accendere il punto di accesso (XS1930-12HP).

zyxel-wax630s
Zyxel WAX630S – Test Wireless – Upstream -5GHz

Quindi, ho cercato la velocità del collegamento sul lato cliente e ha mostrato quasi 2 Gbps, il che è eccellente a 1.5 metri. E ho iniziato il test che ha mostrato che i valori non superano davvero 1Gbps, nonostante le mie aspettative. È ancora molto buono, con una media di 890Mbps upstream e poi scendendo lentamente più lontano andrei. Quindi, a 10 metri, ho visto una media di 324Mbps, ma poi, a 15 metri, le cose sono diventate strane.

Il test a 15 metri mi ha quasi fatto venire un aneurisma perché non riuscivo proprio a capire perché la velocità sarebbe diminuita, mentre il segnale è rimasto forte, anche più forte che a 10 metri, semplicemente non aveva senso. E poi ho esaminato i dettagli della connessione WiFi sul dispositivo cliente che ha affermato che, nonostante fosse connesso all’SSID a 5GHz, è comunque passato a quello a 2,4 GHz, da qui il buon segnale, ma un throughput meno impressionante. Non ho idea del perché sia ??successo, ma ho completamente spento la rete a 2,4 GHz per poter completare il test. Presumo che abbia a che fare con l’antenna intelligente che si sposta sulla radio a 2,4 GHz se pensa che il segnale a 5 GHz sia meno affidabile.

zyxel-wax630s
Zyxel WAX630S – Potenza del Segnale – Upstream -5GHz

Considerando che non ho abilitato alcuna funzionalità di genere, mi ha davvero preso alla sprovvista: tieni presente che non ero ancora connesso al Cloud e non sembra accadere con l’NCC. Quindi, a 15 metri, il segnale era di circa -72dB e il throughput era di 176Mbps in upstream e a -80dB, è immediatamente sceso a diventare inutilizzabile, con una media di 15,8Mbps. In downstream, la velocità varia da 655 Mbps a 261Mbps da 1.5 a 10 metri e poi passa a 118Mbps a 15 metri. Ancora una volta, a -80dB (circa 15 metri), è inutilizzabile, con una media di circa 10Mbps.

Passando alla larghezza di banda del canale 80MHz, ma mantenendo lo stesso dispositivo cliente WiFi 6 (Intel AX200), le prestazioni sono molto diverse dal WAX650S. Upstream, ho visto 605Mbps a 1.5 metri, mentre a 15 metri, il throughput era leggermente migliore rispetto a quando stavo utilizzando la larghezza di banda del canale più ampia di 160MHz, raggiungendo una media di 198Mbps (-74 dB). La cosa interessante è che a circa 20 metri, il segnale ha raggiunto -83dB e la velocità è diventata praticamente inutilizzabile, con una media di 9,8Mbps.

zyxel-wax630s
Zyxel WAX630S – Potenza del Segnale – Downstream -5GHz

Successivamente, ho deciso di verificare come funziona l’AP con alcuni dispositivi client WiFi 5. Il primo dispositivo cliente era un laptop con un adattatore Intel 8265 WiFi 5 e in upstream, a 1.5 metri, ha raggiunto solo 451Mbps. Ed è stato interessante considerando che il segnale era -40dB, mentre a 5 metri era -55dB, ma il throughput era di circa 435Mbps. Quindi, presumo che l’antenna intelligente non sembri gradire molto quando sto troppo vicino al punto di accesso, al di sotto di 3 metri, il che è facile da raggiungere quando l’AP è sul soffitto. E sta succedendo solo con i clienti WiFi 5.

zyxel-wax630s
Zyxel WAX630S – Potenza del Segnale – Downstream -5GHz

Lo dico perché il secondo dispositivo cliente WiFi 5 è un Pixel 2 XL e ha un comportamento simile, dove raggiungerebbe 401Mbps a 1.5 metri (-41dB) e 379Mbps a 5 metri (-44dB). Ma è qui che finiscono le somiglianze perché mentre il dispositivo cliente Intel 8265 ha funzionato relativamente bene andando a 15 metri e un po’ oltre (con una velocità decente), il Pixel 2 XL ha mostrato un segnale di -83dB a 15 metri, con una media di 53,2 Mbps in upstream e 24,5Mbps downstream. Andare oltre avrebbe significato una connessione instabile.

Il test wireless (2,4 GHz)

Andando avanti, avevo bisogno di vedere anche le prestazioni che potevo ottenere utilizzando i dispositivi clienti WiFi 6 e WiFi 5 sulla banda 2.4GHz. E la prima cosa che ho fatto è stata impostare la larghezza del canale su 40 MHz (per vedere quanto può arrivare la velocità) e ho collegato il cliente WiFi AX200 alla rete a 2,4 GHz. Upstream, a 1.5 metri, era 148Mbps, che in qualche modo è rimasto coerente, scendendo lentamente a 50,7Mbps a circa 20 metri (-72 dB) dallo Zyxel WAx630s. Il throughput in downstream non era molto diverso (alcune percentuali in meno), ma le prestazioni complessive sono stati carenti. Quindi ho indagato ancora una volta su cosa stava succedendo.

zyxel-wax630s
Zyxel WAX630S – Test Wireless – Upstream – 2.4GHz

Risulta, anche se avessi impostato la larghezza di banda del canale su 40MHz, il punto di accesso ha detto NO! Rimane a 20MHz e non c’è niente che puoi fare per farmi cambiare idea (scelta di musica drammatica). Nonostante l’impostazione nel Cloud specificatamente solo a 40MHz, è rimasta a 20MHz. E l’ho anche provato prima nell’interfaccia standalone e c’era la possibilità di selezionare 20/40MHz e si trovava ancora a 20MHz. Quindi, sì, questa è la prestazione sulla radio a 2,4 GHz, larghezza di banda del canale a 20MHz.

zyxel-wax630s
Zyxel WAX630S – Test Wireless – Downstream – 2.4GHz

Dopo essere passato al primo dispositivo cliente WiFi 5 (Intel 8265), ho visto una media di 121Mbps a 1.5 metri (upstream) e 70,9Mbps a 15 metri. Anche a circa 20 metri (-72dB), potrei comunque utilizzare Internet fino a un certo punto (51,1 Mbps up e 22,2 Mbps in downstream). Infine, sono passato al Pixel 2 XL (WiFi 5) e le prestazioni erano in qualche modo simili all’Intel 8265, come puoi vedere nel grafico.

La Configurazione e il Software

La modalità standalone

So che molte persone non sono a loro agio nell’investire in hardware solo Cloud, quindi apprezzo che Zyxel abbia incluso un’interfaccia autonoma per consentire l’uso del WAX630S senza fare affidamento sul controller Cloud. Per accedervi, inserisci l’indirizzo IP che ti è stato fornito dal router in un URL del browser e poi ti verrà chiesto di inserire il nome utente e la password. Le credenziali predefinite sono admin/1234. Quindi, verrà avviata la procedura guidata di configurazione, in cui è possibile regolare le impostazioni dell’ora, modificare la password (ma non il nome utente), selezionare la connessione uplink e modificare le impostazioni della radio (quella da 5GHz sembra essere limitata solo alla larghezza di banda del canale 80 MHz).

zyxel-wax630s

La modalità di sicurezza è limitata a WPA2-Personal, ma non preoccuparti, tutte le impostazioni, inclusi 160MHz e WPA3, sono disponibili nell’interfaccia al termine del processo di configurazione iniziale. E per cambiarlo, vai su Configurazione (l’icona della ruota dentata dal menu principale) > Wireless > Gestione AP. Qui, identifica il profilo radio (5GHz) e fai clic sull’icona di modifica: cambia la larghezza di banda del canale a 160MHz.

Quindi, identifica le impostazioni MBSSID e scegli l’SSID che desideri, fai clic sull’icona di modifica e controlla il profilo di sicurezza. Puoi, clicca sull’icona di modifica e selezionare WPA3 dalla modalità di sicurezza. Tornando alla pagina principale, non è cambiato molto da quando ho testato la WAX650S. Il dashboard è ricco di informazioni sullo stato (comprese le risorse di sistema in tempo reale) e le informazioni sugli AP che rilevano gli AP Rogue, gli AP non classificati e gli IP amichevoli. La scheda Monitor mostrerà anche una miriade di informazioni, consentendoti di verificare il modo in cui si comportano le porte, oltre a controllare informazioni più approfondite sui clienti wireless e sulla WLAN. La scheda Configurazione è incredibilmente completa, quindi l’elenco delle funzionalità è enorme.

zyxel-wax630s

Quindi, vorrei solo citare la possibilità di impostare una VLAN sulle porte dell’AP, per abilitarec lo Storm Control, per rilevare gli AP Rogue e il Load Balancing (per numero di stazione, livello di traffico o Smart Classroom). Inoltre, in Configurazione > Sistema, puoi modificare la modalità di alimentazione (al massimo), abilitare SSH, TELNET, FTP, HTTPS e SNMP.
In Manutenzione, puoi raccogliere i dati di diagnostica (anche da remoto), accendere o spegnere il LED, riavviare o spegnere il punto di accesso wireless.

Lavorare con Nebula Control Center

L’NCC ha subito diverse modifiche al layout nel corso degli anni, ma niente radicale, quindi l’interfaccia sembra più o meno la stessa di quando ho testato lo Zyxel WAX650S. E, per aggiungere lo Zyxel WAX630S, ho dovuto accedere a nebula.zyxel.comm, fare clic su Site-Wide > Aggiungi dispositivi e inserire il numero di serie, oltre all’indirizzo MAC. Questo è tutto. I prodotti sono immediatamente registrati. Nel caso in cui hai una licenza, puoi aggiungerla andando sul Livello di organizzazione > Licenza e inventario e selezionando Dispositivi.

zyxel-wax630s

È così che ho abilitato la funzione Connect & Protect Plus gratuita per 1 mese che analizzeremo un po’ più a fondo tra un minuto. Per monitorare e configurare Zyxel WAX630S, è necessario fare clic sulla scheda Access Point dal menu e la sezione Monitor non solo mostrerà informazioni complete sullo stato, ma fornirà anche alcuni strumenti live. Questi includono Ping, Traceroute e Accesso remoto. La sezione Cliente non era popolata nonostante avesse più dispositivi collegati sia allo switch Ethernet che all’access point, quindi era un po’ sconcertante.

Un’altra cosa strana era sotto Switch perché quando volevo vedere lo stato delle porte, l’NCC pensava che ogni porta fosse offline. E avevo 5 dispositivi cliente collegati, più Uplink, quindi non ho idea di cosa sia successo, ma Zyxel ha bisogno di correggere alcuni di questi problemi che non erano presenti alcuni mesi fa. Detto questo, torniamo all’area Access Point e questa volta, in Configura, ottieni tutto ciò che ti serve per impostare più SSID, per cambiare il modo in cui si comporteranno le Radio, i protocolli di Sicurezza, abilitare il Traffic Shaping (parte del Plus o Pro Pack License) e regolare il modo in cui la porta funzionerà. C’è anche il Captive Portal che è utile per gli hotel (o resort simili), quindi sì, come al solito, Zyxel offre tutte le funzionalità previste e altro per regolare facilmente il modo in cui i punti di accesso funzionano nella tua rete.

Parliamo della funzionalità Collaborative Detection and Response

La licenza è gratuita per un mese, il che è sufficiente per darti un’idea se hai bisogno di questo tipo di funzionalità per le tue reti. Come suggerisce il nome, il Collaborative Detection and Response (CDR) si basa sul firewall dei dispositivi Zyxel creando la rete per rilevare una minaccia e, quando lo fa, per mettere in allerta l’intera infrastruttura.

zyxel-wax630s

In questo modo, una potenziale infezione che potrebbe essersi spostata da un dispositivo all’altro viene immediatamente contenuta ai margini della rete (il cliente viene messo in quarantena). I firewall utilizzano Anti-Malware, filtro delle minacce URL e IDP per rilevare qualsiasi potenziale intrusione e, come previsto, l’idea è di utilizzare l’hardware del firewall USG. Quindi, funzionerà in modo molto limitato sullo Zyxel WAX630S insieme a uno switch XS1930-12HP. Tuttavia, ho controllato la pagina dedicata e ho visto che è possibile impostare la Policy (le condizioni che devono essere soddisfatte) e il Contenimento (ciò che l’utente vedrà se il dispositivo che sta utilizzando è stato compromesso). Inoltre, è possibile bloccare il cliente wireless, impostare una VLAN di quarantena (che può essere un modo interessante per verificare la presenza di intrusioni intenzionali) e creare un elenco di esenzioni (MAC o IP).

La Conclusione

Ammetto che mi aspettavo una versione su scala ridotta del WAX650S, ma lo Zyxel WAX630S è un dispositivo completamente diverso. Beh, non proprio del tutto perché l’antenna smart è ancora lì, anche se leggermente diversa, c’è una buona gestione del riscaldamento e il supporto NCC + la modalità standalone molto completa rimane una parte dell’access point. Le prestazioni WiFi sono buone quando si utilizzano dispositivi cliente WiFi 6 e non così impressionanti con clienti WiFi 5 sulla rete a 5GHz. Le prestazioni sulla banda a 2,4GHz sono stati un po’ strane e forse è un problema software che può essere risolto, ma non sono riuscito a modificare la larghezza di banda del canale. Ci sono altri strani eventi software che si sono verificati che non c’erano prima quando ho testato altri AP Zyxel, quindi forse è in relazione agli attuali eventi internazionali o ho semplicemente preso una brutta settimana del server, ma si spera che le cose tornino alla normalità molto presto.

Zyxel WAX630S -
  • 9/10
    Il Design - 9/10
  • 7.5/10
    La Facilità d'Uso - 7.5/10
  • 9/10
    La Configurabilità - 9/10
  • 6.7/10
    Le Prestazioni Wireless - 6.7/10
  • 8/10
    L'Accessibilità - 8/10
8/10
Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.